Umago Stories - parte 2: tutto tranne che Cecchinato

Focus

Umago Stories – parte 2: tutto tranne che Cecchinato

C’è stato il secondo trionfo ATP di Marco. Ma tutto intorno era una sequela di altri eventi…

Pubblicato

il

 
 

Umago Stories – Parte 1

Stranger Than Fiction

Sei quasi arrivato al Tennis Center di Umago. Entri in una piccola rotatoria di cui non ricordavi l’esistenza. Compi un paio di giri e decidi che un anno fa non esisteva. I cambiamenti ti preoccupano: un giorno, questo nerd del Neolitico inventa la ruota e, in men che non si dica, devi districarti fra emissioni inquinanti e targhe alterne. Esci dalla rotonda con visibile sollievo degli altri automobilisti e, guardando alla tua sinistra, scopri sgomento che, dove c’era campagna a perdita d’occhio, ora sorge una città. Di case mobili. “Mobili”… Credi che nemmeno con l’aiuto di alcuni energumeni riusciresti a spostarne una – tentativo che, peraltro, potrebbe provocare l’intervento della policija. Ma non è questo il punto. Il punto, no, la tragedia è che il tuo parcheggio prediletto, a base di ombra gratis, è stato sventrato e reso pressoché inutilizzabile. Non ci saranno più ricerche dell’auto a notte fonda allucinate da birra e stanchezza, senza contare che dovrai ripiegare sull’assolato parcheggio a pagamento. Non un gran affare. Pensi che, se non fosse per una nota fiction, a nessuno verrebbe in mente di (far) pagare per un posto al sole.

 

Deliciano è altrove

Incontri colei che, in quell’estate al tempo del punk o poco dopo, era la ragazzina dai capelli rossi che ti piaceva. All’epoca, come Charlie Brown, indossavi i pantaloni corti ed eri imbranato. Le cose sono cambiate. La saluti chiamandola per nome con un notevole effetto sorpresa. Lei ovviamente non si ricorda di te. Meglio così, a ben pensarci. Con lo scopo di far notare il badge che porti al collo e che ti identifica generosamente come membro della stampa accreditato, ti lanci in una battuta divertente che la lascia inspiegabilmente perplessa. Spiazzato, bofonchi un altro paio di cose senza senso e, con la scusa di dover andare a seguire l’incontro di Feliciano Lopez, ti allontani nei tuoi pantaloni corti prima di peggiorare ulteriormente la situazione. E sì, Lopez non gioca questa settimana.

Prison break

Mentre aspetti che, davanti a te, Rogerio Dutra Silva finisca la sua operazione all’ATM per prelevare qualche centinaio di kune, noti che l’ingresso della banca sembra avere tutti i requisiti di sicurezza antirapina. Ma non era così fino a pochi anni fa. Da quella stessa filiale, avevi visto l’impiegata che usciva per la pausa pranzo chiudere la porta in legno e vetro (dall’aspetto anche meno solido di quella che dava sul balcone della tua casa d’infanzia) con due giri a una serratura identica a quella della porta del tuo bagno. Mentre valutavi se chiamare un fabbro per proteggere la tua privacy, avresti voluto domandarle: “Ci fidiamo, eh?”. Qualcuno ti aveva suggerito l’idea che nessuno sarebbe voluto finire in un prigione croata e quella che ti era subito parsa una verità incontrovertibile garantiva la sicurezza necessaria. Deduci compiaciuto che l’attuale tecnologia che ha sostituito quella vecchia porta non possa che riflettere un netto miglioramento delle condizioni delle carceri locali. Ciò non significa che, nottetempo, scavalcherai la recinzione del tuo defunto parcheggio per tentare di spostare una casa mobile.

Presunzioni

Dopo dieci partecipazioni consecutive, un bilancio di 20 vittorie, 9 sconfitte e il titolo del 2016, Fabio Fognini non sarà a Umago: l’azzurro ha deciso di giocare il torneo di Bastad questa settimana (che finirà con il vincere). Le ipotesi sui motivi di tale scelta che raccogli in giro per il complesso Stella Maris sono le più disparate: ingaggio migliore, perché no?, Flavia voleva vedere un posto nuovo, e allora?, così non deve sprecare energie con voi di Ubitennis. L’ultima non è male, forse ovvia ma simpatica. Poi, un lampo ti riaccende la memoria. Lo scorso anno, a Kitzbühel, Fognini ti aveva promesso un’intervista e, come dicevano i latini registratore digitale alla mano, verba manent. Potrebbe davvero aver cambiato destinazione solo per evitare quello che lui forse considererebbe uno spiacevole incontro? No.

La grande truffa

Sul palco sotto la tribuna ovest del Goran Ivanišević Stadion, suona da ormai mezz’ora Prljavo Kazalište, in italiano “il teatro sporco”. Si tratta di una band molto famosa (su questa sponda dell’Adriatico) e il suo rock innocuo come un dritto di Adrian Mannarino sulla terra di Monte Carlo mette un po’ di tristezza pensando che questi ex ragazzi della ex Iugoslavia hanno iniziato nel 1977 con il punk. Qualche incursione nello ska alle soglie degli anni ’80 mentre non rifuggivano il commerciale abbraccio della new wave e adesso fanno roba che si attacca al lavoro del tuo dentista. Che due ballads. Però, il loro suono dal vivo che ti raggiunge in sala stampa non è male rispetto a quello che avevi ascoltato in rete. Non sembrano neanche loro. Forse, è proprio questo il trucco: capire quando è il momento di abbandonare l’insegnamento “it’s OK to be yourself” dei grandi classici cinematografici del 1985 e dintorni (i teen movie di John Hughes) e i retaggi ferradiniani del “cerca di essere quello che sei”. Chissà se Feliciano dà lezioni private.

Preparativi

La tournament press officer, l’impagabile Loreta, è impegnata in un’opera di proselitismo tra i giornalisti perché partecipino alla conferenza stampa con i vincitori della gara di doppio. Chiede anche a te se vuoi andare nella sala interviste tra cinque minuti. Certo che sì. Chi ha vinto?

La tua raccolta di informazioni nel web comincia con l’ascolto ripetuto di Middelkoop che pronuncia il proprio nome, ma non riesci assolutamente a capire, anzi, a sentire, assordato dal volume della festa del sabato sera in cui centinaia di persone – alcune giovani, altre più giovani – si accalcano sotto il palco manifestando un entusiasmo ingiustificato per un tipo che usa una mano per tenere la cuffia appoggiata all’orecchio sinistro e l’altra per premere il tasto play. Ti avvicini il più possibile agli altoparlanti del portatile fino a ritrovarti con la faccia sulla tastiera, spaventando il tuo collega che, vedendoti così, pensa che tu sia collassato, presumibilmente stremato dalla realizzazione dell’ultimo articolo. Lo tranquillizzi dicendo che stai solo cercando di ascoltare Matwe dire (forse) matve e lo sforzo di estrarre dalla borsa gli auricolari ti pareva insostenibile. Ciò pare non rassicurarlo granché, ma ti domanda solo il motivo di tale interesse. “In modo da chiamarlo per nome facendogli una domanda” rispondi saputo. “Ah, e quale sarebbe la domanda?”. Touché.

Incompleto

Dietro il tavolo con il trofeo appena conquistato in bella mostra, ci sono i vincitori del doppio Matwe Middelkoop, tutto sorridente e proteso in avanti nel riassumere l’andamento del match vittorioso, e Robin Haase, sconfitto con rimpianti da Guido Pella nella semifinale di nemmeno quattro ore prima, con la faccia di chi vorrebbe essere altrove mentre litiga con una scarpa: ha alzato la coppa, ma ha l’aria di portarsi in giro un’urna con le ceneri della sua carriera. Lo chiami per nome riportandolo perfidamente alla realtà e sfoderi una domanda che permette a te di dare sfoggio di tutta la conoscenza derivante da tre minuti di internet e a lui di trovare un gancio per sfogarsi riguardo all’incontro di singolare – che, poi, è quello che più ti interessava sentire. Per una volta, esci dalla sala interviste dandoti un paio di figurate pacche sulle spalle. Ovviamente, però, l’ex ragazza dai capelli rossi non era lì ad ammirarti.

Michelangelo Sottili

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Metz: Bublik si perde dopo un set, Sonego vince il primo titolo del suo 2022

Prestazione impeccabile di Lorenzo, a fronte di un solo set realmente giocato dal kazako. Prima vittoria del complicato anno per il torinese

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - ATP Metz 2022 (Twitter - @atptour)

L. Sonego b. [7] A. Bublik 7-6(3) 6-2

Ancora una volta il cemento indoor potrebbe rivelarsi un crocevia importante per le sorti di Lorenzo Sonego. La finale a Vienna nel 2020, seppur persa, lanciò quel 2021 da sogno per il torinese, la sua miglior stagione in carriera. Oggi, a Metz, le cose sono andate ancora meglio, dato che la vittoria su Alexander Bublik (andando sul 4-0 negli scontri diretti) ha reso Lorenzo il primo italiano nella storia a vincere il Moselle Open, torneo indoor con nomi di un certo rilievo che hanno preceduto il nostro nell’albo d’oro. Dopo un pessimo 2022, dove questa è stata la prima settimana in cui Sonego ha vinto quattro partite di fila, finalmente può sorridere, con il primo titolo che può riscattare, e addolcire, il finale di un’annata per larghi tratti da dimenticare. Da dimenticare certamente anche la prestazione di Bublik, che dopo un ottimo primo set, in cui non ha però saputo strappare il ritmo a Sonego, si è arenato nel secondo set, preda delle proprie lune, senza riuscire più a far nulla se non crollare e regalare un po’ di esibizione. Sesta finale su sette persa (con l’unico titolo vinto a Montpellier battendo Zverev) per il kazako, che da domani sarà n.41 al mondo. Terza affermazione su cinque invece per Sonego, senza perdere neanche un set tra l’altro, e 20 posizioni scalate nel ranking, dove raggiungerà il n.45 (a meno che Marcos Giron non vinca il San Diego Open: in tal caso sarà n. 46).

Il match – la partita prosegue sul binario dei turni di battuta, con entrambi che stanno servendo benissimo, ma nessuno riesce a compiere il salto di qualità in risposta. Vi si avvicina Bublik per primo, giocando un quinto game in spinta e riuscendo a prendere in mano lo scambio accelerando e variando, la cosa che Sonego non deve concedergli; quest’ultimo, da parte sua, è impeccabile nel risalire dallo 0-40 e vincere 5 punti di fila, con molta lucidità e ancora chiamando a sé l’amato servizio. Il kazako veleggia senza problemi nei propri game di battuta, anche per qualche difficoltà del torinese in risposta, che non sempre riesce a trovare il suo proverbiale dritto come vorrebbe. Nel decimo game arriva la prima palla break per Sonego, nonché set point: finalmente Lorenzo incide da fondo, allargando qualche piccola crepa di Bublik e andando ad un passo dal primo parziale, ma il n.7 del seeding oggi sembra con la luna giusta, e la annulla con lo schema palla corta e passante da mano ben educata. Nonostante le buone cose finora mostrate da entrambi, nel tie-break è il piemontese ad alzare nettamente il proprio livello, rispondendo molto meglio e lottando come sa in difesa, oltre ad essere molto più propositivo in attacco, senza soffrire neanche le imponenti buttate del kazako, e andando così a vincere 7 punti a 3 con il set point proprio in risposta, giocato con aggressività e coraggio.

Inizia invece subito con il botto il secondo parziale, con un Sonego in piena fiducia che arriva ovunque e ha un atteggiamento non solo offensivo, ma anche decisamente positivo, approfittando invece di un Bublik un po’ nervoso e non impeccabile come negli altri game di battuta, per andare a mettere a segno un immediato break nel terzo gioco. Sembra ormai aver decisamente staccato la spina il kazako (anche a causa di una piccola polemica nel game del break con il giudice di sedia), che gioca un quinto game tra luci e ombre fino alla palla break…dove invece di chiudere colpisce con il manico, permettendo un facile punto a Sonego per andare avanti di due break, sempre rimanendo concentrato e gestendo bene le proprie energie, arrivando ovunque in difesa. I game finali sono una compilation, a tratti forse anche malinconica, dei demoni di Bublik, che alterna insensati errori e scelte a dir poco rivedibili a colpi da lasciar senza fiato, che sono però solo il contesto di una vittoria strameritata per Lorenzo, che ha giocato una grande settimana. “Ho migliorato il mio tennis giorno dopo giorno“, dice a caldo il torinese, “ora sono molto emozionato. Provo grande emozione dopo un anno complicato, e voglio solo godermi il momento adesso“. Parole semplici, felici, di un ragazzo che dopo un anno complicatissimo, in cui è continuamente scivolato verso il basso per carenza di risultati, può finalmente tornare a sorridere, con il terzo titolo sulla terza superficie diversa (erba ad Antalya, terra battuta a Cagliari).

Continua a leggere

ATP

Laver Cup: Djokovic frenato da un problema al braccio destro. Auger-Aliassime “eroe” di giornata porta in vantaggio il Team World

Adesso, dopo i due match ball sprecati dagli Europei, il destino è nelle mani di Frances Tiafoe. L’americano potrebbe regalare alla sua squadra uno storico primo trionfo, al cospetto del Dream Team. Tsitsipas per prolungare ulteriormente la sfida

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Laver Cup 2022 Londra (foto Twitter @lavercup)

Resto Del Mondo 10-8

F. Auger – Aliassime (WOR) b. N. Djokovic (EUR) 6-3 7-6(3)

Era il 14 maggio 2022 e Novak Djokovic assieme a Felix Auger Aliassime, sulla terra rossa del Campo Centrale del Foro Italico, davano vita ad uno dei migliori match dell’anno per intensità e qualità del tennis espresso dai due protagonisti in campo. Il campione serbo s’impose per 7-5 7-6(1) guadagnandosi la semifinale, con la vittoria numero 999 della carriera, per poi alzare due giorni dopo il trofeo del Masters 1000 romano – l’unico grande trionfo, oltre a Wimbledon, messo in bacheca da Nole in questa stagione. Ebbene si ritrovavano nuovamente uno di fronte all’altro a distanza di poco più di quattro mesi, in un contesto però totalmente differente sia per la superficie di gioco che per l’evento nel quale si verificava.

 

Le premesse vedevano, ancora una volta, il n. 7 ATP nettamente favorito per ottenere il successo, è tutt’ora pregnante nei nostri occhi il ricordo della prestazione dominante ammirata contro il malcapitato Tiafoe. Inoltre a rendere ulteriormente più arduo il compito del giovane canadese, di origini togolesi, il ruolino di marcia eccezionale nelle competizioni a squadre del 21 volte campione Slam. Dalla sconfitta di quattro anni fa subita per mano di Kevin Anderson, in quella che era la sua prima partecipazione alla competizione, proprio in Laver Cup ha disputato 15 incontri in singolare compreso anche quelli dell’ATP Cup e della Coppa Davis vincendoli tutti e lasciando per strada solo tre set. Nonostante tutti questi numeri fantascientifici a favore del 35enne di Belgrado, tra cui anche l’unico scontro diretto, il n. 13 del mondo ha realizzato l’impresa imponendosi 6-3 7-6(3) in 1h35′.

C’è da dire che Nole, come ieri, era partito fortissimo incantando il pubblico della O2 Arena, prima però di spegnersi gradualmente a causa del nervosismo nel primo set – ma anche di un Felix cresciuto esponenzialmente al servizio, chiuderà con 13 ace scagliati e l’81% di trasformazione con la prima – e di un problema fisico accusato all’avanbraccio destro nella seconda frazione, probabilmente dovuto alla doppia fatica di ieri ma anche ai carichi agonistici molto impellenti dopo un paio di mesi di assenza dalle competizioni. Per il semifinalista dello US Open 2021 si tratta dell’undicesima vittoria contro un Top Ten, tra l’altro la seconda consecutiva dopo quella della scorsa settimana fatta registrare ai danni di Alcaraz in Davis, la quinta del 2022: aveva battuto anche Zverev in ATP Cup ad inizio anno, poi il Canada trionfò nella manifestazione e, uno dietro l’altro Rublev e Tsitsipas per conquistare il suo primo torneo nel Tour maggiore lo scorso febbraio a Rotterdam spezzando così la maledizione delle finali perse.

Dunque sprecati entrambi i match point per il Team Europe, con la giornata che era stata aperta dallo score – maturato ieri – di 8-4 per la squadra di Bjorn Borg. Tuttavia adesso la situazione si è totalmente ribaltata dopo il successo in rimonta dello stesso canadese in coppia con Sock contro Berrettini/ Murray, ed ora i ragazzi di John McEnroe pregustano il rimontone. Avanti 10-8 il Resto Del Mondo, in campo fra qualche minuto Tsitsipas-Tiafoe: Frances ha sulla racchetta la storica prima affermazione dei “rossi” da cinque edizioni a questa parte. Ma l’eroe in ogni caso sarebbe Felix da Montreal, che ha portato a casa due “pesantissime vittorie” da tre punti ciascuna, dando prima la speranza al suo team di potercela fare ed infine un’ulteriore conferma di credere realmente nella prima strabiliante affermazione del Team World.

IL MATCH – La sfida vede la presenza speciale di un ospite d’onore sulla panchina europea, si tratta dell’attore britannico Tom Hiddleston, divenuto celebre per aver interpretato il ruolo del Dio dell’inganno Loki nell’Universo Marvel, che chiacchiera amabilmente con Ruud mentre Djokovic e Auger-Aliassime sono impegnati nel palleggio di riscaldamento

Il campione serbo sembra non aver mai abbandonato la O2 Arena, probabilmente ha messo le tende e ha riposato direttamente sul campo da gioco, ripartendo da dove aveva finito ieri contro Tiafoe. Semplicemente, il primo game della partita è un manifesto della perfezione tennistica, un’enciclopedia di come si dovrebbe giocare a questo sport: Nole è dominante in ogni aspetto dello scambio, si diverte prima a spolverare l’incrocio delle righe con un rovescio lungolinea sensazionale che solo lui e pochi altri eletti nella storia di questo gioco possono permettersi di eseguire. Poi, non contento, il 35enne di Belgrado mostra un strettino di dritto da cineteca abbinato ad un successivo approccio in slice sempre dal lato destro, essenzialmente meraviglioso e letale. La grandezza di Nole, come anche degli altri due Big Three, è stata la costante capacità di evolvere il loro tennis aggiungendo in continuazione soluzioni innovative.

Il break in apertura di partita, è proprio la conseguenza dell’abilità costruita lungo la carriera nel saper variare e attingere sovente a stratagemmi diversi: i tagli in back sono mortiferi e regalano l’1-0 e servizio all’ex n.1 del mondo. Chiaramente, però, bisogna riconoscere come il lavoro sia stato notevolmente facilitato, se non posto sul piatto d’argento, dalla prima mancante di Auger-Aliassime – una su cinque punti giocati nel game -. Pian piano, tuttavia, il 22enne canadese riesce a scuotersi e ad entrare mentalmente dentro il match. Si porta per due turni di risposta consecutivi sul 30-30: mentre nel primo caso le sfilettate del dritto serbo non lasciano scampo comandando a più non posso; nella seconda circostanza dopo un miracolo in difesa con un’anticipazione motoria incredibile del 21 volte campione Slam, Felix sfrutta due disattenzioni del n. 7 ATP – tra cui un doppio fallo sul break point – per centrare il contro-break. Il rendimento della battuta del classe 2000 di origini togolesi, a questo punto, accresce sensibilmente la propria capacità di perforazione. Tanti punti diretti, anche due ace, e il parziale del nordamericano ribalta lo score (3-2). Il semifinalista dello US Open 2021 ha le idee molto chiare, si sposta frequentemente dal lato sinistro per giocare lo sventaglio ed evitare così d’incastrarsi con il suo bimane sulla diagonale “rovescia” dell’uomo di gomma. Finora 10/13 con la prima per il n. 13 del ranking, 3/7 con la seconda: dunque se si volesse sintetizzare in maniera brusca, FAA deve mettere in campo il proprio primo servizio altrimenti non c’è quasi mai partita.

Nel settimo game Djokovic esce dalla diagonale al momento giusto con il bimane in parallelo, il nativo di Montreal arriva in ritardo sulla palla ed è break point. Qui i nervi di Novak iniziano ad “affogare” nella rabbia, chiamata dubbia con il giudice di sedia che rettifica la decisione del giudice di linea. Il serbo non ci sta e caccia fuori un urlaccio”, ma il replay sbugiarda sia lui che l’arbitro. Il tennista in maglia blu non sembra essere riuscito a placare la sua ira, per l’occasione mancata, e così nonostante l’aiuto derivante dalle palle nuove gioca un pessimo turno di servizio: facendosi addirittura strappare la battuta a 0, con la complicità di uno scatenato Auger-Aliassime che si esalta attraverso un vincente pazzesco dopo l’altro – due di dritto ad inframmezzare uno di rovescio -. Il vincitore di sette Wimbledon si consegna definitivamente attraverso discese a rete insensate, Felix non si fa pregare e chiamando a raccolta il bolide-cannone che si ritrova, va avanti di un set: 6-3 in 38 minuti per Team World.

Il campione serbo è in rottura prolungata, si fa breakkare in apertura di seconda frazione. Troppo docili le sue seconde, eccessivamente comode da attaccare per l’avversario. Il n. 1 del Canada entra che è un piacere, specialmente con il dritto, in ribattuta; e se Nole commette anche errori gratuiti in uscita dal servizio la situazione si complica maledettamente per lui. Infatti, da par suo, il ragazzo in maglia rossa continua a sfornare ace a gogo e in una amen siamo 2-0. Nel frattempo Djokovic comincia a toccarsi vistosamente il braccio destro, cercando di sciogliere il polso destro. Ed ecco, che ci vengono in soccorso le immagini del riscaldamento di rifinitura in palestra, dove il campione di Roma 2022 ha svolto dei lavori specifici durante lo stretching proprio sull’arto superiore destro assieme al suo storico fisioterapista argentino Ulises Badio. Si intravede difatti, come Novak adesso faccia enorme fatica sia a spingere la battuta che il dritto. L’ex n. 1 del ranking in qualche modo riesce comunque a mantenersi in scia, pur non essendo al meglio, grazie soprattutto alla sua micidiale copertura del campo tentacolando. Felix è in totale controllo, tuttavia se c’è un aspetto sul quale può ancora compiere miglioramenti ingenti è la tenuta mentale: inspiegabilmente sente il momento, e con una sequela di regali confeziona il 3-3. Djokovic ringrazia, e sembra rigenerarsi oltre che assorbire nuova linfa vitale dalla parità conquistata.

Il dritto però non cammina, ha quasi un blocco psicologico nel lasciarlo andare: allora Felix gli monta sopra nuovamente, quasi come riuscisse ad esprimersi al meglio soltanto quando deve inseguire; il settimo game è un autentico viaggio agli Inferi e ritorno con il candese che prima sale 15-40, ma poi al momento di guadagnarsi il nuovo vantaggio manca il colpo del ko su esecuzioni molto banali. Nonostante venga ripristinato l’ordine on-serve, i turni di servizio del tennista balcanico continuano ad essere delle montagne russe: nell’ottavo gioco con la prima un pò ballerina per via del problema al polso – o all’avanbraccio – il serbo è costretto a fronteggiare un pericoloso 30-30, tuttavia il back canadese ricade largo. Al cambio campo, viene strappato un sorriso a Djokovic da parte di Berrettini, che lo invita a metterci un mix tra “cazzimma napoletana e serba“.

Nole in questo frangente di gara verticalizza maggiormente, per allievare la sofferenza nei propri turni alla battuta; dal canto suo Auger gestisce con autorità. Sarà quindi tie-break: scambio di mini-break per iniziare, poi è il n. 13 a piazzare il secondo allungo nel quarto punto con un rovescio tagliato che Novak non controlla. Questo strappo porta Felix sul 5-2, il quale tiene entrambi i suoi servizi per consolidare il vantaggio, da sottolineare il secondo dove il 22enne di Montreal gioca uno spettacolare rovescio sulla riga dopo una seconda. Djokovic non c’è più, rovescio sparato lungo. Al secondo match point, schema prediletto da Auger – servizio e dritto – e partita in cassaforte: 7-6(3) in 57 minuti.

LE PAROLE A CALDO DEL VICNITORE

AUGER-ALIASSIME: “Ci sono andato vicino qualche volta recentemente, nel battere questi grandi campione e finalmente ci sono riuscito. Sicuramente una vittoria molto importante per me e per la mia squadra. Oggi è stato molto importante giocare in doppio, dopo il match mi sono sentito sciolto. Ho colpito bene sia la risposta che il servizio, e questo sicuramente mi ha aiutato anche per il singolare dandomi tanta fiducia.”

Infine viene chiesto a Felix quale sarà la chiave del singolare tra Stefanos e Frances: “Non sarà sicuramente semplice, ma Tiafoe è uno dei giocatori più in forma del momento, ed io ho grande fiducia in tutto il team anche per quanto riguarda l’ultimo singolare“.

Continua a leggere

ATP

ATP250 Tel Aviv: Djokovic guida il tabellone

Il serbo stella assoluta del torneo israeliano. Al via anche Cilic, Schwartzman e Cressy. Tre italiani nelle quali

Pubblicato

il

Novak Djokovic – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @rolandgarros)
Novak Djokovic – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @rolandgarros)

Il grande tennis ritorna ad Israele. Complice la cancellazione dei tornei cinesi che ha liberato alcuni slot in calendario, Tel Aviv ha l’opportunità di riaffacciarsi nuovamente nel tennis che conta. Da lunedì 26 settembre sino al 2 ottobre andrà, infatti, in scena il Tel Aviv Watergen Open, torneo ATP 250 che si svolgerà sui campi in cemento della cittadina situata sulla costa del Mar Mediterraneo.

Il torneo israeliano è stato parte del circuito sino al 1996 e detiene il record a livello ATP per il più giovane vincitore, Aaron Krickstein nel 1983, a soli 16 anni e 2 mesi. Ad illuminare l’edizione 2022 del torneo di Tel Aviv, sarà la presenza di Novak Djokovic, che conclusa la Laver Cup prenderà un volo per Israele dove giocherà oltre che in singolo, da testa di serie numero 1, anche in doppio a fianco del tennista locale Jonathan Erlich.

Djokovic, che usufruirà di un bye al primo turno, esordirà con il vincente del match tra il brasiliano Monteiro e lo spagnolo Andujar, prima di incrociare nell’ipotetico quarto l’olandese Griekspoor.

 

Nella parte alta l’altra testa di serie omaggiata di un bye è l’argentino Diego Schwartzman. Il “Peque” protagonista in negativo sia in Davis in quel di Bologna sia in Laver Cup, farà il suo esordio con uno tra il francese Rinderknech e un qualificato. Nel suo stesso quarto anche la testa di serie numero 6, il russo Karatsev.

Nella parte bassa con la testa di serie numero 2 troviamo il semifinalista del Roland Garros 2022 Marin Cilic, che giocherà al secondo turno contro uno tra Dominic Thiem, in gara grazie ad una wild card, e il serbo Laslo Djere. Nella stessa porzione di tabellone del croato si trova la testa di serie numero 5 l’olandese Van de Zandschulp.

Ultima testa di serie destinataria di un bye è l’amante del serve&volley Maxime Cressy, che potrebbe esordire in Israele in un derby tutt’altro che banale con Korda, oppure con un qualificato.

Nessun italiano è presente nel main draw, mentre tre di loro sono a caccia del pass per il tabellone principale attraverso le qualificazioni. Nardi (143) esordirà col russo Chepelev (348) per sfidare in caso di successo il vincente della sfida tra la wild card israeliana Leshem (443 del ranking) e Lorenzo Giustino (246 ATP). Subito fuori Roberto Marcora sconfitto in due set dal britannico Broady.

IL TABELLONE COMPLETO DEL ATP 250 DI TEL AVIV

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement