Anisimova spensierata e ambiziosa: "Questo è solo l'inizio"

Flash

Anisimova spensierata e ambiziosa: “Questo è solo l’inizio”

La diciassettenne statunitense diventa la 18esima vincitrice diversa in altrettanti tornei. Il suo primo titolo è però solo un punto di partenza

Pubblicato

il

Amanda Anisimova - Bogotà 2019 (foto via Twitter, @CopaWTABogota)

Il successo di Amanda Anisimova al Claro Open di Bogotà è importante sotto molteplici aspetti. Intanto per la giocatrice stessa, che a 17 anni si vede catapultata alla posizione numero 54 del ranking WTA e forte di un precoce titolo in bacheca, ma anche per il circuito WTA che si sfrega le mani vedendo la crescita e i buonissimi risultati delle sue nuove leve. Anisimova diventa inoltre la diciottesima vincitrice diversa in altrettanti tornei e conferma dunque lo straordinario equilibrio che attualmente regna nel tennis femminile.

La stessa Anisimova ha riconosciuto l’importanza di questo suo successo. “Penso che sia una grande cosa e un grande traguardo perché ho superato così tante sfide questa settimana. Sono molto felice e orgogliosa di me stessa per come le ho affrontate e vincere questo titolo significa così tanto per me“.

 

Prima di sollevare il trofeo in effetti la 17enne statunitense ha dovuto giocare ben quattro match al terzo set, inclusa la finale vinta in rimonta contro l’altrettanto sorprendente Astra Sharma. “Non penso di aver giocato così tanti match al terzo set in una sola settimana e in molti di questi sono stata sotto di un set. Certamente ha aiutato molto la mia tenuta mentale e mi sento molto bene mentalmente dopo aver superato tutte queste partite“.

Ora la mira si sposta verso il resto della stagione su terra, che Anisimova approccia con entusiasmo e tanta fiducia. Nonostante nel 2018 sia stata costretta a saltare l’intera parentesi sul rosso per un infortunio al piede, la giovane Amanda non sembra preoccupata, anzi. “Ho giocato molto sulla terra durante la mia carriera junior e molto anche in Sud America. Mi sentivo in fiducia anche se non sono stato in grado di giocare la stagione sul rosso lo scorso anno per l’infortunio. Sono molto emozionata di giocare di nuovo sulla terra, perché è la mia superficie preferita. Questo titolo mi dà grande carica in vista dell’Europa“.

La mentalità vincente vuole che ogni successo non sia un punto di arrivo, ma anzi un trampolino per poi puntare sempre più in alto. Anisimova lo sa bene o forse lo sa la spensierata incoscienza dei suoi diciassette anni. “Questo è solo l’inizio. Sono contenta di essere in salute quest’anno e non vedo l’ora di giocare a Parigi“.

Continua a leggere
Commenti

ATP

A Budapest, avanza Berrettini e perde ancora Seppi. Forfait di Cecchinato

Matteo supera Kukushkin, Andreas gira un match perso ma cede nel finale

Pubblicato

il

Matteo Berrettini (foto Adelchi Fioriti)

BRAVO MATTEO – È la prova convincente che gli era richiesta quella che Matteo Berrettini offre per superare con un doppio 6-4 il numero 7 del seeding Mikhail Kukushkin. Certo, se devi affrontare una testa di serie al primo turno di un torneo su terra battuta, il kazako con i suoi colpi relativamente piatti non è tra quelli che vorresti assolutamente evitare (al contrario, nel caso di trasferta di Coppa Davis…), ma poi bisogna comunque entrare in campo e vincere l’ultimo punto. Ed è proprio l’ultimo punto che stava diventando un problema per un Berrettini che, ben supportato da servizio e dritto, si era involato sul 5-1 del secondo set dopo aver vinto il primo. Kukushkin salva infatti un match point sul proprio servizio e gioca un ottimo game aggressivo in risposta che non dà chance a Matteo; annulla un’altra palla dell’incontro con uno splendido recupero su una smorzata azzurra forse un po’ troppo morbida e mette a referto il terzo gioco consecutivo, mentre un lampo dell’occhio della tigre brilla sul viso di Mikhail. Chiamato di nuovo a servire per chiudere con l’avversario in piena fiducia negli scambi, Berrettini mette in mostra la capacità di adottare la strategia migliore, vale a dire nascondergli la palla: spara subito tre ace spegnendo ogni velleità di Kukushkin che cede anche il punto successivo. Agli ottavi, esattamente come nella passata edizione, troverà Aljaz Bedene che lo scorso anno ebbe la meglio in tre set su un Matteo ancora fuori dai primi cento del mondo. Lo sloveno ha eliminato in due set Bernard Tomic.

ANDREAS, QUASI – In un match che è un continuo inseguimento di Filip Krajinovic, Andreas Seppi recupera e si salva più volte, ma fallisce l’ultimo aggancio dopo due ore e quaranta minuti. Diventano così quattro le sconfitte consecutive al primo turno per Andreas che, dopo essere stato in balia dell’avversario per un set e mezzo, ritrova almeno a tratti il suo gioco migliore, cosa che potrà ridargli fiducia. Filip, dotato di un buon tennis senza però una particolare pesantezza dei colpi, arriva sì dalle qualificazioni, ma è stato n. 26 ATP dodici mesi fa, in una stagione tuttavia compromessa dagli infortuni (piede, caviglia e mano) che lo ha visto abbandonare la top 100.
Salvato lo 0-2, Filip avanza sicuro nel primo parziale con l’azzurro che mette in campo appena il 40% di prime di servizio e vince pochi punti con la seconda. Che Filip sia molto centrato si nota quando, servendo sul pur rassicurante 5-2, reagisce prontamente a due punti persi (doppio fallo e insidiosissima risposta steccata di Andreas) e chiude senza indugi il set. Sotto anche nella seconda partita, Seppi annulla quattro match point servendo sul 3-5 e, al game successivo, veste all’improvviso i suoi panni migliori; poi, non senza l’indispensabile fortuna (due nastri vincenti), rientra nel punteggio dopo che Krajinovic si è visto annullare un’altra palla per guadagnarsi la via della doccia. Il tie-break non può che andare all’italiano, ma Filip non dà alcun segno di cedimento e, anzi, è di nuovo lui a tornare avanti nel set decisivo. Entrambi offrono un buon ritmo e scambi godibili; Seppi continua ad avvalersi anche dell’aiuto del nastro, alza ancora il livello annullando due palle dell’1-5 e recupera lo svantaggio. Chiamato a servire per andare al tie-break, però, Andreas si disunisce ed è allora Krajinovic ad avanzare in attesa del vincente fra Radu Albot e Sergiy Stakhovsky.

 

CECK OUT – Mentre Andreas lotta sul centrale, arriva la notizia del forfait di Marco Cecchinato, leggermente febbricitante già nel match perso contro Pella a Monte Carlo. Ceck perde così i 250 punti ottenuti con la vittoria dello scorso anno. Al suo posto, il lucky loser Matthias Bachinger.

Risultati:
M. Berrettini b. [7] M. Kukushkin 6-4 6-4
A. Bedene b. B. Tomic 7-6(5) 6-4
[Q] F. Krajinovic b. A. Seppi 6-2 6-7(3) 7-5
[8] R. Albot vs [LL] S. Stakhovsky

Continua a leggere

Flash

Panatta e Pietrangeli celebrano il trionfo di Fognini

Le due leggende del tennis italiano si uniscono al coro di complimenti per il trionfo a Montecarlo. Pietrangeli: “Tutti gli italiani devono essere contenti per lui”

Pubblicato

il

Panatta in tribuna - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Con il titolo di Montecarlo, il più prestigioso nella sua già ottima carriera, Fabio Fognini si è forse definitivamente conquistato un posto nell’olimpo del tennis italiano, vicino a leggende del calibro di Adriano Panatta e Nicola Pietrangeli. E proprio Panatta e Pietrangeli, hanno opportunamente tributato i giusti complimenti al tennista di Arma di Taggia. 

“Tutti gli italiani devono essere contenti, non gli dico bravo per la partita di oggi, ma per quella di ieri. E’ bellissimo, fa rabbia certe volte Fabio”, ha dichiarato Pietrangeli, che ha assistito di persona al trionfo monegasco del tennista di Arma di Taggia, riferendosi alla straordinaria affermazione su Rafa Nadal in semifinale. “Nadal non ama giocare con Fognini e infatti abbiamo visto com’è andata. Col segno del poi è tutto facile. Quando stai lì è tutto difficile”. 

In passato, c’erano state alcune polemiche tra lui e Fognini. Nel 2014, Pietrangeli minimizzò la vittoria del ligure in Coppa Davis contro Andy Murray a Napoli; In una conferenza stampa del 2017, Fognini disse che quello degli anni Sessanta “non era tennis”. Pietrangeli ha colto l’occasione per smorzare gli attriti. Non si possono fare paragoni con la mia epoca. Fabio incassa un milione, io cento dollari”, ha sottolineato. “Noi giocavamo sulla Terra, oggi giocano sulla Luna“.

 
Fognini e Pietrangeli (premiazione) – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Alla vigilia della finale contro Dusan Lajovic, anche Panatta sulle pagine de il Corriere della Sera aveva fatto i complimenti al talento di Arma di Taggia per il grande successo contro Nadal, re indiscusso della terra rossa da più di dieci anni. “Finalmente si è vista la differenza tra uno che sa giocare a tennis e l’altro che invece, un po’ meno. Nadal senza l’intensità è davvero poca cosa. Ieri in semifinale a Montecarlo Fabio sembrava il maestro con l’allievo”, aveva commentato l’ultimo vincitore maschile di un torneo dello Slam.

Un po’ come Fognini a Montecarlo, anche la leggenda romana nel percorso verso i suoi più grandi successi aveva rischiato di uscire di scena prematuramente. “11 match point annullati a Warwick al primo turno a Roma, che poi avrei vinto, uno a Hutcka al primo turno a Parigi, che avrei conquistato. Guardi certe volte i ribaltoni sono casuali”, ha detto, ripercorrendo il percorso dell’azzurro in questa edizione del torneo nel principato. Fabio ha vinto chissà come con Rublev, è stato fortunato con Simon, ha trovato uno Zverev che non ci ha capito niente, perdeva 6-1 2-0 con Coric e all’improvviso si è accesa la luce. Il tennis è uno sport strano, fatto anche di alchimie imprevedibili”.

Che sia nato un nuovo Panatta? “Nato? Mica è un pischello. Ha 31 anni. Piano con i paragoni…”, ha risposto. Insomma, le leggende si congratulano ma non si inchinano. 

Continua a leggere

Flash

Zeljko Franulovic: complimenti a tutti i giocatori italiani

MONTECARLO – Nel giorno della finale del torneo di Montecarlo si è tenuta la conferenza stampa di Zeljko Franulovic, direttore del torneo. Nel suo discorso una menzione particolare per ggli atleti azzurri.

Pubblicato

il

da Montecarlo, la nostra inviata

Come da tradizione, nella tarda mattinata del giorno della finale il direttore del torneo di Montecarlo, Zeljko Franulovic, ha tenuto una conferenza stampa nella nuova sala riservata appunto alle interviste. Dopo aver ringraziato tutti i presenti Franulovic ha dato i numeri, del torneo ovviamente: 135.656 gli spettatori, 400 i giornalisti accreditati provenienti da 16 diversi paesi, 10 le tv ufficiali, 200 i canali nel mondo che hanno trasmesso i match tenutesi al Country Club. Zeljko ha voluto ricordare la partecipazione di ben tre giovanissime promesse del tennis che hanno scelto di avere la residenza proprio nel Principato, ovvero Felix Auger-Aliassime, Stefano Tsitsipas e Daniil Medvedev. Questo 2019 però, anche a parere del direttore, è da considerarsi l’anno degli italiani: “I giocatori italiani meritano una menzione speciale: Lorenzo Sonego, Marco Cecchinato e Fabio Fognini, finalista per la prima volta qui. Egli è riuscito a far crescere molto l’entusiasmo tra il pubblico italiano, che per noi rappresenta circa il 45 % degli spettatori”.

D’obbligo poi i ringraziamenti a Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto da sempre appassionato di tennis e di sport. Il Principe si è visto spesso, effettivamente, nel corso della settimana, sia a pranzo nel ristorante allestito sulla terrazza del campo centrale, sia in tribuna ad assistere agli incontri. Per la prima volta, inoltre, prima dell’inizio del torno il Principe aveva aperto le porte del suo palazzo ai campioni del tennis.

 

Terminati i ringraziamenti di rito, Franulovic lascia spazio alle domande. I presenti si concentrano sulla possibilità di aprire anche alle donne il torneo del Principato. La risposta di Zeljko è molto sincera: “Ci abbiamo pensato molte volte, ci sono state idee, proposte, progetti, ma il problema è che non ci sono ulteriori metri quadrati da sfruttare. Abbiamo così deciso di lasciare che il torneo sia solamente riservato agli uomini e di migliorarne la qualità.” Un collega allora avanza l’ipotesi di organizzare in un altro periodo il torneo femminile. “In questo caso dobbiamo considerare due punti. Prima di tutte il calendario degli eventi a Montecarlo è molto serrato. In primavera c’è già il torneo maschile, poi la Formula 1 e in un attimo arriva l’estate e la gente va in vacanza o in spiaggia. In secondo luogo dovremmo pensare a un serio business plan per riuscire a trovare le risorse che ci permetterebbero di offrire un prize money adeguato a un ulteriore torneo”.

Tutti i giornalisti ringraziano per la qualità dei servizi offerti, qualcuno azzarda qualche suggerimento di natura prettamente pratica, poi una domanda su Benoit Paire. Non è stata data la wild card a Paire a causa del suo comportamento irrispettoso di due anni fa?” Franulovic è deciso: “Assolutamente no! Il comitato del torneo prende la decisione di assegnare le wild card senza guardare né al ranking, né alla nazionalità, ne’ al comportamento. I criteri con i quali viene fatta l’analisi non hanno nulla a che vedere con queste tre cose.”

E così, con un brindisi e molti sorrisi, si conclude l’incontro. Appuntamento al prossimo anno con l’augurio da parte nostra che alla fine possa essere ancora l’inno di Mameli a risuonare sul campo Rainer III.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement