Finals: Bryan/Sock maestri al cardiopalma, ma ora si separano

Focus

Finals: Bryan/Sock maestri al cardiopalma, ma ora si separano

I due statunitensi rimontano e battono Herbert/Mahut, annullando anche match point in un super tiebreak denso di emozioni. 121esimo titolo di categoria per Mike. Dal 2019 si ricomporrà la coppia con Bob

Pubblicato

il

[5] M. Bryan/J. Sock b. [8] P-H Herbert/N. Mahut 5-7 6-1 [13-11]

Mike Bryan e Jack Sock sono i maestri del doppio del 2018. La coppia statunitense ha superato Nicolas Mahut e Pierre Hugues Herbert al termine di un palpitante super tiebreak conclusosi col punteggio di 13-11. La partita ha cambiato volto molte volte e ha vissuto di alti e bassi, con i quattro protagonisti quasi mai contemporaneamente al loro massimo. Decisivo per la sconfitta dei francesi è stato il calo vistoso di Herbert nel secondo set e nel tiebreak finale. Dall’altra parte invece Sock ha menato come un fabbro dall’inizio alla fine, mentre Mike è salito in cattedra nel momento di maggior rischio dopo un inizio in sordina. Il gemellone si è andato a prendere di forza il quinto titolo alle Finals (secondo nella classifica all time dietro a McEnroe e Fleming), diventando inoltre il sesto giocatore a trionfare nel torneo di fine anno con almeno due partner diversi. La sua straordinaria bacheca ora conta 121 titoli tra cui 18 Slam e una medaglia d’oro olimpica.

Nel primo set l’equilibrio si spezza nel settimo gioco, grazie a un bel pallonetto di Mahut. I francesi sono molto aggressivi e si presentano a rete appena possono, costringendo gli avversari a continui tentativi di passante. Il duo a stelle e strisce recupera subito lo svantaggio affidandosi al bombardamento di Sock che col dritto aggredisce e punisce le numerose seconde dei transalpini. Sul 5-5, due risposte vincenti (una di rovescio di Mahut e una di dritto di Herbert) procurano altre due palle break, basta la prima: 6-5. È poi ancora Sock a rimettere nei guai i francesi con la risposta, portandosi sul 15-40. Sulla seconda palla break però un tentativo di ribattuta vincente finisce fuori di pochissimo e un complicato smash di Herbert sul deciding point regala il set ai francesi.

 

In avvio di secondo set le cose cambiano drasticamente. Herbert e Mahut, in lite con la prima di servizio dall’inizio del match, si incartano e subiscono un parziale di 12 punti a 2 che porta gli statunitensi sul 3-0. Herbert, fino a questo punto il migliore in campo, scompare letteralmente e si fa strappare la battuta una seconda volta spedendo Bryan/Sock verso un facile 6-1 che rimanda l’assegnazione del titolo al super tiebreak.

Anche nel jeu decisif le cose non migliorano per Herbert che sbaglia un facile smash e una volèe ancora più semplice, consentendo agli avversari di scappare sul 6-3. Quando il tabellone si ferma sul 9-5, Mike Bryan sta per servire e la partita sembra chiusa. Mahut però impatta benissimo la risposta con il suo terso rovescio e fulmina Mike. Arrivano due punti al servizio per la coppia francese che poi riesce ad annullare anche il quarto match point, sul servizio di Sock. Anche la quinta chance di chiudere la pratica scivola via e stavolta è il turno dei francesi arrivare ad un punto dalla vittoria. Mike allontana il pericolo con lo smash e si guadagna un sesto match point. L’epilogo è amarissimo: Herbert, autore di prodezze a rete in occasione del quarto e quinto match point, commette l’ennesimo doppio fallo e consegna la vittoria agli statunitensi.

IN CONFERENZA – Seduti uno accanto all’altro probabilmente per l’ultima volta di fronte ai microfoni, Mike Bryan e Jack Sock hanno ufficializzato la fine della loro partnership a causa dell’imminente ritorno in campo di Bob Bryan, infortunatosi la scorsa primavera. Una collaborazione incredibilmente fruttuosa, che in appena cinque mesi è stata decorata con i tre trofei più importanti della seconda metà di stagione: Wimbledon, US Open e adesso le Finals. “È così che chiunque vorrebbe iniziare e finire una collaborazione. Vincere qui è un’esperienza epica, finire la stagione battendo le coppie migliori al mondo. Il modo in cui l’abbiamo fatto poi, con il brivido; è stato emozionante. Avrò dei ricordi incredibili di questa stagione con Jack, ma ora questo capitolo si chiude perché Bob sta tornando. Rimarremo grandi amici e ci alleneremo assieme in off-season“.

Dall’altra parte, lungi dal provare rancore per l’ovvia e annunciata decisione del suo partner temporaneo, Jack Sock ha invece ringraziato Mike per averlo aiutato a superare i momenti difficili di questa stagione. Sempre con il sorriso sulle labbra, dopo aver risposto con un sarcastico ‘Really?‘ alla domanda sul suo rendimento quest’anno in singolare, si è espresso così. “Sì, non ho avuto una grande stagione ma credo che ogni successo sul campo sia importante. Senza il doppio non so dove sarei adesso e come mi sentirei rispetto allo sport. Mike e il suo team, oltre al mio team e alla mia famiglia, hanno provato a tenermi su e a farmi percepire energia positiva. Senza questi successi in doppio sarebbe stata un’annata durissima. Guardandomi indietro sarò dispiaciuto da un lato per questo 2018 e molto orgoglioso dall’altro”.

Non solo un consistente ausilio psicologico, anche e soprattutto una grande lezione di etica del lavoro e professionalità. Quest’esperienza non è seconda a nessuna. Mike e Bob ne hanno passate di ogni tipo, alti e bassi, hanno viaggiato ovunque giocando qualsiasi torneo, sono stati in vantaggio e in svantaggio, hanno visto tutto; ho assorbito tutti i consigli che ho potuto. Più di tutto la loro positività, la loro energia, la loro routine rigorosa. Sono professionisti consumati. Questo probabilmente aiuterà molto la mia carriera“. 

Jack ripartirà da zero o quasi in singolare – almeno con la certezza di essere in tabellone a Melbourne – e dovrà scegliersi anche un nuovo partner per continuare la sua carriera di doppista.

 

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

WTA, diario di un decennio: il 2014

Quinta puntata dedicata al decennio appena terminato in WTA: gli ultimi Slam di Li Na, Sharapova e Kvitova, e Serena Williams che raggiunge Evert e Navratilova. Ma soprattutto un anno ricco di match indimenticabili

Pubblicato

il

By

Simona Halep e Maria Sharapova - Roland Garros 2014

Quinto articolo dedicato agli anni ’10 del tennis femminile, che tratterà del 2014. Per la illustrazione dei criteri adottati, rimando alla introduzione del primo articolo, pubblicata martedì 26 novembre.

ANNO 2014

 

La fine del triello
Il torneo di Brisbane che apre il 2014 suggerisce assoluta continuità con le stagioni precedenti: Serena Williams supera in semifinale Sharapova e in finale Azarenka. Sono i tre nomi che hanno caratterizzato il 2012 e 2013. In realtà Brisbane è l’ultimo torneo riconducibile alla idea di “triello”. La situazione che ha caratterizzato la WTA nel biennio precedente sta per dissolversi, per ragioni differenti.

Innanzitutto i problemi fisici di Azarenka. La giocatrice capace di dare filo da torcere sul cemento a Serena Williams chiude la fase più alta della sua carriera. Se fra il 2011 e il 2013 negli Slam ha raggiunto 3 semifinali, 2 finali e 2 vittorie, dal 2014 non riuscirà più ad andare oltre i quarti di finale in un Major. Il ranking testimonia le difficoltà: numero 2 a fine 2013, numero 32 a fine 2014. La miglior Azarenka si rivedrà solo all’inizio del 2016, prima dello stop per maternità.

Anche per Williams nel 2014 cambieranno le cose: raddoppierà le sconfitte del 2013 (da 4 a 8) e probabilmente questo la porterà a rivedere la programmazione, concentrandosi solo sui tornei più importanti. Gli effetti si vedranno sulla sua agenda del 2015; è come se da quella stagione cambiassero le rivali: più che con le colleghe in attività, Williams comincia a misurarsi con le grandi giocatrici del passato per superare i loro record, nella virtuale gara fra le più grandi tenniste di tutti i tempi.

Resiste però ancora Sharapova, che nel 2014-2015 vivrà l’ultima grande fase della carriera, prima di andare incontro ai tanti problemi degli anni successivi, caratterizzati da seri infortuni e dalla squalifica della Wada.

Intanto però comincia a farsi avanti una nuova generazione. In particolare, dagli Internazionali di Italia 2013, ha compiuto un improvviso salto di qualità una giovane rumena, nata nel settembre 1991: Simona Halep. Partita dalle qualificazioni, ha raggiunto la semifinale del torneo di Roma e da quel momento ha cambiato marcia. Nel 2013 ha vinto ben sei tornei di livello crescente: prima tre International (Norimberga, s’Hertogenbosch, Budapest); poi due Premier (New Haven e Mosca); infine il “Masterino” di Sofia.

Per via dell’inerzia che caratterizza i meccanismi del ranking, Halep non è ancora arrivata ai vertici, ma è questione di giorni. Nel maggio 2013 era numero 64 del mondo, diventa Top 10 nel gennaio 2014 e da quel momento rimarrà fra le prime dieci della classifica per tutto il resto del decennio (unica a riuscirci).

La stagione dei grandi match
Ogni anno tennistico offre le proprie specificità, anche se rimane la scadenza fissa dei grandi appuntamenti (Slam e Premier Mandatory) e la regolarità dei cambi di superficie: prima il cemento, poi la terra, quindi l’erba infine il ritorno al cemento. Per quanto riguarda questa stagione, nella mia (del tutto personale) visione, direi che la principale caratteristica del 2014 è l’avere offerto molte singole partite di livello altissimo.

Ecco perché forse lo si potrebbe definire come “l’anno dei grandi match”. In vista della fine di questo ciclo di articoli ho provato a selezionare le partite più memorabili del decennio; e mi sono ritrovato davanti ad almeno cinque match del 2014 che proprio non saprei come escludere dalla lista definitiva. Il primo si svolge a Melbourne, durante gli Australian Open.

a pagina 2: Li Na e gli Australian Open

Continua a leggere

Racconti

2019, il tennis a marzo: nel deserto sboccia un fiore, Bianca Andreescu

A Indian Wells la giovane canadese centra un primo storico successo e pone le basi per la corsa al primo Slam della carriera

Pubblicato

il

Marzo per chi segue il tennis è il mese del “Sunshine Double”. Nel 2019, marzo è stato però soprattutto il mese di Bianca Andreescu. La ragazza canadese, classe 2000, si è mostrata al mondo trionfando nel deserto di Indian Wells e ponendo le basi per il primo successo a livello Slam. Esattamente come era capitato nel 2018 ad un’altra giovane stella, Naomi Osaka, vincitrice in California e poi agli US Open. Oltre al suo tennis vario, elegante e potente, Bianca si è subito fatta volere bene da (quasi) tutti per il suo carattere solare, ma incredibilmente determinato.

Entrata in tabellone grazie ad una wild card, Andreescu infila quattro successi perentori contro Begu, Cibulkova, Voegele e Wang prima di lasciare solo un gioco ad una Garbine Muguruza in cerca d’autore, ma pur sempre numero 20 del mondo e bicampionessa Slam. In semifinale contro Elina Svitolina, testa di serie numero 6, la giovane canadese gioca da veterana continuando a incantare il pubblico con la varietà del proprio repertorio tennistico, ma soprattutto con l’enorme sicurezza nei propri mezzi che dimostra ogni volta che mette piede in campo.

In finale l’attende Angelique Kerber, alla ricerca del primo titolo in un Premier Mandatory, ma con tre scintillanti Slam in bacheca. Bianca però non sembra intimorita dal palmares e dal lignaggio dell’avversaria, anzi prende subito in mano la partita e fa suo il primo set. Niente sembra spaventarla o scuoterla, né il secondo set perso contro una Kerber mai doma, né i crampi, né i tre match point mancati sul 5-3 con conseguente controbreak. Menando vincenti a destra e a manca si procura subito un’altra occasione: stavolta è quella buona e Bianca si regala così il primo titolo della carriera. E che titolo.

Oltre al suo cristallino talento, Andreescu lascia già intravedere qualche riflesso del suo carattere genuino e spigliato, che si traduce in dichiarazioni molto simpatiche dopo la grande vittoria. “Un anno fa, di questi tempi, ho avuto molti problemi con il mio corpo ed il mio tennis. Quindi è pazzesco cosa può cambiare in un anno. Stavo giocando un 25k in Giappone, e ora sono la… posso dire quella parola con la F? No, non posso. (sorridente). La fo***ta campionessa di Indian Wells! È pazzesco”.

Bianca Andreescu – Indian Wells 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

Una settimana dopo, a Miami, è un infortunio, prima ancora di Anett Kontaveit, a fermarla nei quarti di finale, quando la prospettiva di una storica doppietta non sembrava poi così irrealizzabile. Quel torneo verrà ricordato però più per lo screzio con Kerber che per il tennis giocato. “Sei la più grande regina delle sceneggiate!“. Le dirà la tedesca al momento della stretta di mano, irritata per l’atteggiamento sofferente “simulato” (il beneficio del dubbio non si nega a nessuno), dopo averci perso per la seconda volta in pochi giorni.

Incomprensioni a parte, sul cemento nordamericano di primavera si è avuto un assaggio di quello che si sarebbe poi realizzato in estate, sempre sui campi duri del Nord America. Sedici vittorie di fila impreziosite dai titoli conquistati a Toronto e, soprattutto, a New York, sempre in finale contro la regina dell’ultimo ventennio di tennis, Serena Williams. L’epica, un po’ stantia anche se ben vendibile, del passaggio di consegne c’è, la rivalità più o meno a distanza con Naomi Osaka anche e il tennis non può che gioirne. Una cosa è certa: marzo per Bianca è stato solo l’inizio.

Continua a leggere

Focus

Thomas Fabbiano, piccolo è bello

Elogio di Thomas Fabbiano, centosettantré centimetri da San Giorgio Jonico. E di come ha saputo abbattere una serie di giganti

Pubblicato

il

Thomas Fabbiano - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Non credete alle favole, e nemmeno alla mitologia: nella vita di tutti i giorni, il povero Davide le becca di brutto da Golia, prepotente e tracotante. Sempre. O quasi… Già, perché di tanto in tanto succede che il mondo si ribalti, e che il piccoletto le suoni ben bene al gigante: quando accade, è chiaro, la cosa fa discutere, e in ambito giornalistico usa dirsi che ‘fa notizia’ (l’uomo che morde il cane, insomma). E se poi il fatto si ripete più di una volta, sempre col medesimo protagonista, beh, allora diventa necessario soffermarsi un attimo sulla questione, e provare ad approfondirla. Per farla breve: vogliamo parlarvi di Thomas Fabbiano, non statuario tennista tarantino – di S. Giorgio Jonico – dal… basso dei suoi 173 centimetri, 30 anni, ormai da un paio di stagioni veleggiante attorno alla centesima posizione del ranking mondiale – col picco della 70esima piazza nel settembre 2017.

Cominciamo col dire che negli Slam, da quando li frequenta, un paio di turni li passa quasi regolarmente: e con scalpi di un certo rilievo, come Wawrinka a Wimbledon 2018, Tsitsipas a Wimbledon 2019, Thiem agli US Open 2019. Non male davvero, ma non è nulla – paradossalmente – rispetto a quanto stiamo per raccontarvi. Fermi tutti però: prima vi diciamo (così, tanto per scaldare l’atmosfera) di un paio di nanetti che, in sport e tempi diversi, hanno fatto gridare al miracolo.

Il primo è Tyrone Bogues, per tutti la Pulce, che denunciando la bellezza di 159 centimetri di statura seppe far faville nientemeno che nella NBA di basket, una ventina di anni or sono. Ancora raccontano di quando stoppò il mitico Pat Ewing (2,13) in uno dei suoi consueti tentativi, solitamente coronati da successo, di schiacciata a canestro nel match fra Hornets e Knicks, anno di grazia 1993: ed oltre a questa leggendaria, chiuse la carriera con ben altre 38 stoppate (!?). Per darvi un’idea: quando giocava a Washington, il maggior divertimento dei fotografi era di metterlo accanto al compagno Manute Bol, che stazzava 2,31… Fate i conti: 72 centimetri di differenza!

 

Passiamo al calcio: Giovanni Tedesco, tamburino palermitano da 1,70, è stato per diverse stagioni all’inizio degli anni ’90 il centrocampista che segnava più gol nel campionato italiano. E l’80% buono li faceva di testa, saltando sopra marcatori di una spanna o due più alti… Arrivava quatto quatto nei pressi dell’area, a luci spente, specie sui calci piazzati: i difensori se lo perdevano – anche perché tenevano d’occhio i marcantoni avversari, mica lui – salvo ritrovarselo all’altezza del secondo palo già… in cielo, dopo un ‘terzo tempo’ da Space Jam (a proposito di pallacanestro). Lo ricordano con nostalgia in particolare a Perugia, dove era una specie di mascotte – nonché, poi, amatissimo capitano – con la sua trentina di reti in un quinquennio.

Può bastare: e ora torniamo al buon Tommasino. Australia, gennaio scorso: come al solito ci si squaglia dal caldo, ma il pugliese è abituato (e che je fa, a lui?). Fa subito fuori Kubler, per trovarsi al secondo turno con una sfida impossibile: Reilly Opelka, emergente omaccione statunitense, una specie di Hulk coi suoi 211 cm. Vederli vicini, a rete prima di cominciare, provoca un sorriso e un senso di smarrimento fra noi tifosi tricolori: poverino, ora se lo mangia vivo…Bum bum bum, ace su ace (alla fine saranno 67!), diversi ‘perfect game’, roba da ammazzare un bue: macché, il piccolo sta lì buono buono senza fare una piega, smonta l’avversario pezzo per pezzo, e dopo 5 set si guadagna il meritato trionfo. Caspita, che impresa! Dopo inciamperà in un ispirato Dimitrov, e pace…

Thomas Fabbiano e Reilly Opelka – Australian Open 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Cambiamo scenario: i sacri prati londinesi qualche mese più tardi, dove Fabbiano si trova regolarmente a suo agio. Comincia col dare la più grossa delusione stagionale a Tsitsipas, che non è di taglia ridotta neanche lui, vendicando fra l’altro la sconfitta di dodici mesi prima. Ed ecco che gli si para di fronte una seconda sagoma inquietante: è quella di Ivo Karlovic, altro mancato cestista. No, non ce la può fare, quel tipaccio viaggia costantemente oltre i 220 all’ora alla battuta, i miracoli non si ripetono… Chi l’ha detto? I soliti 5 set, i soliti giochi (diversi) senza vedere boccia, la solita tela di ragno intessuta pian piano attorno alla cavalletta, che alla lunga rimane avviluppata senza via di scampo: fantastico! Poi lo impallinerà Verdasco, ma tutto sommato cosa importa?

Per noi Thomas è un mito. Ci piace pensare che d’ora in poi insegua due obiettivi, anzi tre (l’ultimo a lungo periodo): nell’immediato, trovarsi dinanzi ad Isner in uno Slam e ribaltare pure lui, per completare… il grande Slam degli oversize. Quindi giocarsela vis à vis con Schwartzman in un duello rusticano, per il simbolico titolo di campione del mondo dei tennisti tascabili. Ma soprattutto, diventare prima o poi il numero uno di Taranto e dintorni: e qui sta l’impresa più ardua, perché in testa alla classifica siede incontrastata Robertina Vinci. Come che sia, intanto il nostro può vantarsi di esser finito in un assunto proverbiale – il nostro, quanto meno- che recita: per battere di sicuro i giganti, o sei uno dei top 3 o sei Fabbiano.     

Renato Borrelli

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement