Gavrilova quasi killer, squalifica sfiorata

Esordio piuttosto movimentato per l'australiana ad Acapulco: prima sfiora due raccattapalle col lancio di racchetta, poi abusa del toilet break

Gavrilova quasi killer, squalifica sfiorata
© Roberto Dell'Olivo

Se due settimane fa Daria Gavrilova ci aveva divertito con un simpatico video, stavolta il filmato virale che la vede protagonista farà sorridere ben pochi. L’australiana ha rischiato di essere eliminata al primo turno nel WTA International di Acapulco da Madison Brengle non tanto perché si è ritrovata sotto di un set, quanto per aver quasi colpito due raccattapalle scagliando a terra la racchetta.

Commesso un doppio fallo che restituiva il break all’avversaria, Gavrilova ha lanciato la sua Yonex in direzione della pallina, sulla quale però erano già arrivati i due ragazzi. Un gesto incontrollato e pericoloso, che ha ricevuto il meritato warning ma, secondo il regolamento, potrebbe anche essere multato per Abuse of Racquet or Equipment.

 

La squalifica non è arrivata per una questione di centimetri, come nel caso di Novak Djokovic durante la sua corsa verso il titolo al Roland Garros 2016 (in quell’occasione venne coinvolto un giudice di linea). Gesto assai meno violento quello che rovinò l’Australian Open 2017 della baby azzurra Maria Vittoria Viviani, ma la discriminante in questi casi sembra essere l’effettivo contatto tra l’attrezzo di gioco e il personale di campo, sia un arbitro o un raccattapalle. Oltre alla piccola tutela della fama, probabilmente.

Non si tratta peraltro dell’unico sgarro della partita di Gavrilova, che prima di vincere 6-3 il terzo set ha prolungato irregolarmente il toilet break, del quale le giocatrici possono usufruire grazie alla heat policy rule, in vigore per l’altissimo tasso di umidità della città messicana. Daria ha ricevuto due warning al rientro in campo, che cumulandosi alla sanzione precedente si sono tramutati in un doppio punto di penalità.

CATEGORIE
TAG
Condividi