Basilashvili magistrale, vince a Pechino: del Potro si deve arrendere

ATP

Basilashvili magistrale, vince a Pechino: del Potro si deve arrendere

Secondo ATP 500 dell’anno per Basilashvili al termine di un match perfetto. Raggiunge anche il best ranking al numero 23. Niente da fare per l’argentino, debilitato da tosse e sintomi influenzali

Pubblicato

il

Nikolaz Basilasvhili corona la migliore stagione della carriera con la vittoria più importante della carriera, sconfiggendo il numero 4 al mondo, Juan Martin Del Potro, con un doppio 6-4 nella finale del 500 di Pechino:  a ventisei anni, conquista il secondo titolo dell’anno, e della carriera, dopo l’altro ATP 500 vinto quest’estate sulla terra rossa di Amburgo contro Leonardo Mayer, e si avvicina a grandi passi ai primi venti: sarà numero 23 da domani. Poco da fare per l’argentino, impotente difronte al continuo martellamento di dritto del georgiano, e indebolito da una tosse continua che non gli permette di giocare con le energie necessarie a contrastare il gioco ispirato del georgiano.

PRIMO SET – BASILASHVILI MANOVRA, DELPO A MARCE BASSE – Bastano tre giochi a Nikoloz Basilashvili per effettuare il primo allungo su un Juan Martin del Potro lento, legnoso, debilitato da tosse e sintomi influenzali, ed incisivo solo con la prima di servizio. Bastano un paio di prime lunghe, e Basilashvili può fare bello e cattivo tempo da fondo campo, manovrando di dritto e martellando sul rovescio dell’argentino, colpito nell’80% dei casi con un back di rimessa utile solo a far giocare una palla in più al georgiano. Il break quindi arriva in fretta, alla seconda occasione disponibile sull’uno a uno. Il set continua sugli stessi ritmi: Basilashvili detta il gioco, e Del Potro si aggrappa al servizio, soffrendo in quasi tutti i turni di battuta, e salvandosi con ace (5 nel primo set) e prime vincenti, ma il georgiano è troppo costante, e il set si conclude 6-4. 

 

SECONDO SET – L’ORGOGLIO DI DELPO, IL BRACCINO DI NIKOLAZ Del Potro non ci sta però, come di consuetidine, a lasciar andare senza lottare. L’argentino prova a raccogliere tutte le poche energie in corpo, opponendo una resistenza più solida e più lunga rispetto a quella presentata nel primo set. Il rovescio acquista quel poco in più di consistenza necessaria a non capitolare dopo due attacchi del georgiano, e la percentuale di prime aumenta dal 57% al 70%. Basilashvili dal canto suo però non lascia troppo spazio al servizio, se non con qualche sporadico doppio fallo che dà qualche speranza di break all’argentino. Il georgiano è il primo ad avere l’opportunità di fuga: nel settimo gioco, Del Potro annulla una palla break con un attacco garibaldino, chiuso da una voleé di rovescio che tocca la riga quanto basta. Nel gioco successivo Basilashvili inizia a tremare, rimette in gioco punti morti e sepolti, e commette i primi errori davvero gratuiti della sua partita. DelPo ha tre palle break per andare a servire per il set, ma la prima di servizio viene in soccorso del georgiano. L’argentino sembra aver dato tutto negli ultimi due giochi nel tentare il sorpasso, e sul 4-4 cede il servizio alla prima occasione, tornando a quei corti back difensivi di rovescio che gli erano già costati il primo set. Chiamato a chiudere l’incontro, Nikolaz trema: spreca la prima palla match con un doppio fallo, e concede altre due palle break all’argentino, una guadagnata da DelPo con un pregevole passante di dritto incrociato d’annata. Il servizio aiuta ancora il georgiano a difendere la battuta, e al secondo match point può portare le mani al cielo. 

Continua a leggere
Commenti

ATP

Il tabellone di Dubai: il ritorno di Federer, in campo anche Nishikori

Ad un mese di distanza dall’eliminazione agli Australian Open, il fenomeno di Basilea torna in campo. Tanti gli avversari insidiosi negli Emirati. Berrettini pesca l’americano Kudla al primo turno

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

La delusione per la bruciante sconfitta patita agli Australian Open è smaltita. L’apparizione a Ginevra per promuovere la prossima Laver Cup è stata fatta, il nuovo spot Barilla pure. Il calendario per la stagione su terra rossa è stato a grandi linee deciso. Ora Federer può tornare al tennis giocato. Lo farà nel ricco ATP 500 di Dubai, torneo che ha vinto sette volte.

Il sorteggio ha riservato al fuoriclasse elvetico, testa di serie n.2 del seeding, un primo turno sulla carta morbido e famigliare contro il veterano tedesco Philipp Kohlschreiber, avversario battuto 13 volte su altrettanti match disputati uno contro l’altro. In caso di vittoria, Federer potrebbe poi trovare un altro veterano del tour, ovvero Fernando Verdasco e nei quarti di finale Milos Raonic. La semifinale teorica della parte bassa del tabellone è contro il russo Karen Khachanov. Tuttavia quest’ultimo viene da un inizio di stagione estremamente negativo, segnato da due sconfitte consecutive al primo turno a Sofia e a Rotterdam.

 

Peraltro esordirà contro l’ostico georgiano Nikoloz Basilashvili. I più accreditati a prendersi il suo teorico posto in semifinale sono Borna Coric, Thomas Berdych e, soprattutto, lo spagnolo Roberto Bautista Agut, detentore del titolo e fresco vincitore a Doha in questo 2019. Insomma un principe del deserto. Nella parte alta si concentrano gli altri due top 10 in tabellone: Kei Nishikori e Marin Cilic. Il sorteggio è stato forse più benevole al primo che al secondo. Dopo l’esordio contro Benoit Paire, Nishikori, testa di serie n.1 negli Emirati, dovrebbe avere un altro turno morbido ed eventualmente un quarto di finale molto interessante proprio contro Stefanos Tsitsipas, giustiziere di Federer a Melbourne.

Cilic, al rientro dopo un fastidio al ginocchio, dovrà essere fin da subito centrato per battere un Gael Monfils galvanizzato dall’affermazione a Rotterdam. Il croato potrebbe trovare poi Baghdatis e nei quarti Daniil Medvedev. In questo spicchio di tabellone è finito Matteo Berrettini, unico iscritto di diritto al torneo. Sfiderà lo statunitense Denis Kudla, n.61 del ranking ATP, che lo ha eliminato al primo turno agli ultimi US Open. 

ATP 500 Dubai (cemento outdoor, $ 2.736.845)

Continua a leggere

ATP

Prima semifinale per Auger-Aliassime a Rio, troverà Cuevas

Il 18enne canadese supera ai quarti in due set lo spagnolo Munar. Ora sfiderà l’esperto uruguaiano. Nell’altra semifinale derby balcanico Bedene-Djere

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime - Rio de Janeiro 2019 (foto via Twitter, @RioOpenOficial)

Felix Auger-Aliassime continua a ballare la samba al ATP 500 di Rio. O, per meglio dire, a farla ballare ai suoi avversari, costretti a cedere di fronte a cotanto atletismo ed entusiasmo. Nei quarti di finale, a perdere l’equilibrio passo dopo passo è stato lo spagnolo Jaume Munar, semifinalista alle ultime Next Gen Finals. Come in tutti i suoi precedenti incontri nel torneo carioca, Auger-Aliassime si è imposto in due set (6-4 6-3), in poco più di un’ora e mezza di gioco. L’andamento dei due parziali è stato piuttosto simile: tanti break, il teenager canadese che prende subito il largo, il tenace iberico che abbozza una reazione ma che non riesce mai a cambiare il verso dell’incontro. Per il baby talento di Montreal si tratta della prima semifinale sul circuito maggiore. E probabilmente non sarà l’ultima.

Il prossimo a tentare di tarpargli le ali sarà l’ex top 20 Pablo Cuevas, specialista della terra rossa e già trionfatore nella metropoli brasiliana nel 2016. Nella sfida di maggior interesse della giornata, in un torneo colpito dalla prematura eliminazione dei favoriti della vigilia, il 32enne uruguaiano ha avuto la meglio su un altro spagnolo, Albert Ramos-Vinolas per 6-3 3-6 6-3, in un incontro durato oltre due ore e mezza e finito a tarda notte. Cuevas dovrà cercare di recuperare in fretta le energie se vuole imporsi su un avversario ben più giovane di lui e proseguire la sua marcia nel torneo. Se ad Auger-Aliassime l’appuntamento brasiliano sta regalando un trampolino di lancio verso il tennis che conta, a Cueva sta restituendo sensazioni positive dopo un 2018 piuttosto complicato, che l’ha visto scendere di molte posizioni in classifica.

 

Questo per quanto riguarda la parte bassa del tabellone. Nella parte alta invece a contendersi un pass per la finale saranno lo sloveno Aljaz Bedene e il serbo Laslo Djere, rispettivamente numero 83 e 90 del ranking ATP. Bedene ha domato in rimonta il qualificato boliviano Hugo Dellien con il punteggio di 4-6 6-2 6-3. Djere, giustiziere di Dominic Thiem al primo turno, ha raggiunto la sua terza semifinale ATP grazie alla vittoria per 6-4 7-5 sul 20enne norvegese Casper Ruud, anche lui partito dal tabellone cadetto. Nelle altre due precedenti occasioni, ad Istanbul e a Budapest, non gli era andata bene. Nella capitale ungherese a sconfiggerlo fu proprio Bedene. A Rio, su un palcoscenico ben più prestigioso, si potrà prendere dunque la rivincita. Inutile dire che si tratta comunque di una grande occasione per entrambi questi tennisti.

Risultati:  

L. Djere b. [Q] C. Ruud 6-4 7-5
A. Bedene b. [Q] H. Dellien 4-6 6-2 6-3
P. Cuevas b. A. Ramos-Vinolas 6-3 3-6 6-3
[WC] F. Auger Aliassime b. J. Munar 6-4 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Del Potro eliminato a Delray Beach, salterà anche Acapulco. E con la Davis che si fa?

Dopo la sconfitta con McDonald in Florida, Delpo è costretto a ritirarsi anzitempo da Acapulco: “Mi manca la condizione fisica”. E sulla nuova Davis dice: “Continuo ad essere contrario”

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro - Delray Beach 2019 (foto via Twitter, @DelrayBeachOpen)

Si conclude con una sconfitta al tie-break decisivo contro il numero 84 del mondo, la terza partita stagionale di Juan Martin del Potro. L’argentino, al rientro dopo un lungo stop per infortunio alla rotula, è stato eliminato nei quarti di finale dell’ATP 250 di Delray Beach da Mackenzie McDonald, il quale raggiunge così la prima semifinale della carriera. Il tennista di Tandil comunque, prima di lasciare la Florida, ha speso delle belle parole per i tifosi che lo hanno incoraggiato durante la settimana. “Ho molto rispetto per i miei fan che hanno pagato un biglietto e sono venuti a vedermi. So che loro capiscono quando non sono in grado giocare, ma volevo comunque provarci e pensare di aver fatto uno sforzo. Volevo giocare perché è la ragione per cui sono venuto a Delray Beach. Il punteggio finale (4-6 6-3 6-7) non mi interessa” . 

Del Potro questa settimana ha alternato bei colpi a momenti in cui non è sembrato molto in forma, e quanto meno c’è una nota positiva riguardante  il servizio (solo ieri ha messo a segno 16 ace). “Volevo fare un grande sforzo stasera. Ho combattuto fino all’ultimo punto e ho avuto molte opportunità, ma è difficile vincere le partite quando non puoi muoverti al 100%“. E infatti proprio la mobilità tutt’altro che fluida ha in qualche modo condannato Juan Martin.

 

Già verso la metà del primo set l’argentino ha iniziato ad essere molto impacciato e molto contratto nei movimenti. Chi lo segue con assiduità sa bene che spesso, quello di trascinarsi per il campo, è il suo abituale atteggiamento, ma applicarlo così presto in partita deve necessariamente essere un segnale. McDonald non si è scomposto minimamente di fronte al gigante, anzi gli ha inferto colpi letali e con una serie di 10 punti consecutivi si è portato avanti di un set. Nel secondo parziale la testa di serie n. 1 è tornata a farsi sotto, soprattutto con il suo poderoso dritto, e sfruttando al massimo un piccolo passaggio a vuoto dell’americano si è riportato in parità.

Tuttavia è stato proprio il dritto, la sua arma principale a tradirlo nel tie-break decisivo del terzo set: con due errori del Potro ha mandato il suo avversario avanti 5-2, e a quel punto per Mackenzie non è stato difficile agguantare la prima vittoria in carriera contro un top10

“I medici dicono che ho bisogno di tempo se voglio essere al 100%, ma non voglio stare a casa a guardare i tornei in TV. L’ho già fatto ed è stato davvero brutto per me”, ha proseguito poi del Potro, ma al momento sembra proprio che il numero 4 del mondo si debba accontentare di restarsene sul divano. Infatti dopo aver accettato una wild card dagli organizzatori dell’ATP 500 di Acapulco – dove tra l’altro difende il titolo – è stato costretto a ritrattare e dare forfait. Motivazione: ancora una volta la lesione al ginocchio. “Ho giocato tre partite dopo quattro mesi di distanza e questa è la cosa migliore per me”, ha detto. “So quanto posso essere buono quando sono pronto, ma non sono ancora nella condizione fisica per giocare a questo livello“.

Parlando poi alla ESPN spagnola, del Potro ha anche rivolto uno sguardo al futuro, in particolare alle Finali di Davis in programma a novembre. Quando gli viene chiesto se si è lasciato una porta aperta per un’eventuale partecipazione, lui risponde in maniera tanto pacata quanto vaga: La mia posizione nei confronti della Davis non cambia. Ho un’opinione contraria al riguardo. Bisogna far passare ancora un po’ di tempo, manca molto a novembre. Come tutte le modifiche, credo che sia necessario dargli un po’ di tempo per vedere se è stata buona o meno e se le persone che la disputano si adatteranno”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement