In Cina vince sempre Aryna: è di Sabalenka il WTA Elite Trophy 2019

WTA

In Cina vince sempre Aryna: è di Sabalenka il WTA Elite Trophy 2019

ZHUHAI – Finale dominata dalla bielorussa, che lascia appena 6 game alla prima favorita Bertens. È il suo terzo titolo stagionale in Cina, il quarto su cinque vinti in carriera

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka (con il trofeo) - WTA Elite Trophy 2019

da Zhuhai, il nostro inviato

Inizia ad assumere proporzioni ‘Djokoviciane‘ il rendimento di Aryna Sabalenka sul suolo cinese. Nella finale del WTA Elite Trophy la 21enne bielorussa ha lasciato appena sei game (6-4 6-2) a Kiki Bertens, numero uno del seeding, conquistando il terzo titolo stagionale in Cina dopo Shenzhen e Wuhan. C’è di più: dei cinque titoli vinti in carriera nel circuito maggiore, ben quattro li ha vinti entro i confini di pertinenza del presidente Xi Jinping, poiché a Wuhan ha sollevato il trofeo anche lo scorso anno. Analizzando il suo ranking attuale – Sabalenka confermerà l’undicesima posizione di fine 2018 – si evince come abbia conquistato il 60% dei suoi punti stagionali in Cina (e il suo primo risultato escluso dal best 16 è sempre cinese, i 100 punti di Zhengzhou). Senza swing asiatico, in pratica, Aryna vivacchierebbe nelle posizioni della bassa top 50.

UN ATTIMO DI TENEREZZA, POI… – La tigre di Minsk – ce l’ha tatuata sull’avambraccio sinistro perché è nata nell’anno della tigre, che ricorre ogni 12 anni – mostra subito il suo lato tenero all’ingresso in campo, quando prende in braccio la sua mini-accompagnatrice dagli occhi a mandorla. La piccola è spaventata dal fumo scenografico proiettato al momento della presentazione delle giocatrici e sembra decisa a tornare indietro, ma Aryna fa le prove di sollevamento del trofeo e la conduce al centro del campo. La sua tenerezza però si esaurisce qui e per 76 minuti lascia spazio all’assetto da guerra, ben riconosciuto da un pubblico che riempie – finalmente! – quasi fino all’orlo l’Hengqin International Tennis Center.

 

Che sia un pubblico poco abituato alla tenzone tennistica si capisce dalla confusione generata ad ogni cambio campo, tanto da costringere la giudice di sedia a ripetuti richiami perché il gioco possa ricominciare. Sabalenka sembra immune alle distrazioni e si avventa su tutto ciò che Bertens le consegna, e fa davvero poca differenza che si tratti di prime, seconde o colpi in manovra. La grande concentrazione della bielorussa si evince anche dal 2/2 nei challenge chiamati nel primo set e dallo sguardo che cerca meno del solito coach Tursunov, di solito punto di riferimento visivo costante per Aryna. Dopo aver mancato una palla break nel secondo break, Sabalenka ne trova due consecutive sul 5-4 che sono anche set point: il secondo è quello buono per passare in vantaggio, a seguito di un violento passante che frustra l’incauta discesa a rete di Bertens. L’olandese ha probabilmente prestato troppa attenzione al rumore del pubblico, protestando e ritardando il servizio in un paio di occasioni nell’ultimo game, e la distrazione le è costata cara. 6-4 e appena cinque punti concessi al servizio da Sabalenka, due dei quali sono doppi falli.

Aryna Sabalenka – WTA Elite Trophy 2019

SENZA ESITAZIONI – Nel secondo set Aryna va subito avanti 2-0 e gestisce in maniera esemplare la timida reazione di Kiki, che nel terzo game indovina una risposta vincente di rovescio lungolinea e mette pressione sul 30-30. L’olandese non riesce però a toccare quota 40 in risposta, né vi riuscirà in seguito. Sabalenka serve una prima vincente e poi le piega la racchetta con un rovescio incrociato, e quando si ritrova nuovamente 30-30 due game più tardi infila uno smash vincente (baciato dal nastro) e un altro rovescio, questa volta lungolinea, che vale il 4-1 e profuma di vittoria.

Bertens chiede l’intervento del coach, come evidente extrema ratio, ma ad assisterla non c’è più l’allenatore Raemon Sluiter – ‘they are on a break’, per dirla alla Ross Geller, e non si sa se torneranno a lavorare assieme – bensì un’altra ex tennista olandese, Elise Tamaëla, con lei anche a Mosca (a Linz, invece, Kiki aveva scelto di farsi seguire dal fidanzato Remko de Rijke). In generale sembra esserci una buona intesa tra Kiki ed Elise, le abbiamo viste molto affiatate in allenamento, ma questa volta il conciliabolo non produce alcun effetto tangibile. Sabalenka tiene l’ultimo turno di servizio a 15 e chiude l’incontro in risposta, breakkando per la terza volta: il match point decisivo è il quarto, in occasione del quale Bertens spedisce lungo il suo ultimo rovescio dell’anno (a meno che a Shenzhen, dove si recherà in qualità di alternate, una delle otto aspiranti maestre venga meno).

Sabalenka porta a casa 700 punti, 700000 dollari e un doppio trofeo: nella mano destra quello luccicante per aver vinto il torneo, nella mano sinistra la bimba ‘salvata’ a inizio partita. E adesso di corsa a Shenzhen, perché ci sono le Finals di doppio – in coppia con Elise Mertens – da vincere.

Aryna Sabalenka e Kiki Bertens – WTA Elite Trophy 2019

Continua a leggere
Commenti

WTA

Con l’Australian Open nel mirino: Barty vince il primo torneo di casa ad Adelaide

Ottavo titolo in carriera per Ashleigh, che legittima sempre più il suo status di numero 1 del mondo. Rimandato il primo trionfo di Yastremska a livello Premier

Pubblicato

il

Ashleigh Barty - Adelaide 2020 (via Twitter, @AdelaideTennis)

[1] A. Barty b. D. Yastremska 6-2 7-5

Forse non scalda ancora i cuori come altre numero uno e non ha quell’allure che a detta di qualcuno la capoclassifica dovrebbe acquisire contestualmente alla leadership, ma Ashleigh Barty continua a fare l’unica cosa che conta quando il computer ti ha decretato come la più forte del mondo: vincere. Domando – mai come questa volta il termine è appropriato – i cavalli di Dayana Yastremska, Ash vince il suo primo titolo in terra natìa, il Premier di Adelaide, dopo le delusioni delle finali di Sydney ’18 e ’19. Barty rinforza così in modo consistente la sua posizione in classifica, difesa adesso da un ‘fossato’ di ben 2000 punti che tiene a distanza la prima inseguitrice (Pliskova), e volge lo sguardo all’Australian Open forte di un dato statistico che, assieme a Simona Halep, la consacra come unica numero uno in grado di vincere tornei da quando è finito il regno di Serena. La statunitense era prima in classifica quando vinse Wimbledon nel 2016, e da quel momento si sono verificati 14 avvicendamenti in testa al ranking – tra sette giocatrici diverse – eppure appena 5 tornei sono stati vinti dalla capoclassifica. I tre di Halep nel 2018 – Shenzhen, Roland Garros, Montreal – e i due di Barty a cavallo tra 2019 e 2020, le Finals di Shenzhen e il Premier di Adelaide.

Insomma, Barty si comporta da n.1 anche se i palati fini della vuttìa continuano a storcere il naso sulla legittimità del suo status. Chi la vorrebbe più coinvolgente sul campo, chi crede che non sia un personaggio da copertina fuori dal campo, chi obietta che non è mai stata protagonista di uno di quei match da consegnare ai posteri (a loro risponde mirabilmente AGF: ‘Sono sicuro che se Ashleigh continuerà a giocare sui livelli attuali anche per lei arriveranno le imprese memorabili, e allora crescerà automaticamente nella considerazione di tutti‘) e chi si limita a guardarla con aria di superficialità per poi chiosare ‘eh, ma non è Serena‘. Come se ce ne potessero essere due, di Serena.

 

Barty ignora e ‘fattura’, come un milanese efficiente e produttivo replicherebbe a un milanese dedito soltanto ai salotti del sabato sera. Tra semifinale e finale ha battuto due clienti complessi per motivi assai diversi, Collins e Yastremska, rendendo evidente il più grande miglioramento compiuto negli ultimi dodici mesi: la capacità di leggere meglio le partite e addentarle al momento giusto. L’essere incudine quando c’è da esserlo e il trasformarsi in martello quando è necessario. Barty aveva sicuramente visto Yastremska sommergere di risposte aggressive il mica tenero servizio di Sabalenka e ha deciso subito che non era il caso di far colpire la 19enne ucraina alle sue condizioni. Tanto con il primo colpo dopo il servizio quanto con la risposta, l’australiana ha mirato subito a prendere un angolo – se non addirittura la rete – così da rendere evidente il divario nella varietà di soluzioni e nascondere invece quello relativo al peso di palla, specie sulla diagonale di rovescio. Quando la nuova allieva di Bajin tendeva a prendere troppo il sopravvento nel ritmo, ci ha pensato il back di rovescio mortifero a farla tornare nei ranghi.

Nel primo set Barty è andata subito in vantaggio nel terzo game grazie a un terribile dritto al volo fallito da Yastremska e non si è mai voltata indietro. Nel secondo l’ucraina ha invece recuperato il break subito in apertura giocando del tutto alla pari per una ventina di minuti, nella parte centrale del set, ed è qui che Barty ha dimostrato – prima di tutto mentalmente – di essere in grande condizione. Ha salvato due palle break nell’ottavo game ricorrendo a San Servizio per poi attendere, sorniona, nel territorio in cui si decidono le partite. Un ace ucraino le ha negato la prima occasione di riportarsi in vantaggio, guadagnata con uno splendido dritto in controtutto (-balzo e -piede), ma nel penultimo game un cruciale errore di parallasse nel tentativo di rovescio lungolinea ha spedito Yastremska a meditare sui suoi peccati di gioventù e Barty a servire per l’ottavo titolo, opera compiuta senza affanni.

Dayana Yastremska però è soltanto rimandata, non certo bocciata. Se due mesi di cura-Bajin sono stati sufficienti a farle giocare la prima finale in un Premier e migliorare di una posizione ulteriore il suo best ranking (da lunedì sarà n.21 del mondo), è verosimile attendersi che il tempo possa proiettarla verso traguardi ancora più grandi. A Melbourne, intanto, esordirà contro la slovena Kaja Juvan. Barty comincerà invece lo Slam di casa contro un’altra giocatrice ucraina, Lesia Tsurenko, e nella prima settimana – dobbiamo dare per scontato che la n.1 del mondo abbia in programma di giocare anche la seconda – dovrà stare attenta a non risentire delle scorie nascoste nel trofeo appena vinto. Non è facile ben figurare in un Major appena dopo aver vinto un altro torneo, tant’è che spesso le big decidono di dedicare la settimana precedente agli allenamenti. Ash non potrà provare la nuova superficie – quest’anno l’Aus Open passa dal Plexicushion al Greenset – prima di domenica e lunedì dovrà già esordire. Ma una numero uno sa come si fa.

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

Adelaide: Yastremska e Barty all’ultimo ballo

Alla numero uno servono due ore per superare in una volata infuocata Danielle Collins. L’ucraina ancora perfetta con Sabalenka. A Hobart finale tra Zhang e Rybakina

Pubblicato

il

Ashleigh Barty - Adelaide 2020 (via Twitter, @AdelaideTennis)

La prima finale dell’anno è costata una lotta tumultuosa ad Ash Barty, la regina in carica del tennis al femminile. Pagherà con una cambiale di fatica, forse, poiché domani l’attenderà nella sfida per il titolo Dayana Yastremska e perché il suo tour ucraino proseguirà da settimana prossima nello Slam di casa, con le pressioni derivate dalle contingenze che tutti possono immaginare: a Melbourne l’attende un esordio per nulla banale, per colpa di un sorteggio poco condiscendente che le ha imposto Lesia Tsurenko.

Il gancio al mento subito da Jennifer Brady a venti minuti da casa la scorsa settimana a Brisbane non sembrava rappresentare un buon viatico per approcciare il delicatissimo periodo, così è probabile che la battaglia odierna con Danielle Rose Collins, benché asprissima, possa regalarle il quid di fiducia necessario a migliorare l’umore di un inizio di stagione complicato. A San Pietroburgo di Florida non erano propensi a un patto di desistenza, tuttavia, e la strada per Barty verso la finale si è rivelata molto accidentata. Ritrovati i pesanti colpi da fondo che le garantirono la scorsa semifinale a Melbourne, Collins, nel frattempo scesa a frequentare ambienti ITF per ritrovare la strada smarrita dopo tale famoso exploit, ha approfittato dell’unico passaggio a vuoto patito dalla numero uno al servizio nel secondo game dell’incontro, puntellando la strada verso la conquista del set con molti vincenti scenografici.

Decisa a raggiungere la finalissima e aiutata nell’impresa da una rivale ora un po’ fallosa e per giunta infastidita da evidenti problemi alla schiena, Barty ha velocemente assorbito il secondo set e proseguito la marcia nel terzo fino al break del quattro a tre, volando sulle ali di una giornata notevolissima in battuta (alla fine gli ace saranno quattordici e i punti vinti con la prima in campo sfioreranno l’80%). A meno di un centimetro dal baratro, quando il chiassoso e parecchio coinvolto pubblico del Memorial Drive già preparava le celebrazioni, Danielle con le spalle al muro ha però ricominciato a martellare e Barty è arretrata in difesa, arrangiandosi peraltro maluccio in tale disposizione tattica.

Rientrata a pieno titolo nell’incontro sul quattro pari, Collins, infervoratasi, ha lasciato libero sfogo al proprio intimo essere, svestendo i panni istituzionali e urlando un paio di platealissimi c’mon per sottolineare i due punti consecutivi che le hanno regalato il sei a cinque, comunque non sufficienti a evitarle il tie break e l’antipatia feroce di un pubblico già schierato dalla parte opposta. Guerriera fino al midollo se ce n’è una, l’ex star dell’Università della Virginia ha rifiutato finché ha potuto la sconfitta, rimontando dal due a quattro e annullando il primo di due consecutivi match point con un gran vincente di rovescio. Il rovescio successivo, stavolta in rete, ha però spedito un’indispettita Barty in finale, dove affronterà una Yastremska parsa discretamente a suo agio nelle condizioni di gioco di Adelaide.

Dayana anche oggi non pareva disposta a stare in campo più del dovuto, e Sabalenka è stata la quarta vittima consecutiva dell’ucraina incapace di vincere un solo set. La collaborazione con Sascha Bajin sembra poter essere interessante alquanto: “Stavo bene anche a Brisbane, la settimana scorsa, ma ho perso subito – ha dichiarato la quasi non più teenager ucraina nell’intervista in campo -, e non so perché i vari pezzi del puzzle si siano messi insieme proprio qui ad Adelaide. Sento di giocare sempre meglio e di avere ancora un buon margine“. Aggiungiamo che Dayana oggi è stata in campo quarantacinque minuti in meno e riposato otto ore in più di Barty. Sarà una bella finale.

Risultati:

D. Yastremska b. [6] A. Sabalenka 6-4 7-6(4)
[1] A. Barty b. D.R. Collins 3-6 6-1 7-6(5)

A HOBART – L’ultimo atto in Tasmania sarà invece interpretato da Shuai Zhang ed Elena Rybakina. La top 40 cinese ha avuto pochi problemi nello sbarazzarsi di una comunque sempre più solida Kudermetova, che attendiamo a risultati di rilievo quando le superfici saranno più rapide, mentre continua la striscia positiva della ventenne moscovita, già finalista la settimana passata a Shenzhen. Pur meno brillante di allora, afflitta da qualche acciacco che l’ha più volte indotta a chiamare il trainer e costretta per la seconda volta consecutiva nel torneo all’arrivo in volata, Rybakina ha piazzato il colpo di reni utile a superare Heather Watson, chi si rivede. Per la russa fanno quattro finali negli ultimi sei mesi e lunedì prossimo il ranking, intorno alla ventisei WTA, sarà di nuovo il migliore della carriera. Neanche male.

Risultati:

[4] S. Zhang b. [5] V. Kudermetova 6-3 6-4
[3] E. Rybakina b. [Q] H. Watson 6-3 4-6 6-4

I tabelloni della settimana

Continua a leggere

WTA

WTA Hobart: Watson elimina Mertens in tre ore e mezza. Si ritira Muguruza

Match infinito nei quarti tra la numero uno del seeding, campionessa uscente, e la statunitense: vince quest’ultima 7-5 al terzo. Avanti anche Rybakina e Zhang

Pubblicato

il

Il match dei quarti di finale del WTA International di Hobart tra Heather Watson ed Elise Mertens durato 3 ore e 33 minuti è, al momento, il match più lungo della stagione 2020 e sarà molto difficile fare di meglio. A vincere la sfida è stata la ragazza britannica, già campionessa in Tasmania nel 2015. Dall’altro lato c’è grande rammarico per Mertens, che arrivava da due successi di fila nella manifestazione. Dopo aver vinto il primo set al tie-break la numero uno del tabellone ha piazzato il break nel secondo, portandosi sul 4-2. Watson però ha recuperato lo svantaggio e dopo un’interruzione di 45 minuti ha portato la partita al terzo.

Nel set decisivo Mertens è stata per ben due volte in vantaggio di un break in apertura, ma è sul 5-5 che Watson ha trovato l’allungo definitivo che le è valso l’accesso alle semifinali. Affronterà la terza testa di serie, Elena Rybakina, finalista la scorsa settimana a Shenzhen. La kazaka non avrà sulle gambe tre ore e mezza di partita come Watson, ma le due ore e quaranta impiegate per battere la wild card australiana Cabrera (7-5 al terzo) non sono da meno. La statunitense però ha giocato anche i due match in più del tabellone di qualificazione, che potrebbero farsi sentire a questo punto del torneo. Nella parte bassa del tabellone Shuai Zhang ha vinto agevolmente contro la statunitense Lauren Davis, perdendo solo cinque giochi. La sua prossima avversaria è la russa Kudermetova, che ha approfittato del ritiro di Garbine Muguruza ancor prima di scendere in campo. La spagnola è stata debilitata da un’infezione di natura virale.

Risultati:

 

[Q] H. Watson b. [1] E. Mertens 6-7(5) 6-4 7-5
[3] E. Rybakina b. [WC] L. Cabrera 6-7(4) 7-6(2) 7-5
[4] S. Zhang b. L. Davis 6-1 6-4
[5] V. Kudermetova b. [2/WC] G. Muguruza W/O

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement