Fare il tennista è davvero così costoso?

Flash

Fare il tennista è davvero così costoso?

Sembrerebbe proprio di sì. E per guadagnare abbastanza da vivere di tennis, serve raggiungere un semplice obiettivo. Che semplice non è…

Pubblicato

il

Al momento di stabilire se il tennis è uno sport remunerativo le opinioni potrebbero essere parecchio divergenti. Perché, come in molti altri sport individuali, esiste una forte discrepanza tra i guadagni dei più forti e quelli di tutti gli altri giocatori. Da quando l’Era Open ha normalizzato le modalità dei guadagni dei tennisti, infatti, appena 634 tennisti in tutta la storia del tennis hanno guadagnato più di 1 milione di dollari nel corso dell’intera carriera. E persino tra questi, ce ne sono tanti che non hanno guadagnato abbastanza da vivere di rendita anche dopo il ritiro.

Lo ha candidamente ammesso Benjamin Becker, famoso per aver messo fine alle carriere di Agassi e Moya. Il tedesco si è ritirato nel 2017 dopo aver fatto il professionista per 13 anni. Ha vinto un titolo, è stato numero 35 del mondo e può vantare un career prize money di 4.399.584 dollari. Tantini, sembrerebbero, ma secondo l’esperienza di Becker non abbastanza da poter passare il resto della vita in panciolle.

Perché, semplicemente, sia imparare che continuare a giocare a tennis costa tantissimo e solo una parte degli introiti che un agonista si assicura in carriera finiscono effettivamente nelle sue tasche. Secondo la federazione britannica ci vogliono circa 300mila euro per portare un aspirante professionista dai 5 ai 18 anni, mentre USTA ha stimato che un tennista professionista deve spendere almeno 140000 dollari all’anno (al cambio attuale sarebbero circa 125000 euro) per mantenere la sua attività. Ci sono soprattutto i viaggi, la voce di spesa più onerosa, e gli stipendi dello staff (allenatore in primis). Senza considerare le tasse che possono rosicchiare anche più di un quinto dei guadagni complessivi.

Se un giocatore compreso tra la 100esima e la 150esima del ranking ATP può aspirare a guadagnare non molto più di 200mila dollari (lordi) a stagione, il calcolo è presto fatto: lo stipendio che ne viene fuori non è più alto del salario medio di un abitante degli Stati Uniti. La famosa ‘porta per il paradiso’, che poi equivale al primo sogno di ogni bambino che imbraccia una racchetta, è la più semplice da indovinare: partecipare ai tornei del Grande Slam. Come si evince dall’infografica de L’Insider.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Ferrer lancia Nadal: “Punterà al record di Slam e sarà numero 1 anche a fine 2020”

Secondo ‘Ferru’ Rafa può chiudere anche la prossima stagione in testa alla classifica e superare i venti Slam di Federer: “È un supereroe, ogni anno mi sorprende”

Pubblicato

il

David Ferrer e Rafa Nadal - Barcellona 2019 (foto via Twitter, @bcnopenbs)

L’addio al tennis di David Ferrer sulla terra rossa di Madrid è stato senza dubbio uno dei momenti più emozionanti del 2019 sportivo. Nella stessa città ‘Ferru’ ha ricevuto un importante premio dalla Hall of Fame in novembre, denominato “Davis Cup Award of Excellence” e consegnato a chi ha onorato negli anni la propria squadra di Davis dando un importante contribuito nell’arco della propria carriera. Lo spagnolo, che per 13 anni ha giocato con le Furie Rosse, ha ritirato il riconoscimento nella settimana in cui la sua Spagna ha vinto la sesta Coppa Davis della sua storia, guidata da un meraviglioso Rafael Nadal.

Il maiorchino è reduce da una stagione strabiliante, chiusa a -1 dal record di Slam di Roger Federer. Su questo argomento dibattuto ormai da un decennio si è espresso David Ferrer in un’intervista al Daily Express: “Rafa cercherà di vincere il maggior numero di Slam possibile. È il suo obiettivo principale. Vuole essere competitivo ancora a lungo, proprio come Federer. Lui è un gran punto di riferimento per continuare a giocare. È più difficile, ma Rafa è numero uno del mondo adesso, è in una buona situazione”.

Secondo Ferrer, Nadal punterà quindi a superare i venti Slam del suo storico rivale già dalla prossima stagione. Un’opinione condivisa dalla maggior parte degli appassionati, degli addetti ai lavori e degli stessi colleghi di Rafa, che vorranno opporsi al suo progetto di conquista. Oltre ai soliti Djokovic e Federer dovrà guardarsi anche dai giovani, che continuano a migliorarsi. Ma Ferrer non ripone tanta fiducia nelle nuove generazioni: “Tsitsipas, Thiem, Medvedev sono giocatori davvero bravi, ma Rafa per me è il favorito per chiudere anche l’anno prossimo al primo posto. Può farcela. È un supereroe, è incredibile. Ogni anno mi sorprende. La sua mentalità è diversa da ogni altro giocatore che ho visto”.

Nadal e Ferrer hanno giocato una finale Slam nel 2013 al Roland Garros. Vinse nettamente Nadal, ma quel match non scalfì minimamente la straordinaria carriera di David, anzi, alimentò la convinzione che meritasse almeno un titolo Slam. Ora che ha appeso la racchetta al chiodo, lavora nell’accademia di Valencia per far crescere giovani tennisti ed è direttore del torneo di Barcellona. “Essere un giocatore ritirato è molto diverso” ha continuato. “Ci sono tante cose da fare in famiglia, ho un figlio di appena un anno. Le mie priorità sono mia moglie e mio figlio. Ho il tempo di divertirmi con loro perché quando ero un tennista ho viaggiato molto e non ho avuto tempo per loro, perciò è diverso, è un’altra fase della vita. Spero di essere in grado di fare davvero un buon lavoro (all’Accademia). È una buona motivazione essere ancora coinvolti nel tennis“.

Continua a leggere

Flash

WTA, di chi è il colpo più bello del 2019?

Hsieh, Halep, Svitolina e non solo. Sono dieci le prodezze in lizza per il premio, divise in due gruppi da cinque. È possibile votare sul sito WTA

Pubblicato

il

Simona Halep - Madrid 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Ormai due mesi fa è andata in archivio una stagione WTA ricca di sorprese e colpi di scena. Sul sito ufficiale della associazione è stato aperto un contest per decretare il punto più bello dell’annata scorsa. Per ognuno dei dieci mesi di attività è stato scelto un colpo spettacolare e le dieci prodezze sono state divise in due gruppi, cinque nel gruppo A e cinque nel gruppo B. Si può esprimere una sola preferenza per ogni gruppo. Il colpo più votato nel primo gruppo e quello più votato nel secondo accederanno alla votazione finale dalla quale uscirà il miglior punto del 2019 femminile. Secondo voi chi merita il premio?

Primo gruppo (clicca qui per votare)

Gennaio: Hsieh Su-Wei, ASB Classic Auckland
Febbraio: Simona Halep, Dubai Tennis Championship
Marzo: Kristen Flipkens, BNP Paribas Open Indian Wells
Aprile: Iga Swiatek, Ladies Open Lugano
Maggio: Simona Halep, Mutua Madrid Open

Secondo gruppo (clicca qui per votare)

Giugno: Caroline Wozniacki, Nature Valley International Eastbourne
Luglio: Patricia Maria Tig, Bucarest Open
Agosto: Mattek Sands/Vandeweghe, W&S Open Cincinnati
Settembre: Monica Puig, Wuhan Open
Ottobre: Elina Svitolina, WTA Finals Shenzhen

Continua a leggere

Flash

ATP Awards 2019, Santopadre in corsa per diventare coach dell’anno

Il tecnico romano, regista dell’ascesa di Matteo Berrettini, potrà essere votato dai colleghi. Nomination anche per Moya, Apostolos Tsitsipas, Cervara e Massu

Pubblicato

il

Vincenzo Santopadre - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

C’è anche Vincenzo Santopadre nelle nomination per il coach dell’anno, una delle categorie degli ATP Awards 2019. A votare saranno gli stessi allenatori del circuito. Il tecnico romano si è guadagnato l’ingresso nella prestigiosa cinquina avendo accompagnato la scalata di Matteo Berrettini fino alla top 10. Una stagione, quella dell’attuale numero uno azzurro, iniziata oltre la cinquantesima posizione del ranking e conclusa da ottavo del mondo, con la soddisfazione di aver centrato la prima storica vittoria di un italiano in un match delle ATP Finals. La candidatura di Santopadre viaggia in parallelo con quella dello stesso Berrettini come “Most improved player of the year“, certificazione degli enormi progressi nel corso dei mesi che l’hanno portato fino al picco della semifinale dello US Open.

Vincenzo Santopadre e Matteo Berrettini – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

CONCORRENZA GRECA – A contendere il riconoscimento al tecnico romano saranno Apostolos Tsitsipas (papà e coach di Stefanos), Carlos Moya (al fianco Nadal), Gilles Cervara (regista dell’ascesa di Medvedev) e Nicolas Massu (da marzo nell’angolo di Dominic Thiem). Santopadre e Tsitsipas senior – i principali candidati al premio, stando a quel che filtra – condividono l’esperienza avviata al fianco di giocatori poco più che adolescenti, portati in pochi anni a diventare campioni di dimensione globale. Il greco, dopo il successo al Masters, si candida per un 2020 da protagonista anche a livello Slam senza mai aver messo in discussione il delicato e affascinante binomio con il padre allenatore.

GLI ALTRI Moya è al fianco di Nadal dal 2016, quando ha rappresentato la successione dolce allo zio Toni. Tra i due, separati da dieci anni, c’è una consolidata amicizia che ha contribuito a rendere ancor più proficua la relazione professionale. Di Cervara, francese, si è parlato di recente per l’approccio fortemente tecnologico che ha voluto dare all’allenamento del suo assistito. L’ascesa di Medvedev è stata infatti accompagnata dalla costruzione del servizio al laboratorio, come raccontato di recente in un’interessante intervista rilasciata a L’Equipe. L’arrivo di Massu nell’angolo di Thiem è invece estremamente recente: quella che sembrava una collaborazione limitata al Sunshine Double, si è cementificata dopo il successo dell’austriaco a Indian Wells (primo Masters 1000 in carriera). Portando altri quattro trofei in una stagione conclusa da numero quattro del mondo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement