Grande Slam 2018, ecco la classifica femminile

Australian Open, Roland Garros, Wimbledon, US Open: chi sono state le giocatrici che hanno fatto meglio nei quattro eventi più importanti?

Grande Slam 2018, ecco la classifica femminile
Sloane Stephens e Simona Halep - Roland Garros 2018

Con la storica vittoria di Naomi Osaka agli US Open, prima giapponese in assoluto a vincere un Major, si è chiusa la stagione degli Slam. Per gli appassionati di oggi gli Slam rappresentano il traguardo massimo, al quale nessun altro torneo si può paragonare; per questo ho pensato di prenderli in considerazione come un insieme a sé stante, ricavando una classifica riservata ai quattro appuntamenti principali. Chi ha fatto meglio nel 2018? E quanto si differenzia il rendimento rispetto al ranking ufficiale WTA che tiene conto di tutti gli eventi della stagione?

Per avere i termini di paragone ho costruito la classifica in modo molto semplice: sommando i punti ottenuti da ciascuna giocatrice negli Slam secondo il criterio di calcolo ufficiale WTA. Questa è la ripartizione: 2000 punti (vittoria), 1300 (finale), 780 (semifinale), 430 (quarti), 240 (4°turno), 130 (3°turno), 70 (2° turno), 10 (sconfitta al primo turno). Le posizioni di Rank e Race indicate nella tabella sono quelle relative al 24 settembre. Ecco il risultato:

 

Le prime dieci della classifica Slam

1. Simona Halep
punti Slam: 3440
AO:    F, sconfitta da Wozniacki
RG:    Vittoria
Wim: 3T, sconfitta da Hsieh
USO: 1T, sconfitta da Kanepi
Partite vinte/perse totali: 15/3 (83,3%)
A differenza della situazione del 2017 (vedi pagina 3), in questo 2018 coincidono numero 1 nel ranking WTA e numero 1 in questa particolare classifica. Merito di Simona Halep: una piccola, ulteriore legittimazione del suo primato. Il 2018 è stato davvero un anno decisivo per lei, con il primo successo Slam a Parigi dopo la delusione della terza finale in carriera persa a Melbourne.
L’aspetto meno convincente nei Major è il calo nella seconda parte di stagione: 3300 punti ricavati nei primi due Slam e solo 140 nella seconda metà. Dopo la sconfitta subita al terzo turno a Wimbledon, destabilizzata dal tennis del tutto particolare di Hsieh, Halep aveva dichiarato di sentirsi stanca e di non aver recuperato dagli sforzi, fisici e mentali, del Roland Garros; una affermazione comprensibile. Meno prevedibile e giustificabile l’uscita al primo turno contro Kaia Kanepi a New York: giocatrice sicuramente pericolosa, ma che la numero 1 del mondo non dovrebbe soffrire al punto da perderci così nettamente (6-2, 6-4).

2. Angelique Kerber
punti Slam: 3340
AO:    SF, sconfitta da Halep
RG:    QF, sconfitta da Halep
Wim: Vittoria
USO: 3T, sconfitta da CIbulkova
Partite vinte/perse totali: 18/3 (85,7%)
Stagione slam indubbiamente positiva per Kerber. Intanto perché è la giocatrice con più match vinti nei Major (18 partite), ma soprattutto perché con il successo di Wimbledon ha arricchito il suo palmarès nel modo migliore possibile. Dato che aveva già vinto nel 2016 in Australia e Stati Uniti, ora è a un passo dal Career Grand Slam; manca soltanto il Roland Garros per completare la collezione, anche se sappiamo che la terra è la superficie meno amata da Angelique. Dal 2019 proverà a cambiare qualcosa nel suo tennis per rendere di più a Parigi? Non sarà facile, ma l’obiettivo lo meriterebbe.

3. Serena Williams
punti Slam: 2840
AO:    non disputato
RG:    3T, ritirata per infortunio
Wim: F, sconfitta da Kerber
USO: F, sconfitta da Osaka
Partite vinte/perse totali: 15/2 (88,2%)
Come ho avuto occasione di scrivere la scorsa settimana, il giudizio sulla stagione di Serena dipende dai punti di vista. Dal punto di vista dell’atleta rientrante a 36 anni da una gravidanza, i risultati sono molto positivi: due finali raggiunte e la miglior percentuale 2018 di vittorie/sconfitte negli Slam (88,2%), superiore anche a chi la sopravanza per punti conquistati. Williams ha perso soltanto 2 match a fronte di 15 vittorie, e senza avere giocato in Australia. Ma dal punto di vista della fuoriclasse, alla ricerca del record di tornei Slam (24 di Margaret Smith Court), le finali perse a Londra e New York suonano come una doppia delusione.
Curiosamente c’è un parallelo per le sorelle Williams: nel 2017 Venus era stata ai vertici di questa particolare classifica grazie ai piazzamenti, cioè senza avere vinto Slam; quest’anno Serena è terza, ma anche lei senza il successo pieno.

4. Naomi Osaka
punti Slam: 2500
AO:    4T, sconfitta da Halep
RG:    3T, sconfitta da Keys
Wim: 3T, sconfitta da Kerber
USO:  Vittoria
Partite vinte/perse totali: 14/3 (82,3%)
Nel 2017 Osaka aveva conquistato 340 punti slam, ottenuti attraverso un secondo, un primo e due terzi turni. Per una teenager non erano numeri da buttare via, ma quasi spariscono rispetto ai 2500 punti del 2018, stagione del salto di qualità ad altissimi livelli. I duemila punti della vittoria a New York sono fondamentali, ma anche i 500 punti negli altri tre Slam rappresentano comunque un progresso. Con questi risultati Osaka è diventata inevitabilmente una osservata speciale per il 2019, a cominciare dall’Australia.

5. Caroline Wozniacki
punti Slam: 2380
AO:    Vittoria
RG:    4T, sconfitta da Kasatkina
Wim: 2T, sconfitta da Makarova
USO: 2T, sconfitta da Tsurenko
Partite vinte/perse totali: 12/3 (80,0%)
Stagione indimenticabile per Wozniacki, che ha raggiunto il sogno di carriera: vincere il primo Slam. Con il successo a Melbourne può finalmente tacitare l’accusa di essere stata una “regina senza corona”, vale a dire una numero 1 senza Major. In pratica lo stesso fardello di cui si è liberata qualche mese dopo Halep a Parigi. E in comune con Simona c’è anche l’andamento calante nei Major: in parte per problemi fisici ma forse anche per appagamento, Caroline negli ultimi due Slam ha vinto solo due partite. Davvero poco per una giocatrice con le sue possibilità.

a pagina 2: Le posizioni dalla 6 alla 10

1
2
3
4
CATEGORIE
TAG
Condividi