Zhuhai: eliminate Kasatkina e Kontaveit, parte bene Muguruza

WTA

Zhuhai: eliminate Kasatkina e Kontaveit, parte bene Muguruza

Anche Qiang Wang e Julia Goerges appese a un filo: la cinese e la campionessa in carica in semi solo vincendo in due set i rispettivi ultimi incontri

Pubblicato

il

Decisamente più scoppiettante il mercoledì sul Mare delle Perle rispetto alla sonnacchiosa giornata d’esordio. Certo, la cosiddetta cornice di pubblico non è un granché, ma le partite frizzano anche più di quelle viste al Master vero la settimana scorsa a Singapore. I match di oggi, due su tre oltre il limite delle due ore accompagnati dalla facile vittoria di Madison Keys sulla stremata Daria Kasatkina, hanno emesso i primi verdetti. Già eliminate, chiuderanno la stagione entro il fine settimana la medesima Dasha, la quale paga anche il set smarrito ieri nel successo tra i crampi su Qiang Wang e Anett Kontaveit, vincitrice oggi contro la detentrice del titolo Julia Goerges ma perdendo un parziale sanguinoso, il secondo, che sommato al KO in due patito ieri contro Elise Mertens la estromette dalla competizione.

Se la caduta di Kontaveit è solo metaforica, Goerges ha dovuto patirne una reale: a fine secondo set, in un maldestro tentativo di cambiare direzione, ha perso gli appoggi e ha battuto l’anca su cemento. Dopo aver applicato del ghiaccio è riuscita a concludere comunque il suo incontro, sembra senza grosse conseguenze.

Risultano per l’appunto ancora vive, ancorché appese a un filo sottilissimo, la rampante cinese e la tedesca, costrette a vincere i loro ultimi incontri senza farsi borseggiare set alcuno da Madison Keys e Mertens se vorranno giocare anche nel week-end. Nell’unico match odierno non ancora menzionato, è riapparsa provvista di vittoria Garbine Muguruza, la quale, nella sfida inaugurale del girone delle camelie, ha superato soffrendo il giusto Shuai Zhang, l’altra beniamina di casa ai nastri di partenza.

Domani il cartellone prevede gli ultimi attesi debutti, quelli di Caroline Garcia e Anastasija Sevastova, e le ultime pericolose spiagge, agognate da Goerges, Zhang e Barty. Elise Mertens potrà invece giocarsi un interessante match point.

Risultati: 

Gruppo Rosa

[10] A. Kontaveit b. [5] J. Goerges 6-2 4-6 6-4

Gruppo Azalea

[6] M. Keys b. [1] D. Kasatkina 6-2 6-4

Gruppo Camelia

[7] G. Muguruza b. [WC] S. Zhang 3-6 6-3 6-2

I gironi e il calendario
La classifica WTA aggiornata

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Charleston: Kovinic e Kudermetova si sfidano per conquistare il primo titolo

Danka Kovinic batte in due set Ons Jabeur. Veronika Kudermetova supera in due set Paula Badosa

Pubblicato

il

Danka Kovinic - Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

Semifinali a senso unico al Volvo Car Open di Charleston. Nella prima partita del programma la montenegrina Danka Kovinic (n. 91 WTA) ha regolato in due set la testa di serie n. 12 Ons Jabeur con il punteggio di 6-3, 6-2 in un’ora e 19 minuti. Dopo un break e un controbreak nei primi due giochi, Kovinic ha preso il comando della partita servendo molto bene e concedendo palle break solamente nel secondo game del terzo set. Giornata davvero no per la giocatrice tunisina, che si è anche lasciata andare a un paio di lanci di racchetta dopo aver sbagliato la risposta, gesto molto inusuale per lei.

Non mi aspettavo un risultato così netto oggi – ha detto Kovinic dopo la partita – mi sentivo piuttosto stanca all’inizio del match, ma fortunatamente è andata bene. All’inizio di questo torneo non ero troppo convinta del mio tennis, ma la fiducia nei miei mezzi è aumentata di match in match e ora sono arrivata in finale. Sono riuscita a rimanere calma anche nei momenti di tensione durante tutta la settimana e credo che questa sia stata la chiave delle mie prestazioni. Credo che dalla ripresa del circuito lo scorso anno sto giocando il mio miglior tennis, anche migliore di quando nel 2015-2016 ho avuto le mie stagioni migliori: sono più matura, ho più esperienza e penso di essere una giocatrice migliore”.

Veronika Kudermetova – Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

Nella seconda semifinale affermazione con periodico 6-3, 6-3 per Veronika Kudermetova, testa di serie n.15, sulla spagnola Paula Badosa (n. 71 WTA), che nei quarti di finale aveva eliminato la n. 1 del mondo Ashleigh Barty. Il primo set è scivolato via velocemente in poco più di mezz’ora con due break, uno all’inizio e uno alla fine del parziale. Più battaglia nel secondo parziale, che sul 2-2 ha visto un game di 20 punti andare a favore di Kudermetova dopo aver salvato due palle break. Da quel momento la partita è scivolata lentamente ma inesorabilmente in direzione della russa che ha così raggiunto la seconda finale della stagione dopo quella perduta ad Abu Dhabi contro Sabalenka.

 

Sono contenta di aver vinto questa partita anche perché non ho avuto troppo aiuto dalla prima di servizio, in ogni modo essere riuscita a superare una giocatrice come Paula facendo affidamento principalmente sulla seconda è un segnale molto positivo. Questa settimana ho giocato in maniera molto propositiva, cercando di utilizzare le mie armi appena possibile, e sono stata più regolare dell’ultima volta che ci siamo incontrate ad Abu Dhabi. Domani con Danka non mi aspetto nulla, ovviamente cercherò di vincere, ma non voglio mettermi addosso alcuna pressione”.

Domenica alle 13 ora locale (le 19 in Italia, diretta su SuperTennis), la finale determinerà chi delle due protagoniste si aggiudicherà il primo WTA 500 della loro carriera: un solo precedente tra le due, che risale al cemento di Shenzhen nel gennaio del 2019 e che ha visto Kudermetova imporsi in due set (6-4, 7-5).

Continua a leggere

Flash

Maria Camila Osorio Serrano, 19 anni, è in finale al WTA 250 di Bogotá

La campionessa dello US Open junior 2019 approfitta di un buon tabellone e raggiunge la prima finale tra le grandi. Sfiderà Tamara Zidansek

Pubblicato

il

Maria Camila Osorio Serrano - WTA Bogotá 2021 (Photo by Copa Cosalnitas)

Maria Camila Osorio Serrano, colombiana di 19 anni, si aggiunge al nutrito di gruppo di giocatrici nate dall’anno 2000 in poi che hanno raggiunto una finale nel circuito maggiore. Grazie al traguardo raggiunto sulla terra amica di Bogotá, sede di un WTA 250 in estrema altura, Osorio Serrano diventa anche la più giovane tennista colombiana in una finale WTA. Certo parliamo di una nazione che non è mai stata troppo rilevante tennisticamente, come prova la presenza di due sole giocatrici tra le prime 500 del mondo: la stessa Osorio Serrano, che guadagnerà una trentina di posizioni per appostarsi appena fuori dalla top 150, e la ventenne Emiliana Arango addirittura alla posizione 484. Ma il percorso netto di Osorio Serrano, che ha battuto in due set Vickery, Martincova, Voegele e per ultima Tan, reclama attenzione.

Tra le sue avversarie la sola Martincova aveva una testa di serie sulle spalle ed era compresa in top 100, mentre l’ultima fatica non è stata poi così… faticosa; la francese di origini cambogiane Harmony Tan si è arresa per 6-1 6-2 dopo meno di un’ora e mezza, lanciando così Osorio Serrano verso la sua prima finale in cui affronterà Tamara Zidansek, n.93 del mondo e quinta testa di serie, che si è imposta sulla bulgara Tomova in una partita con più break che servizi tenuti.

Insomma, un torneo dal campo partecipanti non certo sfavillante, che è stato ulteriormente impoverito dalla caduta prematura di quasi tutte le teste di serie (le n.1, 2 e 4, rispettivamente Zheng, Sorribes Tormo e Tauson, sono cadute al primo turno e l’olandese Rus al secondo), ha fatto le fortune di una tennista che appena due anni fa si laureava campionessa dello US Open junior e si congedava dal circuito giovanile da numero uno. E che adesso prova a farsi conoscere anche tra le grandi.

 

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

WTA Charleston: Badosa supera la n.1 Barty, niente da fare per Gauff

Paula Badosa elimina Ashleigh Barty, e trova Veronika Kudermetova. Danka Kovinic ritorna in semifinale dopo quasi cinque anni,dove affronta Ons Jabeur. Sconfitta Coco Gauff

Pubblicato

il

Paula Badosa - Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

Nonostante una fitta coltre di nubi che ha ricoperto il cielo sopra Daniel Island per tutta la giornata di venerdì, i quarti di finale del Volvo Car Open di Charleston si sono svolti regolarmente senza alcuna interruzione, se non qualche breve pausa per controllare la scivolosità delle righe al cadere di qualche goccia di pioggia.

Il primo match è stata una maratona di quasi tre ore nella quale la sorpresa del torneo Danka Kovinic, n. 91 WTA, è riuscita ad avere la meglio alla distanza della testa di serie n. 11 Yulia Putintseva. Dopo aver sconfitto la terza testa di serie Petra Kvitova agli ottavi, Kovinic ha rimontato uno svantaggio di un set in una partita che l’aveva vista andare in vantaggio per prima nel parziale d’apertura, salvo poi farsi rimontare il 4-2 iniziale e cedere al tie-break dopo oltre un’ora di battaglia. Kovinic poi, dopo aver vinto il secondo set, ha schiantato fisicamente l’avversaria aggiudicandosi il terzo parziale per 6-1 e raggiungendo così la sua quarta semifinale in carriera in un torneo WTA, la prima dal lontano 2016 e anche la prima a livello 500 (il vecchio “Premier”).

Credo che questa superficie si adatti molto bene al mio gioco e al mio servizio in kick – ha detto Kovinic dopo il match – e mentalmente mi sento molto in fiducia. Lo scorso anno durante il lockdown mi sono resa conto che il tennis mi mancava davvero e per questo ho iniziato ad allenarmi con grande entusiasmo all’accademia di Janko Tipsarevic a Belgrado”.

Danka Kovinic – Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

Kovinic affronterà in semifinale la tunisina Ons Jabeur, testa di serie n. 12, che ha superato in due set 6-3, 6-2 la diciassettenne Coco Gauff, protagonista di una prova estremamente deludente, soprattutto al servizio. Tredici doppi falli per lei, otto dei quali nel primo set e tre nell’ultimo game hanno facilitato il compito per la sua meglio classificata avversaria che le ha così impedito di conquistare la prima semifinale di un torneo 500.

 

Sono consapevole di essere in un buon periodo di forma, finalmente dopo sei quarti di finale sono riuscita a raggiungere una semifinale – ha dichiarato Jabeur nell’intervista post-partita – ho cercato di non commettere gli errori che commetto di solito ed è andata bene. Mentalmente mi sento meglio quest’anno rispetto all’anno scorso, quando avevo perso da [Gauff] per due volte, l’approccio a questa partita è stato differente e sono riuscita a ottenere una vittoria”.

Ma la sorpresa della giornata è arrivata nell’ultimo match della sessione pomeridiana, nel quale la spagnola Paula Badosa (n. 71 WTA) ha sconfitto la n. 1 del mondo Ashley Barty in due set, 6-4, 6-3.

Era la prima volta che giocavo contro di lei, per cui non sapevo esattamente come la palla sarebbe arrivata – ha detto Badosa dopo il match – Il suo diritto arriva molto velocemente, e con il rovescio varia molto le rotazioni, quindi ho capito che avrei dovuto rimanere vicina alla linea di fondo e accelerare ogni qualvolta ne avessi avuto l’occasione. È stata una splendida esperienza per me: quando si gioca contro una giocatrice di quella caratura, l’energia sul campo è completamente diversa, si percepisce che è una partita differente”.

Anche se ovviamente delusa dal risultato, Barty è comunque contenta di avere la possibilità di riposarsi dopo così tanti match giocati in poco tempo. Parlando della sua avversaria ha spiegato come abbia “servito molto bene e tenuto una grande profondità, cosa molto importante sulla terra. È una giocatrice molto forte ed è una gran lottatrice, e oltre ad aver servito bene è riuscita a trovare parecchi affondi di diritto che mi hanno messo in difficoltà”.

In conclusione di giornata l’ultimo match ha visto la russa Veronika Kudermetova (testa di serie n. 15) avere la meglio in due set (6-3, 6-4) della statunitense Sloane Stephens (n. 57 WTA). Decisamente in difficoltà Stephens contro le palle potenti della russa che ha approfittato anche dei parecchi errori dell’avversaria. “Sono molto contenta di questa vittoria, è la prima volta che batto una giocatrice che ha vinto una prova dello Slam, è molto importante per me. Oggi ho preso in mano la partita all’inizio e l’ho tenuta fino alla fine – ha dichiarato Kudermetova dopo la partita – La partita con Paula [Badosa] domani sarà fra due giocatrici che amano picchiare forte la palla, vediamo chi riuscirà a spuntarla”.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement