Massu e Thiem, amore a prima vista: "Personalità diverse, ma ci completiamo"

Flash

Massu e Thiem, amore a prima vista: “Personalità diverse, ma ci completiamo”

Il capitano cileno di Davis e il campione di Indian Wells hanno dato vita a una collaborazione subito sorprendentemente vincente. “Nel servizio in kick e nel tentativo di spostarsi sempre sul dritto mi ricorda quando giocavo”

Pubblicato

il

Nicolas Massu all'angolo di Dominic Thiem - Indian Wells 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)
 

Ciò che tocca Nicolàs Massu, di questi tempi, diventa oro. In un paio di settimane di collaborazione, l’ex tennista e oggi capitano di Davis cileno ha accompagnato Dominic Thiem alla conquista del suo primo mille. Lo stesso austriaco, nel commentare l’impresa della finale vinta a Indian Wells su Roger Federer, non ha esitato a riconoscere i meriti del suo nuovo angolo: “È grandioso averlo nel mio box perché è molto motivato e trasmette queste motivazioni a me sul campo. Ci siamo allenati molto duramente prima di Indian Wells; in 12-13 giorni sono passato dal non essere in gran forma a essere il campione di un torneo così importante. È un risultato incredibile che dipende anche da lui”. 

EFFETTO SORPRESA – Investitura che lascia intendere come la collaborazione possa stabilizzarsi almeno sul medio termine. “Negli ultimi 40 giorni mi sono successe cose piacevoli – sorride Massu in un’intervista concessa al sito ATP -. Con il Cile siamo tornati nel World Group di Coppa Davis dopo otto anni, poi ho iniziato a lavorare con Domi a Buenos Aires e appena al terzo torneo insieme l’ho visto vincere a Indian Wells, tra l’altro sul cemento, superficie per la quale mi ha voluto al suo fianco. Anche dal mio punto di vista ritengo questa situazione incredibile: ho un accademia in Cile, ma mai ho allenato un giocatore con queste caratteristiche né mai ho viaggiato per tornei in queste vesti“.

PRIMA IL FISICO – Pur trattandosi di un periodo così breve, Massu ha seguito una sua snella tabella di marcia nel pianificare l’avvicinamento dell’attuale numero quatto del mondo al Sunshine Double. “La priorità è stata il recupero fisico, perché arrivava da qualche difficoltà tra la fine del 2018 e le prime settimane dell’anno in corso. Perdere subito a Rio si è rivelata paradossalmente una fortuna, potendo così arrivare a Indian Wells con due settimane di anticipo“.

“MI CI RIVEDO…” – L’ex numero nove del mondo (era il 2004) trova anche alcune analogie tra i migliori anni della sua carriera e le caratteristiche di gioco del suo attuale allievo. “Chiaramente abbiamo una personalità diversa – racconta -, basterebbe dire che io sono cileno, lui austriaco. Però ci completiamo. E mi ricorda qualcosa del mio modo di giocare, dal servizio in kick al tentativo di spostarsi sempre sul dritto. Ho a che fare con un gran giocatore e con una persona ancora migliore”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement