Numeri della settimana: l'impresa di Sock e i problemi di Nadal

Statistiche

Numeri della settimana: l’impresa di Sock e i problemi di Nadal

Il successo imprevedibile dell’americano dopo una stagione difficile, e il consueto scarso feeling del n.1 mondiale con la Parigi indoor, tra i dati statistici più rilevanti

Pubblicato

il

 
 

44 – la posizione che la scorsa settimana a Basilea aveva nel ranking Robin Haase, l’avversario con la seconda miglior classifica battuto, da Roma in poi, da Jack Sock. Dopo gli Internazionali d’Italia, è arrivata una serie di sconfitte dolorose per il 25enne statunitense: primo turno al Roland Garros e agli US Open, così come a Cincinnati, Pechino e Shanghai, secondo turno a Wimbledon (dove ha perso dall’austriaco Ofner, allora 217 ATP) e tre partite di fila vinte appena una volta negli ultimi sei mesi, all’ATP 500 di Washington. Quello nella capitale statunitense è stato l’unico torneo prima di Bercy dove Sock è riuscito a vincere tre partite di fila, e nel quale ha ottenuto l’unica vittoria di prestigio di questo periodo nerissimo, sconfiggendo l’allora numero 10 Milos Raonic. A Parigi, dopo aver recuperato da 1-5 nel terzo contro Edmund, è iniziata una marcia trionfale che l’ha portato sino alla conquista del primo Masters 1000 della carriera, lui che sinora in questi tornei aveva come miglior piazzamento la semifinale, a Indian Wells lo scorso marzo. Sembra ancora non al meglio fisicamente: se e quando lo sarà, potrà competere al meglio contro i più forti (7 le vittorie in 26 incontri con i top ten, sinora).

294 – la posizione del ranking occupata da Filip Krajinovic a metà maggio. Il 25enne serbo a marzo giocava addirittura a Santa Margherita di Pula un Futures, dove perse dal nostro Marco Bortolotti, allora 412 ATP. Da quel momento in poi una costante risalita passata attraverso la vittoria di ben cinque Challenger. A Mosca, contro Rublev, è arrivata la seconda vittoria in carriera contro un top 50 dopo quella ottenuta contro Fognini ad Amburgo nel 2014, alle quali hanno fatto seguito quelle a Bercy contro Sugita, Querrey e Isner. Molto fortunato ad usufruire del ritiro di Nadal, ma per arrivare a quel punto ha fatto grandi cose nell’inferno del circuito minore. Aiutati che Dio ti aiuta.

4 – le volte in carriera in cui Julien Benneteau era arrivato ai quarti in un Masters 1000, tutte sul cemento all’aperto (Cincinnati 2009 e 2014, Indian Wells e Shanghai 2014) prima di riuscirci questa settimana a Bercy. Il quasi 36enne francese (compirà gli anni il 20 dicembre prossimo), sceso dopo l’operazione di giugno 2015 sino al 696esimo posto del ranking, era rientrato nei primi 100 solo a maggio di quest’anno, prima di uscirne nuovamente a fine settembre. La vittoria al Challenger di Orleans, i quarti ad Anversa e il secondo turno a Basilea passando dalle quali, avevano fatto intravedere una ripresa del suo rendimento. Nulla tuttavia che potesse far immaginare, per lui che quest’anno aveva battuto un solo top 50, Carreno Busta a Winston Salem, una cavalcata come quella parigina. Dopo aver eliminato la stella promessa, il Next Gen canadese Denis Shapovalov, sono arrivate due vittorie contro top 20 come Tsonga e Goffin, coronate dal primo successo dopo più di tre anni contro un top 10, Cilic nei quarti. Contro Sock, nella sua seconda semifinale in un Masters 1000 dopo Cincinnati 2014, non ne aveva più. Redivivo, ha già annunciato che la prossima sarà la sua ultima stagione.

 

6 – le partecipazioni a Bercy di Rafael Nadal, dove ha ottenuto solo una finale, nel 2007, persa contro Nalbandian. Un Masters 1000 poco amato dal maiorchino, per le condizioni di gioco (è l’unico torneo di questa categoria che si disputa indoor) e per la parte della stagione, quella finale, nella quale è collocato nel calendario. Non a caso tutti gli altri tornei di questa categoria sono stati giocati più di dieci volte dal numero 1 del mondo, ad eccezione di Shanghai, sempre posizionato nella parte conclusiva dell’anno tennistico, dove ha partecipato appena due volte in più. Trattasi di un altro Masters mai vinto da Rafa, che in Cina ha almeno raggiunto una finale in più (oltre a quella persa quest’anno con Federer, quella del 2009 contro Davydenko).

3 – le sconfitte di Alexander Zverev contro top 30, a fronte di un solo successo (contro Fognini a Pechino): questo il bilancio del giovane ventenne di Amburgo dal secondo Masters 1000 vinto in stagione, a inizio agosto a Montreal, sino ad oggi. La vittoria su Roger Federer, sebbene menomato nella seconda parte della finale, sembrava essere stato il definitivo trampolino di lancio nell’Olimpo del grande tennis per il leader della Next Gen. Da quel momento in poi sono invece arrivate appena otto vittorie e ben sette sconfitte, alcune delle quali molto amare e decisamente inaspettate – contro Tiafoe (87 ATP) a Cincinnati, Coric (61) a New York, Dzhumhur (40) a Shenzhen e Haase (41) a Bercy. Un calo fisiologico nel processo di definitiva maturazione di un campione predestinato, ma resta la sensazione di rottura prolungata che forse avrà contribuito a incidere nella decisione del tedesco di saltare le Next Gen Finals di Milano, per provare a trovare freschezza per un appuntamento importantissimo come il suo esordio nelle ATP Finals di Londra.

1 – il numero di tornei nei quali Pablo Carreno Busta è riuscito a vincere tre partite di fila dopo aver raggiunto i quarti di finale al Roland Garros: come tutti sappiamo, vi è riuscito a New York, dove, non sconfiggendo nessun top 30, arrivò sino alle semifinali. Soprattutto, è stato molto negativo il post US Open del 26enne spagnolo, che nei cinque tornei successivi ai quali ha partecipato ha vinto una sola partita, a Vienna contro Guido Pella (64 ATP). In particolare, possono definirsi molto brutte alcune nette sconfitte in due set all’esordio nei tornei, arrivate in quest’ultimo lasso temporale: non solo quella di Bercy contro Mahut (111 ATP) ma anche quelle di Mosca contro Medvedev (67) e di Pechino contro Darcis (73 ATP).

2008 – l’anno in cui, poco prima di compiere i 20 anni, Marin Cilic vinceva a New Haven il primo dei suoi diciassette tornei – tra i quali gli US Open 2014 e il Masters 1000 di Cincinnati 2016 – sinora messi in bacheca, conquistati peraltro su tutte le diverse condizioni di gioco (erba, terra rossa, cemento outdoor e indoor). Sembrava l’inizio di una carriera folgorante, ma le promesse sono state mantenute solo in parte, se così si può dire per un tennista che solo un mese fa ha comunque raggiunto il career high di numero 4 del mondo e che è stato capace di vincere un Major e un Masters 1000. Tuttavia, il croato almeno sino ad oggi, a 29 anni compiuti poco più di un mese fa, non ha mai trovato continuità ad alti livelli, non riuscendo quantomeno a mettersi stabilmente subito dietro ai Fab Four. Una sensazione dimostrata da un dato: le uniche due partecipazioni, senza tra l’altro superare il Round Robin, del 2014 e del 2016 alle ATP Finals. Troppe volte, però, il tennista nato a Medjugorje ha dato la sensazione di non saper cogliere il treno giusto per compiere l’ulteriore salto di qualità: l’ultima di queste, venerdì, quando ha perso ai quarti di Bercy da Bennetau in due set una partita che avrebbe dovuto vincere. Ottimo tennista, ma non (ancora?) campione maturo.

7 – gli anni consecutivi nei quali John Isner ha raggiunto almeno una semifinale in un Masters 1000, per un totale di dieci volte, distribuite tra tutti e quattro i tornei di questa categoria che si giocano sul cemento nordamericano, Roma e Parigi indoor. Sabato scorso, in quella che era per lui la terza volta in semifinale nel torneo indoor parigino, nonché la terza del 2017 in un Masters 1000 – dopo Foro Italico e Cincinnati – l’ex numero 9 del mondo (nell’aprile 2012) è stato vicino, con la palla break avuta nel nono gioco del terzo set che lo avrebbe mandato a servire per il match, a raggiungere per la quarta volta la finale. Un appuntamento tra l’altro mai coronato da un successo nelle tre precedenti occasioni (Indian Wells 2012, Cincinnati 2013 e Bercy 2016) in cui è stato raggiunto. Va comunque un bravo a un tennista che dal 2010 termina ininterrottamente la stagione tra i primi 20 e che in tale lasso di tempo ha vinto dodici tornei e ottenuto altrettante finali nel circuito maggiore, ma che probabilmente verrà ricordato sempre per aver giocato e vinto la “partita più lunga della storia”, il primo turno di Wimbledon 2010 contro Mahut, durato undici ore e cinque minuti. Eterno comprimario di lusso.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Le prime volte del 2022: Musetti l’ultimo a provare l’ebbrezza del primo titolo ATP, Trevisan ad aprire le danze nel tennis femminile

Dieci uomini e 5 donne della racchetta mondiale hanno conquistato in questa stagione il loro primo alloro nel Tour. E non è finita qui, potrebbe aggiungersi anche Brooksby

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

La prima volta non si scorda mai, è un assunto vero e verificabile in quasi tutte le esperienze dell’esistenza umana. Certe emozioni, alcuni frammenti di felicità e di gioia che si provano, si vivono in un istante per poi scomparire per sempre dalla realtà e rimanere lì eterni sul fondo dei nostri ricordi dai quali poter ripescare periodicamente per rivivere l’ebbrezza viandante di quei sentimenti. Francesco De Gregori parla di Curve nella memoria, beh siamo alquanto sicuri che queste curve vengano ripercosse quotidianamente dai tennisti e dalle tenniste che scorribandano nel circuito mondiale, perché per quanto poi ogni giocatore nella propria carriera possa avere l’opportunità di raggiungere titoli più importanti e prestigiosi; il primo trofeo alzato avrà sempre un gusto speciale e diverso da tutte le altre soddisfazioni raccolte, conserverà una memoria indelebile di quel momento di vita tennistica vissuta. Ad esempio nonostante successivamente abbiano scritto la storia di questo sport, vincendo in tre 63 appuntamenti del Grande Slam e complessivamente 283 tappe del Tour mondiale, siamo convinti che per Nadal, Djokovic e Federer i rispettivi primi tornei messi in bacheca a Sopot nel 2004, ad Amersfoort nel 2006 e a Milano nel 2001 avranno un posto speciale quando ripercorreranno gli anni delle loro carriere.

L’ESTATE DELLE MANCINE – Ebbene, vediamo dunque chi nel 2022 ha potuto godere dell’emozione sconfinata proveniente dall’aver realizzato il sogno del primo successo in carriera. Sono addirittura 15 i tennisti che hanno centrato il primo alloro in questa stagione, di cui 10 tra gli uomini e 5 fra le donne. Proprio dal circuito WTA emerge l’ultima aggiunta a questa ristretta cerchia: la ceca Marie Bouzkova, trionfante quest’oggi nel torneo di casa contro la russa Potapova. Anche Anastasia però ha potuto vivere la gioia della prima affermazione, lo scorso aprile sulla terra di Istanbul imponendosi nel derby con Kudermetova. A completare il pacchetto delle ladies ci sono due la tre protagoniste più sorprendenti di questa stagione: le due mancine Beatriz Haddad Maia e Bernarda Pera. La brasiliana si è esibita in un inatteso back-to-back sui prati nel mese di giugno con le conquiste di Nottingham e Birmingham, quasi un mese dopo la croata naturalizzata americana ha percorso lo stesso cammino vincendo in due settimane consecutive a Budapest e Amburgo con l’unica differenza rappresentata dalla superficie. Ma la prima donna in assoluto, che nel 2022, si è tolta la soddisfazione del primo successo non poteva non essere una rappresentante del nostro tennis: la fiorentina Martina Trevisan in quella fantastica cavalcata a Rabat, con lo slancio dell’eliminazione di Muguruza, dove superò Lucia Bronzetti in semifinale e poi regalò il primo trionfo stagionale all’Italia.

MUSETTI E AUGER PARTONO CON IL BOTTO – Se tra le regine del tennis mondiale è stata un’azzurra ad aprire le danze, nel circuito ATP l’ultimo ad iscrivere il proprio nome nel club di coloro che hanno suggellato l’essere diventati professionisti con il primo torneo nel Tour maggiore, risultato che rappresenta una tappa cruciale per inseguire l’obbiettivo di diventare un giocatore di alto profilo, è stato un altro alfiere italico: quel Lorenzo Musetti impostosi la scorsa domenica nel prestigioso torneo di Amburgo sull’ormai imminente n. 4 del ranking Carlos Alcaraz. Un’affermazione di grandissimo richiamo per il talentuoso toscano, che in questo speciale raggruppamento è soltanto il secondo insieme a Felix Auger Aliassime ad aver vinto per la prima volta, in un evento ‘500’.

 

KOKKINAKIS HA ROTTO GLI ARGINI – Tutti gli altri 13 trionfi sono giunti in ATP o WTA 250. Abbiano quindi citato il successo più fresco, ma se riavvolgiamo il nastro il primo tra i maschietti a versare lacrime di gioia per la vittoria spartiacque della carriera è stato Thanasi Kokkinakis. L’australiano agli albori della stagione, dopo anni bui per via di numerosi problemi fisici, ha messo la propria bandierina nella sua città natale – Adelaide 2. Subito dopo, con l’inizio dell’appendice europea sul veloce indoor è stato il turno di Sasha Bublik a Montpellier. In terra d’oltralpe il kazako è stato il giocatore che, tra quelli appartenenti a questa lista, ha bagnato la prima affermazione con il successo più importante considerando il valore dell’avversario superato in finale, avendo sconfitto l’altro Sascha quello tedesco. Alla stessa stregua, ma con la differenza che era già enormemente più avanti in classifica, Aliassime ha superato un altro avversario veramente ostico come Tsitsipas nella finale di Rotterdam, spezzando la maledizione.

ARGENTINA SUGLI SCUDI, MA LA FAVOLA E IL RITORNO AL PASSATO NON MANCANO – Continuando a scorrere i nomi presenti, ci si accorge che il tennis argentino pare aver imboccato la strada giusta per risollevarsi dopo l’addio di Delpo: sono infatti gli albicelesti i più numerosi, con Baez vittorioso ad Estoril e Cerundolo qualche settimana fa a Bastad proprio in finale contro il nuovo El Peque. Sebastian invece aveva lasciato terreno di conquista durante la gira sudamericana a Pedro Martinez, prima gioia arrivata a Santiago per l’iberico. Il più giovane però non è il casse 2000 di Buenos Aires, bensì il 19enne danese del 2003 Holger Rune: s’impose a Monaco di Baviera, complice un Van De Zandschulp menomato. Avrebbe poi raggiunto gli ottavi al Roland Garros, mentre ora sembra essersi smarrito. Lo sport tuttavia lo sappiamo, porta sempre in dote con sé la possibilità di sognare e così non poteva mancare la favola del “Barone” Van Rijthoven sui prati del Bosco Ducale contro l’attuale n. 1 mondiale Medvedev. Infine per non scontentare nessuno ecco anche il ritorno del vintage, grazie al serve&voller Cressy nella sede dell’Hall of Fame.

E potrebbe non essere finita qui, in serata Jenson Brooksby proverà a diventare il sedicesimo giocatore a conquistare il primo successo nel 2022, ma De Minaur vorrà mettergli il bastone tra le ruote.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon curiosità e statistiche: da servizio di Rafa e al revival mancini. E la NextGen?

Una serie di statistiche curiose che giovano a Nadal e ai Fab Four, ma pongono l’accento sul famoso problema del futuro

Pubblicato

il

Rafael Nadal (ESP) reacts after a point against Botic Van De Zandschulp (NED) Centre Court2022. All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 8 Monday 04/07/2022. Credit: AELTC/Simon Bruty

Sono passati esattamente trent’anni da quando due mancini spettacolari e attaccanti, così diversi da Cameron Norrie e Rafael Nadal, (anche se lo spagnolo non scenderà in campo) arrivarono tra gli ultimi 4 ai Championships(e ben 12 anche dall’ultima volta in uno Slam, quando al Roland Garros del 2010 vi arrivarono il solito Rafa e il sorprendente Jurgen Melzer): erano John McEnroe e Goran Ivanisevic, che si arrese in finale solo ad Agassi dopo aver battuto Sampras. Da questo punto di vista la storia non farà sorridere Cam e Rafa, che dal canto suo però può comunque vantare (ancora) grandi numeri derivanti già solo dalla storica, faticosa vittoria contro Fritz: ottava semifinale a Wimbledon, che lo pone al pari con Pistol Pete e McEnroe(due che qui vi hanno però costruito una carriera), arricchita dal cinquecentesimo ace messo a segno nella battaglia di ieri sui verdi prati e dalla trentottesima presenza Slam a questo livello, distante 8 semifinali dal primatista, il Signor Roger Federer. Dunque record e soddisfazioni in serie per il maiorchino, che costruisce ogni giorno in più un pezzettino di storia del tennis(come se già non bastasse).

Eppure anche l’altro mancino, che domani si giocherà la più importante chance della carriera, ha messo una tacchetta nel grande libro delle statistiche. Infatti Cameron Norrie, insieme a Nick Kyrgios(otto anni dopo il primo tentativo), ha allargato a 20 il gruppo di giocatori nati negli anni ’90 capaci di arrivare almeno in semifinale in uno Slam. Solo sette tra questi hanno poi trovato la finale, e in due sono stati capaci di vincere il torneo: Thiem e Medvedev, alle ultime due edizioni dello US Open. Nell’elenco figurano anche nomi ormai desaparecidos dal panorama tennistico, che tanto avevano illuso e promesso, come Jerzy Janowicz, il funambolico polacco che fu il primo giocatore della generazione ’90(nato proprio nel primo anno di quel decennio) ad entrare nei primi quattro in uno Slam, nel lontano 2013 qui a Wimbledon.

I Championships che, tra l’altro, per la prima volta dal 2002 hanno visto ben tre quarti di finale finire al set decisivo nel maschile, ben vent’anni dopo le vittorie in 5 set di Hewitt su Schalken, di Malisse su Krajicek e di Nalbandian su Lapentti. E anche nel femminile è stata un’annata bella entusiasmante, dato che ben tre giocatrici su quattro hanno vinto in rimonta, dopo aver perso il primo set, con la sola Halep che ha vinto 2-0, per il restante inizi bruschi poi riscattati alla distanza. Dicevamo però dei maschietti: quest’anno solo Kyrgios ha avuto vita facile con Garin, mentre Nadal e Norrie hanno dovuto soffrire non poco contro Fritz e Goffin, e Djokovic ha dovuto addirittura rimontare uno svantaggio di due set a zero contro Jannik Sinner, unico Next Gen(parlando di giocatori nati dal 1996 in poi, Nick di certo non vi appartiene più) a spingersi fino a questo punto del torneo, ma con poca fortuna. E proprio la sconfitta del prossimo n.1 azzurro ha portato a una statistica non certo piacevole per il movimento tennistico: per la prima volta da Wimbledon 2019 non ci sarà neanche un giocatore Next Gen tra gli ultimi quattro di uno Slam, e di conseguenza saranno le semifinali con l’età media più alta degli ultimi tre anni.

 

E dire che sembrava ormai finalmente arrivato il momento del cambio della guardia, dell’affermarsi delle nuove leve, visto che dall’ultimo a Wimbledon all’ultimo Australian Open tre semifinalisti su quattro erano nati dal 1996 in poi: Berrettini, Hurkacz, Shapovalov a Wimbledon; Medvedev, Zverev, Auger-Aliassime a New York e sempre il russo, Matteo e Tsitsipas a Melbourne Park. Questo per citare gli esempi più recenti, e più nutriti, ma anche al Roland Garros erano stati due i “giovanotti” ad arrivare negli ultimi quattro, la situazione sembrava ben rosea. Da quel Wimbledon 2019 che vide come semifinalisti tre Fab 4(Nole, Roger e Rafa) più Bautista Agut, solo nel 2020 in Australia e a Parigi un solo semifinalista era NextGen, per il resto sempre almeno due. Certo va detto che questo torneo di Wimbledon aveva delle particolarità in partenza: Medvedev e Rublev hanno avuto il ban, Zverev era infortunato, e Berrettini ha contratto il COVID, dunque già il campo partecipanti che avrebbero potuto dire la loro è stato compromesso a prescindere. Ma ciò non nega l’evidenza che ancora una volta i ragazzi, al momento di compiere un vero passaggio di consegne e detronizzare i Fab Four, sono mancati all’appello. E, per una volta, è la matematica a confermarlo. E la matematica non è un’opinione, né potrà restituire ai NextGen la giovinezza e il tempo che ora si perde nel vento, che li tiene nel limbo tra campione fatto ed eterna promessa, che solo le vittorie e i risultati possono spezzare.

Continua a leggere

evidenza

Rafa Nadal infinito, ma non sazio: dal sogno 24°Slam di Court a quello di campione più venerando, i record che definiscono le leggende

il 36enne maiorchino ci sta prendendo gusto. Fare quello che non hanno fatto né Federer né Djokovic e che è riuscito solo a Budge e Laver. Rosewall è avvisato

Pubblicato

il

Sport 6:6:22

Nello Sport professionistico, i principali traguardi che un atleta si pone di raggiungere sono essenzialmente due: le vittorie dei trofei e lo stabilire dei record. Chiaramente ogni sportivo diventato tale, nella stragrande maggioranza dei casi – almeno che non si siano passate le pene dell’inferno, vedere per credere la storia di un certo Andre da Las Vegas – ha un passato da ragazzo prima infatuato e poi perdutamente innamorato di quella attività fisica, combinata alla competizione, che successivamente quando quell’amore – oramai divenuto folle – si trasforma in ossessione compulsiva, di cui non poterne più fare a meno; ecco che quel giovincello e tutti i suoi sogni si evolvono in qualcosa di reale. Ebbene sì, i secoli di questa mirabile arte, che è lo Sport dacché l’umanità ha deciso d’inventarsela, ci hanno restituito il seguente assioma: “Il campione si differisce da tutti gli altri, per l’ossessione spasmodica nel voler migliorarsi, vincere, competere e superare i più grandi della sua generazione”. Questo assunto, per certi versi, trova una controprova nel Tennis che così veritiera, probabilmente non è possibile scovarla altrove. Essendo il nostro uno sport individuale, nel quale in una giornata negativa non si può fare affidamento ad un compagno di squadra particolarmente in vena; bensì l’unico sostegno a cui appigliarsi non è che se stessi. E se dietro, alle spalle, non si ha quella sana smania di voler dimostrare a tutti i costi di essere sempre il migliore, beh nel momento in cui verranno meno le proprie qualità – e sappiamo che nel tennis la giornata storta è sempre dietro l’angolo, quando meno ce lo si aspetti – si sarà letteralmente perduti. Poiché se comunque si potranno ottenere titoli e trofei, durante tutto il corso della propria attività agonistica, sicuramente i record saranno inarrivabili. Ed è proprio questa, la caratteristica dirimente che fa sì che solamente pochi eletti nella storia del tennis siano stati capaci di stabilire record, trapassando diverse epoche e generazioni di giocatori; al contrariò di altri che si sono fermati “soltanto” ad erigersi come i più grandi dei loro anni – tennisti, quest’ultimi altrettanto immensi e con carriere incredibili.

Dunque va da se che abbatterete alcuni primati o stabilire dei record mai fatti registrare prima – neanche con l’anticamera del cervello – è sinonimo e sintomo, di una cosa ed una soltanto: essere delle Leggende. Come ben sappiamo, ieri è andata in scena la finale maschile della 126esima edizione del Roland Garros; e questo ci fornisce un assist spettacolare. Infatti, chi meglio del Re indiscusso della terra battuta, capace di vincere per 14 volte lo Slam di Porte d’Auteuil e d’issarsi alla cifra astronomica – per l’appunto da record – di 22 titoli dello Slam; rispecchia alla perfezione l’identikit di assoluto fenomeno descritta in precedenza? Nessuno. Ma come già anticipato, ci interessa andare più in profondità e non limitarci alle cavalcate trionfali; che il signor Nadal ha compiuto così tante volte nei Major tanto da staccare di ben due piazze gli altri due mostri del ventunesimo secolo: Federer e Djokovic. Il Toro di Manacor oramai è arrivato al punto da travalicare qualsiasi confine, che se dovesse continuare a questo ritmo fra un po’ non potremo più elencare la sua interminabile striscia di primati, facendola precedere dalla classica e formale dicitura: “il più grande tennista per …”; ma saremmo costretti a sostituire il sostantivo che definisce l’atleta con la racchetta, con :”l’essere umano in grado di …” Il 14esimo alloro parigino, ha dato infatti l’occasione a Rafa d’insidiare anche le più grandi donne del tennis, poiché sono loro a detenere il record all-time di trionfi nei tornei del Grande Slam.

AGGANCIO GRAF, A WIMBLEDON PER APPAIARE SERENA – Lo spagnolo con il ventiduesimo Major ha agganciato Steffi Graff e ora punta ancora più in alto: l’obbiettivo è quello di agguantare la seconda posizione di tutti i tempi, appartenente a Serena Williams a quota 23. Fra tre settimane, piede sinistro permettendo, Rafael correrebbe in quel di Wimbledon per questo ulteriore record. Il quale sarebbe pur sempre parziale, visto che davanti a tutti c’è lei: Margaret Court, la straordinaria australiana capace di vincere 24 prove dello Slam. Perciò facendo due facili calcoli, per il primato assoluto a pari merito con la 11 volte campionessa dell’Australian Open, all’irriducibile maiorchino servirebbe – ma guada un po’ – compiere l’impresa che è riuscita a soli due uomini: da dilettante nel 1938 al californiano Don Budge e in due circostanze, nella pima pre Era Open e nella seconda da professionista, al sublime Rod Laver. Un percorso titanico, che come si desume possiede un accentuato profumo di storia, con radici inafferrabili e difficilmente sradicabili; una prova di forza che potrebbe benissimo essere rappresentata dal mito bretone della Spada nella roccia. Tutto questo è il Grande Slam, difronte al quale anche uno roccioso e apparentemente invalicabile mentalmente, come l’uomo di gomma serbo, si è sciolto ad un passo dall’eternità sportiva. Lo stesso epilogo che fu riservato anche al Re dell’eleganza svizzera, ad esempio nel 2009 quando tra Rafa a Melbourne Park – consegnando all’iberico il primo successo nell’Happy Slam, 6-2 al quinto – ed un ragazzone di Tandil (al momento l’ultimo più giovane vincitore Slam) in terra newyorkese si vide scippare il record dei record. Nadal si mostrerà, ancora una volta fisico permettendo, più forte dei suoi due più grandi rivali dinnanzi a questa ennesima prova di forza? Solo il tempo ce lo dirà.

 

RAFA E’ IL QUARTO TENNISTA PIU’ANZIANO A VINCERE UNO SLAM, AL SECONDO POSTO C’E’ FEDERER – Ma una cosa è certa, l’età per il n. 4 del mondo non è una discriminate, altroché. E’ quello stimolo ulteriore, che lo spinge a continuare insieme all’irrefrenabile desiderio amoroso che ha per il tennis. Il mancino di Maiorca si sta, difatti, avvicinando a velocità di ghepardo ad un altro invidiabile primato: Il tennista più anziano a conquistare uno Slam. Questo record, al momento appartiene, a Ken Rosewall. Il quattro volte finalista di Wimbledon vinse il suo quarto Slam Down Under nel 1972, alla veneranda età di 37 anni, 1 mese e 24 giorni. Con il freschissimo trionfo francese, The King of the Clay si è issato alla quarta posizione assoluta con i suoi 36 anni e due giorni, scalzando subito dietro al podio il suo acerrimo rivale in campo – ma grande amico nella vita – campione del Roland Garros 2009 e che nel 2017 lo aveva battuto al quinto in quella storica finale sulla Rod Laver Arena a 35 anni, 10 mesi e 26 giorni suonati. Davanti a lui ci sono al terzo posto, ancora Rosewall, sempre grazie ad un successo a Melbourne nel ’71 a 36 anni, 4 mesi e 5 giorni; e in seconda posizione nuovamente Roger Federer. L’otto volte campione dei Championship ha ottenuto questo riconoscimento di longevità, nella finale dell’Open d’Australia 2018 vinta dal 41enne di Basilea in cinque set contro il recente semifinalista dello Slam parigino Marin Cilic, quando aveva 36 anni, 5 mesi e 7 giorni – tra l’altro suo ultimo titolo Slam messo in bacheca. Dunque per Rafa la scalata ai vertici, in questa particolare classifica, dovrà per forza di cose continuare il prossimo anno; intanto almeno a Bois De Boulogne è lui il giocatore più in la con gli anni ad essersi laureato campione: battuto il precedente record del compianto Andres Gimeno (7° di tutti i tempi in questo parterre de roi), che nel 1972 s’impose a Parigi a 34 anni, 9 mesi e 19 giorni.

NADAL IL PIU’ LONGEVO, COME COSTANZA NEI MAJOR, GLI ALTRI DUE MOSTRI INSEGUONO – Ma se parliamo di longevità inerente alla continuità, perché un singolo grande exploit si può centrare anche a fine carriera seppur non sono questi i casi, Rafael XIV non ha eguali. Anche in questo ambito, sopravanza gli altri due extraterrestri; ma in generale in merito al dato che stiamo per evidenziare, ha l’opportunità di guardare tutti dall’alto: è colui che in carriera ha fatto registrare il filotto più lungo, in termini di stagioni passate, tra la prima e l’ultima finale raggiunte in un Major. 17 lunghi anni sono trascorsi fra il primo Roland Garros (2005) e l’ultimo (2022).  Subito dopo si trova Federer, all’interno di un ennesimo capitolo della saga Fedal, con 16 stagioni consumatesi fra il suo primo successo a Church Road nel 2003 e lo scontro conclusosi 13-12 al quinto con Nole sui prati londinesi del 2019. Infine a completare il podio c’è proprio il più giovane dei tre cannibali, a quota 14: gli anni che distanziano la sua prima finale Slam persa a Flushing Meadows nel 2007 da Federer, dall’ultima che sempre nell’ultimo Major della stagione vide frantumarsi il sogno del Grande Slam, tra le innumerevoli lacrime – non ovviamente quelle dell’orso Daniil.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement