Osaka si qualifica per le Finals: situazione aggiornata

Per la giapponese sarà la prima partecipazione. Rimangono cinque posti disponibili: gran lotta tra Bertens e Pliskova, dalle retrovie arriva un treno di nome Sabalenka. Quasi fatta per Kvitova e Wozniacki

Osaka si qualifica per le Finals: situazione aggiornata
(via Twitter, @WTAFinalsSG)

Naomi Osaka è la terza giocatrice a qualificarsi per le Finals di Singapore dopo Simona Halep e Angelique Kerber. Alla giapponese è servito qualche punto ulteriore dopo la vittoria di New York in virtù del diverso regolamento del torneo di fine anno femminile, che a differenza di quello maschile non promuove direttamente i giocatori che hanno vinto uno Slam in stagione. La giapponese disputerà le Finals per la prima volta in carriera.

Rimangono dunque cinque posti disponibili, sebbene a rigore di regolamento sarebbero quattro: la WTA ha diritto di riservare l’ottavo e ultimo invito a una giocatrice che non si sia qualificata per classifica ma abbia maturato sufficienti requisiti di merito. Nei fatti questa possibilità non è mai stata esercitata e difficilmente accadrà quest’anno. Analizziamo la situazione della Race to Singapore dopo gli incontri di martedì a Pechino.

 
  1. Simona Halep 6921
  2. Angelique Kerber 5375*
  3. Naomi Osaka 4470*
  4. Petra Kvitova 4255
  5. Caroline Wozniacki 4206*
  6. Sloane Stephens 3943*
  7. Elina Svitolina 3850     
  8. Karolina Pliskova 3720*
  9. Kiki Bertens 3710*               
  10. Elise Mertens 3060
  11. Aryna Sabalenka 3050*
  12. Serena Williams 2976 (stagione finita)
  13. Daria Kasatkina 2900
  14. Madison Keys 2817
  15. Julia Goerges 2775*
  16. Garbine Muguruza 2670
  17. Anastasija Sevastova 2625*
  18. Ashleigh Barty 2420
  19. Caroline Garcia 2420*
  20. Jelena Ostapenko 2363
  21. Anett Kontaveit 2330*

(asterisco per le giocatrici ancora impegnate a Pechino)

Clicca qui per consultare la Race to Singapore nel dettaglio

Con Wozniacki e Stephens che possono ancora incrementare il loro vantaggio sull’ottavo posto, le caselle realmente in discussione sembrano la settima e l’ottava. Svitolina ha un margine molto stretto su Pliskova (130 pt) e Bertens (140), un distacco tanto sottile che un’eventuale semifinale tra l’olandese e la ceca (eventualità tutt’altro che remota) a Pechino permetterebbe a entrambe di scavalcarla e farla scivolare al nono posto. La lotta per gli ultimi due posti è quindi ristretta principalmente a queste tre giocatrici, ma dalle retrovie avanza prepotentemente la candidatura di Aryna Sabalenka che ha recuperato già un migliaio di punti negli ultimi dieci giorni e ha adesso un ritardo di ‘soli’ 670 punti dall’ottavo posto. Giocherà agli ottavi contro Garcia, da favorita, per poi incontrare eventualmente una tra Wang e Pliskova ai quarti: dovesse sfidare la ceca, sarebbe praticamente costretta a batterla per continuare a sperare.

Molto più remote le possibilità delle altre quattro giocatrici ancora in gioco, in ordine di classifica Goerges, Sevastova, Garcia e Kontaveit. Alle ultime tre serve la vittoria del titolo per continuare a sperare, mentre Goerges ha bisogno almeno della finale. Matematicamente fuori dai giochi Kasatkina, Keys, Muguruza, Barty e Ostapenko.

LE PROSSIME SETTIMANE – Ci sono ancora due settimane di tornei e il massimo dei punti accumulabile è 750 per chi dovesse riuscire a vincere uno dei tre International (Linz, Tianjin e Hong Kong) e quindi il Premier di Mosca. È bene ricordare che per tutte le giocatrici ci sono dei punteggi da scartare: la Race si compone infatti di soli 16 risultati e per far posto a un nuovo torneo, se tutte le caselle sono già occupate, è necessario privarsi del peggiore risultato. Ne consegue che nessuna delle giocatrici ancora in lotta per un posto a Singapore, anche vincendo un torneo in entrambe le settimane che restano, potrebbe incamerare 750 punti netti. Per ulteriori dubbi sul regolamento, rimandiamo all’articolo che abbiamo scritto lo scorso anno.

A.S.

CATEGORIE
TAG
Condividi