Ai lettori gli auguri più sentiti e un'ipotesi: Ubitennis forse non sarà più tutto gratuito

Focus

Ai lettori gli auguri più sentiti e un’ipotesi: Ubitennis forse non sarà più tutto gratuito

Un pay-wall per potervi dare tutti i nostri servizi. L’exploit solitario di Cecchinato, il best ranking di Fognini non bastano. L’80% dei giornali di qualità non sono più totalmente gratuiti. Scelta di sopravvivenza

Pubblicato

il

 
 

È il momento degli auguri di Natale a voi lettori. Li faccio da 12 anni, prima come blogger di Servizi Vincenti e poi come direttore di Ubitennis che, qualcuno ricorderà, il 10 maggio di quest’anno ha compiuto 10 anni. Ubitennis non è un mio bambino, anche se mia moglie sostiene che lo sia perché è quello cui ho finito per dedicare in assoluto più tempo e impegno, ma è un bambino di tanti. Compresi voi lettori. I collaboratori sono stati tanti; non li ho contati e non li voglio neppure contare perché quelli che ci hanno lasciato a me hanno lasciato un vuoto. Li conto sulle dita di una mano quelli che ho visto andare via senza dispiacermene. Mi sono affezionato, ho condiviso tanti momenti con quelli del primissimo anno, quelli che lo hanno lasciato, quelli che sono subentrati. Tutti hanno dato qualcosa, chi moltissimo, chi molto,  ma io non posso che essere grato anche a quelli che hanno dato poco o comunque meno.

Il premio che abbiamo avuto recentemente dall’AIPS, l’Associazione Internazionale della Stampa Sportiva –anche se non sappiamo ancora se sarà il primo, il secondo o il terzo nell’ambito di una selezione fra 1273 candidature provenienti da 119 Nazioni… ma nella categoria weblog saremo stati all’incirca un centinaio a competere – è comunque un premio che ci deve inorgoglire tutti davvero molto e che non sarebbe mai arrivato se non avessimo avuto tutti voi lettori a sostenerci, in numero sempre crescente. E se non avessi avuto al mio fianco i bravissimi collaboratori che ho avuto, ciascuno con le proprie conoscenze e caratteristiche. Per quanto nel 2018 Ubitennis sia cresciuto passando  da 10 milioni di visite a 11 milioni e – ecco un dato che interessa soprattutto chi volesse promuoversi attraverso il sito – da 22,5 milioni di pagine visualizzate abbia fatto un balzo enorme a 29 milioni (il 30% di incremento è quasi incredibile per chi poteva pensare che non ci fossero quasi margini di crescita… ma io so che ci sono ancora), questi restano numeri che purtroppo fanno solo sorridere la maggior parte degli editori dei siti di calcio.

Il tennis continua a essere purtroppo uno sport minore, almeno fino a quando un nostro giocatore non sarà in grado di imporsi in un torneo dello Slam. O ad arrivare con una certa continuità alle fasi finali. Quest’anno con la semifinale di Cecchinato a Parigi – 40 anni dopo Barazzutti – si è registrato improvvisamente un interesse eccezionale nell’opinione pubblica, ma è durato un paio di settimane o poco più. Già con Wimbledon siamo rientrati nella nostra modesta normalità. Noi abbiamo invece bisogno di trovare quel campione che non abbiamo avuto per 40 anni. Potrebbe essere Matteo Berrettini? O Marco Cecchinato? Forse Fognini potrebbe riuscire a fare quei tre passettini per entrare tra i top 10, ma purtroppo non risolverebbe il problema. Il suo tennis è certamente più divertente rispetto a quello di tanti pedalatori senza fantasia, ma non è immune da difetti – tennistici e non – e il prossimo anno andrà per i 32.

 

Il tennis italiano insomma si tiene a galla e prova a fare anche di più, ma il quadro che ne deriva non è ugualmente in grado di sostenere economicamente come vorrei lo sforzo di chi collabora a tutti i livelli, social (cresciuti anch’essi tantissimo, ma a prezzo di uno sforzo collettivo massiccio), commerciale e più strettamente giornalistico. Quest’anno abbiamo pubblicato 4.422 “elementi” fino al 22 dicembre (e 3139 nella home inglese di Ubitennis.net, quasi altrettanti in quella spagnola). Significa (per la sola italiana) 12,5 articoli al giorno andati on line sul nostro portale, senza contare gli elaborati che sono confluiti sotto un unico titolo (è il caso delle cronache, ma anche di tutti quei giorni in cui quarti di finali, semifinali raccontate in una serie di diversi contributi da parte di più autori, sono state accorpate in un unico articolo) e naturalmente tutto quello che è finito sui social. Vi basti sapere che in pochi anni sul Twitter di Ubitennis (che può contare su 12.000 followers) abbiamo inserito oltre 58.000 tweets; su Facebook ci seguono in oltre 100.000, su Instagram un po’ meno di 5.000, su YouTube un migliaio. Tutte queste ultime attività mi vedono pochissimo presente di persona: è più roba per voi giovani. Ai numeri non sto più dietro. Scrivo, scriviamo, inseriamo talmente tanto materiale che non ricordiamo più neppure tutto quel che abbiamo scritto. Il database si appesantisce, le spese di gestione crescono e non sempre sono “coperte” dagli introiti pubblicitari. Questi sono stati penalizzati anche dalle modificate abitudini di connessione internet degli utenti.

Se fino a pochi anni fa il 70% delle visite provenivano dal desktop (leggi: computer) e il 30% dal mobile (leggi: cellulare e tablet), oggi il rapporto si è letteralmente rovesciato. La conseguenza di tutto ciò è che la pubblicità sul cellulare sembra più invasiva, a chi non sta attento con il dito scatta anche in maniera traditrice, finisce per fare maggior fastidio di una volta all’utente che si difende con l’ad-block. Comunque il lettore la “apre” meno.

Se è vero che su Ubitennis gli utenti più fidelizzati entrano più volte e aprono più pagine (anche perché con la possibilità di scorrerle lateralmente e non solo dall’alto in basso tutto è molto più facile), lo fanno però quasi tutti di fretta. Insomma la durata della permanenza sul sito è mediamente calata sebbene ci siano molti più articoli di una volta da leggere. Ma si legge più alla svelta. L’informazione la si divora. E si pretende, legittimamente, che essa sia sempre più accurata, approfondita. Il che comporta una maggiore professionalità di chiunque rediga e controlli i prodotti redazionali con aggravi di tempi non indifferenti. Il dito sul cellulare scrolla su e giù, da sinistra a destra e viceversa, ma il lettore – quando può – salta la pubblicità a piè pari.

I grandi giornali on line ormai obbligano l’utente a sorbirsi una decina di secondi (o più) di video prima dell’accesso al contenuto. Capirete bene che non sono tempi facili per gli editori digitali. Quando gli utenti leggevano i siti dal computer a lato degli articoli la pubblicità restava sempre ben visibile, ora la fruizione è molto più frammentata e origina con più frequenza spesso dai social; Facebook, ad esempio, è diventato il più grande hub di informazione del mondo e nessun attore nel mondo dell’editoria digitale vi si può sottrarre.

D’altra parte questo trend non stimola certamente chi vorrebbe promuoversi pubblicitariamente e per questo occorre arrangiarsi in modo diverso. Aggiungo che Ubitennis si è fatto vanto da sempre di aver ritenuto giornalisticamente importante seguire con i suoi inviati anche più di 30 tornei l’anno. Alla fine, poiché in molti tornei siamo stati presenti in tre o quattro, sono stati un’ottantina i collaboratori di Ubitennis presenti nei vari tornei.Anche il lavoro di preparazione degli accrediti, il suo data base, ha un costo.  Crescendo così anche i costi delle trasferte, tutto si riflette in una crescente difficoltà operativa. Chiaro che alla lunga tutto incide a indebolire la presenza degli inviati. Ora però non sto qui a farvi tutto il cahier de doleances, che sarebbe noiosissimo per tutti.

Nonostante i progressi accennati, siamo alla ricerca di soluzioni che ci consentano di andare avanti con meno angosce. I giornali americani di qualità hanno all’80% optato per un sistema paywall. Dopo un certo numero di visite mensili gratuite, chi vuole farne di più, o leggere certi contenuti “premium”, deve pagare qualcosa. Anche un costo minimo, magari. Ma non si può più pensare di reggere una piccola impresa ‘regalando’ tutto il lavoro sempre più complesso che sta dietro a un giornale online. La pubblicità diretta che arriva dai Google Adsense o prodotti similari è rapportata al traffico, ma produce noccioline. Stiamo valutando se prendere la via del “metered” Pay-Wall, un pay-wall moderato. Essa comporterebbe un grosso rischio e una possibile perdita di contatti per tutti coloro i quali, una volta esaurito il bonus di articoli gratuiti, non vorranno sottoporsi alle forche caudine della registrazione e del piccolo pagamento.

Ci rendiamo conto della difficoltà anche psicologica che frenerebbe molti. Sebbene oggi soprattutto le giovani generazioni si siano abituate a comprare molto con l’e-commerce, con Amazon, eBay, Itunes, sappiamo bene che l’Italia sotto questo profilo è lontana anni luce rispetto agli Stati Uniti. Ma dopo dieci anni è arrivato anche il momento di capire se lo zoccolo duro dei lettori di Ubitennis è sufficientemente fidelizzato da affrancarsi da quel blocco psicologico oppure no. Ho parlato di blocco psicologico e organizzativo più che di un freno economico, perché l’esborso economico sarebbe certamente modesto. Quanto esattamente ancora non so, si dovrà valutare attentamente. Al momento abbiamo riscontrato che sono almeno 10.000 i lettori (su punte di 70.000) che aprono Ubitennis più di 15 volte al mese. Quelli dovrebbero essere i nostri lettori più fidelizzati e – speriamo – disponibili a sostenerci affrontando una minima spesa. Non abbiamo un’idea precisa dell’importo: se fosse un euro al mese?

Mi spiace se qualcuno se ne avrà a male, ma il rapporto fra Ubitennis e i lettori deve essere franco, schietto, come lo è sempre stato.

Per il momento il nostro interesse è sondare il terreno, sebbene sarebbe prematuro trarre indicazioni definitive dai vostri commenti. Se intanto i lettori che ci seguono con affetto e ci vogliono bene ci dicessero se hanno intenzione di sostenerci  (o anche no, con le relative motivazioni) forse cominceremmo ad avere una minima indicazione. Purtroppo comunque non decisiva perché non è detto che la risposta arrivi in numeri congrui. A chiunque ci darà una risposta, qui sotto o anche inviando una mail a direttaubitennis@gmail.com (qualora il vostro parere sia più esteso), noi saremo non grati, ma gratissimi. Ribadisco che per ora siamo allo stadio del progetto.

Siamo forse diventati una realtà di un certo rilievo per tutti quelli che non hanno mai voluto guarire da questa bella malattia che chiamiamo tennis. Sono 10 anni di sacrifici per tanti di noi, intrecciati con i successi raccolti e alcuni obiettivi raggiunti, in un costante processo di crescita continua. Ubitennis ha sempre cercato di mantenere la sua identità e di ospitare ogni voce. 

In un altro articolo, che potrebbe assomigliare più a una letterina a Babbo Natale piuttosto che a un riassunto del 2018 e le scuse di rito… se qualche volta siamo stati cattivi!,  ricostruirò un po’ quello che ci ha riservato questo 2018, con Federer e Nadal che hanno continuato a stupire nella prima metà dell’anno, con la quasi incredibile resurrezione di Djokovic nel secondo semestre fino a chiudere l’anno per la quinta volta da n.1, con le ragazze che con Serena fuori gioco per la maternità hanno continuato ad avvicendarsi sul podio degli Slam – otto diverse regine negli ultimi due anni! – con le buone notizie in campo maschile per il tennis italiano – sei vittorie in tornei ATP, 3 di Fognini, 2 di Cecchinato, 1 di Berrettini – con le notizie meno buone giunte dal tennis femminile… ma quest’ultima cosa era abbastanza scontata dopo la “scomparsa” agonistica del quartetto Schiavone, Pennetta, Vinci e Errani… sebbene quella di Sara potrebbe essere augurabilmente solo temporanea.

Ubitennis ha continuato a istruire nuove leve verso il giornalismo e spero che possa continuare a farlo. Un amico molto esperto nel campo delle risorse umane mi ha promesso che mi darà una mano per esaminare le varie proposte di collaborazione (alcune ferme dal luglio scorso…, scusateci), per gestirle assegnando alcuni incarichi rispetto alle competenze segnalate. Ho saputo poco prima dell’estate che il mio vice primario, Carlo Carnevale – che naturalmente ringrazio con tutto il cuore per quanto ha fatto in questi due anni in cui ha dovuto coordinare molte cose fino a scrivere sempre meno (capita anche a me e ne soffro) – ci avrebbe lasciato a fine anno (quantomeno nel suo ruolo), così da rendere necessaria una riformulazione interna dell’organigramma.

Come ho già avuto modo di dire in passato sono consapevole del fatto che starmi vicino richieda anche una buona dose di pazienza.  Ringrazio tutti i lettori che continuano a darci fiducia, aspetto con fiducia vostre indicazioni riguardo al pay-wall, e a tutti i consigli che riterrete opportune mandarci per aiutarci a far sì che Ubitennis sia sempre più il Vostro sito. Auguri affettuosi a tutti,  proprio a tutti…in attesa di ricevere un vostro feedback tra un pandoro (o un panettone, non voglio entrare anche in questa disputa!) e l’altro.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Eastbourne: Draper lotta ma passa Cressy, sarà finale a stelle e strisce con Fritz

Nell’ultimo torneo prima di Wimbledon sarà una questione tutta statunitense in finale. Cressy non si ferma più, Fritz rischia ma regola De Minaur

Pubblicato

il

Taylor Fritz – ATP Eastbourne 2022 (foto via Twitter @the_LTA)

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Eastbourne

Nella giornata di oggi si sono giocate le semifinali del Nature Valley International, ATP 250 di Eastburne che precede l’attesissimo Wimbledon. In finale si parlerà solamente inglese, non britannico però. Il buon Jack Draper, infatti, ha dovuto arrendersi a Maxime Cressy, che per la prima volta in carriera entra in top50 (da lunedì sarà almeno n°45, mentre vincendo il titolo salirebbe al n°37). Il suo sfidante sarà Taylor Fritz, che su questi campi ha conquistato il primo trofeo della carriera, bravo ad eliminare il campione in carica Alex De Minaur.

M. Cressy b. [WC] J. Draper 7-6(5) 6-7(2) 6-3

 

Non stupisce l’approdo al tie-break nel primo set della sfida Draper – Cressy, con il giovane tennista britannico l’unico ad offrire palle break in tutto il primo set. Forte però delle sue capacità superiori nello scambio Draper riesce a scacciare il pericolo e portare il primo set al tie-break, dove però Cressy fa valere la sua maggiore esperienza e con tutto il suo repertorio di servizi potenti, salite a rete improvvise e bordate da fondocampo riesce a non cedere mai la battuta. In risposta basta il punto conquistato ad inizio tie-break per vincere il primo set e metterlo a metà strada dalla finale.

Il copione sembra ripetersi nel secondo set, con Draper il primo ad offrire palle break nel quinto game. Questa volta però Draper in risposta fa un passo in avanti nelle prestazioni, mancando l’appuntamento col set point sul servizio di Cressy nel decimo game. I progressi però passano nel tie-break, con Draper che trova due minibreak per chiudere il tie-break a suo favore per 7-1 e spedendo la contesa al terzo set. Nel set decisivo le tante occasioni mancate da Draper in risposta costano carissimo al giovane britannico, che dopo aver subito il break nel sesto game manca cinque palle break che avrebbero potuto prolungare ulteriormente il match. Cressy addirittura quando va a servire per chiudere il match va sotto 0-40, ma con pazienza e l’aiuto del servizio risale fino a chiudere game e partita 7-6(5) 6-7(2) 6-3.

[3] T. Fritz b. [6] A. De Minaur 6-1 6-7 (5) 6-3

Il match di fatto comincia con un solo giocatore in campo, Taylor Fritz. Lo statunitense vola subito sul 5-0 contro un Alex De Minaur irriconoscibile, troppo falloso rispetto al lottatore che è di solito. Per la testa di serie numero 3 è un gioco da ragazzi chiudere 6-1 il primo parziale e, anche in avvio di secondo set, il 23enne di Sydney rischia grosso, costretto ad annullare subito due break point in apertura. Per la prima volta nel match, tuttavia, De Minaur riesce a mettere la testa avanti e rischia anche di incrementare il vantaggio, costruendosi tre chance di break nel game successivo. Fritz però trova due ace e un dritto vincente per sventare la minaccia e, dopo due game molto lottati, il resto del set fila via liscio. C’è sicuramente più equilibrio rispetto al primo parziale, con l’australiano decisamente più sicuro al servizio. Si prosegue on serve fino al 6-6, con il tiebreak che è senz’altro la conclusione più giusta e logica del set. De Minaur parte male, commette alcuni gratuiti di troppo e in ben tre situazioni distinte si trova indietro di un minibreak. Fritz si porta avanti 5-4 e ha due servizi a disposizione per archiviare la pratica, ma perde tre punti di fila e permette al suo rivale di pareggiare i set: 7-6 (5) per l’australiano.

Il terzo set parte con grande intensità, con Fritz che riesce a non farsi condizionare più di tanto dal modo rocambolesco in cui ha appena perso il secondo parziale. Lo statunitense, sfruttando il fatto di servire per primo, si mantiene avanti nel punteggio e nel quarto gioco trova l’allungo decisivo, centrando il break alla seconda opportunità e proiettandosi sul 4-1. De Minaur prova in tutti i modi a restare in partita, ma la testa di serie numero 3 ritrova la fiducia e la solidità smarrite nel tiebreak e si impone 6-1 6-7 6-3. Cade così il campione in carica, mentre Fritz ritrova la finale ad Eastburne dopo tre anni.

Con la collaborazione di Giorgio Di Maio

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Eastbourne

Continua a leggere

ATP

ATP Maiorca: Tsitsipas doma Bonzi e si prende la finale, lo segue Bautista Agut

Il tennista greco si sbarazza di Bonzi e conquista la prima finale in carriera su erba. Il n.303 Bellier si arrende a Bautista Agut

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Halle 2022 (foto twitter @atptour)

[2/WC] S. Tsitsipas b. Bonzi 6-4 6-4

Fila secondo pronostico la prima semifinale di giornata all’ATP250 di Maiorca, con il greco e testa di serie numero due del tabellone Stefanos Tsitsipas che si prende la finale del torneo battendo Benjamin Bonzi. Una partita più complicata però del previsto, con Tsitsipas che ha dovuto ricorrere al servizio per salvare tre palle break nel primo set. Il greco poi è stato bravo a sfruttare l’opportunità capitata nel nono game, capitalizzando la seconda palla break capitata sul servizio di Bonzi a causa dei troppi errori del tennista francese. Riuscendo così a chiudere senza patemi il primo set.

Molto più semplice la questione secondo set, con entrambi molto più solidi al servizio ma con Tsitsipas che ancora una volta è bravo a cogliere le uniche opportunità concesse al servizio da parte di Bonzi. Il tennista francese va sotto 0-40 già in avvio di set, condannandosi al break dell’1-2 che spalanca le porte della finale al suo avversario, che in tutto il secondo set concede solo sei punti al servizio nonostante il 46% di prime in campo. Ora per Tsitsipas, che non ha mai avuto un gran rapporto con l’erba, ci sarà la prima finale sulla superficie contro uno tra Roberto Bautista-Agut e il sorprendente qualificato svizzero Antoine Bellier.

 

Il tabellone completo del torneo

[5] R. Bautista Agut b. [Q] A. Bellier 7-6(5) 6-2 (Giovanni Pelazzo)

Antoine Bellier si è presentato a Maiorca da numero 303 del mondo, vincendo due turni di qualificazioni ed eliminando giocatori ben più esperti come Federico Delbonis e, soprattutto, Pablo Carreño Busta. Con il risultato odierno è già certo di aver centrato il best ranking, arrivando alle porte della top200 (da lunedì sarà 215): e pensare che, prima di questo torneo, aveva vinto solamente un match ATP in tutta la sua carriera. Il motivo per cui si è spinto così avanti nel torneo è intuibile fin dai primi scambi: Bellier ha un gioco estremamente erbivoro, che ricorda un tennis ormai quasi del tutto tramontato. Il suo credo è il serve&volley e, in generale, cerca di spingersi a rete non appena ne ha l’occasione. Anche un ottimo giocatore come Roberto Bautista Agut ha bisogno di tempo per prendergli le misure, quantomeno in risposta (dato che nei suoi primi tre game al servizio non perde nemmeno un punto). Avanti 4-3, la testa di serie numero 5 si costruisce le prime palle break della partita, ma Bellier riesce a cancellarle e ad agguantare il suo avversario sul 4-4. Il tiebreak è la soluzione più logica per un set equilibrato in cui, tuttavia, l’iberico ha ceduto appena quattro punti al servizio (tiebreak incluso). Dopo uno scambio iniziale di minibreak viene sembre seguito l’ordine dei servizi, con lo svizzero che va sotto 4-5 con due servizi a disposizione. Bautista qui trova la zampata decisiva e, al secondo set point, chiude 7-6 (5).

Vinto il primo set sul filo del rasoio, il numero 20 del mondo ha subito la possibilità di andare avanti nel punteggio, ma non sfrutta l’opportunità offertagli da Bellier nel primo gioco. Al cambio campo, inaspettatamente, è proprio lo spagnolo a concedere le prime chance della partita al suo avversario: sono tre consecutive, con lo svizzero che ne approfitta subito e si porta sul 2-0, vincendo in un singolo gioco tanti punti quanti quelli conquistati in risposta in tutto il primo set. Bautista, però, è tutt’altro che fuori dalla partita e, da quel momento, non concederà più nulla. Lo spagnolo, infatti, si arma di pazienza e pian piano disinnesca le volée (comunque di buon livello) di Bellier, che perde gli tutti gli ultimi sei game del match. La testa di serie numero 5 inserisce il pilota automatico, trova ottimi passanti e qualche buon lob che gli valgono l’allungo e la ventesima finale in carriera: 7-6 6-2 il finale. Domani Bautista cercherà il secondo titolo della stagione (dopo il trionfo a Doha): ad attenderlo c’è Stefanos Tsitsipas, alla prima finale in carriera sull’erba.

Il tabellone completo del torneo

Continua a leggere

Flash

WTA Bad Homburg: forfait Halep manda Andreescu in finale, a Garcia derby francese su Cornet

Caroline Garcia la spunta dopo una lotta da 129 vincenti contro Alize Cornet. Andreescu approfitta del dolore al collo di Halep,

Pubblicato

il

Caroline Garcia Nottingham

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

Dopo aver eliminato la favorita al torneo di tennis di Bad Homburg il giorno prima, la canadese Bianca Andreescu ha approfittato del ritiro per infortunio della rumena Simona Halep per ottenere il suo biglietto per la finale di venerdì.

La WTA ha riferito che la 30enne ha un infortunio al collo che le impedisce di giocare. L’ex numero 1 del mondo, testa di serie n.4 in Germania, era stata dominante nei round precedenti battendo facilmente l’americana Amanda Anisimova e la slovena Tamara Zidansek.

 

“Purtroppo mi sono svegliato questa mattina [venerdì] con il collo bloccato e non mi permette di competere al meglio delle mie capacità”, ha scritto Halep sul suo account Twitter.

La canadese, anche lei colpita dagli infortuni, Andreescu è scesa nel ranking WTA e ora si ritrova 64esima. Sarà in finale di un torneo per la prima volta da aprile 2021, quando è stata sconfitta da Ashleigh Barty a Miami.

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

C. Garcia b. [9] A. Cornet 7-6(9) 6-4 7-5

La seconda semifinale invece per pathos e incertezza non ha fatto rimpiangere quella non giocata. Caroline Garcia e Alize Cornet hanno dato vita ad un derby francese spettacolare 7-6(9) 6-4 7-5 decisosi solamente nel terzo set in favore della più giovane Garcia – 28 anni contro 32 – che proprio sfruttando la maggior resistenza e freschezza fisica, ha avuto la meglio su una come sempre indomabile Cornet. Le oltre due ore e tre quarti di partita si sono decisi in un terzo set pieno di ribaltamenti di fronte dettati dalla grande caparbietà delle due giocatrici transalpine, autrici di 129 colpi vincenti (70 Garcia, 59 Cornet) a fronte di 57 errori gratuiti (39 Garcia, 18 Cornet). Hanno interpretato magistralmente, seppur latenti di discese a rete, un tennis da erba fatto di palle pungenti e spesso tagliate seguite da concrete accelerazioni. Del resto sia la n. 44 che la n. 75 hanno forza e tecnica in abbondanza per fare questo tipo di gioco.

A rendere ancora più scoppiettante la sfida ci ha pensato l’Aeroplanino Caroline, incitando nelle fasi finali del match il pubblico, divertito ed estasiato dall’esibizione offerta. Il primo set è stato letteralmente dominato dal servizio, con abbondanza di game tenuti a ‘0’. Nel tiebreak Garcia è stata la prima a guadagnarsi set point e dopo aver rischiato in un paio di occasioni di perderlo, l’ha fatto suo alla quarta chance, 11-9. Nel secondo Cornet ha sfruttato un passaggio a vuoto dell’avversaria nelle fasi topiche, brekkandola due volte consecutivamente, 6-3.

Grande spettacolo infine nel terzo set con Garcia la prima a passare in vantaggio di un break in maniera tanto convincente da far credere che potesse mantenere il vantaggio fino alla fine. Ma mai dare per vinta Alize Cornet, ex n.11 mondiale e veterana di questo sport, che grazie al suo gioco maggiormente vario ha ribaltato la situazione mettendo parecchio in difficoltà la sua connazionale. Riportatasi in parità, ha poi avuto match point sul 5-4 con una Garcia che si è salvata col rovescio, dopo che questo colpo l’aveva tradita poco prima. La maggior dimestichezza di Garcia a rete l’ha tolta fuori dai guai a più riprese e alla fine è stata lei a piazzare il break decisivo nell’undicesimo game, sigillato con un dritto incrociato fulminante. Bissato poco più tardi da un dritto vincente sul match point; bello ed emozionante l’abbraccio sincero a fine partita, e l’esultanza di Garcia comprensibilmente contenta.

Il tabellone completo del WTA Bad Homburg

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement