Entry list ATP, Week #29: Pella dà forfait a Umago, Berrettini a Bastad

Flash

Entry list ATP, Week #29: Pella dà forfait a Umago, Berrettini a Bastad

Il tennis non va in vacanza. Tre ATP 250 dopo Wimbledon a Bastad, Umago e Newport. Le fatiche dei Championships pesano su Matteo e Pella, Isner ritorna nel torneo americano

Pubblicato

il

Guido Pella - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Con i quarti di finale conquistati a Wimbledon Guido Pella ha firmato il risultato più importante della sua carriera. Contro i pronostici della vigilia ha eliminato due erbivori d’eccellenza, finalisti sui campi dell’All England Club, come Milos Raonic e Kevin Anderson prima di perdere da Roberto Bautisa Agut. Le fatiche londinesi hanno pesato sulle gambe dell’argentino che a questi livelli non può più andare in campo se non è al massimo della condizione, come dichiarato il suo coach Acasuso. Per questo motivo Pella si è ritirato dall’ATP di Umago, al via lunedì 15 luglio, per ricaricare le batterie in vista degli appuntamenti più importanti della stagione sul cemento.

L’argentino difendeva la finale nel torneo croato, ma i 480 punti guadagnati a Church Road gli permetteranno di non scivolare in basso nel ranking. Ha dato forfait anche Marton Fucsovics (settima testa di serie), notizia che fa sorridere il tennis italiano. Stefano Travaglia entrerà direttamente nel main draw e sarà il sesto azzurro presente in Croazia, il primo dei quali è Fabio Fognini, che guida il seeding. Si è aggiunto al gruppo anche Jannik Sinner, presente grazie all’invito degli organizzatori.

(clicca per ingrandire)

È più ristretta la compagine azzurra che sarà presente all’ATP 250 di Bastad. Matteo Berrettini, reduce dalla prima apparizione negli ottavi di finale di un Major, ha dato forfait cedendo la testa di serie numero due al cileno Garin. Il 23enne romano si prenderà una pausa meritata dopo l’esaltante stagione su erba, in cui è riuscito anche a sollevare in trofeo a Stoccarda. Verrà rimpiazzato dal brasiliano Monteiro. L’unico italiano presente nell’entry list del torneo svedese rimane quindi Lorenzo Sonego. A guidare il seeding c’è Fernando Verdasco, che come Berrettini si è spinto fino alla seconda settimana dei Championships. Saranno presenti grazie a una wild card anche i due giovani fratelli Mikael ed Elias Ymer, che giocano in casa, e lo spagnolo Davidovich Fokina.

(clicca per ingrandire)

A Newport si gioca invece l’ultimo torneo su erba della stagione, l’Hall of Fame Tennis Championship. John Isner tornerà a calcare i campi del Rhode Island da testa di serie numero uno, lui che ha alzato per tre volte il titolo, l’ultimo nel 2017. Il secondo favorito è Adrian Mannarino, sempre insidioso quando si gioca sui prati e campione a ‘s-Hertogenbosch. Sarà presente anche Bernard Tomic che è al centro della polemica sulla multa rifilatagli dall’All England Club per scarso impegno nel primo turno di Wimbledon. Non saranno presenti giocatori italiani nel tabellone principale.

 
(clicca per ingrandire)

Le entry list aggiornate della prossima settimana
Il calendario ATP

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Seoul: primo titolo e best ranking per Karolina Muchova

La pioggia rimanda l’inizio della finale, ma poi la ceca lascia appena due giochi a Linette

Pubblicato

il

A Seoul, Karolina Muchova si sblocca e porta a casa il primo titolo della sua carriera al termine di una finale dominata contro Magda Linette. La partita è stata rimandata di qualche ora (era programmata per le 8:30 italiane, è cominciata solo alle 13) per la pioggia che continuava a cadere insistente sulla città coreana, ma quando finalmente si è potuto giocare gli spettatori hanno assistito ad un vero e proprio no contest. Muchova, scioltissima, è scappata subito avanti 4-0 e ha chiuso il primo set in appena 32 minuti con il punteggio di 6-1. Nel secondo parziale, le cose non sono migliorate per Linette, che si era congedata dal primo con un doppio fallo: la polacca è riuscita a vincere un solo game senza mai arrivare a palla break in tutta la partita.

Solida prestazione di Muchova che corona una splendida settimana, durante la quale ha espresso un bel tennis e ha regalato colpi da antologia. Questo risultato la proietta al numero 37 del ranking WTA (best ranking) con un salto in avanti di otto posizioni, miglior piazzamento della carriera anche per Linette che scala sei posizioni e si attesta al 42esimo posto.

[3] K. Muchova vs [4] M. Linette 6-1 6-1

 

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Laver Cup, Day 3: Federer, orfano di Nadal, cerca i punti decisivi

Sessione unica di gioco per la giornata decisiva: Tsitsipas prende il posto di Rafa in doppio, Thiem in singolare

Pubblicato

il

Giornata conclusiva per la terza edizione della Laver Cup a Ginevra. Come da regolamento gli incontri della domenica valgono 3 punti a vittoria e dunque è ancora tutto aperto con Team Europe avanti 7-5 dopo le prime due giornate. Servono 13 punti per alzare il trofeo e dunque mancano due vittorie ai padroni di casa per chiudere la contesa.

Sessione unica di gioco e si parte stavolta con il match di doppio alle ore 12 che vedrà in campo insieme Roger Federer e Rafael Nadal opposti alla coppia americana Isner/Sock. Poi i due campionissimi giocheranno anche in singolare. Nadal opposto a Kyrgios e Federer, se necessario, contro Isner. L’ultimo incontro, sempre se necessario, vedrà opposti Milos Raonic e Alexander Zverev.

Aggiornamento ore 10:50

Il forfait di Nadal per un problema al polso, cambia completamente i piani di Borg: Tsitsipas giocherà con Federer il match di doppio, Thiem quello di singolare contro Kyrgios

 

Il programma completo

dalle ore 12 (Diretta TV su Eurosport 1 e Supertennis)

R. Federer/S. Tsitsipas vs J. Isner/J. Sock
D. Thiem vs N. Kyrgios
R. Federer vs J. Isner
A. Zverev vs M. Raonic

Continua a leggere

Flash

Quando Federer e Nadal sono i tuoi coach: il momento di massima pressione per Fognini

Difficilmente vi sarà sfuggito, ma ecco il momento in cui Federer e Nadal (trentanove Slam in due) hanno provato spingere Fognini verso la rimonta Senza riuscirci

Pubblicato

il

Il frammento più iconico della prima giornata della Laver Cup 2019 – quantomeno per noi italiani – non è stato un punto né una dichiarazione in conferenza stampa. Ha invece per protagonista Fabio Fognini, che nel bel mezzo della deludente prestazione offerta contro Jack Sock si è trovato a usufruire di un coaching più unico che raro: quello che gli è stato offerto da Roger Federer e Rafael Nadal, trentanove (39!) Slam in due.

Sopra 5-4 nel secondo set, che avrebbe poi perso al tie-break, Fognini si siede al cambio campo e si ritrova immediatamente alle spalle Federer, che gli ha tenuto una lezioncina (invano, a giudicare dal risultato finale) di attitudine e motivazione: “Non voglio più vedere negatività. Se lui colpisce un bel dritto, ok, va bene, magari è stato fortunato e non fa nulla. Costringilo a giocare un grande colpo“.

Accanto a entrambi c’è Nadal, che si accoda parlando in spagnolo – Fognini risponde in spagnolo, e i tre sembrano capirsi a meraviglia – e interpreta la parte del coach comprensivo, di contrasto all’atteggiamento leggermente più diretto di Federer. “Non puoi sentirti frustrato, è stata una risposta perfetta” dice Rafa.

Purtroppo, nonostante il coaching da 186 titoli complessivi, Fognini non è riuscito a cambiare l’inerzia della partita. Quei due ce l’hanno messa tutta. “Se Rafa, Roger e Björn mi danno dei consigli, devo solo stare ad ascoltare” ha dichiarato poi Fabio in conferenza.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement