La piccola Yastremska è devastante, Wang deve arrendersi a Hong Kong

WTA

La piccola Yastremska è devastante, Wang deve arrendersi a Hong Kong

La 18enne ucraina domina in lungo e in largo la cinese, una delle giocatrici più in forma del momento, tirandole ben 33 vincenti sul muso. È la seconda ‘millenial’ a vincere un titolo dopo Danilovic

Pubblicato

il

Per il gioco espresso in queste settimane, probabilmente Qiang Wang avrebbe meritato più dell’unico titolo vinto a Guangzhou contro Yulia Putintseva. A Wuhan si è arresa di tennis e di gambe all’ottima Kontaveit, a Pechino non ha avuto possibilità al cospetto di Wozniacki e qui ad Hong Kong, dove giocava sostanzialmente da favorita, è stata sommersa dagli oltre trenta vincenti della diciottenne Dayana Yastremska, che diventa così la seconda giocatrice nata nel nuovo millennio a vincere un titolo dopo Olga Danilovic, campionessa a Mosca. Yastremska farà anche un significativo salto in classifica raggiungendo la 66esima posizione, a poco più di 200 punti dalla top 50; questo risultato le permetterà anche di evitare le qualificazioni nel prossimo torneo di Lussemburgo e di prendere parte al tabellone principale come Special Exempt (esordirà contro Flipkens).

Trentatré a sette. Basterebbe questo dato, il confronto dei colpi vincenti, a spiegare quanto sia apparsa inerme la cinese al cospetto della giovane tennista ucraina. Un dato che assume ancora maggior valore se si considera che Wang, le cui gambe al momento girano a mille, non è esattamente la giocatrice contro cui sia più semplice vincere il punto senza permetterle neanche un tocco. Yastremska affronta la partita come un unico gigante game da archiviare al più presto, dimostrando in egual misura personalità e voglia di primeggiare. Fatte le prove generali nel primo turno di servizio di Wang, dal 2-2 attiva una modalità di gioco semplicemente insostenibile per le difese della sua avversaria: va a segno con entrambi i fondamentali, sebbene la sua postura in campo tradisca la preferenza del dritto, e lasciando solo sei punti a Wang nei restanti quattro giochi del set chiude con un perentorio 6-2.

Continuando a spingere senza sosta, Yastremska porta a otto la striscia di game vinti consecutivamente allungando sul 4-0 anche nel secondo set. Adesso la cinese non è sottomessa solo dal punto di vista tennistico ma anche sotto il profilo agonistico, e l’ucraina si lancia in alcuni incitamenti tanto esuberanti da apparire financo eccessivi (ma data l’età, sono comportamenti ampiamente perdonabili). Il game che Wang riuscirà a vincere nel secondo parziale può fermare solo parzialmente la furia di Yastremska, che ottiene un altro break e va a servire sul 5-1 per il primo titolo nel circuito maggiore. Nonostante la diciottenne provi a soffocare la tensione con il solito gioco di pressione, servire per un traguardo così importante è un evento che normalizza le reazioni di tutti e porta, invariabilmente, ad avere un po’ di braccino. Yastremska aveva giocato sei finali prima di oggi ma tutte nel circuito ITF, l’ultima delle quali a Roma quest’anno contro la (poco) più giovane Potapova, 17 anni: quella partita si era trasformata nella perfetta rivincita della finale junior persa a Wimbledon nel 2016.

 

In quell’occasione, sui prati di Church Road, Yastremska era riuscita ad annullare sei match point alla sua avversaria prima di capitolare. Oggi è lei a sprecarne tre prima di poter finalmente alzare le braccia al cielo e liberare la comprensibile commozione. Yastremska, nelle battute finali, oscilla tra esuberanza e paura: si guadagna il secondo match point con un ace e lo sciupa con un doppio fallo, con un altro errore al servizio – questo di quasi un metro – concede a Wang una palla break e poi ancora un’altra a causa di un dritto sballato. Poi, un ultimo momento di lucidità: cancella la quarta e ultima occasione di rimonta della cinese con un prepotente dritto al volo, si guadagna il quarto match point con un dritto incrociato di notevole fattura e chiude la contesa con un servizio vincente, facendo tutto in pochi secondi per evitare di tornare ad accusare la tensione.

La ragazza ha compiuto 18 anni lo scorso maggio e ogni pronostico si può fare sul suo conto. A suo favore giocano una conformazione fisica compatta e agile, che le permette di sprigionare potenza nei colpi e grande elasticità nei gambe. La prima di servizio è già molto strutturata in relazione ai 175 centimetri di altezza, che la configurano come un normotipo a livello femminile, mentre sulla seconda si dovrà ancora lavorare (è un difetto molto comune a quest’età, che non preoccupa più di tanto). Soprattutto Dayana fa male da fondo campo con entrambi i fondamentali, rischia e dimostra di voler essere sempre la prima a decidere come giocare il punto. Alcuni eccessi di personalità andranno forse smussati, ma non è il tempo di migliorarsi a mancarle. Di sicuro c’è una cosa: tra Yastremska e Danilovic, con le aggiunte di Potapova e Anisimova (che hanno entrambe già raggiunto una finale, pur sconfitte), sembra davvero che le millenial abbiano intenzione di incendiare il circuito con largo anticipo sulla tabella di marcia. 

(via Twitter, @HKTennisOpen)

A.S.

D. Yastremska b. [6] Q. Wang 6-2 6-1

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA 125 Bol, trionfa Paolini: per lei titolo e best ranking

La 25enne toscana supera l’olandese Rus in finale e festeggia il suo primo titolo

Pubblicato

il

Jasmine Paolini - Roland Garros 2021 (ph. © Loïc Wacziak_FFT)

Il tennis femminile italiano torna ad esultare grazie a Jasmine Paolini: la 25enne toscana si laurea campionessa al WTA 125 di Bol (Croazia) dopo aver superato in finale Arantxa Rus con il risultato di 6-2, 7-6. Si tratta del primo titolo in questa categoria di tornei per la tennista italiana, che grazie a questo successo sale al best ranking di numero 87 del mondo.

Reduce dal secondo turno al Roland Garros dove era caduta per mano di Maria Sakkari, Paolini ha centrato una settimana da sogno infilando le vittorie contro Kuzmova, Havarcova, Kucova e Blinkova, prima della finale contro la tennista olandese, perdendo un solo set in cinque partite. Una dolce rivincita dopo che a inizio maggio Jasmine si era arrampicata fino alla finale di un altro WTA 125, a Saint-Malo, perdendo in quell’occasione dall’elvetica Viktorija Golubic.

Continua a leggere

Flash

WTA Nottingham: Konta, Zhang e Mladenovic ai quarti. Vekic KO

Nel primo torneo di preparazione a Wimbledon la numero uno britannica prova a riprendere la corsa dopo un lunghissimo periodo buio. Heather Watson perde il derby con Boulter

Pubblicato

il

Johanna Konta - Nottingham 2021 (via Twitter, @the_LTA)

Johanna Konta prova a ritrovare qualche certezza smarrita nel primo torneo di warm up sull’erba pre-Wimbledon. La numero uno britannica, tuttora ancorata alla top 20 WTA ma reduce da un lungo periodo colmo di infortuni e risultati negativi, battendo in tre Katerina Kozlova al terzo turno di Nottingham ha raccolto la quinta vittoria stagionale e il primo quarto di finale da Cincinnati 2020: un brodino, ma ricostituente. Mentre scriviamo, l’ex numero 4 del ranking sta affrontando Alison Van Uytvanck per un posto in semifinale, ma soprattutto per ritrovare un briciolo della giocatrice che fu: nel caso, Wimbledon potrebbe rappresentare l’inizio di una nuova stagione migliore.

Tra le teste di serie superstiti bene Kiki Mladenovic e Shuai Zhang, brave a sbarazzarsi di Caty McNally e Zarina Diyas, mentre abbandonano il torneo Donna Vekic, battuta da un’ottima Nina Stojanovic, e Heather Watson – recentemente multata di 1900 sterline perché sorpresa alla guida della Mercedes del fidanzato senza assicurazione -, KO nel derby con Katie Boulter: quest’ultima, nel proprio spicchio a sud del tabellone, attende la vincente del match tra Alison Riske – la quale, nella giornata, di ieri aveva già vinto grazie a un’ incredibile rimonta il suo incontro di secondo turno contro Xiyu Wang – e Lauren Davis, interrotto ieri sul punteggio di un set pari.

Risultati:

 

Secondo turno

[2] A. Riske b. Xiy. Wang 6-3 5-7 7-6(3)

Ottavi di finale

[8] A. Van Uytvanck b. [10] V. Golubic 6-1 7-5
[1] J. Konta b. K. Kozlova 6-2 1-6 6-3
[7] K. Mladenovic b. C. McNally 7-6(6) 1-6 6-1
[15] N. Stojanovic b. [3] H. Watson 6-3 6-4
[17] T. Martincova b. [LL] G. Garcia-Perez 6-1 3-6 6-2
[WC] K. Boulter b. [9] H. Watson 7-6(4) 6-3
[4] S. Zhang b. [16] Z. Diyas 6-4 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

WTA Nottingham: Konta guida il tabellone. Giorgi out, entra Di Giuseppe come lucky loser

Gatto-Monticone sfiderà la statunitense Dolehide, mentre Di Giuseppe attende la cinese Xiyu Wang. Fuori anche Danielle Collins

Pubblicato

il

Johanna Konta a Nottingham (2017)

Lo spostamento di una settimana del Roland Garros ha fatto in modo che la stagione su erba prendesse il via in contemporanea con la seconda settimana dello Slam parigino. Il primo torneo femminile della stagione sarà il Viking Open Nottingham, categoria WTA 250, il cui tabellone vedrà al via ben 48 atlete, con le 16 teste di serie che beneficeranno di un bye al primo turno. 

La testa di serie numero 1 del tabellone è la atleta di casa Johanna Konta, numero 20 del ranking WTA. La 30enne, nata a Sidney, è stata eliminata al primo turno a Parigi e finora è stata protagonista di un pessimo 2021, nel quale ha ottenuto solo tre successi. Al secondo turno attende la vincente della sfida tra l’australiana Inglis e l’olandese Pattinama Kerkhove (qualificata).

(parte alta del tabellone: clicca per ingrandire)

La testa di serie numero 2 è l’americana Alison Riske. La numero 28 ha saltato lo Slam francese a causa dell’infortunio al piede sinistro che l’aveva costretta al ritiro a Roma. Il ritorno in campo avverrà al secondo turno, dove affronterà la vincente della sfida tra la 20enne cinese Xiyu Wang (n. 145) e la nostra Martina Di Giuseppe (n. 194). L’azzurra, sconfitta nel turno di qualificazione dall’inglese Moore, è stata ripescata come lucky loser dopo i forfait di Giorgi e Collins arrivati a tabellone compilato. Tra la Di Giuseppe e la giovane cinese vi è un unico precedente datato 2018, quando l’azzurra si impose in tre set nel torneo ITF di Madrid 2.

 
(parte alta del tabellone: clicca per ingrandire)

Accreditata della testa di serie numero 3 Donna Vekic (n.36), vincitrice del torneo inglese nel 2018 in finale proprio contro Konta. La croata affronterà la vincente della sfida tra la svizzera Kung e la qualificata britannica Grey. Testa di serie numero 4 per Shuai Zhang (n.46) che completa il quadro delle top-50 presenti al via. Per la cinese al secondo turno una tra la connazionale Xinyu Wang e l’australiana Arina Rodionova.

Oltre a Di Giuseppe, per i colori italiani al via anche Giulia Gatto-Monticone (n.172), che al primo turno affronterà la 22enne americana Caroline Dolehide (n. 164). L’unico precedente tra le due è datato febbraio 2020; nel turno di qualificazione del WTA di Acapulco, la statunitense sconfisse l’italiana in due set. La vincente di questo match troverà al secondo turno la testa di serie numero 17 Tereza Martincova (n. 94), rientrata all’ultimo minuto nel seeding assieme a McHale (18° e ultima testa di serie).

Il tabellone completo del torneo


Articolo a cura di Giuseppe Di Paola

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement