Serena, Venus e Indian Wells: 17 anni dopo - Pagina 2 di 2

Focus

Serena, Venus e Indian Wells: 17 anni dopo

La (non) semifinale del marzo del 2001 e il boicottaggio, le difficoltà e i trionfi: nel mezzo ventitré sfide e ventisette Slam. Serena e Venus Williams di nuovo di fronte, a vent’anni dal primo incontro agli Australian Open

Pubblicato

il

Venus e Serena Williams (foto di Art Seitz)
 

Com’è spesso il caso, la verità è probabilmente da qualche parte nel mezzo. Per chi abbia vissuto nell’area, o ne sappia un po’ più della media delle dinamiche sociali ed etniche americane, non pare del tutto campata in aria l’ipotesi che ci fosse una motivazione razziale dietro il trattamento riservato alla famiglia Williams. La zona di Indio (che fa parte della contea di Riverside, adiacente a quella di LA) venne posizionata da Forbes, proprio nel 2001, tra le più affluenti degli Stati Uniti e la ghettizzazione tuttora presente in molte delle città americane, prima tra tutte Los Angeles, fa sì che si creino delle zone ghetto, come Compton, e delle zone incredibilmente affluenti, come Pasadena, a poche miglia di distanza, che esacerbano i conflitti razziali e di classe.

È pur vero però che le voci sulle combine delle Williams erano insistenti al tempo, così come è comprensibile la frustrazione nell’essere stati avvisati dell’annullamento della semifinale solo pochi minuti prima del suo inizio. Se le voci fossero (e siano ancora in verità) dettate da pregiudizi è difficile da appurare. Eppure si tratta di accuse gravi, scagliate senza riscontri fattuali, e che all’epoca presupponevano che Serena e Venus non fossero padrone del proprio destino e totalmente succubi della volontà del padre.

Una semplice analisi degli scontri diretti, che vedono Serena in vantaggio 17 a 11, come ci si aspetterebbe del resto, non mostra, francamente, alcuna stranezza. Venus vinse cinque dei primi sei incontri diretti, giocati dal 1998 al 2001, quando era chiaramente più forte di Serena (quattro Slam a uno e prima posizione in classifica). Fra 2002 e 2003, Serena esplode e mette a segno il primo Serena Slam, vincendo sei sfide consecutive contro la sorella, di cui cinque finali Slam. Dal 2005 al 2008, anni di stallo per Serena e degli ultimi successi di Venus, le sfide sono 4 a 2 per Venus. Dal 2009 ad oggi, con Serena mattatrice incontrastata del circuito, ci sono 8 vittorie per Serena e 2 per Venus. Insomma, a vincere tra le due è sempre, o quasi, stata la favorita e quella più in forma. Sembrerebbe quindi che, a meno che la combine consista nel lasciare che vincesse la più forte (cosa che accadrebbe comunque), le accuse siano più supportate da una certa insofferenza verso la famiglia Williams, che non da prove concrete o quantomeno plausibili.

Tornando ad Indian Wells, le due boicottarono il torneo per oltre un decennio: Serena tornò nel 2015, Venus nel 2016. Quella di domani sarà quindi, in effetti, la prima partita (ufficiale) in California tra le sorelle. Per la prima volta in oltre un decennio, probabilmente, Venus ricopre il ruolo di favorita. Serena è tornata solo ora dalla gravidanza con parto cesareo, che l’ha costretta a letto per le sei settimane successive alla nascita di Olympia. Non giocava, prima del primo turno contro Diyas, dal 28 gennaio dello scorso anno, quando sconfisse, già incinta di otto settimane, proprio Venus nella finale degli Australian Open. Serena è sembrata più in forma di quello che ci aspettasse dopo le apparizioni nelle esibizioni contro Ostapenko e Bartoli, e nel doppio di Fed Cup. Tuttavia, com’è chiaro, la ruggine è ancora evidente sia nei movimenti che nel braccio. Il servizio sembra ancora lontano dall’arma micidiale che è capace di essere: sei break subiti in quattro set, solo cinque ace a fronte di otto doppi falli, e percentuali di prime in campo poco sopra il 50%. Un solo aspetto è apparso già al livello della Serena pre-gravidanza: la voglia di vincere.

Venus l’anno scorso ha vissuto invece la migliore stagione dal 2009: due finali e una semifinale Slam, finale alle finals di Singapore, e anno concluso tra le prime 5. Questa stagione è iniziata male invece, con le sconfitte al primo turno di Sydney e Melbourne (contro avversarie in forma: Kerber e Bencic). Le uniche due vittorie sono arrivate in Fed Cup, contro le olandesi Rus e Hogenkamp, entrambe fuori dalle 100. I dubbi più grandi con Venus riguardano la consistenza. Con gli anni è diventato sempre più difficile prevedere quale versione scenderà in campo, a causa anche degli effetti della sindrome di Sjogren, che fanno sì che ci siano giorni in cui la spossatezza sia tanta da rendere difficoltoso un rendimento ad alti livelli.

Le sorelle si sono incontrate una sola volta così presto in un torneo: nella loro prima sfida ufficiale, al terzo turno degli Australian Open del 1998. Venus aveva diciassette anni e veniva dalla finale degli US Open dell’anno precedente; Serena ne aveva appena sedici. Vinse Venus 7-6 6-1 in un’ora e mezza. Vent’anni dopo si chiude un cerchio. Venus ora di anni ne ha trentasette, Serena trentasei. Nel mezzo, due o tre epoche tennistiche.

 

 

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement