I due canali Eurosport anche su DAZN dal 1° agosto

Flash

I due canali Eurosport anche su DAZN dal 1° agosto

Eurosport 1 HD e Eurosport 2 HD saranno disponibili su DAZN in Italia, Spagna, Germania e Austria dal 1° agosto 2019 con Australian Open, Roland Garros, US Open e i Giochi Olimpici di Tokyo 2020

Pubblicato

il

DAZN, il servizio internazionale di streaming live e on demand interamente dedicato allo sport, e Discovery, leader globale nell’intrattenimento di qualità, annunciano un accordo di distribuzione che vedrà Eurosport 1 HD e Eurosport 2 HD entrare a far parte dell’offerta di DAZN destinata agli appassionati di sport in Italia, Austria, Germania e Spagna, a partire dal 1° agosto 2019.

Eurosport, destinazione sportiva numero uno in Europa, detiene i diritti a livello paneuropeo di alcuni fra i più grandi eventi sportivi al mondo, come Giro d’Italia, Tour de France, Vuelta e le Grandi Classiche di ciclismo, Australian Open, Roland Garros e US Open di tennis, Formula E, 24 Ore di Le Mans, campionato WTCR di motori e le principali discipline invernali. A cui si aggiungono, per il mercato italiano, i diritti Lega Basket Serie A, l’Eurolega e le altre competizioni europee di basket che, oltre alla trasmissione dei migliori match sui due canali, continueranno ad essere disponibili integralmente su Eurosport Player.

Eurosport è inoltre “Home of the Olympics” in Europa, dove detiene i diritti media di Tokyo 2020, Pechino 2022 e Parigi 2024 in più di 50 mercati*.

 

Il nuovo accordo contribuisce ad ampliare l’offerta di eventi sportivi premium di DAZN, che già include in Italia: 3 match per ogni giornata di Serie A TIM, tutta la Serie BKT, il calcio internazionale con Liga, Ligue 1, FA Cup, EFL Cup, Eredivisie, Copa Libertadores, i motori con WRC, IndyCar e NASCAR, gli sport americani con NFL e MLB, la grande boxe, le MMA di UFC e Bellator, oltre alle principali competizioni europee di rugby e pallavolo. Gli appassionati italiani di sport avranno la possibilità di usufruire della sempre più ampia offerta di DAZN al prezzo invariato di 9,99 euro al mese.

Veronica Diquattro, Executive Vice President Southern Europe di DAZN, afferma: “L’accordo siglato con Discovery per i contenuti Eurosport in quattro mercati europei, definisce ancora meglio l’impegno di DAZN nel portare i grandi eventi sportivi ad un numero sempre maggiore di tifosi e appassionati, facilmente e a un prezzo accessibile. Al nostro debutto in Italia, quasi un anno fa, gli italiani ci hanno scelto soprattutto per il calcio. Oggi, anche grazie a questo accordo, possiamo proporre ai nostri utenti una ricca offerta che include sempre più sport, con alcune tra le più emozionanti competizioni a livello mondiale, e sempre allo stesso prezzo. Siamo felici di questa partnership e lavoreremo per renderla ancora più forte”.

Alessandro Araimo, Amministratore Delegato Discovery Italia, dichiara: “Siamo lieti di annunciare una partnership che estende ulteriormente la distribuzione dei canali Eurosport in Italia e permette di raggiungere ancora più spettatori con i grandi eventi sportivi presenti nella nostra ricca offerta. Parallelamente, per tutti gli appassionati che vogliono vivere un’esperienza ancora più ampia, completa e immersiva, continueremo a sviluppare il nostro servizio OTT Eurosport Player”.

Note: *Esclusa Russia. Esclusa Francia nel 2020. Discovery/Eurosport sarà Official Broadcaster in UK nel 2020

Continua a leggere
Commenti

Flash

Torna ‘The Battle of the Brits’, questa volta a squadre

Dal 27 luglio a Roehampton si affronteranno (a porte chiuse) due team con 24 protagonisti britannici del circuito maschile e femminile. L’organizzatore è sempre Jamie Murray, si attende l’elenco dei partecipanti

Pubblicato

il

Jamie Murray - ATP Finals 2017 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Una nuova versione di The Battle of the Brits prenderà il via a partire dal 27 luglio, tramutandosi in questo caso in competizione a squadre. L’annuncio arriva sul sito della federazione britannica (LTA), per un’iniziativa che vede dietro le quinte sempre Jamie Murray nelle vesti di direttore del torneo. Anche questa volta si giocherà sui campi del centro federale di Roheampton, ma la formula sarà differente rispetto alla prima edizione vinta a fine giugno da Dan Evans.

Si affronteranno infatti due team composti ciascuno da sei uomini e sei donne scelti dal capitano: in una settimana si alterneranno match di singolare, doppio e doppio misto con l’obiettivo di mettere di fronte anche questa volta i migliori protagonisti britannici del circuito (anche se non è stato ancora ufficializzato il campo dei partecipanti). Al termine, una classifica a punti determinerà la squadra vincitrice.

Resta confermata la finalità benefica – verranno raccolti fondi – oltre a quella di aiutare i professionisti ad ammortizzare le conseguenze (tecniche ed economiche) del lungo stop. Si giocherà senza spettatori, ma con la copertura televisiva. “L’innovazione rimane un punto fondamentale del piano quinquennale della LTA – ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato Scott Lloyd -, siamo lieti di collaborare con Jamie per questo evento che proporrà tennis di alto livello in Gran Bretagna in un formato nuovo. Vogliamo fare tutto il possibile per supportare i giocatori in questo periodo e far sì che il tennis rimanga al centro dell’attenzione anche mediaticamente“. Da questo punto vista, il torneo di singolare maschile – complice la presenza di Andy Murray fino alle semifinali – ha dato buoni riscontri che si punta a confermare.

Continua a leggere

Flash

Berrettini cede a Thiem sull’erba di Berlino

Il match tie break premia l’austriaco nella finale del Bett1Aces: 6-7(4) 6-4 10-8. L’esibizione adesso si sposta sul cemento indoor: torna in campo Jannik Sinner

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Dominic Thiem - Berlino, Bett1Aces (via Twitter, @bett1aces)

Per non essere ancora tennis vero, una finale tra Berrettini e Thiem comunque fa un certo effetto. Ed è per questo che diversi occhi si sono posati sull’ultimo atto della versione su erba del Bett1Aces di Berlino. L’azzurro (8 ATP) ha ceduto soltanto al match tie break contro il numero tre del mondo, al termine di una partita vivace e combattuta come da previsione (2-2 i precedenti ufficiali, l’ultimo vinto da Matteo alle ATP Finals). Ieri ha avuto la meglio l’austriaco, ma il risultato di questi tempi non impressiona. Conta invece aver visto Berrettini esprimersi su buoni standard: nel primo set vinto al tie break ha viaggiato al 90% di prime di servizio in campo ed è stato bravo a prendersi di forza il tie break in rimonta (sei punti consecutivi).

Il rendimento di inizio gioco è calato nel secondo set: prime al 60% è un break nel cuore del parziale che è valso il 6-4 per Thiem. La partita è scivolata dalle mani di Matteo, come detto, nel tie break sostitutivo del terzo set. Thiem subito avanti 5-2 e 6-3, vantaggio gestito fino al 10-8 finale.

Quando ho annullato due palle break nel secondo set la partita è cambiata – ha commentato l’austriaco -, sono contento perché ho giocato bene sull’erba, pur senza preparazione specifica e contro un avversario che ha confermato tutto il proprio valore su questa superficie”. Il Bett1Aces si sposta adesso per il secondo atto (17-19 giugno) sul cemento indoor dell’aeroporto di Tempelhof, con l’obbligata riduzione del numero di spettatori ammessi (da 800 a 200). Tornerà in campo Jannik Sinner, che a causa del ritardo dovuto alla pioggia non ha potuto disputare allo Steffi Graf Stadium la finalina contro Bautista Agut (saltate per lo stesso motivo anche le finali del torneo femminile: Svitolina-Kvitova per il trofeo e Bertens-Sevastova per il terzo posto).

 

Continua a leggere

Flash

Il direttore generale della federazione francese: “Ci saranno 20.000 persone al day 1 del Roland Garros”

La FFT farà il possibile per assicurare la presenza del pubblico sugli spalti, anche con il 50% di capacità. E i prezzi dei biglietti non aumenteranno

Pubblicato

il

Ashleigh Barty - Roland Garros 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Il COVID-19 fa meno paura in Europa e ogni tentativo sembra volto a ritrovare una normalità. Lo stiamo vedendo in Italia con la proposta di riaprire gli stadi di calcio al pubblico e con la speranza della FIT di organizzare gli Internazionali d’Italia con gli spettatori. Non stupisce quindi che il Roland Garros stia già elaborando piani per riempire il più possibile gli spalti, dopo aver cominciato a vendere i biglietti da qualche giorno (domani partirà la vendita libera).

Lo Slam parigino, in programma dal 27 settembre, ad oggi è l’unico Slam che sembra realmente sicuro di svolgersi, vista la situazione d’emergenza negli Stati Uniti. Il piano della FFT è di riempire gli stadi al 50-60% della capacità effettiva. L’obiettivo sarebbe raggiunto lasciando un posto vuoto di distanza su ogni fila di spalti.

Come fa notare sulle pagine de L’Equipe il direttore generale della federazione francese Jean-François Vilotte, il difficile non sarà rispettare il distanziamento sugli spalti, ma negli spazi comuni. “Per la prima giornata siamo pronti ad accogliere 20.000 persone nell’impianto. L’equivalente di una giornata finale […] Faremo di tutto per far rispettare le distanze, potremmo considerare di adottare nuovi percorsi attorno agli stadi per evitare assembramenti, ci adatteremo alle ultime indicazioni governativi da quel punto di vista“.

 

Non sarà previsto un rincaro dei prezzi, nonostante la diminuita capacità, assicura Vilotte. “Abbiamo sempre fatto vendite dell’ultimo minuto. Le condizioni sarebbero quindi le stesse di un edizione normale. Ci sono meno posti in vendita nel 2020, ma non abbiamo aumentato i prezzi“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement