Judy e Jamie spingono la speranza: i Murray in doppio a Wimbledon?

Flash

Judy e Jamie spingono la speranza: i Murray in doppio a Wimbledon?

In un’intervista alla BBC, la madre dell’ex numero uno non esclude del tutto la possibilità di un rientro già in estate dopo l’operazione all’anca. E il fratello specialista spera di ricostituire la coppia

Pubblicato

il

 

Una recente intervista di mamma Judy alla BBC ha dato vigore a quella corrente di pensiero, profondamente ottimistica, che vorrebbe rivedere Andy Murray in campo già in estate. Interpellata sul sogno di rivedere all’opera il figlio già tra pochi mesi a Wimbledon, ha parlato così in occasione di un evento a Middlesbrough: “Dopo l’operazione gli è stato prescritto di non fare lo sforzo di rincorrere la pallina per tre mesi, ma ha ricominciato a colpirla da fermo. Il tempo trascorso è ancora poco per altre valutazioni, aspettiamo e vediamo“. All’inizio del mese, lo scozzese aveva documentato con una storia su Instagram il suo ritorno al palleggio contro un muro definendolo speranzosamente un punto di partenza. Dopo l’intervento chirurgico di fine gennaio, a marzo l’ex numero uno aveva dichiarato di non sentire dolore e di voler tornare a giocare, pur consapevole delle difficoltà di una riabilitazione lenta e dell’assenza di precedenti favorevoli in tal senso.

Va ricordato, infatti, che il solo Bob Bryan è tornato all’agonismo con addosso una protesi all’anca destra simile a quella che è stata impiantata al due volte campione di Wimbledon. E la differenza di sforzo e mobilità richiesti tra il doppio e il singolare risulta più che mai significativa. Per Murray – che si è fermato a Melbourne annunciando il ritiro e tra pochi giorni compirà 32 anni – si era ipotizzato da più parti, con maggiore prudenza, un possibile rientro sugli amati campi di Church Road ma solo nel 2020. Con una valenza più simbolica che tecnica. Judy ha però riaperto un fronte più immediato che va comunque tenuto d’occhio, pur nella consapevolezza di quanto sia complicato.

Se Murray dovesse riaffacciarsi nel circuito già in estate, lo farebbe soltanto in doppio con il fratello Jamie, non avendo ancora la capacità di sforzo e la mobilità necessarie per il singolare. I due hanno fatto coppia in Davis conquistando un paio di tornei nel circuito, anche se le maggiori fortune di Jamie (due titoli Slam nel 2016) sono legate al binomio ancora in auge con il brasiliano Bruno Soares. “Abbiamo sempre detto che ci sarebbe piaciuto giocare insieme a Wimbledon – ha dichiarato di recente Jamie, ex numero uno di specialità – e magari quest’anno è quello buono. Certo, bisogna vedere tante cose, ma spero che torni e che si senta di giocare e competere al livello di prima”.

 

Considerando le lacrime australiane, il passo in avanti sembra già enorme. Resta da capire quanto ci sia di spinta mediatica da oltre Manica e quanto invece le speranze possano avere un tangibile contatto con la realtà.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Le partite dell’Australian Open fra le più lunghe di sempre. E il prossimo anno la situazione potrebbe anche peggiorare

Gli scambi di allungano e le partite anche. I motivi? Palline più morbide e giocatori che coprono meglio il campo

Pubblicato

il

Di Scott Spits, The Age, pubblicato il 25 gennaio 2023

In questo Australian Open stiamo vedendo scambi che vanno davvero per le lunghe. Le partite maschili durano in media 25 minuti in più di quelle giocate nell’edizione del 2021 e i singoli punti sono più lunghi sia a livello di durata che di numero di colpi di ogni scambio. Questo fatto sicuramente non sorprenderà quegli irriducibili che la scorsa settimana sono rimasti incollati a guardare Andy Murray e Thanasi Kokkinakis darsi battaglia per quasi sei ore fino alle 4 del mattino. Non si meraviglieranno neppure coloro che hanno assistito a quell’incredibile scambio di ben 70 colpi tra l’australiano Jason Kubler e il russo Karen Khachanov nelle prime fasi del torneo.

Tuttavia, i dati ufficiali dell’Open australiano analizzati da The Age e dal Sydney Morning Herald dimostrano come la lunghezza di punti e partite siano parte di un trend che gli esperti attribuiscono a una serie di fattori, tra cui la qualità delle palle, la prestanza fisica degli atleti e il sospetto che i giocatori sfruttino fino in fondo il limite massimo di 25 secondi per servire (regola originariamente introdotta negli Slam dal 2018 per minimizzare le perdite di tempo – quando si dice l’ironia…).

 

Guardando i primi quattro turni del torneo maschile a Melbourne Park, ossia quelle 120 partite che hanno sfoltito il campo dei tennisti in gara e permesso a otto eletti di approdare ai quarti di finale, gli spettatori paganti hanno avuto una possibilità su quattro di assistere a battaglie di cinque set. Ben 29 partite nelle prime otto giornate a Melbourne sono arrivate al quinto set. Un picco. Infatti soltanto 20 partite nel 2021 e 19 nel 2022 sono state così lunghe all’Australian Open. Nel 2020 a Melbourne Park le partite finite al quinto set sono state 27.

Le partite maschili dei primi quattro turni sono durate in media 172 minuti, che, tradotte, sono quasi tre ore di gioco. Trattasi di un aumento di 25 minuti (circa mezzo set) rispetto alle partite giocate lo Melbourne Park nel 2021 e di un incremento evidente rispetto ai 165 minuti a partita dello scorso anno. La domanda è: quali sono gli elementi che comportano un aumento dei tempi di gioco, col risultato di mettere ulteriore pressione sulla programmazione, che ormai si dilunga fino quasi all’alba?

In primis si potrebbe puntare il dito contro le prestazioni delle palline Dunlop, messe in discussione da vari giocatori tra cui Rafael Nadal e Felix Auger-Aliassime. Sgonfie e morbide, non è chiaro se le loro caratteristiche influiscano sulla durata dei punti. Secondo Tennis Australia i motivi sarebbero molteplici, tra cui: il medical timeout; la pausa tra la fine di un set e l’inizio di quello successivo; le conseguenze involontarie dovute alla presenza dello shot clock in campo.

Marchar Reid, dirigente dell’area innovazione di Tennis Australia, ha affermato che l’attenzione dello sport era focalizzata meno sul problema della durata complessiva delle partite e maggiormente su altri trend. “Chiaramente la durata delle partite dipende da molti fattori,” ha detto Reid.E’ una forma d’arte imperfetta, sotto certi punti di vista. Dipende sia dalle pause tra i set che dai medical timeout in caso di infortunio – quest’anno abbiamo visto un incremento di entrambi. In più, c’è da considerare il fattore cronometro durante il servizio che, si sa, può essere soggetto a variazioni”.

Tuttavia gli esperti di statistiche tengono d’occhio il tempo medio giocato per ciascun punto e hanno notato un graduale aumento. Un incremento che, curiosamente, Tennis Australia dice essere alquanto evidente nel tennis maschile. “Da circa quattro anni a questa parte, e curiosamente gli effetti sono maggiormente accentuati nel gioco maschile rispetto a quello femminile, parlando di tempistiche quando la palla è in gioco, per i maschi si sono aggiunti un paio di decimi di secondo in più per scambio” ha detto Reid.

La durata dei punti è aumentata di 6.2 secondi quest’anno a Melbourne Park; un balzo di due decimi di secondo rispetto ai numeri del 2022. Trattasi dello stesso tipo di incremento verificatosi il gennaio scorso rispetto alle statistiche del 2021. Quest’anno la lunghezza degli scambi è salita a una media di 4.4 colpi. Quattro anni fa bastavano in media 4 colpi per aggiudicarsi un punto. “Curiosamente, però” ha detto Reid “non vi sono aumenti di velocità di palla degni di nota. Sia il dritto che il rovescio dei maschi rimangono velenosi; il servizio è diventato leggermente più determinante, ma la vera differenza si osserva sul piano fisico.

I dati raccolti da Tennis Australia indicano che i progressi fisici dei tennisti migliori, quali per esempio Alex de Minaur e Novak Djokovic, permette loro di recuperare un maggior numero di palle, di coprire il campo molto meglio e di gestire bene cambi direzionali di palla ad alta velocità. L’insieme di questi fattori ha chiaramente contribuito ad aumentare la durata dei punti.

“In termini statistici, gli scambi sono leggermente più lunghi, come anche osservato all’US Open, sempre per quanto riguarda gli atleti maschi,” ha detto Reid. “A livello di sport, è una cosa che stiamo tenendo d’occhio.”

Craig O’Shannessy, tennis data analyst che ha lavorato con il vincitore di 21 grand slam, Djokovic, afferma che siano tre i fattori che vanno ad influenzare la durata media degli scambi: i giocatori che raggiungono le fasi più ambite di un torneo, le temperature e le condizioni del campo e delle palle. I giocatori che solitamente prediligono scambi più lunghi, come Djokovic (con una media di oltre 5 colpi per rally), Stefanos Tsitsipas, Andrey Rublev e l’americano Tommy Paul, a Melbourne erano tutti presenti nei quarti di finale. E, a detta di O’Shannessy, ciò va a influire direttamente sulle statistiche.

“Fattore numero due è la condizione del campo e della palla. Ci sono state molte discussioni quest’anno sulla morbidezza delle palline Dunlop – tale caratteristica rende il colpo meno incisivo, meno vincente,” ha detto. La lunghezza degli scambi aumenta a causa della morbidezza della palla. La situazione è questa. Si discute anche del fatto che il feltro della palla si gonfia, il che la rallenta in aria. Di conseguenza, anche questo aumenta la durata degli scambi.”

Il caldo estremo non si può dire sia stato un fattore determinante questo gennaio, dato che finora si sono superati i 30 gradi una sola volta dall’inizio del torneo. “Più caldo fa, più la palla sfreccia in aria, diminuendo la durata degli scambi,” ha detto O’Shannessy.

Sebbene le quattro del mattino raggiunte da Murray e lo scambio da 70 colpi di cui l’australiano Jason Kubler è stato uno dei protagonisti siano stati fra i momenti che hanno attirato maggiormente l’attenzione nelle ultime due settimane, secondo O’Shannessy i numeri non sono sempre e necessariamente ciò che sembrano.

Afferma che per un numero significativo di punti (circa il 30%) è bastato un solo colpo (nel caso di ace o servizio senza risposta), mentre per quanto riguarda la stragrande maggioranza dei punti, ossia fino al 90%, si oscilla tra 0 e 8 colpi. “Quando ho chiesto [impressioni sulla durata degli scambi] ad Andy Murray, Novak Djokovic [e altri] hanno risposto di aver giocato più scambi a quattro colpi,” ha detto O’Shannessy. “[In realtà] la situazione è ben diversa [da quella che credono]. E’ impressionante.”

Traduzione di Silvia Gonzato

Continua a leggere

Flash

Milos Raonic si unisce a Tennis Clubs of Canada

Il canadese più vincente di sempre, diventa partner e azionista di Tennis Clubs of Canada per promuovere il tennis anche in inverno

Pubblicato

il

Milos Raonic - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

43 anni fa a Newmarket, in Ontario, da un’idea di Terry Redvers, è nato Tennis Clubs of Canada, un’associazione che si preoccupa di fornire coperture ai campi da tennis delle strutture municipali nell’area di Toronto. La necessità nasce dal fatto che il tennis, in Canada, è uno sport prettamente estivo: i campi coperti sono pochi e nella maggior parte dei casi, troppo costosi per attirare un ingente quantità di praticanti. I rigidi inverni del paese della foglia d’acero, caratterizzati da neve, ghiaccio e dalla presenza di sale nelle strade, finiscono per restituire campi a volte talmente rovinati che non invogliano certo al loro utilizzo.

Con le proprie risorse, l’esperienza e la competenza, Tennis Clubs of Canada gestisce otto strutture comunali con l’obiettivo di aggiungere altre quattro entro la fine del 2023. “Paghiamo al comune un canone di locazione e loro lo consegnano a noi”, spiega il CEO Seigel. “Siamo responsabili del 100% delle spese e dei profitti. Ci occupiamo di tutto: paghiamo tutte le spese e riceviamo tutti i ricavi, comprese le spese di affitto dei campi”.

Proprio in una di queste strutture, al Blackmore Tennis Club di Richmond Hill coperto da un pallone pressostatico nel periodo invernale, il giovane Milos Raonic mosse i suoi primi passi su un campo da tennis. “Quando avevo quasi nove anni, Terry (Redvers, il fondatore di Tennis Clubs of Canada) è stato molto gentile e generoso e ha fatto i conti con mio padre – ha raccontato l’ex numero 3 del mondo. Ha detto ‘paga solo questa quota mensile’, che in realtà non era niente in confronto al numero di ore in cui ero in campo. Mi ha dato la possibilità di giocare quanto volevo e forse è per questo che sono dove sono oggi. Non c’era modo che i miei genitori potessero permettersi di tenermi in campo così a lungo con le normali spese di campo orarie.”

 

Ora, per Milos è il momento di restituire quello che ha ricevuto. Condividendo gli obiettivi di Tennis Clubs of Canada – dare accesso ai numerosi campi che si trovano in Canada e renderli utilizzabili tutto l’anno, il canadese più vincente di sempre ha deciso di investire nel progetto diventando partner e azionista.

Il 32enne Raonic, convolato a nozze la scorsa primavera, non gioca un match ufficiale dal luglio 2021 – dove perse da Nakashima all’ATP 250 di Atlanta, ma non ha ancora annunciato il suo ritiro ufficiale dalle competizioni. Con questo nuovo impegno, inizia a guardare avanti. Già impegnato nella sistemazione di due campi nel quartiere di Thornill, dove è cresciuto, Raonic ha detto: “Soprattutto in quest’ultimo anno in cui ho trascorso così tanto tempo lontano dal tennis, ho avuto la possibilità di pensare che – un giorno in un lontano futuro, quando deciderò cosa fare dopo il tennis – voglio avere un legame con il tennis. Aver avuto qualcosa del genere quando ho iniziato a giocare ha fatto una grande differenza nella mia vita – avere questaa connessione significa molto.

“Conosco il team da molto tempo e sono molto emozionato di entrare a far parte di questo progetto, per diffondere il tennis in tutta la nazione affinché diventi uno sport popolare in tutto il Canada.” Con una nuova tecnologia, i palloni di copertura installati da Tennis Clubs of Canada saranno trasparenti al 93% che consentirà un notevole risparmio energetico e, secondo il CEO Seigel, “quando c’è il sole aumenta la temperatura nel pallone di 10 gradi. Ma la cosa più importante è l’aspetto estetico: si porta letteralmente la luce nei parchi duranti i nostri tristi inverni.”

La federazione e il movimento tutto degli ultimi vincitori della Coppa Davis non smettono di stupire per lungimiranza e capacità di rispondere prontamente alle esigenze dei praticanti, trovando risorse economiche e creative per preparare i futuri campioni di domani.

Continua a leggere

ATP

Due francesi ai box: fermi per infortunio Corentin Moutet e Pierre-Hugues Herbert

Il mancino di Neuilly-sur-Seine si è operato al polso destro, ancora problema al ginocchio per il doppista cinque volte campione Slam

Pubblicato

il

Corentin Moutet - 2021 US Open (Andrew Ong/USTA)

Non arrivano buone notizie dall’infermeria per il tennis francese. Due giocatori dovranno rimanere fermi dal circuito per due infortuni delicati. Questa mattina Corentin Moutet ha annunciato sul suo profilo Instagram di essersi sottoposto ad un intervento chirurgico al polso destro con una foto che lo rappresenta con il braccio ingessato. “Voglio ringraziarvi per il grande sostegno ricevuto, farò di tutto per tornare in campo più forte di prima. So che la strada sarà lunga, ma sono motivato a fare del mio meglio”, scrive il classe 1999 nel suo post. Moutet è stato eliminato al secondo turno degli Australian Open, sconfitto da Francisco Cerundolo in quattro set: già nello Slam australiano usava spesso il rovescio in slice per evitare di sollecitare il polso destro: “Era difficile persino prendere una bottiglia d’acqua in mano”. Il mancino francese ha già annunciato il forfait per i tornei di Cordoba e Buenos Aires in Sudamerica, ma potrà tornare velocemente ad allenarsi essendo il braccio destro interessato dell’infortunio.

Infortuni che non danno pace a Pierre-Hugues Herbert. Il doppista vincitore delle ATP Finals 2019 e 2021 si era ripreso da poco dal lungo stop per un problema al ginocchio sinistro accusato nel Challenger di Ilkley dopo una caduta a terra, sull’erba nello scorso giugno, poco prima di Wimbledon. Il giocatore francese ha avuto una ricaduta nel match della scorsa settimana a Quimper contro Dominic Stricker: poco dopo aver colpito un dritto, ha accusato un forte dolore al ginocchio sinistro, cominciando a zoppicare.

 

È riuscito a concludere il match, ma dovrà fermarsi di nuovo per un periodo indefinito come scrive sul suo profilo Instagram, ritraendosi con un tutore al ginocchio. Herbert compirà 32 anni nel prossimo marzo: vedremo se il ginocchio gli darà tregua e gli permetterà di tornare ai livelli a cui ci aveva abituati.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement