Non riesce il miracolo, Del Potro non giocherà lo US Open

Flash

Non riesce il miracolo, Del Potro non giocherà lo US Open

L’annuncio era nell’aria, l’argentino (finalista in carica) scenderà almeno di 50 posizioni

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro - US Open 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Arriva l’ufficialità di una notizia, purtroppo, tristemente facile da prevedere. Dopo aver saltato tutti i tornei preparatori per l’infortunio al ginocchio destro, con sole dodici partite ufficiali disputate nel 2019, Juan Martin del Potro non riesce a recuperare in tempo per partecipare allo US Open, vero Slam di casa per lui visto l’incredibile supporto dei suoi sostenitori oltre che teatro del suo unico trionfo in un Major, nel 2009. Il suo posto nel tabellone principale verrà preso dall’americano Denis Kudla, già beneficiario di una wild card che dovrebbe finire nelle mani del connazionale Christopher Eubanks.

Entry list aggiornata dello US Open

È una botta durissima, non solo per il morale ma soprattutto per la classifica, che lo vedrà perdere i 1200 punti della finale dello scorso anno e precipitare attorno alla posizione numero 70, dalla 12 che occupa attualmente. Forse non sarà uno dei suoi primi pensieri adesso, lui che è tristemente abituato a risalite ben più importanti, ma ogni discesa in classifica comporta sempre uno sforzo supplementare per rimettersi in carreggiata. L’augurio è che l’argentino possa riuscire a trovare le energie emotive per un altro comeback.

Juan Martin proseguirà dunque la riabilitazione al ginocchio destro, operato alla rotula dopo l’infortunio al Queen’s di giugno scorso, nella speranza di recuperare quantomeno per la tournée asiatica: evaporato ormai l’obiettivo Finals (del Potro è 89esimo nella Race to London), tamponare i 390 punti in uscita tra Shanghai e Pechino è l’unica strada per mantenere la top 100.

Lorenzo Fattorini

Continua a leggere
Commenti

Flash

Nuovo allenatore per Sabalenka, arriva Kindlmann

Il tedesco, ex coach di Kerber e sparring partner di Sharapova, seguirà la bielorussa anche agli US Open

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - Adelaide 2020 (via Twitter, @AdelaideTennis)

Con il ritorno ufficiale del tennis femminile non potevano mancare i cambi di allenatore, una vera prerogativa del circuito WTA. La prima tennista di rilievo a “presentare” il suo nuovo coach è Aryna Sabalenka, attualmente impegnata nel torneo di Lexington dove ha esordito con una vittoria. La bielorussa collaborava dal 2018 con Dmitry Tursunov e, nonostante qualche alto e basso, sembrava esserci affiatamento tra i due anche se da inizio anno si erano parecchio allontanati. Voci interne alla WTA hanno annunciato una nuova partnership per Sabalenka: la numero 11 del mondo è adesso allenata da Dieter Kindlmann.

Kindlmann, ex tennista tedesco n. 130 al mondo, a gennaio di quest’anno aveva iniziato a collaborare con la connazionale Angelique Kerber ma evidentemente non è nato con lei il feeling giusto. Tra le altre attività che ha svolto c’è anche quella di sparring partner di Maria Sharapova, e in tempi più recenti ha seguito la belga Elise Mertens, compagna di doppio di Sabalenka. La bielorussa e Kindlmann lavoreranno insieme fino al termine degli US Open, e se i risultati saranno soddisfacenti per la giocatrice, la relazione verrà estesa fino a fine anno.

 

Continua a leggere

Flash

Paul Annacone: “Sarei stupito se qualcuno giocasse un tennis spettacolare”

L’ex coach di Federer e Sampras sulla situazione attuale: “Nessuno ha mai vissuto una cosa del genere, è importante affrontarla con mente aperta”

Pubblicato

il

Manca ormai poco più di una settimana alle ripresa del tennis agonistico maschile e ci sono molti dubbi su quale sarà il rendimento dei giocatori chiamati in causa. Parlando al sito atptour.com si è espresso sull’argomento Paul Annacone, ex coach dei numeri uno Sampras e Federer. “Sarei stupito se qualcuno si presentasse in campo giocando un tennis spettacolare. Per tutti ci vorrà un po’ di tempo per rimettersi in moto. È un nuovo mondo, sarà un nuovo ambiente di gioco, ci saranno molti cambiamenti“.

La lunga inattività ovviamente è stata affrontata in modi diversi dai tennisti, e a seconda dell’età è stata sfruttata per trarne vantaggio. “Un giocatore giovane può lavorare sulla forza e provare a cambiare alcune cose” ha detto Annacone.Per i giocatori più anziani è diverso perché hanno già fatto parecchia strada. Possono riposare, recuperare e lasciare che il loro corpo torni alla normalità. Per persone diverse significa cose diverse e devi solo capire come gestire la situazione”. Il paragone con la pausa invernale è inevitabile ma l’approccio cambia eccome. “È davvero come una lunga off-season, probabilmente è il doppio di una off-season. Nessuno ha mai vissuto una cosa del genere e quindi è davvero importante affrontarla con una mente aperta“.

Attualmente lo statunitense è uno degli allenatori di Taylor Fritz, 22enne di belle speranze. I due hanno parlato molto durante la quarantena cercando di beneficiare il più possibile dalla lontananza. Devi ricavarne alcuni aspetti positivi, sta davvero qui il puntoha detto Annacone. “Bisogna trovare qualcosa di positivo da tirar fuori da questa situazione piuttosto brutta ed è quello che stiamo cercando di fare”.

 

Continua a leggere

Flash

Si allarga il calendario WTA: altri due tornei a fine agosto

In contemporanea con gli US Open andranno in scena due eventi WTA 125K a Praga e a Portschach

Pubblicato

il

Mentre nel circuito maschile sembrano esserci maggiori difficoltà nell’organizzare tornei, tra le donne qualcosa continua a muoversi. Sono appena stati aggiunti infatti due tornei femminili appartenenti alla categoria WTA 125K, che facendo un paragone con gli uomini corrispondono agli ATP Challenger più prestigiosi. Questi due nuovi eventi partiranno lunedì 31 agosto, data di inizio degli US Open, e avranno proprio lo scopo di offrire opportunità di guadagnare e di giocare a quelle tenniste che sono rimaste fuori dallo Slam newyorkese per motivi di ranking.

Le sedi saranno la capitane ceca Praga (davvero attiva in questo periodo con due ATP Challenger e il WTA International attualmente in corso) e la città austriaca di Portschach. Quest’ultima non dovrebbe suonare sconosciuta agli appassionati di tennis dato che, seppur per soli tre anni, è stata sede di un torneo ATP con l’ultima edizione vinta nel 2008 da Nikolaj Davidenko, e sui i campi in terra della Werzer Arena spesso vanno in scena gli incontri di Davis e Fed Cup della nazionale austriaca. I punti e i montepremi messi in palio dal 31 agosto al 6 settembre per i due tornei saranno equivalenti a quelli che le giocatrici di singolare e doppio avrebbero potuto intascare dalle qualificazioni degli US Open, tanto che sarà addirittura la USTA (la Federazione di tennis statunitense) a sovvenzionare i montepremi di Praga e Portschach.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement