Barty vince a Zhuhai e sogna in grande

Nella finale del Elite Trophy l’australiana interrompe sul più bello il sogno della cinese Wang. Per lei ora c’è il best ranking (n.15) e tanta fiducia in vista degli Australian Open

Barty vince a Zhuhai e sogna in grande

Ashleigh Barty conclude come meglio non potrebbe la sua seconda stagione piena sul tour WTA, dopo un lungo periodo di riflessione che l’aveva portata addirittura ad abbandonare il tennis in favore del cricket. E forse, nel momento in cui ha sfogato tutta la sua felicità per aver vinto il titolo dell’Elite Trophy, il terzo e più importante della sua ancora giovane carriera, magari l’idea di aver fatto bene a ripensarci l’avrà sfiorata in qualche modo. Nella finale del torneo, altresì tristemente noto come “masterino”, Barty si è imposta con lo score di 6-3 6-4 in un’ora e 23 minuti di gioco sull’emergente cinese Wang Qiang. La prossima settimana, il ranking premierà entrambe le finaliste con la miglior posizione in carriera: la 22enne aussie sarà n.15 mentre la 26enne asiatica entrerà per la prima volta nelle Top 20.

IL MATCHIl primo set è piuttosto movimentato. Grazie ai break nel secondo e nel quarto gioco, Barty si porta rapidamente avanti per 4 a 0. Il destino del parziale sembra segnato. Tuttavia Wang riesce a strappare il servizio all’avversaria e si riporta sotto. Ma in svantaggio per 4 a 3 è ancora la battuta a tradirla e l’australiana va a servire per il set. Dopo un game alquanto tribolato, Barty porta a casa il parziale. Il secondo set ha un andamento molto più lineare, secondo i turni di servizi delle due giocatrici. L’equilibrio si rompe nel fatidico settimo gioco con la padrona di casa che cede per la quarta volta la battuta a quindici. Barty si invola sul 5 a 3 e al successivo turno di servizio conquista il match alla sua maniera, con una pregevole veronica di rovescio. Il risultato del match è sancito da due statistiche: la percentuale di vinti sulla seconda (59% per Barty contro 36% di Wang) e dal bilancio vincenti/errori gratuiti (22/27 per Barty, 15/27 per Wang).

 

NUOVI ORIZZONTI – Questo torneo, tanto ricco in termini di montepremi e punti quanto snobbato dagli appassionati, ha regalato grandi sorprese. Garbine Muguruza e Madison Keys erano chiamate a riscattare una stagione complicata. Entrambe hanno ceduto il passo a Wang: prima l’americana per colpa di un ginocchio malandato e poi in semifinale la spagnola a causa di una delle sue giornate no. Ne poteva approfittare la campionessa in carica Julia Goerges ma a fermarla è stata una splendida Barty nell’altra semifinale. E a godere alla fine sono proprio la cinese e l’australiana. Per Wang la finale è stata la conferma di una crescita esponenziale nella parte conclusiva della stagione. Da settembre, l’asiatica ha collezionato 21 vittorie a fronte di sole 6 sconfitte, scalato quasi 30 posizioni molto pesante e battuto 2 top 10. Insomma, Wang ha fatto bruscamente irruzione nell’élite del tennis femminile. Per Barty questo successo ha un sapore ancora più dolce. Nonostante qualche delusione nei tornei Major, forse dovuta ad un tennis troppo rischioso e qualche timidezza di troppo, l’australiana ha dimostrato di essere una tennista di assoluto livello. E chissà che non si tratti di un’iniezione di fiducia per l’inizio del 2019, in cui a giocare in casa sarà lei. E a Melbourne il caldissimo pubblico australiano di sicuro si farà sentire per Ashleigh.

 

 

 

CATEGORIE
TAG
Condividi