Lo strano rapporto tra Sabalenka e il suo coach Tursunov

Interviste

Lo strano rapporto tra Sabalenka e il suo coach Tursunov

Aryna Sabalenka chiuderà la seconda stagione consecutiva all’undicesimo posto. Ancora sotto la guida di Dmitry Tursunov, ma dopo una stagione in cui è successo di tutto

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka e Dmitry Tursunov - Wuhan 2019
 
 

La stagione di Aryna Sabalenka si è ufficialmente conclusa con il 10-5 subito nel super tie-break decisivo da Babos e Mladenovic (che avrebbero poi vinto il torneo) nel terzo e ultimo incontro di Round Robin delle WTA Finals che la bielorussa ha giocato in coppia con Elise Mertens. Una stagione che ha avuto una pancia piuttosto deludente, una testa e soprattutto una coda di grande livello e un denominatore costante: il (rapporto con il) suo allenatore Dmitry Tursunov.

La preparazione di Aryna all’appuntamento conclusivo di Shenzhen (dove ha vinto anche il suo primo torneo stagionale) era stata delle migliori grazie al bis concesso a Wuhan e alla vittoria del WTA Elite Trophy di Zhuhai in finale contro Kiki Bertens. Proprio nel corso del ‘Masterino’ – dove siamo stati invitati dall’organizzazione del torneo – abbiamo avuto modo di osservare le sue interazioni con Tursunov, mollato all’inizio dello US Open e ripreso praticamente subito dopo.

Durante i pochi giorni di separazione a settembre, curiosamente quelli che hanno condotto al trionfo in doppio a New York, è comparso un post di Aryna su Instagram del quale chiunque abbia mai implorato un proprio (ex) partner di tornare indietro riconoscerebbe lo stile: impetuoso e sentimentale, come mai ci era capitato di vedere un tennista rivolgersi al suo allenatore.

View this post on Instagram

Found some better pics with D…I just wanna say I don’t know what’s happening right now🤷‍♀️seems like we’re 🤬 crazy…one day everything is okey another day we both wanto kill each other!But I wanto say that I love him as a coach and trust him more then others!And I can feel that we can grove up together and reach our goals!And I don’t wanna see somebody else by my side.And he is keep saying “I don’t feel that’s you really need me” fuck D I REALLY NEED YOU!but I need that Dmitry who was on the beginning of our relationships”Strong…Smart…Calm And I don’t know 👨 real man…real coach 🎾🥇”.I know some people will think 💭 who?!Dmitry is smart strong and calm…no that’s impossible 💭 But I know your real personality and we went trough so many things together…And after we went in the Hospital because something weird happened with Jason I was really afraid that’s something dangerous happened to him I look at you guys and realize “you’re my biggest power and support…I don’t wanna lose you”. Just wanted to say it. I know sounds weird..like we are couple and been together for 30 years ,but I think relationships between player and coach it’s something similar to this…I don’t know probably he’ll kill me after he read this….before you kill me just wanna to say sorry!👌🤷‍♀️I wrote it at 23:45..so maybe because of that here’s a lot of emotions and lovely 💭

 

A post shared by Aryna Sabalenka🐅 (@sabalenka_aryna) on

Non stupisce del tutto. Il rapporto tra Sabalenka e Tursunov, cominciato nell’estate 2018, è sempre stato molto intenso. Si sono alternati momenti in cui la loro grande affinità è venuta fuori in modo evidente – i festeggiamenti dopo i due titoli di Wuhan, con Aryna che gioca teneramente con la coda del suo coach come potete vedere in testa al pezzo – e altri in cui il contrasto tra i due caratteri ha prodotto scintille. Come quest’anno a Indian Wells, quando nel match che Sabalenka avrebbe poi perso contro Kerber abbiamo assistito a due coaching piuttosto insoliti: quello in cui maestro e allieva si sono guardati negli occhi senza proferire parola e un altro che ha visto Tursunov rispondere con un secco ‘no’ alla richiesta di supporto da parte di Sabalenka. Tutto all’interno di una partita nella quale l’allenatore era sembrato quasi disinteressato alle gesta della giocatrice, mancando persino di applaudirla dopo i colpi vincenti.

Dopo lo US Open ho realizzato che c’era un problema, troppe cose fuori dal campo stavano distogliendo la mia attenzione dal gioco e questo mi ha aiutato a vincere qualcosa e ritrovare certe sensazioni”, ci ha raccontato Aryna in una breve chiacchierata nel tranquillo ambiente di Zhuhai. “Mi sono resa conto di quanto fosse stupido dare a Dmitry la colpa dei miei insuccessi, quindi ho trovato il modo di recuperare il rapporto con lui“. La disponibilità e il sorriso con i quali la bielorussa risponde a ogni nostra domanda sono quasi sorprendenti, specie se raffrontati al suo modo di stare in campo molto esuberante. Sabalenka off court trasmette invece una naturale dolcezza, s’imbarazza e sorride spesso, soprattutto le sue dichiarazioni non sembrano mai viziate da insincerità.

“Spero che tutto questo possa aiutarmi a iniziare la prossima stagione in modo più… intelligente, con maggiore esperienza. In qualche modo c’è un po’ di delusione per quello che è successo in questi mesi ma allo stesso tempo mi sono detta ‘ok, finalmente l’hai capito’. Questo significa che puoi lavorarci su e passare oltre. Ogni giocatore passa momenti del genere e di solito impara sempre qualcosa, mi auguro possa succedere anche a me“.

Le chiediamo se ha mai pensato a qualcosa di diverso per il prossimo anno, lei sospira e poi risponde sicura: “Spero di continuare a lavorare con Dmitry“. Sul fatto che Aryna non abbia alcuna intenzione di chiudere questo capitolo non sembra esserci il minimo dubbio. “Abbiamo provato ad ‘aggiustare’ reciprocamente alcune cose e questo mi ha aiutato a restare positiva. L’intenzione è semplicemente quella di andare avanti perché la nostra collaborazione è molto buona e sta funzionando alla grande, non voglio perderlo come allenatore. Se le cose vanno così bene, perché dovrei cercare qualcun altro? Quindi sì, abbiamo provato a risolvere tutti i problemi che abbiamo avuto e penso che l’abbiamo fatto piuttosto bene“.

L’impressione conclusiva, per quanto prettamente personale, è che dietro i colpi incredibilmente esplosivi di Aryna Sabalenka, dietro la sua dedizione totale alla ricerca del vincente e persino dietro il grande carisma che trasmette sul campo si nascondano le normalissime debolezze di una ragazza di 21 anni. Debolezze che Dmitry Tursunov ha saputo mascherare, forse persino colmare, con un’abilità che difficilmente gli avremmo attribuito facendo riferimento semplicemente allo storico del Tursunov giocatore. Le alchimie che si creano tra allenatore e giocatore sono però spesso imprevedibili, e in fondo è bello così.

Aryna Sabalenka e Dmitry Tursunov – WTA Elite Trophy Zhuhai 2019

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, Sinner: “Con Alcaraz una partita speciale. Il momento chiave? Quello 0-40 nel quarto set…”

Le parole dell’azzurro in conferenza stampa: “Fisicamente sto bene. Il Centre Court? Che emozione vedere tutti quei campioni dove poco dopo avrei giocato io”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)
Jannik Sinner - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)

Quella contro Carlos Alcaraz a Wimbledon può essere definita la vittoria più bella della carriera di Jannik Sinner fin qui. Anche il giocatore altoatesino è sembrato particolarmente felice, e forse per questo più loquace di molte altre volte in conferenza stampa. Di seguito le parole di Jannik nel confronto con la stampa italiana dopo il successo che gli è valso il pass per i quarti di finale.

Ubaldo Scanagatta: “Complimenti Jannik, sicuramente ha fatto la differenza il servizio. Non hai mai ceduto la battuta né oggi né contro Isner…”

Sinner: “C’è tanto lavoro dietro. Credo che oggi è stata una partita difficile. Tutti e due siamo giovani e il livello era alto. Posso essere contento della mia prestazione che è la cosa più importante. La partita con Isner mi ha dato fiducia. Vedremo nel prossimo turno come andrà, sicuramente si tratterà di un altro avversario”.

 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Hai giocato molte partite ma negli Slam qualche volta sei venuto meno, oggi invece hai fatto una partita straordinaria. Sentivi di aver bisogno di una partita così per dire: sto arrivando?

Sinner: “Per me la cosa più importante è migliorarmi. Perché se non ti migliori non puoi giocare a questi livelli per tre-quattro ore. Oggi ho fatto vedere che sono in grado di farlo e ora devo continuare così. Ci ho messo molte ore di lavoro, anche in palestra, con Simone. Oggi sono stato in grado di fare bene, vediamo il prossimo turno come andrà. Credo che per ora posso essere contento di questa giornata. Domani ho un giorno di allenamento e lo devo usare nel migliore dei modi”.

Nel quarto set quando hai brekkato ti sei ritrovato sotto 0-40. Recuperare quel gioco è stato fondamentale…

Sinner: “Sì, sapevo quanto era importante quel momento. Nel game precedente ho provato a essere aggressivo in risposta perché sapevo che dopo avrei servito con palle nuove. La palla andava un po’ meno e sono riuscito a rispondere. Poi però non ho iniziato benissimo, avevo un dritto da spingere e non l’ho spinto. Ma nei punti importanti ho servito bene. Su erba è un po’ più semplice perché il campo ti aiuta. Ma sicuramente nel quarto set è stato quello il momento chiave”.

Sei più contento di come hai servito o di come hai risposto?

Sinner: “Sicuramente quando servi meglio nei game di risposta sei più tranquillo. Ma d’altra parte anche nel primo set ho servito bene fin da subito. Lui ha iniziato forte e mi sono tirato fuori dai guai col servizio. Però anche con la risposta ho fatto sempre bene mettendogli sempre pressione”.

Come stai fisicamente? Oggi tre ore e mezza le hai rette perfettamente e la prossima c’è Djokovic.

Sinner: “Sto bene, non ci sono problemi, ora incrocio le dita. Stiamo lavorando bene e nel modo giusto. Poi vediamo nei prossimi sei mesi come il corpo reagisce”.

Hai parlato di una giornata speciale. Cosa ti ha colpito di più entrando nel Centre Court?

Sinner: “All’una, mentre mangiavo, sono andato negli spogliatoi a vedere lo show. Vedere tutti quei campioni è stato speciale e ancor di più il fatto di sapere che dopo avrei giocato lì. Non sapevo nemmeno la via per entrare nel campo, perché non lo avevo mai fatto. Un momento che è stato speciale per me. Alcuni di quei campioni hanno visto la partita ed è stato bello giocare davanti a loro”.

Hai letto la frase di Kipling sul come affrontare la vittoria e la sconfitta?

Sinner: “Ho tirato dritto… No, a parte tutto, conosco quella frase e la rispetto”.

Continua a leggere

evidenza

Wimbledon, Tsitsipas: “Kyrgios ha un lato malvagio che può fare del male a chi gli è vicino”

Tsitsipas definisce Kyrgios un bullo e avverte: “Noi giocatori non dobbiamo più tollerarlo”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas è stato il primo a entrare in sala conferenze dopo la sfida con Nick Kyrgios. L’australiano, imbeccato dai giornalisti, avrebbe poi avuto di replicare alla sua maniera alle accuse di bullismo rivoltegli dal greco. Dopo una piccola premessa, Stefanos parte subito all’attacco quando gli domandano un’opinione sul match.

Stefanos Tsitsipas: “Mi piace quello che il suo tennis porta al nostro sport. Lui è diverso e non è una brutta cosa. Ma non credo ci sia stato un solo incontro con lui in cui si sia comportato così. Arriva un punto in cui ti stanca davvero, diciamo così. Il continuo parlare, lamentarsi… Sto per servire e c’è un vuoto, senza tennis giocato, che è la cosa più importante. Siamo qui per giocare, non per conversazioni e dialoghi, soprattutto quando sai che l’arbitro non torneà sulla sua decisione. È stupido in un certo senso. È frustrante vedere gente farla franca in quei casi.”

D. Dopo il match, ha detto di avere rispetto per te, ma durante chiedeva la tua espulsione per la pallata tra il pubblico. Che ne pensi?

 

ST: “Devo dire che è stato brutto da parte sua. Non avevo mai tirato una palla in quel modo in passato. Mi sono scusato con quelle persone. Non ho colpito nessuno, grazie a Dio. Non lo farò più, questo è certo. Ma c’è stato anche qualcosa che ha scatenato quel comportamento che non mi appartiene.”

D. Da anni sentiamo queste lamentale anche da altri giocatori quando giocano contro Nick. Pensi che arriverà il momento in cui i giocatori prenderanno una posizione? Perché è chiaro che gli ufficiale di gara non fanno nulla.

ST: “Mi piacerebbe che fossimo tutti’ d’accordo e fissassimo una regola, non so, qualcosa sul parlare. Perché devi parlare mentre giochi? Durante ogni singolo punto oggi, sentivo che succedeva qualcosa dall’altra parte della rete. Cerco di non farmi distrarre perché potrebbe essere volontario. È il suo modo di manipolare l’avversario. Nessun altro lo fa. Dobbiamo far sì che questo comportamento non sia più tollerato.”

D. Sono curioso sul punto di penalità che hai ricevuto quando hai tirato la risposta sul muto dietro al campo. È stato volontario? Cosa pensi della decisione?

ST: “Miravo al corpo dell’avversario ma lo mancavo di molto.”

D. Diverse volte. Perché?

ST: “Perché finisse. Questo deve finire. C’è sicuramente della frustrazione dietro. Di solito non gioco così, ma non posso sedermi lì, comportarmi da robot, completamente freddo e inconsapevole. È successo tre o quattro volte. Una volta la capisco, ma poi inizia a darti sui nervi quel rumore che arriva da oltre la rete”.

D. Credi che alla fine avresti preferito non stringergli la mano? Lo hai fatto, ma forse pensavi che non lo meritasse. E quando hai fallito un rovescio ha gridato bel colpo, lo ricordi?

ST: “Sì, è bullismo costante, ecco cos’è. Lui bullizza gli avversari, probabilmente era un bullo a scuola. Non mi piaccio i bulli. Ha un lato malvagio in sé che, se viene fuori, può davvero fare del male alle persone che gli stanno attorno. Se qualcuno non mi rispetta, è normale che io faccia qualcosa. Sulla stretta di mano, bel match, sicuro, devo congratularmi con l’avversario, non è mai successo che non l’abbia fatto. Ma se ci fosse una stretta di mano per l’atteggiamento, la eviterei.”

D. Sembri un po’ raffreddato, hai fatto il test per il Covid?

ST: “Ho fatto il test, ma è solo un raffreddore. Ha iniztao dopo Maiorca ed è ancora piuttosto pesante.”

D. Togliendo tutto il circo, stasera, solo tennis, quale sarebbe stato il risultato?

ST: “Davvero non lo so. È difficile dirlo perché non ti sei visto, ma non penso che lui riesca a giocare senza quel circo. Gli piace fare le cose in quel modo e la fa sempre franca. Senza quello, sarebbe stato un match di qualità migliore anche da parte mia, credo, sempre che lui pensi di non saper giocare in modo normale.”


Continua a leggere

evidenza

Wimbledon, Kyrgios: “Al posto di Tsitsipas, sarei stato espulso”

Dopo la vittoria su Tsitsipas, Nick Kyrgios non le manda a dire a Stefanos che lo ha accusato di bullismo: “Penso che lui abbia dei problemi seri”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @Wimbledon)

C’è stato spazio per un po’ (e anche molto) di tutto nella sfida tra Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas vinta in quattro set dall’australiano. Tra violazioni del codice (entrambi), pallate tra gli spalti e all’avversario (Tsitsipas) e quello che ci ha messo del suo non solo con l’arbitro (Kyrgios), la successiva conferenza stampa di Nick non poteva non proseguire nell’adrenalinico e polemico solco tracciato dallo spettacolare confronto. Si parte subito in quarta. E, spoiler, l’immagine di copertina ha il solo scopo di presentare il prodotto.

D. Tsitsipas è appena stato qui e ha detto: è bullismo continuo, lui [Kyrgios] è stato probabilmente un bullo a scuola. Non mi piacciono i bulli, lui ha un lato malvagio in sé.

Nick Kyrgios: [risata] “Non so cosa dire. Non sono sicuro di come lo abbia bullizzato. Era lui quello che mi tirava addosso, lui quello che ha colpito uno spettatore [dalle immagini, non sembra aver colpito nessuno, ndr], quello che ha tirato una pallata fuori dallo stadio. Io non ho fatto nulla, a parte andare avanti e indietro dall’arbitro per un po’. Non sono stato irrispettoso verso Stefanos, non credo, tu che dici?”

 

D. È arrivato a dire che alcuni giocatori dovrebbero riunirsi e parlare di te o parlare con te a proposito di quello che fai in campo.

NK: “Beh, anch’io sarei agitato se avessi perso da qualcuno in due settimane di fila. Forse dovrebbe capire come battermi un paio di volte prima e poi pensare all’altra cosa.”

D. Quando ti rivolgi continuamente all’arbitro e vedi che l’avversario si innervosisce, è una questione tattica o emotiva?

NK: “Quando ho giocato con Filip Krajinovic, lui non ha tirato una palla a uno spettatore colpendolo. Non ho molto da dire, quindi, mi chiedo solo perché fosse ancora in campo. Perché so che a parti invertite sarei stato espulso, di sicuro.”

D. Di solito, I giocatori non vengono espulsi per aver tirato una palla tra il pubblico. Pensi che debba cambiare’

NK: “Quindi non pensi che colpire in testa uno spettatore con una pallata meriti l’espulsione?”

D. Non credo abbia davvero colpito qualcuno.

NK: “Ha colpito uno spettatore. Ho visto il video.”

D. Ok. Ma non riesco a ricordare qualcuno espulso per tirare una palla tra il pubblico. Djokovic aveva colpito una giudice di linea.

NK: “Stai dicendo che puoi colpire uno spettatore e non venire espulso?”

Segue un botta e risposta con il giornalista in cui i due concordano che la pallata tra il pubblico dovrebbe comportare l’espulsione.

D. Entrambi avete ricevuto delle sanzioni per violazione del codice…

NK: “Dobbiamo davvero finire di mettere sullo stesso piano i nostri comportamenti odierni.”

D. Sarebbe la domanda. Lui si è scusato profusamente.

NK. “E questo aggiusta tutto? Io che ho fatto? [abuso verbale, gli ricorda] Verrò multato per quello, vengo sempre multato perché dovrei scusarmi? Sono proprio desideroso di sapere cosa faranno a lui.”

D. Stai giocando molto bene, ma penso di poter vincere il torneo? E, se è così, credi che questo circo – la parola usata da Stefanos – possa essere stancante per te?

NK: “Mi sento alla grande, sarei pronto a giocare domani [domenica]. Turno dopo turno, se continuo a fare quello che so fare. Però, lui ha messo su il circo, oggi. Penso solo che lui abbia dei problemi sei, ma proprio seri. Nello spogliatoio ho molti amici, in realtà sono uno di quelli che piacciono di più. Lui no, mettiamola così.”

D. Eri stato caloroso con Stefanos e Petros [il fratello], ma negli ultimi 20 minuti non sembra più così. Pensi che vi scrollerete la faccenda di dosso e sarete amici fra due giorni?

NK: “Non mi importa. Se vedi i tipi contro cui gioco a basket in Australia, sono dei cagnacci. Quelli con cui gioco a Wimbledon, no. Lui è così delicato da venire fuori con la storia del bullismo. Se si è fatto influenzare da questo, oggi, penso che sia troppo tenero”.


Ora è il momento del direttore Scanagatta con cui inizia uno .scambio di battute D. Innanzitutto, congratulazioni, gran match, mi è piaciuto tantissimo. Poi, credi di non meritare tutte queste critiche? In generale, non solo oggi, pensi di avere tutti contro o sei una vittima dei media e roba del genere? Infine, quando lui ha sbagliato un colpo facile, tu hai detto ‘bel colpo’.
NK: “Vero.”

Scanagatta: Non è molto gentile, devi ammetterlo.

NK: “Non sto cercando di essere gentile.”

Scanagatta: Se qualcuno lo avesse fatto a te, non ti sarebbe piaciuto.

NK: “Molto probabilmente non sarei venuto qui a dire di essere stato bullizzato. Per rispondere all’altra domanda, non mi interessa, mi devono guardare mentre gioco gli ottavi a Wimbledon e ho già un bell’assegno. E non era un colpo facile, avevo tirato un bel servizio. L’ho visto lavorare sulla risposta di rovescio ieri e ha colpito la recinzione alle sue spalle. Ho detto, bel colpo.”


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement