Il (non) segreto di Guido Pella, l'imbucato ai quarti di Wimbledon

Focus

Il (non) segreto di Guido Pella, l’imbucato ai quarti di Wimbledon

“È la prima volta in carriera che mi sento importante”, ha ammesso il giocatore argentino. Che non avrà nulla da perdere contro Bautista Agut

Pubblicato

il

È

Solo un matto o un genio o un visionario (che poi sono la stessa cosa) avrebbe scommesso un nichelino sulla presenza di Guido Pella ai quarti di finale di Wimbledon. Nemmeno il buon Guido lo avrebbe fatto e non è un’iperbole. “Non avrei mai pensato di raggiungere i quarti di finale in uno Slam, davvero. È la prima volta in carriera che mi sento importante”, ha serenamente (e teneramente) confessato in conferenza stampa. “Figurarsi sull’erba“, ci permettiamo di aggiungere.

Sì, perché quando si pensa all’argentino difficilmente lo si associa ai prati. Riesce ben più semplice immaginarlo coi calzini sporchi di rosso mentre fa impazzire l’avversario dall’altra parte della rete. Vero che l’anno scorso, su questi stessi campi, aveva eliminato il finalista in carica Marin Cilic, pur essendosi ritrovato sotto due set a zero, ma in quell’occasione l’attenzione era tutta sull’abulica performance del croato e sui suoi cronici problemi di tenuta mentale.

Non si può però neanche dire che abbia infilato un corridoio fortunato di tabellone, sfidando e battendo solo carnedi. Anzi, dopo la compilazione del tabellone, ammesso che qualcuno abbia destinato più di un’occhiata fugace a Pella, il suo destino pareva segnato. Lo si poteva lecitamente dare per eliminato già contro Marius Copil e il suo potente servizio. E invece ha vinto. Contro una vecchia volpe come Andreas Seppi, che sull’erba ci sa giocare eccome. E invece ha vinto al quinto, dopo essere stato sotto due set a uno e break nel quarto. Contro il finalista dello scorso anno, Kevin Anderson. E invece ha vinto in tre set. Infine negli ottavi di finale contro un altro che la finale a Wimbledon l’ha giocata, ovvero Milos Raonic. Anche stavolta però, ha vinto Pella, rimontando due set di svantaggio.

 

E pensare che l’argentino non veniva neanche da un momento di particolare fiducia. Infatti dopo la deludente sconfitta contro Corentin Moutet al Roland Garros, erano arrivate infatti due eliminazioni al primo turno nei tornei di preparazione a Wimbledon. “È stato un momento duro per me, ma sapevo che il mio gioco sarebbe migliorato.” Consapevolezza o speranza? Ai lettori l’ardua sentenza. Agli atti rimane che il suo livello si è davvero alzato e lo ha fatto in maniera sensibile nei momenti di maggior pericolo e crisi. E anche questo non può essere un caso. “Il mio gioco è così. Ho bisogno di giocare partite molto lunghe. Cerco sempre di lottare su ogni palla“.

Eccolo allora il segreto: “lottare su ogni palla, non mollare un punto né un centimetro, perché come si usa dire “non è finita finché non cade l’ultima pallina”. Un mantra che Pella sembra aver fatto suo con straordinaria pazienza e dedizione. Anche dopo aver mancato i primi tre match point: “Quando se n’è andato anche il terzo match point volevo piangere (sorride). Ha servito così bene in quei punti che non potevo fare davvero niente, ma ho continuato a giocare, a lottare su ogni palla. Poi sull’ultimo punto lui ha mancato una palla e io ho vinto“.

E ora l’occhio si allunga a sbirciare il nome del prossimo avversario: Roberto Bautista-Agut. Difficile certo, parliamo pur sempre di un quarto di finale Slam. Anche un’occasione ghiotta però, considerando che lo spagnolo non è un esordiente assoluto a livello di quarti di finale Slam ma ha giocato il primo (e unico) della sua carriera soltanto qualche mese fa a Melbourne. Magari arriverà una sconfitta, ma si può star sicuri che non ci saranno tremori nel braccio sinistro di Pella, nessun passo indietro anche quando la situazione si facesse disperata. Perché in fondo che ci vuole? Basta lottare su ogni palla. Basta credere che non sia la fermata giusta.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Berrettini regala all’Italia la prima vittoria alle Finals: battuto Thiem

LONDRA – L’austriaco scende in campo con la testa già alle semifinali, Matteo ne approfitta e raccoglie 200 punti e un bel po’ di dollari

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)
Spazio sponsorizzato da Generali

Con Immagina Benessere di Generali hai sempre un consulto telefonico con un nutrizionista e migliori le tue performance sportive


8] M. Berrettini b. [5] D. Thiem 7-6(3) 6-3 (da Londra, il nostro inviato)

La quarta sfida tra Matteo Berrettini e Dominic Thiem alla vigilia si presentava priva dell’elemento che rende lo sport degno di amore e non solo di ammirazione : il pathos. Assenza riconducibile al fatto che Thiem scendeva in campo sicuro del passaggio alle semifinali in veste di vincitore del girone Agassi e Berrettini già certo dell’eliminazione. Il rischio di assistere a un’allenamento agonistico era evidentemente noto ai più, considerata l’abbondanza di posti vuoti alla O2 Arena nella quale si facevano comunque calorosamente sentire i numerosi fan di Berrettini. Soprattutto quelli provenienti dall’Italia.

 

Allenamento o meno, Berrettini ha vinto la partita con grande autorevolezza e merito diventando così il primo italiano di sempre a vincere una partita in questo torneo dopo lo ‘zero’ di Panatta e Barazzutti rispettivamente nel 1975 e nel 1978. Quanto alle faccende strettamente venali, questa vittoria gli frutta anche 200 punti ATP e più di 200.000 dollari, che sommati al bonus per la partecipazione fanno un totale di 430.000 dollari. Per la storia e per la cronaca, il punto che ha messo fine all’incontro è stata una smorzata di diritto.

Sono molto orgoglioso di me stesso“, ha detto Matteo a caldo. “Spero di tornare il prossimo anno, grazie a tutti per oggi. Ho cercato di essere mentalmente sempre nel match, specie dopo il break restituito”.

IL MATCH – Nel primo set Thiem – orfano del coach Nicolas Massu volato a Madrid per gli imminenti impegni di Davis con la nazionale cilena da lui guidata – ha ceduto il primo punto al servizio dopo averne vinti nove consecutivi. Era quindi difficile immaginare che nel nono game lo avrebbe perso in bianco a causa di tre consecutive prodezze di Berrettini che – forse sorpreso dalla sua stessa audacia – nel game successivo combinava solenni pasticci a rete e glielo restituiva prontamente. Pasticci a rete che anche l’austriaco compiva diligentemente nell’undicesimo game, senza però riuscire a comprometterlo. Nel tie-break Thiem arrivava scarico su alcuni colpi mostrando così a nostro avviso di non essere oggi particolarmente incline alla battaglia, al contrario di Berrettini che giungeva invece a toccare vette di lirismo tennistico con uno stupendo slice vincente di rovescio e infine a vincere per distacco il game decisivo. Positivo sino a qui il bilancio vincenti/errori di Matteo e negativo quello del suo avversario.

La sensazione di assistere ad una esibizione (seppure di alto livello, come prova il rovescio di Thiem nell’ottavo game) diventava ancora più forte nel secondo set durante il quale Thiem si limitava a compiti di ordinaria amministrazione per poi capitolare senza opporre particolare resistenza nel sesto game. Berrettini chiudeva l’incontro in un’ora e sedici minuti senza incontrare alcun ostacolo.Ventinove i punti vinti da Berrettini nel secondo set contro i 18 di Thiem.

Nell’intervista sul campo, Matteo, oltre a dichiararsi orgoglioso e soddisfatto della sua stagione (e ci mancherebbe altro) e di augurarsi di poter tornare il prossimo anno alle Finals, ha rivelato all’intervistatrice e quindi al mondo il segreto del suo diritto: l’ha preso dalla sua mamma! Averne di più, di mamme così.

La situazione aggiornata del Gruppo Borg
Gruppo Borg, day 1le vittorie di Djokovic e Thiem
Gruppo Borg, day 2: le vittorie di Federer e Thiem
Il ranking ATP aggiornato

Continua a leggere

ATP

ATP Cup al completo: la Norvegia con l’Italia, Bulgaria al posto della Svizzera

L’organico del torneo per nazioni che aprirà il 2020 è stato integrato con le ultime sei partecipanti. La Bulgaria di Dimitrov prende il posto della Svizzera dopo la rinuncia di Federer

Pubblicato

il

Casper Ruud guiderà la Norvegia alla ATP Cup 2020 (foto via Twitter, @mensclaycourt)

Si chiude il cerchio sulle partecipanti alla prima edizione della ATP Cup, la nuova competizione per nazioni in programma in Australia dal 2 al 12 gennaio 2020. Per completare il format da 24 squadre ne mancavano ancora sei (complice l’esclusione della Svizzera, a causa della rinuncia di Federer) e l’integrazione dell’organico è arrivata puntuale, rispettando la deadline di qualificazione del 13 novembre.

LE SEI QUALIFICATE – Il sorteggio che ha assegnato le aventi diritto ai raggruppamenti è stato trasmesso in streaming. A prendere il posto della Svizzera nel girone C di Sidney sarà la Bulgaria, qualificata grazie al numero 20 del mondo Grigor Dimitrov. Nello stesso girone – comprendente Belgio e Gran Bretagna – entra anche la Moldavia di Radu Albot. Sempre a Sidney, ma nel gruppo E, sarà la Polonia di Hubert Hurkacz a sfidare Austria, Croazia e Argentina. La casella vuota nel gruppo A di Brisbane se la prende il Cile di Cristian Garin, che va ad aggiungersi alle già qualificate Serbia, Spagna e Sudafrica. L’Uruguay di Pablo Cuevas raggiunge a Perth (gruppo B) Spagna, Giappone e Georgia. Nella stessa città, l’Italia (insieme a Russia e Stati Uniti) troveranno sulla loro strada la Norvegia, qualificata grazie a Casper Ruud.

ATP Cup 2020, i gruppi al completo (via Twitter, @ATPCup)

COORDINATE – Il torneo accoglierà così nove dei primi dieci tennisti del mondo (mancherà solo Federer, appunto) e 26 dei primi 30. Le prime classificate dei raggruppamenti e le due migliori seconde andranno a disputare la fase finale a eliminazione diretta (quarti, semifinali e finale) che si terrà a Sydney, città al centro dell’evento visto che ospita anche due gironi. Ciascun tie prevede due incontri di singolare al meglio dei tre set e un doppio. Sarà ammesso il coaching in campo durante i cambi di campo e alla fine dei set. In palio un significativo montepremi di 15 milioni di dollari e la possibilità di conquistare punti validi per le classifiche (fino a un massimo di 750). Quello della ATP Cup è un debutto attesissimo, considerando la posizione concorrenziale dell’evento rispetto alla nuova Coppa Davis di scena la settimana prossima a Madrid. Nell’intervista esclusiva concessa a Ubitennis dal presidente uscente ATP Chris Kermode si è parlato del tentativo, non riuscito, di provare a unificare le due manifestazioni. Per il momento, ognuno per la sua strada e tanta curiosità.

I CONVOCATI – Qui l’elenco dei nuovi giocatori coinvolti, che vanno ad aggiungersi a quelli già ufficializzati al primo step di qualificazione (per l’Italia ci saranno Fabio Fognini e Matteo Berrettini).

19) Bulgaria: Grigor Dimitrov – Dimitar Kuzmanov
20) Cile: Cristian Garin – Nicolas Jarry
21) Polonia: Hubert Hurcacz– Kamil Majchrzak
22) Uruguay: Pablo Cuevas – Martin Cuevas
23) Moldavia: Radu Albot – Alexander Cozbinov
24) Norvegia: Casper Ruud – Viktor Durasovic

IL PROGRAMMA DELLA FASE A GIRONI (orari italiani)

DAY 1 (3 gennaio)
Gruppo F (Brisbane)
Grecia vs Canada dalle 01
Germania vs Australia dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
USA vs Norvegia dalle 03
Russia vs Italia dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Belgio vs Moldavia dalle 00
Bulgaria vs Gran Bretagna dalle 07:30

DAY 2 (4 gennaio)
Gruppo A (Brisbane)
Francia vs Cile dalle 01
Serbia vs Sudafrica dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Giappone vs Uruguay dalle 03
Spagna vs Georgia dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Argentina vs Polonia dalle 00
Austria vs Croazia dalle 07:30

DAY 3 (5 gennaio)
Gruppo F (Brisbane)
Canada vs Australia dalle 01
Germania vs Grecia dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
Italia vs Norvegia dalle 03
Russia vs USA dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Belgio vs Gran Bretagna dalle 00
Bulgaria vs Moldavia dalle 07:30

DAY 4 (6 gennaio)
Gruppo A (Brisbane)
Sudafrica vs Cile dalle 01
Serbia vs Francia dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Giappone vs Georgia dalle 03
Spagna vs Uruguay dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Croazia vs Polonia dalle 00
Austria vs Argentina dalle 07:30

DAY 5 (7 gennaio)
Gruppo F (Brisbane)
Germania vs Canada dalle 01
Grecia vs Australia dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
Russia vs Norvegia dalle 03
Italia vs USA dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Gran Bretagna vs Moldavia dalle 00
Bulgaria vs Belgio dalle 07:30

DAY 6 (8 gennaio)
Gruppo A (Brisbane)
Serbia vs Cile dalle 01
Francia vs Sudafrica dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Spagna vs Giappone dalle 03
Georgia vs Uruguay dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Austria vs Polonia dalle 00
Croazia vs Argentina dalle 07:30

IL CALENDARIO DELLA FASE FINALE

DAY 7 (9 gennaio)
Quarto 1: Vincente Gruppo C vs Vincente Gruppo F dalle 00
Quarto 2: Vincente Gruppo D vs Vincente Gruppo E dalle 07:30

DAY 8 (10 gennaio)
Quarto 3: Vincente Gruppo A vs squadra con punteggio più basso tra le migliori seconde dalle 00
Quarto 4: Vincente Gruppo B vs squadra con punteggio più alto tra le migliori seconde dalle 07:30

DAY 9 (11 gennaio)
Semi 1: Vincente Quarto 2 vs Vincente Quarto 3 dalle 00
Semi 2: Vincente Quarto 1 vs Vincente Quarto 4 dalle 07:30

DAY 10 (12 gennaio)
Finale dalle 07:30

Continua a leggere

Focus

A Medveded più di Nadal fanno soffrire i ‘visti’

I genitori di Daniil non sono a Londra per problemi burocratici: “Ma non ho perso per questo”. E sulla partita dice: “Dovevo chiudere, è andato tutto male dal punto di vista mentale. Rafa poteva arrendersi… ma non è proprio il tipo”

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

da Londra, il nostro inviato

La seconda partita della sua carriera giocata al Masters, Daniil Medvedev non la dimenticherà tanto facilmente. Dopo aver deluso all’esordio contro Tsitsipas, il russo sembrava davvero a un passo dalla prima vittoria alle Finals contro il numero 1 del mondo Rafa Nadal, che lo aveva sempre sconfitto nei due precedenti (la finale della Rogers Cup e quella splendida giocata allo US Open). 4-0 e palla del 5-0, 5-1 e match point sul servizio di Nadal, due volte alla battuta per chiudere il match sul 5-2 e sul 5-4 del set decisivo. Ma non è bastato. “Avrebbe potuto arrendersi e concedermi quel punto sull’1-5, ma conosciamo tutti Nadal. Non è proprio il tipo, ha riconosciuto Daniil nella conferenza stampa post match, durante la quale ha parlato anche delle sue lacune mentali e del problema dei visti rilasciati dalla Russia verso altri Paesi (per chiarimenti sul tema, vi rimandiamo a questo articolo pubblicato a luglio in occasione del caso Kuznetsova).

Rafael Nadal e Daniil Medvedev – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Hai uno psicologo nel tuo team?
Sì.

Non c’è bisogno di sottolineare che hai avuto molte chance di vincere oggi. Su cosa ritieni di dovere lavorare per fare sì che simili situazioni non ricapitino in futuro?
Non so rispondere. Devo semplicemente chiuderli certi match. Devo continuare a lavorare sulla parte mentale come sto già facendo giorno dopo giorno. Oggi è andato tutto male sotto quel punto di vista. Spero proprio che non mi ricapitino mai più incontri così in futuro. Farò di tutto per evitarlo.

I tuoi genitori non sono a Londra. Puoi spiegarci il perché e quanto è stato scoraggiante per te non averli qui con te a causa dei visti.
È sempre un problema parlare di visti rilasciati dalla Russia verso altri Paesi. In passato furono un problema per me prima, poi per la mia ragazza e ora è toccato ai miei genitori. Non conosco le leggi in materia, quindi non posso dare una risposta alla domanda. A tutt’oggi non lo hanno ottenuto. Io devo concentrarmi sul mio gioco. Oggi non ho perso perché loro non c’erano.

A che punto del terzo set hai sentito che la partita stava andando verso Rafa?
A essere sincero l’ho sentito dopo che lui ha vinto, dopo il match point, perché io ci ho provato sino in fondo, anche se mi sono fatto riprendere da 5-1 in vantaggio. Spero non mi ricapiti più, ma questo è il tennis. Rafa ha dato il meglio di sé in quei frangenti. Avrebbe potuto arrendersi e concedermi quel punto sull’1-5, ma conosciamo tutti Nadal. Non è proprio il tipo.

Al termine del secondo set si è avuta la sensazione che ti stessi già concentrando sull’imminente terzo parziale e che stessi quindi lasciandolo andare. È solo un’impressione oppure è davvero andata così?
Non si buttano mai via i punti. Sarebbe stupido, soprattutto contro un giocatore come Nadal. Se lo fai ti stritola. Quindi no, non ho lasciato andare il set. Il punto è che quando giochi a tennis hai sempre davanti un avversario e quando si tratta di Rafa e sei sotto 3-5, lui dà il meglio di sé per chiudere. È stata dura. Ho avuto la palla del 4-5. Non ho messo molte prime in quel game e subito dopo era finita 6-3 per lui. Concludendo: era una sensazione. Sono cose che capitano spesso in una partita di tennis.

Pensi di avere giocato meglio oggi oppure contro Tsitsipas lunedì?
Ho giocato molto meglio oggi. Ancora lontano dal livello a cui vorrei giocare, ma in ogni caso ho giocato meglio. Ho ancora un incontro da disputare. Non so se servirà a portarmi in semifinale (Daniil ha ancora una possibilità, ma non dipende solo da lui: qua tutti i possibili scenari di qualificazione, nda), ma voglio comunque provare a giocare ancora meglio. Se avrei vinto giocando in questo modo contro Stefanos? Non lo so. È difficile a dirsi. Forse avrei avuto qualche chance in più ma non significa che avrei vinto. Ho perso e non c’è altro da aggiungere.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement