Partono le qualificazioni a Cincinnati, Giorgi unica italiana al via

Tra gli uomini nessun italiano nelle qualificazioni del Western & Southern Open. Tra le donne Camila Giorgi torna in campo dopo Wimbledon in un tabellone super competitivo

Partono le qualificazioni a Cincinnati, Giorgi unica italiana al via

Come accade anche per le due accoppiate Indian Wells-Miami e Madrid-Roma, anche il Master 1000 canadese e quello di Cincinnati si disputano en route, senza una settimana di stacco tra l’uno e l’altro. Questo comporta che mentre nell’Ohio partono le qualificazioni, in Canada i semifinalisti si apprestano a scendere in campo per giocarsi il titolo ma per fortuna spesso questi ultimi non vengono particolarmente toccati dal sovrapporsi del doppio impegno.

Nel tabellone maschile nessun italiano è presente a contendersi uno dei sette posti messi a disposizione per i qualificati e ciò significa che l’unico azzurro presente al via sarà Marco Cecchinato. Questo tuttavia non riduce l’interesse per i match in programma i quali restano comunque di grande valore. Com’era prevedibile è nutritissima la schiera di tennisti statunitensi (dieci in totale) mentre sorprende un po’ vedere i nomi di tre tennisti nipponici. Uno di questi è il giovane Yoshihito Nishioka, presente grazie al ranking protetto che ancora gli permette di disputare questi tornei, che affronterà il connazionale Yuichi Sugita. Il più atipico dei giapponesi invece, Taro Daniel (alto 1,91 e grande regolarista da fondo) affronterà il sempre verde Ivo Karlovic, che non vince un match in un Master 1000 proprio da Cincinnati dello scorso anno quando sconfisse Tsonga al secondo turno.

 

Parlando di vecchietti della racchetta sarà un piacere ammirare la sfida tra la testa di serie n. 8 Feliciano Lopez e Marcos Baghdatis, con lo spagnolo sotto 1-4 nei precedenti. Volgendo lo sguardo al futuro invece, e in particolare alla NextGen, il nome di maggior interesse è quello di Daniil Medvedev che giocherà con la wild card americana Christian Harrison, fratello del ben più forte Ryan Harrison. Anche lui è presente e la seconda posizione nel seeding gli ha rimediato la sfida con il polacco Hubert Hurkacz. Infine segnaliamo anche la presenza del numero due britannico Cameron Norrie che dopo aver fatto vedere grandi cose la settimana scorsa in Messico sta tentando un altro ingresso nei Master 1000 passando per le qualificazioni, cosa già riuscitagli a Indian Wells e Miami.

Il tabellone completo

Se i match maschili offrono notevoli spunti di interesse, non sono certo da meno quelli femminili dove i posti messi a disposizione per le qualificate sono addirittura 12. L’unica italiana iscritta è Camila Giorgi che non rivediamo in campo dall’ottimo Wimbledon di un mese fa. Il sorteggio sarebbe potuto andare peggio ma comunque le ha riservato qualche grattacapo se si considera che da n. 40 del mondo ha pescato la n. 78, ovvero Lara Arruabareña. Contro la spagnola, Camila si è aggiudicata l’unico precedente a Wimbledon nel 2015, In caso di secondo turno affronterà la vincente di Dolehide-Kuzmova, due giovani in grande ascesa. Non è italiana ma sicuramente avrà tanti sostenitori nello stivale, Francesca Di Lorenzo, figlia di immigrati salernitani cresciuta nell’Ohio, che grazie ad una wild card sfiderà al primo turno Sofia Kenin. Di Lorenzo attualmente ricopre la posizione n. 194 ma anche lei, come la sua avversaria 19enne, sta rapidamente scalando la classifica.

Dopo essersi messa definitivamente l’infortunio alle spalla Belinda Bencic sta tornando a giocare con regolarità e il primo ostacolo verso il tabellone principale del torneo è rappresentato da Christina McHale, in quella che sarà la loro prima sfida. Altri grandi nomi da tenere d’occhio sono quelli della campionessa Slam Sam Stosur, opposta a Allie Kiick, e quello della campionessa Olimpica Monica Puig, che non avrà certo vita facile con Stefanie Voegele. La testa di serie n. 1 è spettata ad Alizee Cortnet che cercherà di onorarla vincendo contro Nicole Gibbs mentre chiudiamo segnalando l’imprevedibile match tra la t.d.s. numero 3 Donna Vekic e Andrea Petkovic, chiamata a confermare quanto di buono fatto vedere a Washington.

Il tabellone completo

CATEGORIE
TAG
Condividi