Zverev, alto è bello?

Focus

Zverev, alto è bello?

La lista dei numeri 1 della storia del tennis ci dice che 198 centimetri sono troppi. Sascha saprà invertire la tendenza?

Pubblicato

il

 
 

Facciamo un gioco. Procuriamoci due PC e, simultaneamente, guardiamo in internet immagini di una partita di tennis antecedente gli anni ’70 e di una dei giorni nostri. A parte la qualità delle immagini e le dimensioni delle racchette, balzerà subito agli occhi che tra i protagonisti di allora e quelli attuali ci sono evidenti differenze fisiche e che tali differenze si ripercuotono sul loro modo di giocare. Spicca di solito la differenza in altezza a vantaggio dei giocatori contemporanei. La finale di Instanbul 2017, ad esempio, è stata disputata da due giocatori alti più di 195 cm (Raonic e Cilic) e, in generale, è sempre più comune trovare sui campi da tennis professionisti un tempo dediti esclusivamente al basket o alla pallavolo. Ai recenti Memphis Open, ad esempio, c’erano ai nastri di partenza tre atleti (Karlovic, Opelka, Isner) oltre i 205 centimetri di statura.

Ma esiste una “statura-ideale” per raggiungere il Sacro Graal, ovvero la prima posizione del ranking? Il fattore verticale in relazione alla prima posizione in classifica è argomento attuale, dal momento che Alexander Zverev dall’alto dei suoi 198 centimetri far sempre più parlare di sé da parte degli addetti ai lavori e non, come del futuro numero uno del tennis. Nella seguente tabella abbiamo quindi riportato l’altezza ufficiale di ognuno dei 26 giocatori che in ordine cronologico hanno ricoperto la prima posizione mondiale ATP a partire dal 1973, anno in cui è entrato in vigore l’attuale metodo di attribuzione delle posizioni nel ranking.

 

La media è di 184,6 cm. Solo Guga Kuerten e Marat Safin – peraltro non i più durevoli numeri uno di sempre -superano i 190 centimetri, ma restano a debita distanza dal finalista di Halle e vincitore degli ultimi Internazionali d’Italia. Possiamo quindi ipotizzare che per essere il miglior giocatore del mondo esiste uno specimen fisico ideale che è compreso tra i 180 e i 190 cm di altezza e che, pertanto, tale traguardo sarà precluso a Zverev jr? Oppure ci troviamo di fronte a un mero dato statistico che attende un nuovo dato per essere aggiornato? Riteniamo che il campione preso in esame sia sufficientemente ampio per escludere che si tratti di una semplice casualità.

Le statistiche (ancora loro!) ci informano altresì che nel corso degli ultimi 25 anni la statura media dei primi cento giocatori ATP è cresciuta mediamente di oltre due centimetri; quella dei top player nel medesimo lasso di tempo è rimasta costante. Allargando il campo di indagine ad altri tennisti apicali, constatiamo che gli unici sopra i 195 cm capaci di conquistare una prova dello Slam dal 1973 ad oggi sono stati Krajicek, del Potro e Cilic, il primo a Wimbledon e gli altri due agli US Open, ovvero su superfici veloci favorevoli a giocatori dotati di un grande servizio, fondamentale sul quale la statura ha un impatto positivo. Geometria euclidea alla mano, un tennista alto 180 cm per servire con lo stesso angolo di battuta di uno alto 195 cm dovrebbe entrare dentro il campo di circa un metro. La velocità con la quale la palla esce dalle corde della racchetta, inoltre, è direttamente proporzionale alla lunghezza dell’arto esteso, racchetta inclusa. In altre fasi del gioco, però, essere molto alti può rappresentare un handicap. Per rendercene conto pensiamo alla posizione che assume Djokovic, forse il miglior ribattitore al mondo, quando attende il servizio dell’avversario e poi immaginiamo Ivo Karlovic che provi a imitarlo dall’alto dei suoi 210 cm; immaginiamo poi Milos Raonic intento a trasportare i suoi 196 centimetri di altezza e 98 chili di peso da una parte all’altra del campo e infine rivediamo mentalmente Alexander Zverev costretto letteralmente a piegarsi in due per colpire gli slice sull’erba ripetutamente e perfidamente propostigli da Federer ad Halle e Gilles Muller a ‘s-Hertogenbosch. Esempi che sono più convincenti di qualunque dimostrazione scientifica.

Nel confronto tra vantaggi e svantaggi derivanti dalla statura, però, da che parte pende la bilancia? Meglio avere una grande risposta al servizio, oppure un grande servizio? Una risposta incontrovertibile non esiste. Ma se scorriamo l’elenco dei ventisei migliori giocatori di sempre notiamo che sono in netta maggioranza quelli che avevano nella risposta e nella mobilità in campo il loro punto di forza. Solo Becker, Sampras e Roddick avevano nella battuta un’arma totale e comunque, soprattutto i primi due, non difettavano di altre frecce nel loro arsenale tecnico, risposta inclusa. Ce la farà quindi il giovane Zverev dall’alto dei suoi quasi due metri a raggiungere la cima della montagna, oppure no? A deporre a favore del fatto che possa farcela ci sono fattori importanti: la concorrenza non proprio irresistibile dei suoi coetanei, l’inevitabile tramonto degli attuali top player nell’arco di pochi anni e il talento donatogli da madre natura che, oltre alla fisiologica predisposizione al servizio, lo ha dotato anche di un grande timing alla risposta e di agilità inconsueta per un atleta così alto. Ma, fossimo nel suo staff atletico, ci guarderemmo bene dal seguire la vox populi che insiste sul fatto che il giovanotto debba aggiungere peso alla sua carrozzeria, oltre a quello che lo scorrere del tempo gli porterà ineluttabilmente in dote. Meglio non scherzare troppo con le leggi della statistica.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon: Rufus il falco, guardiano attento dei sacri prati dell’All England Club

LONDRA – Se i prati dell’All England Club sono così perfetti è anche grazie a loro: Rufus il falco e il suo addestratore Wayne

Pubblicato

il

Da Londra, la nostra inviata

L’occhio di falco, quello vero, a Wimbledon c’è eccome ed è quello di Rufus. Il rapace è bravissimo nel tenere lontani i piccioni dai campi dell’All England Club e a preservarne così la bellezza.

Una vera e propria tradizione e istituzione quella del rapace ai Championships, necessario per tenere i piccioni lontani dai campi, mantenendoli così integri e puliti.

 

Ovviamente il buon Rufus proviene da una “scuola” che lo prepara adeguatamente. Alla base delle delle sue “performance” c’è Wayne Davis, 59 anni, originario del Northamptonshire che fa l’addestratore di falchi ormai da ventidue anni.

Ora Wayne è diventato un professionista di successo nel suo campo ma, all’inizio della sua carriera, la sua scelta aveva lasciato perplesso il suo entourage, tant’è che gli era stato detto di “trovarsi un vero lavoro“.

Fortunatamente Davis non ha ascoltato chi lo voleva più “convenzionale” ed ora, grazie al falco Hamish, prima, e a Rufus, adesso, è uno dei più celebri addestratori britannici di rapaci, nonché uno dei fautori, assieme a Rufus, certo, della perfezione dei campi dei Championships.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Wimbledon: senza Federer, Berrettini, Medvedev e Zverev, prevedo una finale Djokovic-Nadal

Sarà la delusione per il forfait di Matteo Berrettini, ma in questi Championships in tono minore, se non “esplode” Alcaraz, trionferà la vecchia guardia

Pubblicato

il

Incontro in sala stampa il collega svizzero Simon Graf, autore di diversi libri su Roger Federer, e all’unisono commentiamo: “Roger arrivava in semifinale nel secondo quarto della metà alta di questo tabellone anche con un ginocchio solo!”.

Gli otto approdati al terzo turno di quel settore sono, scendendo verso il basso, Humbert e Goffin, Tiafoe e Bublik, Norrie e Johnson, Paul e Vesely. La testa di serie più alta fra le sole tre superstiti (Norrie 9, Tiafoe 23 e Paul 30) è, per la gioia degli inglesi (sebbene disperati per le sconfitte di Murray e Raducanu), la n.9 Cameron Norrie che è riuscito a domare soltanto al quinto set lo spagnolo Munar che in 10 partite sull’erba non ne aveva mai vinta una.

Hanno perso Ruud n.3 e Baez n.31 questo mercoledì, Hurkacz n.7 e Dimitrov n.18 lunedì, fatto sta che in semifinale arriverà, probabilmente contro Djokovic che contro Kokkinakis ha giocato molto meglio che contro Kwon, una sorta di outsider, salvo che Norrie debba essere considerato un grande tennista. E francamente io non riesco a considerarlo tale.

 

Gli inglesi faranno il tifo per lui che è nato in Sud Africa (Johannesburg) e cresciuto in Nuova Zelanda a questo punto, perché non gli è rimasto molto altro.

Io comincio a chiedermi se la Raducanu non sia un UFO, un oggetto volante (sui campi da tennis e neppur tanto) non identificato. Ha preso 6-3 6-3 dalla Garcia e dal settembre scorso di quello straordinario US Open – straordinario per lei come per la Fernandez – non ci stati altri momenti di gloria, né per lei né per l’altra ragazza. Un doppio mistero davvero inesplicabile. Sono giovani, dicono tutti, abbiate pazienza.

E noi che ce l’abbiamo con i ripetuti infortuni di Berettini e Sinner, la pazienza abbiamo imparato a coltivarla. Mi sa proprio che dovranno coltivarla anche tutti coloro che pensavano imminente il cambio della guardia solo perché né Djokovic né Nadal sarebbero stati testa di serie n.1 e n.2 in questo torneo se Medvedev e Zverev fossero stati qui.

Io, anche se è dannatamente presto per sbilanciarsi perchè non si è neppure concluso il secondo turno, non riesco francamente a immaginare per questo Wimbledon in tono minore una finale diversa da un Djokovic-Nadal alle prese con la sessantesima sfida, con Nole che cerca di avvicinare i 22 Slam di Rafa e Rafa che vorrebbe raggiungere i 23 (di Serena Williams…ma lui non è superstizioso) e a New York lo Slam.

Se Rafa dice che lui al record degli Slam non ci pensa e non ci tiene, non credeteci. Ci tiene eccome, ma bleffa. Sarebbe anormale che non ci tenesse. Tutti gli sportivi, tutti i campioni, tengono ai record. I record fanno la storia. Rafa ha vinto 14 Roland Garros e sa bene che cosa significa. Facesse il Grande Slam, sfuggito per una partita all’US Open a Djokovic, e si portasse a 24 Slam, figuratevi un po’ che Rafa non ci tenga.


Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 


Ma nella metà sotto gli avversari più temibili, Cilic e Aliassime, non ci sono più. Tsitsipas deve ancora provare di essere forte sull’erba. Un po’ come nella metà sopra Alcaraz. Infatti sia l’uno sia l’altro hanno sofferto al primo turno. Nel secondo Alcaraz ha giocato meglio, ma Greekspor non poteva impensierirlo.

Da chi può perdere Djokovic? Io non riesco a individuare un nome e un cognome. Forse, battuti Kecmanovic nel prossimo derby e uno fra Basilashvili e Van Rijthoven in quello dopo, dal quartetto Sinner-Isner (non è un’anagramma) Otte-Alcaraz, soltanto un Isner che gli servisse 70 aces potrebbe fargli paura. Impossibile? Beh, Isner ne ha serviti 54 al primo turno con Couacaud e 36 con Murray, dal quale aveva perso 8 volte su 8.  Ma stavolta, sebbene un tifoso avesse gridato “Com’on Andy he is older than you!”, perché in effetti il lungo John è due anni più anziano, ma non ha un’anca di metallo. Chissà se rivedremo Andy qua fra un anno. Ma è una domanda che potremmo porci anche per Rafa…

Ma, come accennato sopra, se Djokovic arriva in semifinale l’avversario più forte che può trovare è Norrie. Per questo lo vedo già in finale. Con Nadal. Il quale però forse con Fritz o Cressy (che mi piace molto come gioca su questi campi) potrebbe soffrire più che con Tsitsipas.

Intanto, mentre Elisabetta Cocciaretto non è andata oltre un doppio 6-4 con la Begu, e le nostre donne ce le siamo giocate tutte, Jannik Sinner ha colto la sua seconda vittoria erbosa. In 4 set su Mikael Ymer. Poteva vincere in 3. Avanti due set ha avuto una pausa nel terzo, che pure conduceva con un break di vantaggio, si è fatto riprendere sul 3 pari, ha mancato tante pallebreak… A fine match, dopo il quarto vinto 6-2, si sono contate 19 pallebreak, di cui appena 6 trasformate. Ma il dato forse più interessante è stato vederlo andare a rete 52 volte per fare 38 punti, giocando anche qualche pregevole volee. Certo 4 ace non sono molti, soprattutto se si pensa che Alcaraz ne ha fatti 39 in due partite fra Struff e Griekspoor.  

Io avevo posto ai lettori un quesito nell’editoriale di ieri: per Sinner meglio affrontare Isner o Murray? Ma non avevo espresso il mio parere. Lo faccio oggi. Sapendo che Jannik aveva perso un match su 2 con entrambi (ma anche che quello vinto in Coppa Davis a Torino con Isner è forse quello che conta di meno). Beh, io credo che sull’erba avrebbe sofferto di più i palleggi con Murray che lo aveva messo in difficoltà anche su superfici meno care allo scozzese dell’erba. Mentre sui servizi di Isner, che certamente di ace ne farà tanti, Jannik saprà rispondere quel tanto che basta per fargli qualche break. La risposta è forse il miglior colpo di Jannik…

Oggi intanto seguiremo, nel primissimo pomeriggio, Lorenzo Sonego contro il piccolo francese Hugo Gaston che sull’erba si vedrà parzialmente spuntata l’arma più letale, la sua smorzata (qui le quote del giorno). Lorenzo dovrà attaccarlo a tutto spiano per spuntargliela ancora di più. Lorenzo e Jannik, Jannik e Lorenzo, ci sono rimasti solo loro due. Non è granchè e non sembrano granchè neppure le loro prospettive. Se Sonego vincesse avrebbe poi Nadal. Se vincesse Sinner gli toccherebbe Alcaraz.

Sono saltate fin qui 23 teste di serie, 14 donne e 9 uomini. Le più alte la n.2 Kontaveit e la n.3 Ruud. Eppure non sono grandi sorprese.

primo turno
Uomini – sei
7 Hurkacz (Davidovich Fokina)
6 Aliassime (Cressy)
16 Carreno Busta (Lajovic)
18 Dimitrov (Johnson)
24 Rune (Giron)
28 Evans (Kubler)

Donne – dieci
7 Collins (Bouzkova)
9 Muguruza (Minnen)
14 Bencic (Wang)
18 Teichmann (Tomljanovic)
21 Giorgi (Frech)
22 Trevisan (Cocciaretto)
23 Haddad Maia (Juvan)
27 Putintseva (Cornet)
30 Rogers (Martic)

31 Kanepi (Parry)

secondo turno
Uomini (tre, nove in tutto)
3 Ruud (Humbert)
15 Opelka (van Rijthoven)
31 Baez (Goffin)
Donne  quattro, quattordici in tutto
2 Kontaveit (Niemeier)
10 Raducanu (Garcia)
26 Cirstea (Maria)
29 Kalinina (Tsurenko)

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, il day after di Tan: dà forfait in doppio e la compagna non la prende bene

Dopo la vittoria su Serena Williams, Harmony Tan ha rinunciato all’impegno con Korpatsch. La tedesca: “Si deve scusare”

Pubblicato

il

Difficilmente quanto successo in questa giornata di oggi avrà ridotto la sua gioia, ma non è stato un risveglio facile per Harmony Tan. La francese di origi cinesi e vietnamiti avrà probabilmente pensato come prima cosa che non era stato un sogno: ha davvero battuto Serena Williams sul centrale di Wimbledon. Poi avrà iniziato a percepire qualche scricchiolio proveniente dal suo corpo, qualche muscolo più affaticato del solito: il match di ieri sera, durato 3 ore e 10 minuti,  è stato infatti il più lungo della sua carriera (il suo precedente record era di 2 e 47). Dopo essersi consultata con il suo team, all’ora di pranzo Harmony ha preso il suo smartphone e ricercato nella rubrica il nome Tamara Korpatsch. È – anzi, avrebbe dovuto essere – la sua compagna di doppio per questo Wimbledon. Le ha mandato un messaggio per informarla che non era nelle condizioni per giocare il loro incontro di primo turno contro Olaru/Kichenok.

Tamara non l’ha presa bene, tutt’altro. Ha dovuto rinunciare al suo primo Slam in doppio e a circa 7 mila euro – che male non fanno. Soprattutto alla tedesca, che lunedì ha perso in singolare al terzo set contro Watson, non sono piaciuti il modo e la motivazione scelti da Tan per avvisarla. Nella comunicazione ufficiale della direzione arbitrale del torneo si parla di “infortunio alla coscia”. Korpatsch ha riferito sulla sua pagina Instagram che nel messaggio ricevuto da Tan, quest’ultima le ha detto che non sarebbe stata in grado di correre dopo il match di ieri. La tedesca non ha nascosto la sua rabbia e non si è trattenuta: “Se sei a pezzi il giorno dopo aver giocato una partita di tre ore, non puoi competere a livello professionistico– ha detto, aggiungendo che in un’occasione a lei è capitato di restare in campo per 6 ore e mezza in una giornata e di giocare un incontro di singolare in quella successiva.

Inoltre, secondo Tamara non è stato giusto che la francese l’abbia informata così tardi: non in mattinata, ma solo intorno alle 14 locali, a un paio d’ore dall’inizio del loro incontro. La tedesca ha rincarato la dose così: “Mi ha chiesto lei di giocare in doppio insieme prima del torneo, non io”. E ha poi glissato con un “mi deve delle scuse”.

 

Domani Tan giocherà per la terza volta in carriera un match di secondo turno in uno Slam. E con Sorribes Tormo potrebbe anche non servire un’impresa per proseguire la corsa. Contro Serena, la francese ha infatti dimostrato di avere un gioco – per certi versi vintage – che si adatta bene all’erba. A questo punto c’è però l’incognita proveniente dalle sue condizioni fisiche. La scelta di rinunciare al doppio per riposare le sarà sufficiente per giocarsela contro la spagnola o il problema alla coscia è serio? Di sicuro, il risentimento di Korpatsch non verrebbe meno se si ritrovasse a vedere la sua ormai ex compagna in ottima salute nella partita di domani.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement