Seppi eliminato, Paolo Lorenzi continua la corsa a Istanbul

ATP

Seppi eliminato, Paolo Lorenzi continua la corsa a Istanbul

Opaca prestazione per Andreas, fuori per mano di Laslo Djere. Paolino vola ai quarti

Pubblicato

il

 

SEPPI NON VA – Brutta giornata per Andreas Seppi, numero 3 del seeding a Istanbul. L’altoatesino viene estromesso dal torneo da Laslo Djere, numero 110 del mondo, al termine di un match condotto quasi sempre proprio da Djere e in cui risultano fatali i troppi errori commessi da Andreas. Primo set dai due volti: nella prima parte Seppi è in totale controllo arrivando a condurre 3-0 con doppio break e 40-15, ma da questo momento il match gira completamente, con l’italiano incapace di porre resistenza all’avanzata di Djere, che conquista sei giochi consecutivi e di conseguenza il primo parziale con il punteggio di 6-3.

La seconda partita segue invece l’andamento in battuta, senza continui capovolgimenti come avvenuto in precedenza. Le uniche occasioni per Andreas capitano sul 15-40 nell’ottavo game, il serbo ha una palla break nel nono gioco, ma nessuno dei due riesce ad approfittarne; l’epilogo non può che essere quindi il tie-break: si gira con il nativo di Bolzano bravo ad alzare il livello e a portarsi avanti 5-1, arrivando poi a chiudere per 7-4 al primo set point utile. Si va al terzo. L’essersi aggiudicato il tie-break dovrebbe sciogliere Seppi, considerato anche i problemi al polso destro palesati dall’avversario, invece il nostro connazionale continua nella sua discontinuità di rendimento, cedendo la battuta ma riuscendo subito a recuperare il break di svantaggio e successivamente cancella diverse palle break sul suo servizio, mantenendosi a galla sul 3 pari; purtroppo però al terzo gioco consecutivo in cui concede palle break arriva l’allungo del serbo che sul 5-3 ha dunque l’opportunità di servire per il match: Djere chiude la contesa al primo match point con un ace, tornando ai quarti di finale in un torneo ATP dopo esattamente un anno. Proprio qui a Istanbul, nel 2017, veniva fermato dal connazionale Troicki.

LORENZI NON SBAGLIA – Paolo Lorenzi continua il suo percorso a Istanbul. Il trentaseienne nativo di Roma, accreditato della tds n. 5, supera Marco Trungelliti, numero 186 mondiale e proveniente dalle qualificazioni, tornando a vincere due incontri consecutivi dal torneo di Sydney, disputato nel gennaio scorsoTra i due vi erano quattro precedenti, tre disputati a livello challenger (2-1 Paolo), mentre a livello ATP era stato Trungelliti ad imporsi a Umago nel 2012. Molto bene Lorenzi nel primo set, dal 2 pari (un break a testa) arriva un parziale di quattro giochi consecutivi, che gli consentono di icamerare la prima partita per 6-2, dando un segnale di controllo delle operazioni. La seconda frazione è più impegnativa, poiché il ventottenne argentino per ben due volte si porta in vantaggio di un break, ma in entrambe le occasioni Paolo riesce a riportare la contesa in equilibrio, annullando anche due set point nel decimo game; anche qui l’epilogo è il tie-break: l’incertezza regna sovrana fino al 5 pari, poi l’azzurro trova lo spunto decisivo per allungare e aggiudicarsi il tie-break per 7 punti a 5 e di conseguenza l’intero incontro. Nei quarti di finale ci sarà l’impegno contro Djere, con cui è in svantaggio negli scontri diretti 3-2 (2-1 per il nostro connazionale a livello challenger, 2-0 per il serbo nel circuito ATP).

 

GLI ALTRI INCONTRI – Continua la marcia di Taro Daniel, numero 114 del ranking e giustiziere di Berrettini al turno precedente, che si sbarazza piuttosto nettamente con un doppio 6-2 di Aljaz Bedene, tsd n. 4. Nei quarti di finale se la vedrà con Rogerio Dutra Silva, numero 121 mondiale, uscito vincente con il punteggio di 6-2 6-3 dal confronto con Viktor Troicki, numero 6 del seeding.

Risultati:

L. Djere b. [3] A. Seppi 6-3 6-7(4) 6-3
T. Daniel b. [4] A. Bedene 6-2 6-2
R. Dutra Silva b. [6] V. Troicki 6-2 6-3
[5] P. Lorenzi b. [Q] M. Trungelliti 6-2 7-6(5)

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

ATP

L’ATP ha già il calendario del 2024

L’associazione dei professionisti annuncia l’elenco dei tornei della prossima stagione: 63 eventi in 24 Paesi, tra lo swing asiatico al completo, i cambi di slot e le necessarie compressioni

Pubblicato

il

Torino 16 Novembre 2022 ATP Finals Carlos Alcaraz premiato da Andrea Gaudenzi come n. 1 ATP nel ranking di fine anno Foto Giampiero Sposito

Con ancora tre quarti della stagione 2023 da giocare e appena il secondo Masters 1000 in corso, l’ATP annuncia il calendario del prossimo anno. Sono 63 i tornei in programma e si giocherà in 24 Paesi.

Secondo quanto riporta l’associazione dei professionisti, sono oltre quattro milioni e mezzo gli appassionati che assistono dal vivo agli eventi del Tour, mentre sono un miliardo i fan complessivi che si godono per undici mesi all’anno il tennis offerto dai loro beniamini in sei continenti.

I Giochi Olimpici di Parigi, in contemporanea con il torneo di Washington, comportano una compressione del calendario di luglio, con l’ATP 500 di Amburgo che va ad aggiungersi a Newport, Gstaad e Bastad nella settimana successiva a Wimbledon.

 

Ecco i momenti salienti e le novità che ci aspettano nel 2024:

  • La seconda edizione della United Cup, l’evento a squadre misto che dà l’avvio alla stagione, organizzato in collaborazione con la WTA e Tennis Australia.
  • Il torneo di Los Cabos cambia slot, passando da luglio a febbraio, nella settimana che precede Acapulco, come aveva “spoilerato” Casper Ruud, Nello stesso mese, le qualificazioni della Coppa Davis coincideranno con l’ATP 250 di Montpellier, subito seguito da Marsiglia.
  • Cinque tornei Masters 1000 da 12 giorni (Indian Wells, Miami, Madrid, Roma e Shanghai) secondo quanto previsto dal piano strategico del presidente Gaudenzi.
  • Le modifiche alla programmazione estiva che tengono conto delle Olimpiadi di Parigi.
  • Da fissare il luogo di svolgimento del torneo di aprile che quest’anno si disputerà a Banja Luka.
  • Il ritorno completo del tradizionale swing asiatico con Chengdu e Zhuhai in coincidenza con la Laver Cup, Tokyo, Pechino e Shanghai.
  • Per quanto riguarda le Next Gen Finals, ancora tutto da confermare.
  • La 54a edizione delle ATP Finals, la quarta a Torino.

“Ci sono pochi sport che catturano fan durante tutto l’anno e in cos tanti mercati globali come fa il tennis” ha dichiarato il presidente del Board ATP Andrea Gaudenzi. “Abbiamo messo tutto per creare la miglior esperienza possibile per appassionati e giocatori. Dalla United Cup in Australia alle Nitto ATP Finals a Torino, l’ATP Tour 2024 vivrà un’altra stagione intensa e coinvolgente”

Continua a leggere

ATP

Sinner felice: “Le sfide con Alcaraz mi rendono un giocatore migliore. Lui è a un livello più alto”

“Sto lavorando tanto in palestra e ho riscontri positivi” così Jannik Sinner sul suo stato di forma, in vista del 1000 di Miami

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Indian Wells 2023 (foto Ubitennis)

Gli incontri tra Jannik Sinner e Carlos Alcaraz cominciano a segnare un’epoca nella quale si sentiva la necessità di una nuova rivalità. Questa è sana e coinvolge due giovanissimi tennisti di grande prospettiva; e come ha confermato anche lo spagnolo si aiutano a progredire a vicenda. La semifinale di Indian Wells è stata combattuta nel primo set con gli episodi decisivi che hanno segnato, a favore dello spagnolo, l’inizio del secondo. L’intero percorso del Masters 1000 californiano è stato entusiasmante per l’azzurro, capace di battere anche il n. 5 in classifica Taylor Fritz. Ma come si sente Jannik: “Ho iniziato la stagione abbastanza bene con la vittoria di Montpellier, poi ho fatto finale a Rotterdam e semifinale al Master1000 di Indian Wells“.

Sto cercando di migliorarmi in ogni fase del torneo – spiega Sinner ai microfoni dell’ATP – e l’unica cosa che posso controllare ora è quella di essere felice della posizione in cui sono. Ma ovviamente non sono appagato e voglio sempre di più da me stesso. So che se gioco il mio miglior tennis riesco a competere con i migliori ed è un grande stimolo per me. E’ tutta mentale la partita che sto disputando e da inizio stagione la sto vincendo“.

Su cosa sta lavorando il n. 1 azzurro in questa fase? “Dato che sono ancora giovane, ho 21 anni, stiamo lavorando sodo fisicamente e sto provando a miscelare un’alternanza di cambi che possa darmi dei vantaggi. Sto lavorando tanto in palestra e in campo riscontro sensazioni positive più importanti di quelle che respiravamo un anno fa“.

 

Carlos Alcaraz ora è avanti 3-2 nei confronti diretti con Sinner: “Ogni volta che giochiamo – racconta Jannik – diamo vita a belle partite. Carlos mi rende un giocatore migliore, mi spinge a giocare al limite delle mie possibilità. Lui è su un livello più alto del mio, attualmente, tanto da meritare la prima posizione nel ranking. Siamo entrambi giovani e possiamo crescere ancora. Intanto, ho fatto tanti complimenti a lui e alla sua squadra“.

Continua a leggere

ATP

Tsitsipas ne ha per tutti: “A Indian Wells non volevo giocare”. Le palle utilizzate quest’anno? “Hanno causato il mio infortunio”

“Certe regole ATP ti obbligano a giocare anche col dolore, e a me non piace ritirarmi” così Stefanos Tsitsipas in vista del torneo di Miami. “Qui i campi sono più veloci”

Pubblicato

il

Ne ha per tutti Stefanos Tsitsipas nel primo incontro con la stampa a Miami durante il media day. Il greco infatti, ancora debilitato dall’infortunio alla spalla patito all’Australian Open, si augura di poter finalmente giocare in Florida al 100%. Tsitsipas ha affermato di esser stato spinto a disputare Indian Wells per le regole dell’ATP sui Masters 1000. Ma il tema caldo in conferenza stampa ha riguardato il tipo di palle usate in quest’inizio di stagione 2023, definite pesanti, e che a suo dire hanno causato diversi infortuni – come il suo – in questo inizio di stagione .

“Qual è il mio obiettivo qui a Miami? Giocare senza dolore ed essere in grado di mostrare qualcosa di diverso da quello che ho fatto a Indian WellsÈ stato un torneo in cui ho sofferto, non era facile stare in campo, ho sentito come se “dovessi farcela”, ma in realtà non volevo giocare. Ci sono alcune regole dell’ATP che ti obbligano a giocare questi grandi eventi, e io non sono un tipo a cui piace ritirarsi dopo un paio di partite. Spero di poter scendere in campo qua in buone condizioni e divertirmi un po’ di più, senza pensare troppo al mio braccio.

A Indian Wells ero infortunato, per fortuna ora mi sento meglio. Quando giochi con il dolore al braccio non ti diverti affatto, cerchi solo di sopravvivere e andare avanti, niente di più. Ti concentri troppo sulle cose interne e non su quelle esterne. La salute è la cosa più importante e quando mi sento bene tutto è al suo posto e tutto funziona. Sono creativo in campo, il mio gioco è vario e sento che nulla può andare storto. Questo è il mio obiettivo per questo torneo, giocare senza dolore e vedere come risponde il mio braccio”.

 

Tsitsipas ha poi spostato l’attenzione sul tema dei campi di Miami, facendo notare come siano più rapidi e di come il rimbalzo sia diverso rispetto a Indian Wells, soprattutto per le differenti condizioni climatiche: “Questi campi sono un po’ più veloci di quelli di Indian Wells. La scorsa settimana la palla rimbalzava un po’ più in alto ed era più viva. Questi sono fattori che dobbiamo considerare. Qui c’è più umidità e la palla rimbalza un po’ più in basso. Mi piacciono entrambi, devi solo acclimatarti alle diverse condizioni”.

Tsitsipas prosegue la sua arringa lamentandosi del tipo di palle utilizzate quest’anno, a suo dire tema che ha tenuto banco anche tra i giocatori del circuito: “Penso che il problema più grande quest’anno sia stato il cambio delle palle. È stato un argomento che abbiamo discusso tra noi giocatori. Le palle dovrebbero rimanere coerenti nella maggior parte dei tornei, e penso che nei tornei sul cemento questo sia ancora più necessario. Quando così è, ne beneficiano tutti e impedisce ai giocatori di infortunarsi. Ho ricevuto molti commenti negativi da parte di altri giocatori sulle palle di questa prima parte di stagione, tutti pensano che abbiano avuto un impatto significativo sulle spalle, sui polsi… sul braccio, in generale. Credo proprio che anche il mio infortunio derivi da lì“.

A 24 anni, n.3 del ranking ATP, Tsitsipas è nel pieno della propria carriera tennistica. Pur essendo ancora giovane, le nuove leve come Alcaraz e Sinner stanno spingendo per prendersi la scena. Il greco sente questa competizione, ma la vive come un fattore positivo: “La crescita dei ragazzi più giovani? Sono felice per loro. Credo e mi fido della filosofia e del messaggio di Ubuntu: ‘se il resto migliora e tu sei testimone della grandezza intorno a te, io stesso avrò l’opportunità di essere altrettanto grande’. Credo in quel messaggio. Il fatto che stiano facendo grandi cose mi avvantaggia, mi dà una visione più chiara e migliore di come dovrei affrontare il mio tennis”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement