Fognini piega Verdasco: sfiderà Gasquet per il titolo di Bastad

ATP

Fognini piega Verdasco: sfiderà Gasquet per il titolo di Bastad

L’azzurro la spunta 7-5 al terzo Lunedì sarà n.14 ATP, a un passo dal best ranking. Il francese si libera del lucky loser Laaksonen. I due non si incontrano da più di 5 anni

Pubblicato

il

LA SEDICESIMA DI FABIO – Per la prima semifinale dell’ATP 250 di Bastad si sfidano per la settima volta Fabio Fognini (15 ATP e nr. 3 del seeding) e Fernando Verdasco (33 ATP e testa di serie nr.5); i precedenti sono a favore del madrileno (4-2), che nell’ultimo incrocio si è imposto 6-1 7-5 nella semifinale di Rio dello scorso febbraio.

Il primo set è senza storia: Fognini è centratissimo, gioca sempre in anticipo e mette in estremo affanno Verdasco che è costretto a numerosi errori o ad accomodare dall’altra parte del campo palle comode da trasformare in vincenti non riuscendo mai ad incidere col suo celebre dritto mancino. Inoltre, Fabio è molto preciso al servizio (79% di prime in campo) e strepitoso in risposta, giocata spesso coi piedi sulla linea.

Come talvolta accade, però, all’inizio del secondo parziale il tennista di Arma di Taggia paga un calo di concentrazione con un break piuttosto ingenuo da 40-0 e rimette in partita un Verdasco finora opaco. Questo episodio accende il match, che nel secondo set assume tratti assolutamente non convenzionali arricchendosi di break e controbreak infarciti di doppi falli. Gli scambi si fanno tirati, ma spesso si concludono in errori assolutamente evitabili (emblematico uno schiaffo al volo da metà campo affossato in rete da Fernando che regala una palla break poi convertita nel quarto gioco) o imprecisioni nell’aprire gli angoli (frequentissimi i colpi in corridoio dal centro del campo). Probabilmente, è la diminuita intensità di Fabio da fondocampo che lascia più spazio a Verdasco per rimanere negli scambi e rendere il secondo parziale una lotta punto a punto decisa nel nono gioco, nel quale Fabio concede il break con un doppio fallo (e conseguente racchetta distrutta) e poi gioca malissimo da 0-30 il game successivo in cui lo spagnolo serve per il terzo. La precisione e l’efficacia del servizio di Fabio è notevolmente diminuita, che mette in campo il 56% di prime e ne guadagna solo il 60% dei punti mentre Verdasco spinge meno la prima per aumentare la percentuale ed evitare di essere attaccato sulla seconda, come spesso avvenuto nel primo parziale.

 

Il terzo set inizia seguendo il sentiero del secondo, con break e controbreak regalati nei primi 3 giochi tra un doppio fallo spagnolo sulla palla del 2-0 Fabio e delle seconde sempre più tenere dell’italiano, ma prosegue innalzando ancor più il pathos e gli episodi rimarchevoli di attenzione tra il quinto ed il settimo game: quinto gioco dove Verdasco si guadagna due palle break con un recupero spettacolare sull’ennesima ottima palla corta di Fabio prima di sprecarle con due gratuiti, regalare il game successivo con uno schiaffo mandato lungo da sopra la rete e poi riconquistare la parità nel computo dei servizi grazie a due doppi falli del ligure.

Dopo tutta questa confusione di testa e di gioco dei due, il match si stabilizza, assume un precario equilibrio e i servizi non sono più un dettaglio trascurabile. Tutto sembra suggerire che il match si concluda al tie break, ma proprio nel dodicesimo gioco Verdasco ci mette del suo regalando con tre dritti larghi di pochissimo, dei quali i primi due portano il primo match point a Fabio (poi annullato da un ace) mentre il terzo consegna la sedicesima finale del ligure in carriera nel circuito maggiore e la tredicesima su terra battuta. Questa vittoria porta Fabio alla quattordicesima posizione del ranking ATP a prescindere del risultato della finale e sottolinea come egli si trovi a suo agio nei tornei dello swing estivo europeo su terra rossa (nei quali ha giocato 6 finali vincendone 4).

LA TRENTUNESIMA DI RICHARD – Dopo la furibonda lotta, la seconda semifinale tra Richard Gasquet (29 ATP e testa di serie nr.4) e il lucky loser Henri Laaksonen (ieri carnefice di Bolelli) è una tranquilla merenda tra pochi intimi nella quale il francese dispone con agio del suo avversario sballottandolo qua e là a suon di rovesci. All’inizio del match, la maggior parte degli spettatori probabilmente è andata a farsi un tuffo (il mare è a soli 3 minuti dal Bastad Tennis Stadium) e sembra quasi sentire lo scrosciare delle onde mentre Gasquet incanta i pochi fortunati con le squisite variazioni del suo elegantissimo rovescio.

L’unico spettatore non pagante e non contento della piega che sta prendendo la situazione è proprio Laaksonen, che, dopo aver raccolto due soli giochi (nei quali ha comunque concesso palla break) nel primo parziale, sembra in balìa degli eventi prima di ritrovarsi senza accorgersene avanti di un break nel secondo grazie a 4 gratuiti del francese, che subisce un fisiologico calo di tensione. Poco cambia, poiché lo svizzero ricambia con altrettanti gratuiti, tutti di dritto, che affossano l’unico e ultimo barlume di speranza della sua prima semifinale ATP e riconsegnano il bandolo della matassa all’estroso francese che conclude concedendo nell’ultimo gioco uno spettacolare rovescio lungolinea ed un delizioso lob in controbalzo. È la trentunesima finale per il francese (15-15 il suo bilancio negli atti conclusivi), che conduce per 2-1 i precedenti con Fognini, dei quali l’ultimo è nei quarti di finale di Montecarlo 2013 con la vittoria di Fabio in due set che lo portò alla prima semifinale in un 1000.

Risultati:

[3] F. Fognini b. [5] F. Verdasco 6-1 4-6 7-5
[4] R. Gasquet b. [LL] H. Laaksonen 6-2 6-3

Il tabellone completo

Niccolò Masiero

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Marbella: Munar ferma la corsa di Alcaraz, è in finale contro Carreno-Busta

Il diciassettenne spagnolo cede in due set al connazionale, oggi più solido nei momenti importanti. Carreno-Busta supera Ramos-Vinolas al tiebreak decisivo

Pubblicato

il

Sfuma il sogno della prima finale ATP per Carlos Alcaraz, mentre si realizza per Jaume Munar. Il diciassettenne spagnolo ha lasciato intravedere perché, soprattutto sulla terra, può già dare fastidio a molti, ma alla lunga ha pagato anche il verde dei suoi pochi anni. Il classe 1997 Munar dal canto suo ha giocato una partita molto solida, arginando bene la pressione continua del più giovane connazionale e giocando meglio nei momenti più delicati.

Alcaraz parte meglio, salendo 2-0, ma Munar gli impedisce di fare corsa di testa e recupera immediatamente lo svantaggio. I due fanno a sportellate, annullandosi un’altra palla break a testa, fino al tiebreak, giusta conclusione di un parziale equilibrato e di buon livello. Alcaraz è il primo ad andare in vantaggio di un minibreak, ma si fa subito rimontare da 3-1 a 3-3. Sul 4-4 un dritto lungo in spinta del giovane spagnolo regala a Munar un preziosissimo minibreak che il classe 97 tutela fino alla fine, facendo suo il set.

In avvio di secondo set Alcaraz si complica la vita facendosi rimontare in un turno di servizio nel quale conduceva 40-15. Complice anche un doppio fallo, il diciassettenne si lascia invischiare in un game da quattordici punti che alla fine lo vede subire il break alla terza occasione concessa. La reazione arriva però immediata e Alcaraz strappa addirittura a zero la battuta a Munar, impattando poi sul 2-2. I due connazionali se le danno di santa ragione fino al 4-3 quando Munar riesce a trovare di nuovo il break e a guadagnarsi la possibilità di servire per il match. Ancora una volta, Alcaraz si ribella e trova un altro break a zero, di puro orgoglio e incoscienza adolescenziale. Nel successivo turno di servizio però la leggerezza dei diciassette anni si fa sentire in negativo: sul 30-30 infatti Alcaraz approccia con superficialità un colpo sotto rete e si fa infilare dal buon riflesso di Munar. Il primo match point è sufficiente a Jaume per agguantare la prima finale della sua carriera.

 

Nell’ultimo atto sfiderà la testa di serie numero uno Pablo Carreno Busta che ha superato solo al tiebreak decisivo Albert Ramos-Vinolas al termine di una partita di ottima qualità e ricca di colpi vincenti. E dire che dopo il primo set nessuno avrebbe ipotizzato che Carreno avrebbe dovuto sudare così tanto e anzi, che si sarebbe ritrovato addirittura a due punti dalla sconfitta.

Il primo favorito del tabellone esce infatti fortissimo dai blocchi e domina in lungo e in largo il proprio avversario per oltre mezz’ora. Dopo il meritatissimo 6-1 del primo parziale, Carreno si procura anche tre palle per strappare subito il servizio a un tramortito Ramos-Vinolas, che però si aggrappa alla partita ed riesce a salvarsi. Qui è il match cambia nettamente e Ramos prende sempre maggior confidenza, iniziando a far muovere Carreno e ottenendo un break nel quarto gioco. Il mancino spagnolo amministra poi il vantaggio con grande autorevolezza fino al 6-3 che gli vale il secondo set.

Anche nel parziale decisivo è Ramos a partire meglio e a prendersi un break di vantaggio. Tra belle accelerazioni e grandi difese si approda sul 5-4 senza che nessuno dei due abbia chissà che da soffrire al servizio. Sul 30-30 però, Ramos commette un imperdonabile doppio fallo che Carreno Busta gli fa pagare caro andando a prendersi a rete il punto del 5-5. Ramos ha una palla per poter tornare a servire nuovamente per il set, ma non la trasforma. Approdati al tiebreak, il mancino di Barcellona si mette subito nei guai con un dritto largo. Carreno Busta non si lascia pregare e scava un solco che l’avversario non è più in grado di colmare, guadagnandosi così la sua ottava finale in carriera (4-3 il bilancio).

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

ATP

Sonego, a Cagliari arriva la terza finale ATP: superato Fritz in tre set

Al Sardegna Open di Cagliari il 24enne torinese si complica la vita ma porta a casa la semifinale: domani giocherà per il secondo titolo in carriera, contro Djere

Pubblicato

il

Si complica la vita, ma stringe i denti nelle difficoltà e vince ancora: Lorenzo Sonego raggiunge la sua terza finale nel circuito ATP al Sardegna Open 2021, superando in tre set l’esame Taylor Fritz (6-4, 5-7, 6-1). Il 24enne torinese, come il solo Andreas Seppi nella storia del tennis italiano, raggiunge una finale in tre superfici diverse, dopo quella vinta nel 2019 ad Antalya (erba) e quella persa nel 2020 a Vienna (indoor). Dopo la vittoria in rimonta contro Hanfmann nei quarti, contro il californiano – che è davanti a lui nelle classifiche mondiali (numero 30 contro numero 34) e che lo aveva battuto in due precedenti su tre – Lorenzo viaggia a corrente alternata ma non dà mai l’impressione di poter perdere, riuscendo a rimediare prontamente ad alcuni passaggi a vuoto. Nella finale di domani scenderà in campo contro Laslo Djere per alzare il suo secondo trofeo ATP. Prima, però, giocherà la finale anche in doppio insieme ad Andrea Vavassori contro la coppia Bolelli/Molteni.

LA CRONACA – Fin dall’inizio del match è battaglia, con i primi tre game che durano ventidue minuti. Entrambi i giocatori devono affrontare palle break ma non riescono a trasformarle. Sonego prova a infastidire il californiano variando il gioco e offrendo poco ritmo, senza farsi pregare ogni volta che c’è la possibilità di spingere. E i risultati si vedono. Prima Lorenzo tiene facilmente il servizio e sale 2-2, poi riesce a disorientare Fritz: sul 40-30 del quinto gioco Taylor commette due errori banali, e alla sesta palla break del suo match Sonego è bravissimo a difendersi prima ed entrare dentro al campo poi, strappando il servizio all’americano con un dritto vincente. Lorenzo tiene un altro servizio piuttosto comodamente (4-2, condendo il sesto game con un gran cross di diritto in difesa) ma un po’ inaspettatamente va in difficoltà nel turno di battuta successivo finendo sotto 0-40. Salva la prima attaccando col dritto, ma poi Fritz risponde bene alla seconda palla del torinese e lo aggancia sul 4-4.

Lorenzo, ormai lo conosciamo, è bravo a mettersi alle spalle gli episodi negativi e pensa sempre alla pallina successiva come se nulla fosse successo. Infatti nel nono game strappa di nuovo il servizio a Fritz, e anche a zero: non senza la collaborazione dell’americano, che sparacchia un diritto in rete alla prima palla break. Lorenzo va a servire per il primo set e di fatto lo vince quando, sul 30-30, prima tiene in campo un miracoloso recupero di rovescio, poi capovolge lo scambio e lascia andare un diritto vincente. È 6-4 in 55 minuti, un parziale meritato: l’americano fa e disfa, più continuo e centrato Lorenzo.  

 

Il secondo set parte con Sonego che mette subito in difficoltà Fritz sul suo servizio: è break alla prima occasione, quando l’american boy scende a rete, ma l’azzurro è bravo a produrre un passante che chiama l’avversario a una volèe complicata per poi infilzarlo volando a chiudere con il recupero di dritto. Lorenzo consolida il vantaggio salendo 2-0 e Fritz mostra di accusare il colpo perché nel match successivo va due volte fuori giri col diritto, consegnando all’italiano il 3-0 pesante. Lo strappo di cinque giochi consecutivi a cavallo di due set consegna a Lorenzo il pieno controllo del match. Questo però induce Sonego a una distrazione: dopo il cambio di campo, nel quarto gioco, l’italiano cede uno dei due break a zero con un gratuito di rovescio. Fritz interrompe così l’emorragia e sale 3-2. Ti aspetti che Sonego riprenda in mano il filo del discorso, ma il sesto gioco è un mezzo disastro: Lorenzo cede il servizio di nuovo facilmente (a 15), “coronando” il tutto con il primo doppio fallo della partita sulla palla break. E poco dopo Fritz prende ritmo al servizio, incidendo con la prima palla e salendo 4-3: stavolta è l’americano, dunque, a mettere in fila quattro giochi di fila.

Sonego va al servizio in un momento delicato: dall’altra parte c’è un Fritz che ha preso coraggio dopo che, pochi minuti prima, sembrava virtualmente sotto la doccia. Lorenzo riesce a ritrovare lucidità e freddezza per arrivare sul 4-4. E nel gioco successivo l’italiano arriva a palla break: ma il californiano attacca bene col diritto e si salva, salendo poi 5-4. Ora si lotta punto a punto e sul 6-5 la pressione è di nuovo sulle spalle di Sonego: una palla corta è ok, quella dopo è leggibilissima e permette a Fritz di arrivare a set point. La prima di Sonego non entra e sulla seconda è l’italiano a sbagliare per primo, col nastro che ferma il suo slice di rovescio. Piuttosto clamorosamente è 7-5 Fritz dopo due ore di gioco.

Nel primo game del terzo set, Sonego dimostra ancora una volta la sua capacità di archiviare in fretta le delusioni: sale 15-40 sul servizio di Fritz ma sul secondo break point non gli riesce lo schema palla corta-pallonetto. Subito dopo, però, regalo dello statunitense, che affossa in rete un diritto a campo aperto: Sonego è pronto ad approfittarne e con una palla corta vincente sale 1-0 e servizio.  A quel punto Lorenzo finisce nuovamente per soffrire: ma viene fuori da uno scomodo 15-40, ritrovando la prima palla. È 2-0. Sonego tira un sospiro di sollievo, lascia andare il braccio e strappa nuovamente il servizio a Fritz con un paio di bordate di diritto. Di nuovo 3-0, come nel secondo set. E la storia sembra possa davvero ripetersi quando Fritz arriva a palla break: ma Sonego non ci casca di nuovo, si salva con la prima di servizio e allunga sul 4-0. Il punto esclamativo il torinese lo mette con un gran diritto all’incrocio delle righe che vale il 5-0. Sonego, però, conferma che oggi proprio non gli va di vincere facile e restituisce uno dei tre break di vantaggio con un turno di servizio scialbo (5-1). Ma Fritz ormai non ci crede più, al secondo match point Sonego chiude 6-1 e può indirizzare un urlo liberatorio al suo angolo.

L’ALTRA SEMIFINALE – Non c’è stata partita tra Laslo Djere e Nikoloz Basilashvili: sarà il 25enne serbo, attuale n. 57 ATP, l’avversario di Sonego nella finale dell’ATP 250 di Cagliari. Si è conquistato l’opportunità di difendere il titolo vinto nella precedente edizione del Sardegna Open – giocata a Pula lo scorso ottobre – superando per 6-2, 6-0 il georgiano, oggi assolutamente non in grado di essere competitivo. Djere, in ogni caso, si conferma a proprio agio sui campi sardi: in tutto il torneo ha perso solo un set, contro l’italiano Lorenzo Musetti nei quarti, e giocherà per il suo terzo titolo ATP. Per Sonego la finale non sarà certo una passeggiata.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Il tabellone di Montecarlo 2021

Sorteggiato il tabellone dell’edizione 2021 del Montecarlo Rolex Masters. Nadal dalla parte di Medvedev, possibile secondo turno Djokovic vs Sinner

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Si è appena tenuto il sorteggio della centoquattordicesima edizione del torneo di Montecarlo, primo Masters 1000 stagionale sulla terra battuta. Si tratta di un torneo particolarmente caro agli appassionati italiani, visto che, l’ultima volta che si è giocato nel Principato (o meglio, a Roquebrune-Cap-Martin), il torneo è stato vinto da Fabio Fognini, autore di una memorabile corsa iniziata con una rimonta dal ciglio della sconfitta con Rublev e proseguita con vittorie su Zverev e Nadal, prima del successo finale su Dusan Lajovic.

Anche quest’anno, a dispetto delle porte chiuse e del montepremi ridotto, i migliori saranno quasi interamente presenti, anche perché diversi di loro sono di residenza monegasca. Parteciperanno infatti l’undici volte campione Rafa Nadal e il N.1 al mondo Novak Djokovic (due volte vincitore), entrambi al primo torneo dalla fine dell’Australian Open, e saranno sfidati dai vari Medvedev, Zverev, Tsitsipas e Rublev. Gli unici assenti di stirpe saranno Roger Federer (che dovrebbe fare il suo esordio sul rosso a Madrid), Dominic Thiem, il campione del 2014 Stan Wawrinka, e Denis Shapovalov.

Per quanto riguarda gli italiani, saranno cinque gli ammessi al tabellone principale: Matteo Berrettini, tds N.8 e al primo torneo di singolare dall’Australian Open, esordirà al secondo turno, mentre Fognini (tds N.15), Jannik Sinner, Lorenzo Sonego e la wildcard Lorenzo Musetti scenderanno in campo già al primo. E sei saranno anche gli azzurri nelle qualificazioni, vale a dire Stefano Travaglia, Salvatore Caruso, Marco Cecchinato, Gianluca Mager, Roberto Marcora (wildcard) e Thomas Fabbiano (alternate).

 

IL TABELLONE – Parte alta

IL TABELLONE – Parte bassa

Tabellone completo (conserva il link: lo aggiorneremo quotidianamente)

OTTAVI TEORICI

[1] N. Djokovic vs [13] H. Hurkacz
[5] A. Zverev vs [11] D. Goffin
[4] S. Tsitsipas vs [16] C. Garin
[8] M. Berrettini vs [10] G. Monfils
[6] A. Rublev vs [9] R. Bautista Agut
[3] R. Nadal vs [14] G. Dimitrov
[7] D. Schwartzman vs [12] P. Carreno Busta
[2] D. Medvedev vs [15] F. Fognini

I PRIMI TURNI DEGLI ITALIANI

[8] M. Berrettini BYE poi vs vinc. Davidovich vs de Minaur
[15] F. Fognini vs M. Kecmanovic
J. Sinner vs A. Ramos-Vinolas
L. Sonego vs M. Fucsovics
[WC] L. Musetti vs A. Karatsev

INFORMAZIONI SUL TORNEO

Entry list

  • Tabellone a 56 giocatori (16 teste di serie)
  • 45 giocatori entrati per accettazione diretta
  • 7 qualificati (tabellone di qualificazione)
  • 4 wild card

Il sito ufficiale del torneo

Copertura televisiva

Il torneo monegasco, come tutti quelli di categoria Masters 1000, sarà trasmesso in diretta da SKY Sport.

Calendario di gioco

Domenica 11: primo turno
Lunedì 12: primo turno
Martedì 13: primo e secondo turno
Mercoledì 14: secondo turno
Giovedì 15: ottavi di finale
Venerdì 16: quarti di finale
Sabato 17: semifinali
Domenica 18: finale dalle 14.30

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement