Come a Chicago, Zverev regala la Laver Cup all'Europa

ATP

Come a Chicago, Zverev regala la Laver Cup all’Europa

GINEVRA – Il tedesco vince al super tie-break il match decisivo contro Raonic dopo che Federer aveva battuto Isner. L’edizione 2020 si giocherà a Boston

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Laver Cup 2019 (via Twitter, @LaverCup)

Team Europe b. Team World 13-11 (da Ginevra, la nostra inviata)

A. Zverev [E] b. M. Raonic [W] 6-4 3-6 [10-4]

Per il terzo anno di fila, la Laver Cup viene sollevata al cielo dal Team Europe, che vince 13-11 contro il Resto del Mondo. Un epilogo perfetto per Roger Federer, l’anima della squadra e della competizione che, dopo Praga e Chicago, trionfa anche a Ginevra, nella sua Svizzera. Decisiva la prestazione di Alexander Zverev. Centrato, attento e aggressivo, il tedesco non fallisce l’ultima partita dell’edizione 2019 della competizione a squadre dedicata alla leggenda australiana Rod Laver e regala a Federer, Nadal, Tsitsipas, Thiem, Fognini, Bautista Agut e al loro capitano Borg, la terza Laver Cup.

 

Adrenalina a mille fino all’ultimo punto, fino all’ultima goccia di sudore. Raonic e Zverev (rispettivamente n. 24 e n. 6 del mondo ma entrambi ex n. 3 in classifica; 2-1 per Raonic nei precedenti e 2 centimetri d’altezza di differenza), si giocano il tutto per tutto.

Un momento cruciale per Zverev è il break sul 3-3 del primo set. Il tedesco poi allunga il passo sul 5-3 ma Raonic tiene a zero il servizio e si avvicina ancora sul 4-5. Dopo 34 minuti, però è Sasha ad esultare poiché intasca la prima frazione per 6-4. Tra i compagni, oltre a Federer e Nadal, ad incitarlo con più pathos è lo stesso Thiem, perdente con la sorpresa Fritz.

Nel secondo set, i due mantengono un certo equilibrio fino al 2-2. Poi, sul 3-2, il canadese spinge e incalza il tedesco che, cacciando a rete il rovescio, gli consegna il break e l’ulteriore vantaggio del 4-2. Raonic sale ancora 5-2, si dimostra aggressivo e, nonostante le 18 (finora) discese a rete, mette a segno soltanto la metà dei punti. Sul 5-3, Raonic, dopo aver annullato due palle break, fa doppio fallo e ne concede una terza. Ma si salva ancora, con un attacco e l’ennesima volé. Ma non è finita perché c’è un quarto breakpoint, ancora prontamente salvato. Il servizio viene ancora in aiuto al canadese che, con il settimo ace, trasforma il secondo setpoint a disposizione chiudendo la seconda frazione con lo score di 6-3.

Il super tie-break per la coppa. Il primo punto è tedesco. Bruttissimo errore di Raonic che fa morire a rete il dritto. 2-0 Europa. Arriva il primo punto per il canadese. Zverev sale 3-2. Ogni punto è una scarica di adrenalina pazzesca. Pressato da Zverev a rete, Milos commette ancora due errori sanguinosi di rovescio e permette all’avversario di allontanarsi sul 5-2 e poi sul 6-2. Doppio fallo di Sasha, 6-3. Zverev sale ancora 7-4. Match point Europa, 9-4. Ed è finita. Tre vittorie in tre edizioni per il Team Europe e Roger Federer può festeggiare nel suo giardino. I ragazzi scoppiano dalla gioia, tutti a terra ad abbracciare l’eroe di Ginevra, Sasha. Anche a Chicago, contro Kevin Anderson, era stato proprio il tedesco a portare il punto decisivo all’Europa e anche in quell’occasione nel tie-break finale.

Bellissima e commovente la cerimonia di premiazione. Leggende del passato e del presente festeggiano l’amore per il tennis. “Borg mi ha battuto ancora una volta!” scherza uno spigliatissimo John McEnroe. 

Intanto sappiamo già che l’edizione 2020 si giocherà al TD Garden di Boston dal 25 al 27 settembre


R. Federer [E] b. J. Isner [W] 6-4 7-6(3)

Il Team Europe è nelle mani anzi, nelle corde, di Roger Federer. Battendo John Isner in due set, lo svizzero ha regalato alla squadra europea la possibilità di giocarsi una vittoria finale che sembrava sfumata dopo l’assolo statunitense del trio Isner-Sock-Fritz. Recital del tennista di Basilea nel primo set (7-2 per Roger i precedenti con Isner): con una musica incessante da discoteca, gli spettatori saltano ad ogni suo punto e, ad ogni cambio di campo, cominciano a ballare e a cantare sugli spalti. Dritti fulminanti, passanti e servizi. Roger mette in campo tutto il suo repertorio per andare a vincere il primo set 6-4.

Continuamente incitato da Kyrgios e i compagni, Isner prova a tenergli testa nel secondo parziale. Sul 3-3, lo svizzero ha la possibilità di breakkarlo ma, come spesso gli accade, l’occasione sfuma e l’americano fa un passo in avanti sul 4-3. Sul 4-4, Federer vince 10 punti a rete su 17 discese, John 5 su 9. L’americano è sempre aggressivo, pericoloso con il dritto che affonda con successo per portarsi in vantaggio 5-4. Il n. 3 del mondo è impeccabile e pareggia. Ma Isner sente di non avere il diritto di arrendersi e sale ancora 6-5. Con una fucilata tra le gambe di Roger, Big John va a prendersi un set point, prontamente annullato dallo svizzero con un dritto profondissimo e fulmineo. Ed è pareggio. Ed è tie-break.

Federer si porta sul 2-1; poi è Isner a passare in vantaggio 3-2 per essere nuovamente raggiunto da Roger sul 3-3. Ed ecco che arriva il minibreak dell’elevetico sul 4-3. Sfortunatissimo John, a cui il nastro fa uscire un dritto che porta Federer a match point sul 6-3. È fatta. Un Federer pazzo di gioia con pugni chiusi – forse neanche durante uno Slam esulta così! – salta, urla e va ad abbracciare i compagni, festeggiando il 6-3 7-6(3). Ricordiamo che Roger non ha mai perso un incontro di singolare in Laver Cup. Con la vittoria di Roger, la squadra europea si porta a una sola lunghezza dal Resto del Mondo, che prima dell’ultimo e decisivo singolare conduce 10-11. Il prossimo match tra Milos Raonic e Sasha Zverev designerà la squadra campione della Laver Cup 2019.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Vienna: Rublev parte forte, già fuori Shapovalov

Solo cinque partite in programma nella prima giornata: Monfils si ritira contro Carreno, avanti Anderson e Coric

Pubblicato

il

Assegnati i due titoli ATP 250 della settimana ormai passata, il circuito si divide fra Vienna e Nur-Sultan. La capitale austriaca ospita un “500” che, per campo di partecipanti, quest’anno assomiglia molto a un Masters 1000, complice anche l’assenza del torneo di Basilea. Nonostante il ritiro dell’ultimo momento di Diego Schwartzman, restano ben cinque i top 10 in tabellone, tra i quali il numero 1 del mondo Novak Djokovic e l’idolo di casa Dominic Thiem, con un “taglio” al numero 31 del ranking. Proprio Thiem ha detto che questo “è probabilmente l’ATP 500 migliore di sempre“. Difficile contraddirlo guardando gli avversari che deve affrontare per replicare il trionfo dello scorso anno, anche se il primo ostacolo, Kei Nishikori, ha dato forfait ed è stato sostituito da Vitaliy Sachk, ventitreenne ucraino oltre il 500° posto del ranking al suo primo main draw ATP. Non che Dominic non sia in grado di crearsi problemi un po’ con chiunque ai primi turni.

Tornando a Schwartzman, ufficialmente ritirato per un problema alla spalla, non si può certo biasimare Diego per rinunciare a un torneo dove, in quanto finalista uscente, non ha quasi possibilità di incamerare punti, dopo aver disputato quindici incontro in sei settimane. Di certo non si lamenta Lorenzo Sonego, entrato come lucky loser, che debutterà contro Dusan Lajovic.

Il programma inizia con una delusione per gli spettatori austriaci, non più di mille (per sessione) sugli spalti: Dennis Novak, wild card e amicissimo per semprissima di Thiem, è stato sconfitto Kevin Anderson dopo due ore e tre quarti al tie-break del terzo set, nel quale si è trovato avanti per 6-3, senza però riuscire a trasformare nessuno dei tre match point, commettendo anche doppio fallo su quello con la battuta a disposizione. Anderson, entrato con il ranking protetto, è anche dovuto ricorrere al MTO all’inizio del terzo set per farsi trattare il ginocchio destro, operato due volte negli ultimi tredici mesi. Al prossimo turno, troverà Pablo Carreño Busta che è stato invece in campo appena 39 minuti contro Gael Monfils. Il trentaquattrenne parigino, come il coetaneo Anderson, ha richiesto un trattamento da parte del fisioterapista – al collo, nel suo caso – ma con risultati ben diversi: sotto 6-1 2-0 è arrivato il ritiro. Evitata la bolla newyorchese, Monfils è stato sconfitto all’esordio a Roma, Amburgo e Parigi, per poi dare forfait ai due tornei di Colonia. Protagonista di un ottimo avvio di stagione (ottavi a Melbourne, dodici vittorie di fila che gli hanno portato due titoli e una finale in febbraio), la pausa forzata non ha per nulla giovato a Lamonf.

 

Com’era prevedibile, non ha avuto alcun problema Andrey Rublev contro il qualificato Norbert Gombos. Il 6-3 6-2 è arrivato in un’ora esatta e con esso la vittoria numero 35 in stagione a fronte di 7 sconfitte, e ora il moscovita può attendere Jannik Sinner. O Casper Ruud. Relegato sul campo dei doppisti (ufficialmente Next Gen Court), Borna Coric ha regolato con un doppio 6-4 Taylor Fritz e aspetta senza troppa impazienza il vincitore del derby tra Novak Djokovic e Filip Krajinovic.

Nell’ultimo match di giornata, Jurij Rodionov, come Novak wild card e membro della scuderia di Wolfgang Thiem, si è reso protagonista dell’impresa di giornata battendo Denis Shapovalov davanti al pubblico amico. Il ventunenne nato a Norimberga, n. 153 ATP, mancino, dotato di buona mano e oggi particolarmente efficace nei pressi della rete, ha ottenuto la sua prima vittoria nel circuito maggiore un mese fa al Roland Garros contro Chardy. Il suo secondo successo arriva ora ai danni del numero 12 del mondo che, com’è intuibile, ci ha messo del suo per uscire in due set. 34 errori non forzati per Shapo tra i quali 10 doppi falli, decisivi nelle fasi finali dei due parziali.

Risultati:

[PR] K. Anderson b. [WC] D. Novak 6-7(2) 6-4 7-6(6)
P. Carreño Busta b. [7] G. Monfils 6-1 2-0 rit.
[5] A. Rublev b. [Q] N. Gombos 6-3 6-2
[WC] J. Rodionov b. [8] D. Shapovalov 6-4 7-5
B. Coric b. T. Fritz 6-4 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Zverev, signore di Colonia: annichilisce Schwartzman e concede il bis in Germania

Secondo titolo in altrettante settimane nella città tedesca L’argentino raccoglie tre giochi in un match a senso unico

Pubblicato

il

[1] A. Zverev b. [2] D. Schwartzman 6-2 6-1

La stagione indoor sta per entrare nel vivo e Alexander Zverev ha mandato un promemoria a tutta la truppa: “A Parigi e a Londra me la posso giocare con tutti.” Il N.7 del mondo conclude in crescendo la due settimane di Colonia conquistando il secondo titolo consecutivo e spazzando via dal campo la seconda testa di serie del torneo Diego Schwartzman, che sostanzialmente è stato in partita per 20 minuti fino al 2 pari del primo set prima di essere travolto.

Per vincere indoor la base di tutto è sempre il servizio e la differenza tra i due è stata abissale come d’altronde non era difficile pronosticare già prima del match: Sascha ha raccolto 24 punti su 29 quando ha messo la prima in campo e la metà dei punti giocati con la seconda (8/16). Schwartzman ha subito 5 break e raccolto altrettanti punti con la seconda palla (5/22). Come se non bastasse Zverev chiude con 9 ace e nessun doppio fallo; lo score di Diego è impietoso 0 ace e 5 doppi falli.

 

Con numeri del genere alla battuta diventa anche facile spiegarne l’esito: Zverev ha preso sempre più sicurezza in campo, lasciando andare finalmente il braccio senza indugiare. L’ultimo game con cui chiude il match è un concentrato di balistica eccezionale, sia dal lato del dritto che dal lato del rovescio. L’argentino sembra inerme sul campo e non può far altro che andare a complimentarsi con il suo avversario.

Zverev, al contrario di Schwartzman, non giocherà a Vienna dopo le fatiche casalinghe e tornerà in campo a Parigi-Bercy. Per lui si tratta del tredicesimo titolo della carriera oltre che del secondo (consecutivo) del 2020. Sappiamo tutti che a Londra, alle ATP Finals, ha già vinto e se il servizio non si inceppa sarà difficile batterlo per tutti.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Colonia 2: Zverev si prende la rivincita, Sinner si arrende in due set

Jannik si porta avanti un break all’inizio poi è sempre in ritardo nel punteggio. Il tedesco di nuovo in finale a Colonia, una settimana dopo. Sfiderà Schwartzman

Pubblicato

il

[1] A. Zverev b. [WC] J. Sinner 7-6(3) 6-3

Non l’aveva digerita quella sconfitta negli ottavi a Parigi contro il ragazzino, Alexander Zverev, e stavolta ci ha messo tutta l’attenzione del caso. Il tedesco vince con merito la semifinale del secondo ATP di Colonia e torna in finale. Sinner gioca un buon match, parte a razzo portandosi avanti di un break nel terzo gioco ma poi non riesce a mettere in difficoltà negli scambi da dietro il N.7 del mondo, che avrebbe potuto chiudere il primo set molto prima del tie-break resosi poi necessario. Sascha ha servito per chiuderlo due volte prima sul 5-4 e poi sul 6-5, senza successo.

Nel tie-break però Jannik perde il filo del discorso con un paio di errori di rovescio di troppo e in pochi minuti cede il gioco decisivo per 7 punti a 3. Al di là di qualche demerito del nostro giocatore, è più che altro l’incidenza del servizio a fare la differenza sebbene Zverev non risparmi i consueti doppi falli. Nel primo parziale il tedesco raccoglie il 76% con la prima contro il 58% del suo avversario, e sono quei pochi punti in più a fare la differenza.

 

Nel secondo set Zverev, sullo slancio, prende subito un break di vantaggio e si invola rapidamente 4-1 senza concedere nulla a Jannik che rischia di affondare quando nel sesto gioco concede un’altra palla break. Si salva e poi nel settimo gioco dà tutto quello che ha per riaprire la partita: in un game fiume che dura 16 punti, in cui si issa due volte a palla break, non riesce però ad accumulare particolari rimpianti in nessuna delle due occasioni.

La partita più dura affrontata da Zverev in questa serata è quasi comica: già più volte in precedenza, ma in particolare nel sedicesimo punto del gioco, il tedesco (incurante del fatto che in questo torneo non ci siano i giudici di linea in campo ma solo Hawk-Eye “LIVE“) continua a lamentarsi delle chiamate della macchina che pure gli mostra in continuazione come abbia puntualmente torto. Persino il glaciale Sinner non ne può più quando il suo avversario va a guardare la riga su un servizio nettamente fuori. Zverev non gradisce e dice al “ragazzino” di stare tranquillo, tira un ace di seconda e poi continua a parlarci mentre va a sedersi per il cambio campo. Non proprio un comportamento elegantissimo, ma che testimonia quanto Sascha sentisse l’incontro dopo la sconfitta in quattro set al Roland Garros. Zverev tiene poi a zero il servizio e centra la seconda finale consecutiva. Forse è consapevole del fatto che, nei prossimi anni, il “ragazzino” migliorerà ancora e a quel punto avrà di che preoccuparsi.

Per quanto riguarda Sinner, i miglioramenti auspicabili sono sempre quelli: una resa migliore della prima di servizio e un miglioramento almeno parziale del gioco di volo che anche oggi ha mostrato più di una lacuna. Impossibile però “fare le pulci” a un ragazzo di 19 anni che in un anno disastrato come il 2020 è riuscito a portarsi già a ridosso dei primi 40 del mondo. Ora si va a Vienna, grazie alla wild card concessa dagli organizzatori, dove il tabellone sarà ostico ma allo stesso tempo ci sarà l’opportunità di mettersi in mostra su un palcoscenico di maggior prestigio.

DIEGO VA IN FINALE… E QUASI ALLE FINALS – L’interesse catalizzato dal match di Sinner fa quasi passare sotto traccia la seconda semifinale vinta in tre set da Diego Schwartzman, che ha respinge il tentativo di rimonta di Auger-Aliassime (6-4 5-7 6-4). Con questo risultato, l’argentino conquista la decima finale in carriera, terza nel 2020, e soprattutto mette una serissima ipoteca sulla qualificazione alle ATP Finals: il suo primo inseguitore, che purtroppo per noi è Berrettini, dovrà raggiungere la finale a Bercy per sopravanzarlo in classifica – e potrebbe anche non bastare, nel caso in cui l’argentino dovesse far bene anche a Parigi.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement