Serie A1, verso la terza giornata: TC Prato a caccia di punti

Flash

Serie A1, verso la terza giornata: TC Prato a caccia di punti

La squadra femminile ospita Parioli. Gli uomini (ancora a zero punti in classifica) in trasferta a Vigevano contro il Selva Alta

Pubblicato

il

Domenica 28 ottobre si disputerà la terza giornata della Serie A1 di tennis, con le donne del Tc Prato, reduci dalla vittoria contro il Tc Beinasco per 3-1, che affrontano in casa (via Firenze) il Tc Parioli Roma in una gara molto attesa. Gli uomini saranno invece in trasferta a Vigevano contro il Selva Alta, che dopo aver superato La Vela Messina all’esordio è riuscito a pareggiare 3-3 in Liguria con la squadra favorita del girone, il Park Genova. Il match che si disputerà al Tc Prato, ingresso libero dalle 10, vedrà due formazioni storiche di questo campionato sfidarsi per conquistare la vetta della classifica. Tutte e quattro le squadre del girone sono a 3 punti e quindi la partita vale molto per conquistare i primi due posti che valgono la semifinale – spiega il ds del Tc Prato, Fausto Fusile ragazze sono state molto brave a superare il Tc Beinasco in un match con forti emozioni vinto soprattutto per il cuore che hanno messo le nostre due storiche giocatrici, da sempre con noi, Martina Trevisan e Lucrezia Stefanini“. Insieme a Stefanini e Trevisan, capitan Gianluca Rossi darà spazio all’altra giocatrice straniera del circolo laniero, la slovacca Kristina Kucova, con la presenza di Lisa Piccinetti e Giada Bellini. Di fronte Martina Di Giuseppe, Nastassja Burnett e una straniera tra Silvia Soler Espinosa, Elena Ruse o Tena Lukas.

CLASSIFICA
3 (2) USD Tennis Beinasco
3 (2) A.S.D. Circolo della Stampa Sporting Torino
3 (2) Tennis Club Prato A.S.D.
3 (2) Tennis Club Parioli

Per quanto riguarda il team maschile capitanato dal maestro Antonio Cotugno, altra trasferta: l’avversario di turno è il Selva Alta Vigevano che è in testa al girone insieme al Park Genova con 4 punti e cercherà di giocarsi le sue chance per accedere alla semifinale fino all’ultima giornata. Alessandro Bega, Filippo Baldi, Roberto Marcora e Simone Camposeo gli avversari, con la possibilità di schierare uno fra Ignatik e Pospisil (numero 73 al mondo). Al contrario la formazione pratese dovrà fare a meno di Lorenzo Sonego e molto probabilmente anche di Matteo Trevisan. Il Tc Prato scenderà dunque in campo con Jacopo Stefanini, Federico Iannaccone (sempre vittorioso in singolare nelle prime due giornate), e Guglielmo Stefanacci, che ha esordito nel turno precedente dimostrando carattere e perdendo solo al terzo set. Dimitar Kuzmanov sarà il quarto singolarista per la formazione laniera.

 

CLASSIFICA
4 (2) Park Tennis Genova
4 (2) APD. Selva Alta Vigevano
3 (2) Circolo Tennis e Vela Messina
0 (1) Tennis Club Prato A.S.D

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tabellone di Praga: Giorgi e Paolini possono incontrarsi al secondo turno. C’è Halep

In Repubblica Ceca torna in campo la numero 2 del mondo, che esordirà contro Polona Hercog. Giorgi sceglierà di partecipare?

Pubblicato

il

Simona Halep - Roland Garros 2018 (foto @Gianni Ciaccia)

Il Prague Open, secondo torneo femminile di questa ‘nuova’ fase della stagione, è pronto a cominciare in una settimana che vedrà lo svolgimento di un altro WTA International – il Top Seed Open di Lexington.

A Praga rivedremo in campo Simona Halep oltre ad alcune giocatrici che hanno già esordito a Palermo, tra cui Martic, Yastremska, Siegemund e le italiane Jasmine Paolini e Camila Giorgi; quest’ultima è ancora in gioco nel torneo siciliano e in semifinale è opposta a Fiona Ferro (anche lei è iscritta al torneo di Praga). Nel primo pomeriggio è stato sorteggiato il tabellone principale ed è iniziato il torneo di qualificazione, dal quale è stata eliminata l’unica italiana presente, Giulia Gatto-Monticone.

Di seguito gli accoppiamenti del main draw:

 

Giorgi e Paolini, rientrate nel taglio a seguito di alcune defezioni, cominceranno il torneo rispettivamente contro una qualificata e contro Elise Mertens; per Jasmine si tratta chiaramente di un incrocio molto complicato, poiché la belga è la terza testa di serie del torneo, ma in caso di doppia vittoria le italiane si incontrerebbero al secondo turno.

Simona Halep indosserà la casacca di favorita e inizierà contro Polona Hercog, per poi affrontare eventualmente una tra la connazionale Tig e Krejcikova. Dalla parte opposta del tabellone c’è Petra Martic, eliminata in semifinale a Palermo in una partita durante la quale ha accusato un fastidio alla coscia che potrebbe anche compromettere la sua presenza in Repubblica Ceca. Qualche dubbio pende anche dalla parte di Camila Giorgi, che come detto è ancora in gioco a Palermo.

Quattro le giocatrici di casa presente in tabellone, tra cui la giovanissima Linda Fruhvirtova, che di recente abbiamo visto in campo da Mouratoglou. La quindicenne affronterà la connazionale Krystina Pliskova.

Continua a leggere

Flash

Spadafora punge Binaghi (senza nominarlo): “Furbetto chi convoca le elezioni prima della nuova legge…”

In un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’, il ministro difende il suo Testo Unico, ancora in attesa di approvazione: “La legge è assediata da chi teme di perdere potere. Finalmente si cambia un sistema fermo da decenni”

Pubblicato

il

Il sesto mandato di Angelo Binaghi è ormai solo una formalità, poiché sarà l’unico candidato presidente dell’assemblea elettiva del 12 settembre che si terrà presso il Parco del Foro Italico. Sarà così soprattutto in virtù dei colloqui piuttosto infruttuosi del ministro dello Sport Vincenzo Spadafora con le parti politiche, che stanno ostacolando il processo di approvazione del suo Testo Unico per lo Sport. Un testo che avrebbe dovuto inserire un limite rigido di tre mandati per i presidenti federali, e che invece con ogni probabilità non verrà approvato prima della rielezione di Binaghi.

Una scelta, quella di convocare in tutta fretta l’assemblea elettiva, che Vincenzo Spadafora ha velatamente criticato in un intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport. Quando gli viene fatto notare che il suo tentativo di inserire il limite dei tre mandati (che non sarebbe retroattivo) sembra di fatto un mero sfoggio muscolare, risponde così: “La prova muscolare, anzi furbetta, è di chi convoca le elezioni prima che la legge entri in vigore per evitare la fine del proprio regno“. Non c’è il nome di Angelo Binaghi accanto all’accusa, ma chiaramente è uno dei destinatari.

La legge è assediata da chi teme di perdere potere, accerchiata da chi pensa alla propria poltrona. Invece che agli aggettivi, penso ad un avverbio: finalmente. Finalmente stiamo per dare al mondo dello sport una governance chiara, finalmente si cambia un sistema fermo da decenni” si difende Spadafora, che deve fare i conti anche con un problema di carattere temporale. La delega del Governo per riordinare le competenze di CONI e Sport e Salute, e più in generale per procedere con il riassetto dello sport italiano, scade il 31 agosto – dodici mesi dopo l’entrata in vigore della legge che ha stabilito questa finestra temporale. Da settembre si entrerebbe in un territorio inesplorato, e con ogni probabilità servirebbe un nuovo intervento legislativo per giustificare l’esigenza di una riforma dello Sport.

 

Spadafora ha ammesso di aver tentato di ‘restituire’ questa delega ricevendo il diniego del Premier Conte. Ma il percorso di approvazione del suo Testo Unico è assai dissestato: i presidenti federali costituiscono una opposizione compatta e Malagò, presidente del CONI, continua ad agitare lo spauracchio dell’intervento del CIO: “Si sta scherzando con il fuoco. Se dovesse cadere la legge delega sulla riforma dello sport, le conseguenze con il CIO in termini di sanzioni saranno sicure e immediate“. I rischi, già paventati negli scorsi mesi, potrebbero riguardare la partecipazione del contingente italiano alle Olimpiadi di Tokyo e l’organizzazione delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026.

Per Spadafora questo rischio non esiste: “A parte che onoreremo gli impegni presi, ma a lei sembra credibile che all’Italia venga tolta la bandiera, come è successo in passato solo in situazioni estreme? A me, onestamente no“.

Oltre al tempo che corre, l’altro punto critico della riforma di Spadafora sembra essere la difficoltà di trovare il giusto equilibrio tra le competenze di CONI, Sport e Salute e del nuovo Dipartimento Sport del ministero, che per qualcuno potrebbe finire per rappresentare una ingerenza eccessiva della politica nel mondo dello sport. All’interno di questa linea di pensiero avversa all’operato del governo, trova spazio anche la critica per la candidatura della sindacata di Torino, Chiara Appendino, al consiglio della Federtennis. “La sindaca Appendino non si candida alla presidenza, le incompatibilità valgono per i presidenti” si difende Spadafora.

Continua a leggere

Flash

Zverev conferma Ferrer come coach fino alla fine del 2020

Il periodo di prova si è concluso con successo. Lo spagnolo seguirà Sascha per tutta la stagione

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

A inizio luglio, Alexander Zverev aveva deciso di assumere in prova David Ferrer come suo coach. Il primo impatto deve essere stato molto positivo perché Sascha ha deciso di estendere la collaborazione con l’ex numero 3 del mondo fino alla fine del 2020. “Quando alcune settimane fa stavo cercando un altro membro per il mio team, continuavo a pensare alla professionalità di David, alla sua capacità di spremere molto dal suo fisico e dal suo gioco“, ha dichiarato Zverev ai media tedeschi. “È stato subito evidente che i nostri obiettivi e le nostre personalità combaciavano. Sono un giocatore che ha bisogno di ripetizione. In questo, David è perfetto“.

Ferrer, che proprio contro Zverev ha concluso la propria carriera a Madrid nel 2019, affiancherà il padre di Sascha, da sempre coach insostituibile del tedesco.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement