Il trionfo di Parigi sul dolore di Indian Wells: la primavera di Nadal

Focus

Il trionfo di Parigi sul dolore di Indian Wells: la primavera di Nadal

Dopo il ritiro in California, a marzo, il maiorchino aveva pensato di stoppare la sua stagione. “Ero stanco di sentire sempre dolore, volevo fermarmi ma non ho mai pensato al ritiro”. Poi la rinascita, a Barcellona, dove è nato il dodicesimo Roland Garros

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roland Garros 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)
 

Tornando indietro agli albori della primavera, l’ennesimo epilogo trionfale per Nadal a Parigi non rappresentava certo la soluzione più naturale. “Un mese e mezzo fa non mi sarei aspettato tutto ciò. Ma se sono arrivato a questo successo è perché credevo di poterlo fare, altrimenti avrei percorso una strada diversa“. A freddo, il maiorchino parla così in esclusiva al sito ATP mettendo in fila tutto ciò che c’è stato prima del dodicesimo Roland Garros. Il convincente successo a Roma che gli ha fatto capire di trovarsi sulla strada giusta, ma anche le tre semifinali perse consecutivamente a Montecarlo, Barcellona e Madrid. Scivoloni che non avevano restituito quelle certezze perse per strada dopo il ritiro a Indian Wells.

A marzo, serve ricordarlo, l’annata di Rafa ha rischiato di sbandare. Senza ritorno. Lo racconta lui stesso, tornando su quell’infortunio al ginocchio destro che l’ha costretto al forfait prima della semifinale contro Roger Federer. E sulla voglia di fermarsi per riflettere e recuperare. Senza mai pensare a chiudere la carriera, ma mandando precocemente in archivio la stagione.

Rafa Nadal – Indian Wells 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

MOMENTO BUIO – Il numero due del mondo è tornato così su quanto accaduto a marzo. “Ho sofferto di un blocco mentale dopo quel ritiro a Indian Wells. Ho pensato di chiudere lì la stagione, per vedere se il mio corpo avrebbe recuperato a tutti gli effetti. L’altra opzione era continuare a giocare sul dolore. In ogni caso, le prospettive erano cupe. Quel momento ha richiesto un cambio di mentalità, che non matura da un giorno all’altro. Ho sofferto troppi infortuni negli ultimi 18 mesi, troppe battute d’arresto. Avere la sensazione di non essere in grado di allenarmi e di competere è stato frustrante“.

In quei giorni, fu coach Carlos Moya ad alimentare il pessimismo, parlando di un Nadal “mai visto in quelle condizioni”. Il proposito di fermarsi stava maturando. “È stata una situazione unica, diversa da quelle simili già vissute in carriera. Il dolore derivante dalla lesione del tendine mi aveva fatto esitare seriamente. Normalmente una lesione viene diagnosticata, si passa dalla riabilitazione e dal ritorno agli allenamenti, poi si ricomincia a giocare senza grossi problemi pur dovendo coesistere con il dolore. Questa volta invece il dolore è tornato prima del rientro alle competizioni, segnale che non si poteva ignorare dopo tutti gli infortuni subiti dai quali ho dovuto recuperare. A un certo punto mi sono semplicemente sentito stanco di tutto questo. Ero stufo di sentire sempre dolore. Dopo Indian Wells, mi sono preso tempo per riflettere su tutto questo. Solo a Montecarlo ho iniziato a essere un po’ più ottimista“.

Rafa Nadal e Fabio Fognini – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

LA SVOLTA – A Barcellona, il successo su Leo Mayer è arrivato senza convincere particolarmente. Lasciando per strada il primo set. “Dopo quella partita siamo rimasti a lungo nella stanza, in riunione io e il mio team , mi sono ripromesso di arrivare al Roland Garros per giocarmela con il giusto atteggiamento e l’energia necessaria. Volevo darmi l’opportunità di tornare a competere sulla terra ai più alti livelli, abbiamo cercato la chiave per riuscirci. Avevo bisogno di trovare motivazioni. Per quelle a breve termine va bene anche Youtube, ci sono dei video utili. Ma dovevo anche valutare la mia forza interiore a lungo termine. Non ero nella situazione di aver perso la voglia di giocare a tennis, ma stavo valutando di prendermi tempo libero per recuperare. Non ho mai pensato al ritiro, solo a prendermi del tempo.

Nel momento più complesso, si è fatta sentire anche la forza del legame con le radici. Non scontato per chi è dolcemente condannato a vivere in giro per il mondo. Ho la fortuna di non sentirmi mai solo, non importa dove io mi trovi. Ci sono persone che considero amici da quando avevo tre anni e ho la mia famiglia a Manacor. La vita del villaggio è diversa da quella in una grande città. Comunico quotidianamente con loro. A volte ho bisogno dell’aiuto di persone che mi conoscono bene e che mi amano. In questo senso, sono sempre stato molto fortunato. Ci sono però sempre dei momenti in cui solo tu sai come ti senti.

IL PESO DEL PRONOSTICO – La cavalcata trionfale delle due settimane parigine poggiava su queste basi, probabilmente non le più solide. Ciò da ancor più valore all’impresa, arrivata anche con la pressione psicologica dell’essere favorito a tutti i costi. “Ciò che la gente pensa non ha alcun effetto su come gioco. Quando faccio del mio meglio, ottengo i risultati attesi. È stato sempre così durante la mia carriera. L’ho detto a Barcellona quest’anno: tutto quello che dovevo fare era guarire. Mi hanno chiesto se dovevo vincere a Roma per vincere al Roland Garros. No, tutto ciò che devo fare è sentirmi bene per giocare bene“.

Rafa Nadal – Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

IL FUTURO – I tornei vissuti consecutivamente senza acciacchi sono cinque, da Montecarlo a Parigi. Oltre che con il trofeo più importante, la campagna europea su terra si è chiusa con incoraggianti segnali di solidità fisica che autorizzano uno sguardo in prospettiva. “Il percorso non finisce qui, c’è ancora del lavoro da fare. Dovrò aggiustare la mia programmazione, ma è una questione che discuterò con il mio team. Dopo Wimbledon, voglio essere in grado di giocare nel migliore dei modi ogni torneo a cui scelgo di partecipare. L’opzione di prendersi un po’ di tempo libero, come ho pensato qualche mese fa, resta sul tavolo dopo tutto quello che ho passato. Chiaramente la terra ha un impatto meno invasivo sulle articolazioni rispetto alle superfici più dure“.

L’approccio ai Championships rimane prudente, ma propositivo. “Realisticamente, ho fatto vedere le cose migliori a Wimbledon quando sono stato al top della forma. Ho giocato cinque finali consecutive tra il 2006 e il 2011 (non prese parte al torneo nel 2009, ndr), ci sono arrivato a un passo l’anno scorso. Vincere al Roland Garros mi ha sicuramente dato una spinta di fiducia. Se sarò in buone condizioni e mi sarò preparato nel modo migliore, vedremo cosa succederà“.

Rafa Nadal – Wimbledon 2018 (foto Roberto Dell’Olivo)
Continua a leggere
Commenti
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement