Amburgo, Rafael Nadal e il gran rifiuto

Flash

Amburgo, Rafael Nadal e il gran rifiuto

Sembra che Nadal abbia rispedito al mittente un corposo assegno e una wild card per il torneo di Amburgo. Un gran rifiuto, sì, ma questa volta… “per onestade”

Pubblicato

il

 
 

Colui che fece per onestade il gran rifiuto“. Non Celestino V, il pontefice cui pare – ché con Dante non si può stare mai certi – si riferisse il poeta fiorentino nel III canto dell’Interno della Commedia, e che il rifiuto del soglio pontificio lo fece “per viltade“. Bensì Rafael Nadal, che ha declinato l’invito dell’ATP 500 di Amburgo al via il prossimo lunedì. Un pacchetto composto di una wild card, ovviamente della testa di serie n.1 del seeding e di un assegno che, secondo indiscrezioni, sarebbe arrivato fino a 500.000 €. Niente da fare per Michael Stich, direttore del torneo, che ha archiviato il no di Rafa (“Mi ha detto che preferisce continuare a riposarsi) e dovrà accontentarsi di un altro mancino spagnolo a guidare il seeding, Albert Ramos-Vinolas.

Il maiorchino ha invece scelto di non intervallare con un evento sul rosso la sua preparazione su cemento in visto dei 1000 statunitensi. L’ultima volta l’aveva fatto nel 2015, vincendo proprio il torneo di Amburgo in finale contro Fognini. Già in quella edizione del torneo sembra che la presenza di Nadal fosse costata a Stich un bel po’ di soldini. Prima di quella stagione Rafa era rimasto lontano dai campi tedeschi per sei anni; la penultima partecipazione risale infatti al 2008, quando però la kermesse di Amburgo si fregiava ancora del titolo di Masters 1000.

Certo questa per Nadal è una stagione di tutt’altro spessore rispetto al 2015. Assoluto dominatore su terra battuta, competitivo anche nei primi tre grandi eventi su cemento (sconfitto sempre da Federer, due volte in finale) è stato eliminato a Wimbledon soltanto da un Muller stoico. E adesso si appresta a disputare la seconda metà di 2017 con la concret(issim)a possibilità di ritrovare quel n.1 che manca da luglio 2014. Dovrà difendere appena 370 punti, tranquillamente assorbibili con una semifinale tra Montreal e Cincinnati. L’unico vero rivale per la vetta del ranking sembra essere proprio Federer, che non deve difendere alcun punto di qui alle Finals a differenza di Djokovic (3760) e soprattutto Murray (5460), così pieno di cambiali da ricordare il ragioniere più famoso d’Italia.

 

Nadal attualmente dista appena 285 punti dal n.1 Murray. Una finale ad Amburgo gli avrebbe consegnato 300 punti e la certezza di essere testa di serie n.1 al Masters 1000 di Montreal. Lo spagnolo ha (saggiamente) scelto la lungimiranza e approfitterà di queste altre due settimane per riabituare testa e gambe alle insidie del cemento. La leadership se la giocherà quindi sui campi della Rogers Cup, dove potrebbe anche non trovare Roger Federer. Nadal è già il favorito n.1 per sedere sul trono ATP il giorno di Ferragosto. Amburgo davvero non gli serviva. Assegno corposo e pantaloncini sporchi di terra battuta compresi.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, Day 9 LIVE: Sinner recupera il break su Djokovic, Niemeier-Maria 1-0

La diretta scritta dei Championships di martedì 5 luglio: al via i quarti di finale dello Slam londinese, sul centrale programmata anche Jabeur-Bouzkova

Pubblicato

il

Centre Court, Wimbledon 2016 (Credit AELTC/Florian Eisele)

15:13 – Con un parziale di 11 punti a 2, Jannik Sinner evita 1-5 e si porta sul 4-4; nel derby tedesco Maria sale 3-1 e servizio

15:07 – Passaggio a vuoto di Djokovic che con due doppi falli e due smorzate finite in rete concede il contro-break rimettendo in corsa Sinner. Jannik ora andrà a servire per pareggiare sul 4-4

15:03 – Tre punti consecutivi di Sinner gli permettono di evitare il doppio svantaggio, resta comunque sotto 2-4 l’altoatesino contro Djokovic

 

14:55 – SET NIEMEIER – La n.97 del mondo Jule Niemeier si aggiudica meritatamente il primo set 6-3 contro la connazionale Tatjana Maria

14:52 – Sinner mantiene il servizio, primo game per lui e 3-1 Djokovic

14:45 – Break a freddo in favore di Novak Djokovic; Sinner annulla bene le prime due palle break ma la terza no, e va sotto 0-2

14:38 – Inizia il secondo faccia a faccia tra il serbo Djokovic e l’italiano Sinner (con Novak che ha vinto il precedente a Montecarlo 2021). Per Jannik è il primo quarto di finale Slam della carriera raggiunto senza aver mai vinto un match su erba; Nole invece si presenta con una striscia di 25 vittorie consecutive a Wimbledon

14:31 – Sono scesi in campo Novak Djokovic e Jannik Sinner sul Centre Court; i due tennisti hanno iniziato il riscaldamento, mentre non essendoci match di tabellone principale sul campi secondari si riscontra un sensibile calo di pubblico nei ground rispetto ai giorni precedenti

14:30 – Si prosegue on serve, con la 22enne Niemeier avanti 3-2 e servizio

14:21 – La 34enne Maria riesce ad evitare il doppio break di svantaggio e si salva vincendo il suo primo game della partita, finora non particolarmente entusiasmante. 2-1 Niemeier

14:11 – Una disinvolta Niemeier approfitta di una contratta Maria per passare subito avanti 1-0 con break

14:05 – Si apre il programma del nono giorno di tennis a Church Road: iniziano i quarti di finale con le prime tenniste pronte a scendere in campo sul campo 1. Le due tedesche Tatjana Maria e Jule Niemeier si affrontano per la prima volta in un confronto generazionale; mai prima d’ora erano andate così lontane in uno Slam

14:00 – Buongiorno amici di Ubitennis e benvenuti alla diretta scritta del torneo di Wimbledon 2022 in questo martedì 5 luglio. Iniziano i quarti di finale ed è il giorno più atteso dagli appassionati italiani, quello della sfida tra Novak Djokovic e Jannik Sinner sul Centre Court. Il match è il primo del programma, i due scenderanno dunque in campo alle 14.30

Gli articoli da non perdere

Simone Vagnozzi: “Jannik contro Djokovic non deve stravolgere il suo gioco” [ESCLUSIVA]

QUOTE DEL GIORNO

PROGRAMMA DEL GIORNO

Preview Ottavi di finale

Conferenza Kyrgios

Conferenza Fritz

Conferenza Garin

Cronaca Nadal-Van de Zandschulp

Continua a leggere

Flash

Berrettini nuovo testimonial Head&Shoulders assieme ai The Jackal

“La collaborazione e la campagna mi danno l’opportunità di essere d’esempio per tante persone”

Pubblicato

il

Nuovo sponsor per Matteo Berrettini, che è protagonista assieme ai comici The Jackal  dei nuovi spot pubblicitari della Head&Shoulders, il brand di shampoo numero 1 in Italia per combattere la forfora.

Rappresentare un brand come Head&Shoulders in un’operazione di sensibilizzazione di questa portata è per me motivo di grande orgoglio. La collaborazione e la campagna mi danno l’opportunità di essere d’esempio per tante persone, i ragazzi in particolare, nell’affrontare a testa alta le sfide quotidiane, i pregiudizi e le difficoltà, continuando a credere in se stessi”, queste le parole di Matteo Berrettini. “Se c’è qualcosa che il tennis mi ha insegnato è proprio questo: mai arrendersi, dare sempre il meglio, essere chi si è con onestà e trasparenza, cercando sempre il modo migliore per raggiungere i propri obiettivi. Non solo nello sport, ma in ogni situazione della vita, soprattutto quelle quotidiane”. 

 

Continua a leggere

Flash

Jannik Sinner entra nel Last Eight Club, il circolo più esclusivo dell’AELTC

Per l’altoatesino posti riservati in tribuna e una “tenda privata” all’interno del circolo

Pubblicato

il

Jannik Sinner sarà membro a vita del All England Lawn Tennis and Croquet Club. Dopo la vittoria negli ottavi contro Carlos Alcaraz, nel capitolo di quella che è da molti considerata la rivalità del futuro, l’italiano è entrato di diritto nel Last Eight Club, un club ristretto, riservato ai migliori otto giocatori rimasti nel torneo più prestigioso al mondo.

I benefici sono molteplici: d’ora in avanti Sinner sarà invitato dall’All England Club ad assistere al torneo, oltre ad avere posti riservati in tribuna e una “tenda privata” all’interno del circolo, con bar e tavolini per ospitare familiari e amici, assieme ai colleghi membri.

 

Sinner raggiunge così la cerchia ristretta di giocatori e giocatrici italiani ad aver raggiunto tale traguardo. Il primo ad entrarci fu il barone Uberto De Mopurgo, che ha disputato i quarti di finale nel 1928. Poi in ordine di tempo troviamo Nicola Pietrangeli dal 1960, Adriano Panatta dal 1979, Davide Sanguinetti dal 1998 e il finalista uscente Matteo Berrettini. In campo femminile, oltre a Lucia Valerio ai quarti del 1933, le socie italiane del Last Eight Club sono Laura Golarsa, che nel 1989 giocò a visto aperto contro la tre volte campionessa Chris Evert; Silvia Farina dal 2003; Francesca Schiavone dal 2009 e Camila Giorgi, sconfitta da Serena Williams nel 2018.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement