Non riesce il miracolo, Del Potro non giocherà lo US Open

Flash

Non riesce il miracolo, Del Potro non giocherà lo US Open

L’annuncio era nell’aria, l’argentino (finalista in carica) scenderà almeno di 50 posizioni

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro - US Open 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Arriva l’ufficialità di una notizia, purtroppo, tristemente facile da prevedere. Dopo aver saltato tutti i tornei preparatori per l’infortunio al ginocchio destro, con sole dodici partite ufficiali disputate nel 2019, Juan Martin del Potro non riesce a recuperare in tempo per partecipare allo US Open, vero Slam di casa per lui visto l’incredibile supporto dei suoi sostenitori oltre che teatro del suo unico trionfo in un Major, nel 2009. Il suo posto nel tabellone principale verrà preso dall’americano Denis Kudla, già beneficiario di una wild card che dovrebbe finire nelle mani del connazionale Christopher Eubanks.

Entry list aggiornata dello US Open

È una botta durissima, non solo per il morale ma soprattutto per la classifica, che lo vedrà perdere i 1200 punti della finale dello scorso anno e precipitare attorno alla posizione numero 70, dalla 12 che occupa attualmente. Forse non sarà uno dei suoi primi pensieri adesso, lui che è tristemente abituato a risalite ben più importanti, ma ogni discesa in classifica comporta sempre uno sforzo supplementare per rimettersi in carreggiata. L’augurio è che l’argentino possa riuscire a trovare le energie emotive per un altro comeback.

Juan Martin proseguirà dunque la riabilitazione al ginocchio destro, operato alla rotula dopo l’infortunio al Queen’s di giugno scorso, nella speranza di recuperare quantomeno per la tournée asiatica: evaporato ormai l’obiettivo Finals (del Potro è 89esimo nella Race to London), tamponare i 390 punti in uscita tra Shanghai e Pechino è l’unica strada per mantenere la top 100.

Lorenzo Fattorini

Continua a leggere
Commenti

Flash

Medvedev rincorre Federer e Djokovic: “17 finali consecutive? Impossibile!”

Il russo ha una striscia aperta di sei finali di fila. Tra i giocatori in attività solo i Fab Four hanno fatto meglio: Djokovic (17), Federer (17), Nadal (9), Murray (7)

Pubblicato

il

Daniil Medvedev (foto via Twitter, @atptour)

A Shanghai Daniil Medvedev ha raggiunto la sesta finale negli ultimi sei tornei, certificando una volta di più il proprio straordinario stato di forma. Tra i giocatori in attività soltanto quattro tennisti hanno fatto meglio di lui e, manco a dirlo, si tratta dei Fab 4. Nel mirino del russo ora ci sono le sette finali consecutive di Andy Murray (Madrid 2016 – Cincinnati 2016) e poco più in là le nove di Rafael Nadal (Vina del Mar 2013 – Roland Garros 2013). Decisamente più distanti Roger Federer e Novak Djokovic, entrambi forti di una stratosferica serie di 17 finali di fila.

Lo stesso Medvedev, informato di questo dato da un giornalista in conferenza stampa, ha espresso tutto il suo stupore e la sua ammirazione per i due campioni: “Ne hanno fatte diciassette di fila? Wow! Sono piuttosto lontani. Penso che sia impossibile, ma ci sono due tennisti che ce l’hanno fatta, cosa che non sapevo. È semplicemente incredibile. Non ho parole per descriverlo“. Incredibilmente però il record assoluto non appartiene a questi due fenomeni, ma è ancora saldamente nelle mani di Ivan Lendl, capace di raggiungere ben diciotto finali consecutive (Madrid 1981 – Forest Hills WCT 1982, 15 titoli).

Maggior numero di finali consecutive (giocatori in attività):

R. Federer 17 (Halle 2005 – Open del Canada 2006, 12 titoli)
N. Djokovic 17 (Australian Open 2015 – Australian Open 2016, 13 titoli)
R. Nadal 9 (Vina del Mar 2013 – Roland Garros 2013, 7 titoli)
A. Murray 7 (Madrid 2016 – Cincinnati 2016, 4 titoli)
D. Medvedev 6 (Washington 2019 – Shanghai 2019, 3 titoli)

 

Continua a leggere

Flash

Kyrgios fa sempre notizia: auto distrutta in un incidente

Il turbolento tennista australiano riesce a finire sulle prime pagine anche quando non gioca. Il suo bolide si è schiantato contro un lampione subendo gravi danni. Ma non è stata (tutta) colpa sua

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Montreal 2019 (foto via Twitter, @CoupeRogers)

Nick Kyrgios ha fatto boom. Non con uno dei suoi ace oltre i 200 chilometri orari. O con una delle sue invettive contro il malcapitato giudice di sedia. Ma con la sua auto. La sua Dodge Demon da 300 mila dollari australiani (circa 180mila euro) si è infatti schiantata ad alta velocità contro un palo della luce a Bonner, distretto a nord di Canberra, sua città natale. La vettura ha subito danni considerevoli. Bisogna però sottolineare che Kyrgios pur essendo all’interno dell’abitacolo al momento dell’incidente non stava guidando. Sembra infatti che uno dei suoi amici fosse al volante. La polizia locale ha comminato una multa di 385 dollari australiani al n.28 del ranking ATP, in quanto proprietario del veicolo. Una multa molto meno salata di quella che si è spesso ritrovato a pagare per le sue intemperanze in campo. 

A quanto pare l’auto sarebbe andata sopra un cordolo vicino ad una rotonda prima di finire la propria corsa contro il lampione. Alcuni testimoni hanno riferito di un Kyrgios piuttosto stressato nel venire fuori dal veicolo. E ne ha le ragioni. Oltre ad essergli costata molti soldi, quell’auto è particolarmente rara. L’australiano l’ha importata dagli Stati Uniti e l’ha fatta appositamente modificare per poterla guidare nel suo paese. Ne esistono solo altre tre in tutta l’Australia. Forse non è stato molto prudente farla guidare ad un proprio amico. Ma pare che Kyrgios sia solito farla provare in giro. Magari la prossima volta ci penserà su due volte. Alcuni suoi amici hanno anche tentato invano di impedire ad un fotografo fiondatosi sul posto di scattare delle foto. Ma non c’è stato niente da fare: Nick è finito ancora sulle prime pagine dei giornali del suo paese, per recitare ancora una volta la parte del bad boy. 

Continua a leggere

Flash

Il prodigio Gauff: “Sono sorpresa, il primo titolo non era nei miei piani”

Con il suo successo a Linz, Coco ha ribadito di essere ormai qualcosa di più di una promessa. Fuori dal campo è ancora una normale quindicenne: “Il prize money? Ne spenderò un po’ per il mio costume di Halloween”

Pubblicato

il

Coco Gauff - Linz 2019 (foto via Twitter, @WTALinz)

Pensavamo che dopo gli US Open non avremmo più sentito parlare di Coco Gauff almeno per qualche mese. Un po’ a causa della eligibility rule della WTA che limita il numero di tornei ai quali le tenniste minorenni possono prendere parte. Un po’ a causa di un ultimo scorcio di stagione nell’indoor europeo non di grande appeal per una giocatrice statunitense. E invece, dimostrando di volersi sempre mettere alla prova e sfruttare al massimo le opportunità concesse, Gauff si è iscritta al WTA International di Linz, piccola e graziosa città austriaca. La sua avventura sembrava dover terminare con la sconfitta al secondo turno delle qualificazioni e invece si è conclusa nel migliore dei modi, come sembra sempre accaderle, con il primo titolo sul circuito WTA

In finale, la teenager statunitense ha sconfitto in un match dai mille volti la campionessa del Roland Garros 2017, Jelena Ostapenko, la quale da un anno e mezzo non raggiungeva l’atto conclusivo di un torneo. Gauff è così diventata la più giovane vincitrice di un titolo sul circuito WTA negli ultimi quindici anni. Da questa settimana è numero 71 della classifica mondiale. Ed è nata nel 2004, vale la pena ricordarlo. “Sono ancora sotto shock”, ha dichiarato la tennista afroamericana alla fine dell’incontro. “È pazzesco poter dire che ho vinto il mio primo titolo. Non era un obbiettivo che mi ero prefissata ad inizio anno. Non pensavo nemmeno che avrei giocato molti tornei del circuito maggiore. Ma ora ne ho vinto uno. È incredibile”.

 

Il tutto è reso ancora più straordinario dal fatto che Gauff è entrata nel tabellone principale come ripescata. “È assurdo che abbia iniziato il torneo come lucky loser e poi abbia trionfato”, ha proseguito. “Quando ho ottenuto un posto in tabellone mio padre mi ha detto che non potevo perdere due volte nello stesso torneo. Sono sicura che non pensava che sarei andata così avanti. Ma ora che ho vinto il titolo posso dire che aveva ragione!”. Curiosamente, Coco è la seconda teenager in due anni a vincere il suo primo titolo da ripescata. L’anno scorso infatti la serba Olga Danilovic aveva trionfato a 17 anni a Mosca nella stessa maniera. 

Insieme al primo titolo, l’americana si porta a casa un altro assegno degno di nota. A gestire le sue finanze ci pensano ancora i genitori. Ma un piccolo regalino Coco ha in mente di concederselo. “Halloween è vicino ed è uno dei miei momenti preferiti in tutto l’anno. Quindi farò in modo che il mio costume sia perfetto”, ha rivelato. “L’anno scorso c’è stato un concorso all’interno della WTA per il miglior costume e sono arrivata terza. Quest’anno l’obbiettivo è vincere”. Insomma, la ragazzina è molto competitiva, in campo e fuori. E tende a vincere le sfide alle quali partecipa.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement