Verso la prima giornata di serie A1: subito grandi sfide, TC Italia senza le sue stelle

Flash

Verso la prima giornata di serie A1: subito grandi sfide, TC Italia senza le sue stelle

Dopo 10 mesi di attesa ri inizia il massimo campionato a squadre e si parte subito con tante sfide interessanti

Pubblicato

il

Paolo Lorenzi: guiderà il TC Crema all'esordio contro la corazzata TC Italia

Serie A1 maschile: la presentazione

Nel primo girone la sfida di rilievo è quella tra il TC Italia – privato dagli impegni internazionali di pedine importanti come Sinner, Sonego e Struff, si affiderá probabilmente a Stefano Travaglia – e TC Crema guidato dall’intramontabile Lorenzi.

Nel secondo girone i finalisti del TC Parioli ripartono dalla sfida in casa contro l’ATA Trentino, formazione che sulla terra rossa non dovrebbe dare fastidio alla rosa del club romano mentre l’SC Selva Alta sfida il CT Bologna sulla superficie rapida del club di Vigevano. 

 

Nel terzo girone partono in casa le due grandi favorite: il Park Club Tennis Genova sfiderá il CTD Massa Lombarda, contando sull’esperienza di Bolelli e Arnaboldi, sull’ottima forma di Gianluca Mager e sul talento di Musetti opposti al figlio d’arte Ocleppo e al giovanissimo Rottoli. Il New Tennis Torre Del Greco, invece, ospita il TC Angiulli e nella sfida tra numeri uno c’è grande interesse per sapere chi verrà schierato tra i tanti nomi altisonanti del club campano (Garcia Lopez, Miedler o gli italiani Moroni e Brancaccio, tutti top 300), opposti con certezza al talento pugliese Andrea Pellegrino. 

Nel quarto e ultimo girone il TC Prato ospita il neopromosso CT Maglie mentre una sfida di livello internazionale è assicurata nel duello tra TC Vela Messina e il CT Vomero, con i padroni di casa che potranno puntare su uno dei due forti terraioli Trungelliti o Lopez Perez, opposti a Daniel Gimeno Traver, numero uno del club campano che prende il posto di Thomas Fabbiano impegnato nel torneo di Mosca

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wawrinka: “Ho rifiutato offerte per le esibizioni perché sono molto fuori forma”

Allarme ‘pancetta’ per Stan?

Pubblicato

il

Stan Wawrinka - Acapulco 2019 (foto via Twitter, @AbiertoTelcel)

Allenarsi durante una pandemia? E quanto, in attesa di una data certa per la ripresa? Le opinioni divergono: c’è chi come Djokovic sembra aver cominciato già a fare sul serio, trick compresi, e chi come Federer ammette candidamente che non si sta allenando perché non ne vede il motivo. Stan Wawrinka ha offerto una dimostrazione di sincerità simile nel corso di un’intervista rilasciata a Radio Tele Suisse (RTS).

Sono molto fuori forma in questo momento. Ho ricevuto richieste di partecipare ad alcuni tornei di esibizione, sia in Svizzera che all’evento organizzato da Novak in Serbia, ma ho rifiutato tutte le offerte perché non voglio correre il rischio di infortunarmi finché non mi sentirò in forma. Ho intenzione di riprendere ad allenarmi intensamente dal 1° giugno; finora sono sceso in campo poche volte, senza troppe pretese“.

Mi fa piacere che alcuni tornei stiano discutendo la possibilità di giocare con qualche spettatore” – continua Stan – “perché pur rispettando le restrizioni, sarà sempre meglio avere qualcuno sugli spalti che competere a porte chiuse. Ho comunque molti dubbi sul fatto che si possa andare a New York, mentre ho grandi speranze che il Roland Garros possa essere disputato. Sarebbe ideale se si organizzassero altri tornei ufficiali prima del Roland Garros, anche a porte chiuse, per arrivare nella condizione migliore“.

 

Continua a leggere

Flash

Il tabellone di Praga: Kvitova la stella, forfait Pliskova

Sorteggiati i tabelloni del torneo tutto ceco. 5 Top 100 nel singolare femminile, inclusa la due volte campionessa di Wimbledon. Vesely e Rosol guidano il field tra gli uomini. Si parte domani

Pubblicato

il

Il tennis riparte anche in Repubblica Ceca, paese dalla straordinaria tradizione in questo sport, che ha dato i natali a campioni del calibro di Martina Navratilova e Ivan Lendl tra gli altri. Come da programma infatti, questa settimana, tra domani, martedì 26 maggio, e giovedì 28, andrà in scena a Praga, un torneo tutto ceco, organizzato dalla federazione per dare la possibilità ai giocatori di casa di tornare a competere in questa lunga pausa dei circuiti internazionali. L’evento si svolgerà al circolo Sparta Praha e vedrà sfidarsi gli 8 migliori tennisti cechi e le 8 migliori tenniste ceche, divisi in due tabelloni.  Curiosamente, gli uomini giocheranno sulla terra rossa, mentre le donne sul cemento.

Considerato che la Repubblica Ceca ha vinto 6 delle ultime 9 Federations Cup e ha ben 8 giocatrici all’interno della Top 100 WTA, c’era molta attesa riguardo al singolare femminile. Il tabellone è sicuramente di alto livello ma ci sono state alcune defezioni di rilievo. A contrario di quanto annunciato, non scenderà in campo la n.1 del paese e 3 del mondo, Karolina Pliskova. Poco male dato che la prima testa di serie sarà Petra Kvitova, n.12 del ranking mondiale e due volte campionessa di Wimbledon. Assente annunciata anche la finalista del Roland Garros 2019 Marketa Vondrousova. La seconda testa di serie passa così alla talentuosa Karolina Muchova. 

Kvitova farà il suo esordio contro Barbora Krejcikova, n.115 del mondo in singolare ma n.8 in doppio, che disputa spesso in coppia contro la connazionale Katerina Siniakova. Proprio Siniakova potrebbe essere l’avversaria successiva di Kvitova. Prima però dovrà battere un’altra specialista del doppio, la veterana Lucie Hradecka, due volte campionessa Slam nella specialità. Nella parte bassa del tabellone, Muchova fa il suo ingresso nel torneo con la meno forte delle sorelle Pliskova, Krystina. Nell’altro quarto di finale si affrontano Brabora Strycova, semifinalista l’anno scorso a Wimbledon, n.31 del ranking mondiale e la nuova promessa del tennis ceco, la 15enne Linda Fruhvirtova, che ha già punti WTA nonostante la giovanissima età.

 

Il tabellone maschile è decisamente di più basso profilo. A guidare il seeding c’è Jiri Vesely, n.1 del paese e n.65 del ranking ATP. Il secondo favorito del seeding è invece il 34enne bombardiere Lukas Rosol, celebre per il successo su Rafa Nadal a Wimbledon nel 2014, che ha recuperato una classifica dignitosa dopo un lungo infortunio (n.180). Da segnalare la presenza del 19enne Jonas Forejtek, campione degli US open juniores nel 2019, un ragazzo su cui la Repubblica Ceca punta forte per tornare ai vertici anche nel tennis maschile. 

Di seguito il programma della prima giornata.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, Forget: “Stiamo lavorando per evitare sovrapposizioni con lo US Open”

Il direttore del Roland Garros ha mostrato ottimismo in un’intervista radiofonica, affermando che un nuovo calendario verrà presto reso noto

Pubblicato

il

In un’intervista a Europe 1 (stazione radio francese), il direttore del Roland Garros Guy Forget ha affermato di stare lavorando in sinergia con le autorità del tennis mondiale per far sì che le date del suo torneo non combacino con quelle dello US Open. Ricordiamo che questa sarebbe dovuta essere la prima settimana dello Slam parigino, successivamente spostato, non senza polemiche, al 20 settembre, prima di essere ulteriormente rimandato di una settimana.

All’inizio del mese, la Federtennis francese (FFT) aveva fatto sapere che ATP, WTA e ITF stavano (e presumibilmente stanno tuttora) organizzando un calendario per il resto della stagione, che in questo momento ripartirebbe la settimana del 3 agosto.

In merito, Forget ha commentato: Non c’è ancora stato un annuncio ufficiale. Il Roland Garros probabilmente si svolgerà fra fine settembre e inizio ottobre. Stiamo lavorando a stretto contatto con le associazioni dei giocatori e con l’ITF per annunciare come sarà la stagione tennistica da qui a fine anno”.

Al momento traspira un certo ottimismo per l’Open di Francia, pur nella consapevolezza che sarà necessario adattarsi alle misure governative (eventi da almeno 5.000 persone sono stati proibiti fino alla fine di agosto, come minimo), mentre lo scoglio più grande rimane Flushing Meadows, situato nell’epicentro della pandemia.

 

“Ci sono tanti punti di domanda e problemi organizzativi, la città di New York ha più casi dell’intera Francia”, ha detto Forget. A metà giugno verrà annunciato il destino dello US Open. Sembra dunque che questo nodo possa essere sciolto a breve, anche se al momento non è dato sapere se si tratterà di cancellazione, ricollocamento (improbabile), di posticipazione o di qualcos’altro.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement