WTA Finals: Svitolina si qualifica, Andreescu si ritira. Spareggio Halep-Pliskova

WTA

WTA Finals: Svitolina si qualifica, Andreescu si ritira. Spareggio Halep-Pliskova

La teenager canadese costretta ad abbandonare a causa di un infortunio al ginocchio accusato a inizio match. Altra vittoria in due per Elina, che batte Simona e si qualifica con una giornata d’anticipo come prima del girone

Pubblicato

il

Elina Svitolina - WTA Finals Shenzhen 2019 (foto via Twitter, @WTA)

I dolori della giovane Bianca tracciano un sentiero quasi definitivo per il futuro del raggruppamento viola. Partita sprintando sulle ali di un break e di una giornata che pareva baciata da una luna buona nel match contro Karolina Pliskova, su un recupero verso destra nel terzo game la teenager da Mississauga si è fermata, piegata, la faccia deformata in una smorfia di dolore intenso e, poco dopo, si è seduta in attesa delle cure. “Hai sentito un crack, è il tuo menisco“, sembra averle detto la fisioterapista tempestivamente accorsa.

Bianca, alla prima esperienza alle Finals, non ha voluto saperne di abbandonare immediatamente accettando il rischio di un danno maggiore, e si è fatta bendare gran parte dell’articolazione, provandoci fino ai limiti. Naturalmente l’impedimento era di una certa qual rilevanza, come si è potuto evincere dalla conversazione di lì a poco intercorsa tra Bianca e il coach Sylvain Bruneau, convocato d’urgenza al suo capezzale. “Mi fa un male cane, sento dei rumori sinistri a ogni passo“, ha confessato Andreescu al tecnico, che a sua volta ha cercato di ricondurre l’allieva a più miti consigli: “E tu non forzare più del dovuto“. L’esuberanza della tarda adolescenza, almeno per un po’, ha avuto la meglio: “Non voglio lasciare adesso“.

Gravemente limitata nei movimenti, e pur aiutata da una Pliskova lontana dal raggiungere una sagacia tattica apprezzabile al cospetto di una rivale impossibilitata a scattare specie sul lato sinistro, la canadese ha retto di solo braccio fino al tre pari, ma gli ultimi tre game persi insieme al primo set l’hanno costretta a gettare la spugna. Pliskova guadagna così il punticino che l’appaia in classifica a Simona Halep, oggi sconfitta da Svitolina, il che significa che nell’ultima giornata andrà in scena tra le due lo spareggio con in palio la semifinale.

Grazie alla vittoria in due set, la seconda su due incontri, e alla contemporanea uscita di scena di Andreescu, l’ucraina è già matematicamente sicura del primo posto nel girone. Il vittorioso match con Halep, intenso, altalenante, incerto per lunghi tratti, si è deciso sulla maggior continuità della tennista di Odessa, la quale ha inteso altresì ostentare una condizione fisica scintillante. Partita con un secco tre a zero maturato in tredici minuti banchettando su varie oscenità commesse con il rovescio dalla rumena, Elina si è ritrovata in parità meno di dieci minuti dopo, regalando da par suo con il dritto. Salvata anche una temibile palla per il tre a quattro, la numero otto WTA si è poi fatta trovare in buona posizione, avanti sei a cinque, nell’arrivo in volata, trovando un gran game in risposta per il break a zero coincidente con la fine del primo set nel dodicesimo gioco.

Halep ha provato a reagire nel secondo, andando avanti di un break e continuando a pressare una Svitolina pressoché esclusivamente difensiva, ma ai grandi angoli generati in alcuni punti da applausi sono sempre seguiti censurabili errori strategici, che le hanno impedito di staccarsi. Comoda nel vantaggio accumulato, l’ucraina si è anche concessa qualche rara estrosità, vedasi uno slice di dritto davvero inaspettato che avrà fatto sobbalzare il fidanzatissimo Monfils seduto davanti alla TV.

 

Non riesco a giocare come vorrei“, ha sussurrato Halep all’accorso Darren Cahill, le cui proprietà taumaturgiche si sono rivelate quest’oggi insufficienti. E in effetti Svitolina ha veleggiato sino al punto di servire per l’incontro, rischiando di farsi risucchiare nel momento topico sul 15-40 esattamente come ieri l’altro, quando si era trovata nella stessa identica situazione contro Pliskova, ma risalendo, allo stesso modo, con quattro punti consecutivi che le hanno consegnato la vittoria.

Elina, che alle Finals notoriamente raccoglie ed esibisce il meglio del repertorio, è come detto già in semifinale. Spiace per Bianca, la quale ha pianto e piangerà, ma abbiamo la netta impressione che le occasioni per consolarsi non mancheranno, nei prossimi anni.

Risultati Gruppo Viola, seconda giornata:

[8] E. Svitolina b. [5] S. Halep 7-5 6-3
[2] Ka. Pliskova b. [4] B. Andreescu 6-3 rit.

Gruppo Viola: day 1
Gruppo Rosso: day 1day 2scenari di qualificazione
La classifica dei gironi e il calendario
La guida completa alle WTA Finals

Continua a leggere
Commenti

WTA

Sabalenka domina Halep ad Adelaide, Barty in semifinale contro Collins

La bielorussa non lascia scampo alla seconda testa di serie del torneo. Troverà Yastremska al prossimo turno. La numero uno del mondo doma in due set una buona Vondrousova

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - Adelaide 2020 (via Twitter, @AdelaideTennis)

Tutti incontri a senso unico, ma non privi di sorprese al WTA International di Adelaide che vedeva oggi svolgersi la giornata dei quarti di finale. La notizia sicuramente più clamorosa riguarda l’eliminazione della seconda testa di serie, Simona Halep, per mano di Aryna Sabalenka. La bielorussa è riuscita a emergere vincitrice da un altalenante primo set, durante il quale le due giocatrici hanno perso il servizio due volte a testa prima dello sprint decisivo di Sabalenka. Nel secondo parziale invece non c’è stata storia e Aryna ha malmenato (tennisticamente parlando s’intende) la propria avversaria fino al 6-2 che ha chiuso la contesa. In semifinale Sabalenka sfiderà Dayana Yastremska, che ha superato in due set Donna Vekic. L’ucraina è stata bravissima a centrare il break sul finale di entrambi i set, beffando così una Vekic comunque apparsa in buona forma.

Nella semifinale della parte alta si sfideranno invece la numero uno del mondo, Ashleigh Barty, e Danielle Collins. L’australiana ha domato in due set una buona versione di Marketa Vondrousova, nel remake della finale del Roland Garros 2019. La ceca, ferma da Wimbledon dello scorso anno, ha giocato una buona partita e soprattutto nel secondo set è riuscita a dare qualche grattacapo a Barty, senza però riuscire mai davvero a mettere in discussione il risultato finale. Dopo aver vinto il primo set in maniera piuttosto agevole, Barty è riuscita a conquistarsi un break di vantaggio anche nel secondo parziale, ma Vondrousova è riuscita a rientrare immediatamente nel match. Lo spettacolo offerto dalle due è stato davvero godibile e entrambe hanno alternato con successo tagli insidiosi a pregevoli cambi lungolinea.

Qualche imprecisione col dritto di Barty ha permesso a Vondrousova di prendere sempre più fiducia, ma l’australiana ha sempre fatto buona guardia al servizio salvando una pericolosa palla break nel sesto gioco. A questo punto la ceca si è un po’ incartata, complici alcuni slice corti di Barty che la costringono a presentarsi a rete senza carte buone in mano. L’ultimo sussulto è arrivato nel gioco successivo con Vondrousova capace di issarsi ben quattro volte a palla break, senza successo però. Barty, perfetta nei punti importanti, ha poi approfittato del comprensibile calo psicologico dell’avversaria per strapparle ancora il servizio e chiudere il match. Tra lei e la finale ora c’è solo Collins che ha dominato il suo quarto di finale lasciando appena quattro giochi a Belinda Bencic, quarta testa di serie

Risultati:

D. Collins b. [4/WC] B. Bencic 6-3 6-1
D. Yastremska b. D. Vekic 6-4 6-3
[6/WC] A. Sabalenka b. [2] S. Halep 6-4 6-2
[1] A. Barty b. [8] M. Vondrousova 6-3 6-3

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

WTA

Da Parigi ad Adelaide: Barty ritrova una Vondrousova in gran forma

Ai quarti il remake della finale dell’ultimo Roland Garros. Avanti Bencic e Sabalenka, che sfida Halep. Ad Hobart ancora buoni segnali da Muguruza

Pubblicato

il

Marketa Vondrousova - Roland Garros 2019 (via Twitter, @rolandgarros)

Il successo di Belinda Bencic su Julia Goerges ha completato il quadro dei quarti di finale del torneo Premier di Adelaide, dove Ashleigh Barty e Simona Halep comandano i due estremi del tabellone. La svizzera, quarta testa di serie, ha avuto bisogno di un doppio tie break nella sfida che ha chiuso la giornata.

Pur doppiata negli ace (12-6), la numero sette del mondo è riuscita a far suoi i punti decisivi guadagnandosi ai quarti di finale l’incrocio con Danielle Collins. La statunitense, un po’ a sorpresa, ha avuto nettamente la meglio sulla connazionale Sofia Kenin (7 del seeding) lanciando un bel segnale (84% di punti sulle prime di servizio) verso lo Slam d’apertura della stagione. A Melbourne Park difende la semifinale di un anno fa.

 

Il quarto di finale meno nobile (perché senza teste di serie) sarà quello tra Donna Vekic e Dayana Yastremska. Partita vera per la croata, che in due ore ha rimontato un set di svantaggio contro Maria Sakkari inchiodando addirittura la greca sul 6-1 nel parziale decisivo. Yastremska ha invece beneficiato delle condizioni non ottimali di Angelique Kerber: l’ex numero uno infatti è stata costretta al ritiro per un guaio al ginocchio sinistro, quando si trovava sotto 6-3 2-0. “Non ho notato nelle prime battute che Angie fosse in difficoltà fisica – ha raccontato l’ucraina al sito WTA -, perché in realtà stava giocando bene. Spero possa recuperare nel migliore dei modi per l’Australian Open. Ogni volta che gioco contro Vekic è boom boom boom (letterale, sorridendo, ndr), abbiamo lo stesso stile di gioco e ne verrà fuori un match interessante“. Nell’ultimo precedente, a Zhuhai, ha vinto la diciannovenne di Odessa.

Di significativo interesse i quarti che attendono le grandi favorite. Sulla strada della numero uno del mondo Ashleigh Barty riappare Marketa Voundrosova, nel remake della finale dell’ultimo Roland Garros. La ceca sembra tornata al meglio dall’infortunio al polso – era ferma da Wimbledon – e ha rifilato un impietoso bagel alla numero 201 WTA Arina Rodionova (che appena un giorno prima aveva infierito sulle difficoltà di Sloane Stephens). Nello spicchio più basso del tabellone, Simona Halep attende Arina Sabalenka (battuta in entrambi i precedenti): la bielorussa, 12 del mondo, ha sofferto solo per un set prima di passare su Bernarda Pera.

Il tabellone completo di Adelaide

AVANTI GARBINE – Chiuso il cerchio delle prime otto anche in Tasmania, dove si gioca l’International di Hobart, con le prime due teste di serie Mertens e Muguruza ancora al loro posto. La spagnola – che ha vinto il torneo nel 2014 – ha dimostrato forza mentale nelle due ore di combattimento (condizionate anche dalle interruzioni per la pioggia) a cui l’ha costretta Ons Jabeur prima di cedere al tie break del terzo set. “Abituarmi a partite così dure è un bene in vista dell’intera stagione, non solo dell’Australian Open“, le sue parole. Troppo presto per parlare di una giocatrice ritrovata, ma la semifinale della scorsa settimana a Shenzhen ha avuto un buon seguito (ai quarti sfiderà Kudemertova).

Il tabellone completo di Hobart

Continua a leggere

WTA

Ad Adelaide primi successi stagionali per Barty e Halep

Molto bene la rumena, più complicazioni per la numero uno. Stephens alla deriva, gradito ritorno per Vondrousova. A Hobart vincono Mertens e Muguruza

Pubblicato

il

Ashleigh Barty (via Twitter, @AdelaideTennis)

Solo martedì, ma il riscaldamento in vista dell’Open d’Australia al femminile è già entrato nel vivo. Ad Adelaide, clou della settimana di vigilia, le maggiorenti del tour si sono addirittura già prese i quarti di finale: avuto e goduto un bye per scavalcare il primo turno, Ash Barty e Simona Halep hanno avuto il privilegio di giocare gli unici due ottavi di giornata, buoni per garantire a entrambe il primo successo del 2020. Particolarmente complesso quello ottenuto dalla numero uno contro l’insondabile ma pericolosa, quando in giornata, Pavyuchenkova, chiuso sul sette a cinque al terzo set.

Reduce dal capitombolo con Jennifer Brady nell’esordio stagionale di Brisbane, Ash è partita anche oggi contratta e per il tempo necessario a vedersi sfilare il primo set non è riuscita a disinnescare la nota potenza rivale, ma, una volta strappato il servizio alla russa nel secondo, la differenza di tennis, pedigree e fiducia è emersa piuttosto nettamente con ampi riflessi sul punteggio. Il focus agonistico di Barty, per ora non centratissimo, ha imposto comunque un finale da tremarella: sopra di due break nella frazione decisiva, la tennista da Ipswich s’è fatta riprendere sul cinque pari, riuscendo per sua fortuna a piazzare il colpo di reni per occupare il quarto di finale contro la vincente del match tra Rodionova e Vondrousova, le cui vittorie odierne sono peraltro meritevoli di un breve commento.

Arina, già gasatissima per le qualificazioni brillantemente superate sbaragliando Carla Suarez Navarro e Anastasia Potapova, nientemeno, proseguirà la corsa grazie al successo su un’impresentabile Sloane Stephens, la cui ultima vittoria nel tour maggiore risale al mese di settembre: in grado di raccogliere appena quattro game in un’ora e dodici minuti d’ignavia tennistica, l’ex campionessa degli US Open ha dimostrato ancora una volta come non sia in alcun modo possibile vincere un match del circuito pro restando immobili. Gioia invece per il ritorno alle gare ancor prima che al successo di Marketa Vondrousova, la quale era ferma dai tempi di Wimbledon per colpa di un infortunio al braccio. La ceca, attesa a un 2020 privo di guai fisici, ha lasciato tre giochi a Tatjana Maria.

 

In chiusura di giornata, esordio stagionale con successo per Simona Halep, brava a uscire in due set da un match non banale contro Ajla Tomljanovic. “Ci avevo già giocato un paio di volte – ha detto Simona nell’intervista post partita -, sapevo che non sarebbe stato facile. Non è facile contro di lei ma prima di tutto non è semplice affrontare la prima partita dell’anno dopo una pausa così lunga. Sono molto soddisfatta e pronta ad alzare il livello nei prossimi giorni“. Lo sprint in direzione Melbourne è iniziato.

Risultati:

Adelaide, primo turno

[Q] A. Rodionova b. S. Stephens 6-2 6-2
[8] M. Vondrousova b. [LL] T. Maria 6-3 6-0
[Q] B. Pera b. B. Strycova 7-6(6) 6-3
J. Goerges b. [Q] P. Hon 7-6(7) 6-3
[6] A. Sabalenka b. S-W. Hsieh 5-7 6-1 7-5

Secondo turno

[1] A. Barty b. A. Pavlyuchenkova 4-6 6-3 7-5
[2] S. Halep b. [WC] A. Tomljanovic 6-4 7-5

Hobart, primo turno

C. Bellis b. M. Bouzkova 3-6 7-6(4) 6-3
[Q] O. Jabeur b. A. Blinkova 6-4 6-1
[WC] L. Cabrera b. C. Garcia 4-6 6-4 6-2
A. Cornet b. A. Van Uytvanck 7-5 1-6 6-2
[4] S. Zhang b. K. Flipkens 4-6 6-3 6-2
[2] G. Muguruza b. Y. Wang 6-1 7-5
[1] E. Mertens b. [Q] C. McHale 6-1 6-1
[3] E. Rybakina b. T. Zidansek 6-1 6-4

I tabelloni aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement