Fed Cup, semi: ceche spietate in Germania. Francia-USA 1-1

Fed Cup

Fed Cup, semi: ceche spietate in Germania. Francia-USA 1-1

Goerges e Kerber soccombono nettamente, la semi di Stoccarda pare segnata. Stephens vince una maratona contro Parmentier. Mladenovic mette le cose a posto

Pubblicato

il

Fed Cup, Semifinali

GERMANIA-R.CECA 0-2 (Paolo Di Lorito)

Lo squadrone ceco non conosce apparentemente ostacoli. Kvitova e Pliskova superano senza alcun problema Goerges e Kvitova e marciano spedite verso l’ennesima finale della R.Ceca dell’ultimo decennio. Un dominio ormai incontrastato spezzato solo l’anno scorso dall’assenza delle migliori in terra statunitense. Vedremo se le tedesche domani saranno capaci di riaprire la sfida, ma l’impresa è davvero improba.

 

[CZE] P. Kvitova b. [GER] J. Goerges 6-3 6-2

Che Julia Goerges stia vivendo il miglior periodo della sua carriera è ormai chiaro da tempo, ma c’è una persona che va ancora convita e anche oggi non è stata la giornata giusta per farlo: Petra Kvitova ha battuto per la terza volta nel 2018 la tedesca n. 11 del mondo, dopo San Pietroburgo e Doha. Nonostante la ceca sia solamente un gradino più sù nel ranking, oggi il divario è parso enorme. Sorprendentemente le due, nella Porsche Arena di Stoccarda, si erano già incontrate due volte nel 2012 in Fed Cup e l’anno dopo nel torneo WTA ma il nome della vincitrice, come oggi, non è mai cambiato. Goerges parte bene e riesce ad imporre il suo gioco più variegato ma nelle fasi finali del set, quando l’aspetto mentale ha maggior importanza, Kvitova cambia marcia e complici anche delle scelte tattiche errate della sua avversaria, vince il parziale imponendosi con 5 game consecutivi. Gli scambi raramente superano i due colpi e ciò agevola la ceca la quale, anche nel secondo set, continua con il suo atteggiamento aggressivo sin dalla risposta; Julia invece è sempre più scoraggiata e tre doppi falli in un game la dicono lunga. Il secondo set è lottato anche meno di quello precedente e il match si chiude 6-2 in un’ora esatta.

[CZE] Ka. Pliskova b. [GER] A. Kerber 7-5 6-3

La sfida tra due ex numero 1 del mondo è stata vinta da Karolina Pliskova che con una prestazione monstre alla battuta (15 ace e 0 palle break concesse) ha battuto una Kerber dura a morire. L’unico precedente tra le due disputato sulla terra, Norimberga 2014, era stato vinto dalla ceca ma Kerber si è sempre trovata a suo agio a Stoccarda dove ha vinto il torneo WTA per due anni consecutivi (2015-16). Nonostante una sia mancina e l’altra no, una giochi prevalentemente in difesa da fondo e l’altra basa tutto sulla battuta, qualcosa in comune Kerber e Pliskova ce l’hanno: l’apparente freddezza e inespressività in campo. Raramente le due tenniste lasciano intravedere qualcosa sui loro visi e oggi questa solidità si è estesa anche al loro servizio, quantomeno per i primi 11 game privi di break e di emozioni. Sul 6-5 tutta la pressione si è riversata su Kerber la quale con un doppio fallo e qualche errore non forzato si è lasciata sfuggire il set. La numero 6 del mondo nel secondo parziale sale di livello anche da fondo e passa in vantaggio con una serie incredibile di giocate di dritto. Kerber le tenta tutte per rientrare ma è come se le mancasse sempre qualcosa per essere efficace. Dopo un’ora e 25 minuti si chiude quindi il match con un 6-3 tutto sommato giusto. Le chance di vittoria per il coriaceo team tedesco adesso sono davvero poche e la storia non viene in soccorso: la Germania non ha mai rimontato in Fed Cup uno svantaggio di 0-2.


FRANCIA-USA 1-1 (Diego Serra)

Kristina Mladenovic è oramai diventata l’ancora di salvataggio del team di Fed Cup francese. Dopo la sconfitta dell’encomiabile Parmentier contro la Stephens (quasi 3 ore di gioco), la nr.1 locale ha saputo evitare un pesantissimo 0-2 rimontando con autorità un set a Coco Vandeweghe. Rimane così apertissima la semifinale di Aix-en-Provence, il pubblico francese proverà a spingere le proprie beniamine verso la finale di Fed

[USA] S. Stephens b. [FRA] P. Parmentier 7-6(3) 7-5

Vince Sloane Stephens come da pronostico contro Pauline Parmentier, numero 122 WTA. 5 a 2 le vittorie per la statunitense, l’ultima delle quali a Acapulco in due set quest’anno. Ci ha provato però Parmentier a ribaltare i pronostici della vigilia. Dopo aver perso il primo game, subito brekkata, la francese ha ingaggiato una vera e propria battaglia da fondo con Stephens, ha alzato il ritmo, ha giocato bene in ribattuta, tanto da collezionare sei palle break e con l’ultima strappare il servizio alla statunitense. Sloane si è disunita, e ha finito col farsi di nuovo brekkare nel quarto game, a questo punto spinge il pubblico della Provenza francese, che vede aprirsi una voragine in questa prima partita con nulla da perdere. Parmentier si fa però brekkare nel nono game, ma è il decimo a esserle fatale. Cinque set point le concede Stehepens, tra tiracci sballati, un doppio fallo e tanta imprecisione. Parmentier non ne mette a segno nemmeno uno. Troppe occasioni gettate al vento per poter sperare nell’impresa. E infatti il tiebreak è a stelle e strisce. Dopo è brava Pauline a non uscire dal match, anzi a brekkare di nuovo un’avversaria oggi molto fallosa, ma Sloane non ha intenzione di portarla al terzo, break statunitense subito in risposta, e alla fine nel dodicesimo game chiude al primo match point dopo quasi 3 ore di gioco, con Parmentier che non ne ha più. Ci ha sperato l’Arena Du Pays D’Aix, ora ci crede con Kristina Mladenovic.

[FRA] K. Mladenovic b. [USA] C. Vandeweghe 1-6 6-3 6-2

Vince Kristina Mladenovic battendo in tre set Coco Vandeweghe, numero 16 WTA, e riporta in parità la semifinale con gli Stati Uniti. 4 a 1 i precedenti per Vandeweghe, anche se l’ultimo l’ha vinto Kristina a Whuan nel 2015. Paga lo scotto di Fed Cup Mladenovic che praticamente non giocato il primo set. Una serie di colpi fuori misura che raggelano le campagne della Provenza, tanto care a Paul Cèzanne. Dopo aver brekkato subito la statunitense, Mladenovic perde per tre volte il servizio, servendo malissimo e in ribattuta mai mette in difficoltà Coco Vandeweghe, che si riprende dal break iniziale e le lascia un solo punto nei tre turni di servizio successivi. Secondo set che inizia di nuovo con un break per la francese, ma nuovamente Mladenovic nel quinto game sbaglia tutto al servizio, rimettendo in gioco l’avversaria. Sembra la fotocopia del primo set, invece Kristina tira fuori gli artigli, brekka di nuovo Coco nell’ottavo game e poi finalmente serve benissimo. Si vola quindi al terzo set ed è evidente che l’inerzia è tutta francese ora. Lo capisce anche il pubblico che si scalda per davvero. Non lo intuisce davvero Vandeweghe, che continua a giocare a basso ritmo, subisce subito due break nei primi due turni di servizio, annaspa sotto la condizione atletica di Mladenovic, che è completamente trasformata rispetto al primo set. Corre davvero alla grande la francese che va sul 3-0 “pesante”, perde un game al servizio, ma immediatamente in quello successivo entra coi piedi in campo e aggredisce l’avversaria, centrando di nuovo il break. Ora tutto dipende dal servizio di Mladenovic, che non sbaglia e nei due turni successivi di battuta concede solo due punti all’avversaria. La Francia respira, il pronostico di Ubitennis è rispettato, sarà Mladenovic contro tutte.

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement