Fed Cup, finale Australia-Francia: aprono Tomljanovic e Mladenovic

Fed Cup

Fed Cup, finale Australia-Francia: aprono Tomljanovic e Mladenovic

Con in campo la numero 1 del mondo Barty, le australiane sono favorite. Occhio però al team francese, guidato in panchina da Benneteau e in campo da Caroline Garcia

Pubblicato

il

Ashleigh Barty in Fed Cup (foto via Twitter, @FedCup)

Nella settimana che anticipa il Masters maschile, il circuito femminile vive il suo epilogo con la finale di Fed Cup tra Australia e Francia sul veloce della RAC Arena di Perth (capienza 13.500 posti, outdoor, prima finale all’aperto dal 2013). Sarà l’ultima finale con l’attuale formula perché dal 2020 anche la competizione a squadre nazionali femminili si adeguerà a quella maschile con concentramento finale a 12 squadre che fino al 2022 si terrà sulla terra battuta di Budapest.

AUSTRALIA

Le australiane non vincono il titolo dal 1974, hanno giocato l’ultima finale nel 1993 ed hanno vinto in tutto sette titoli (tutti tra il ’64 ed il ’74 per l’appunto). Hanno perso le ultime otto finali giocate nella competizione (sei consecutive tra il 1975 ed il 1980, una nel 1984 ed una nel 1993), ma è la prima volta che arriva in finale con l’attuale format. Obiettivo principale quindi interrompere questa striscia negativa.

Partono con i favori del pronostico in quanto schiereranno la vera rivelazione di questa stagione, nonché attuale numero 1 del ranking e vincitrice del recente Masters di Shenzhen, Ashleigh Barty (per lei quest’anno anche vittorie al Roland Garros, Miami e Birmingham e finali a Sydney e Pechino). Per la bravissima giocatrice locale l’opportunità di chiudere il 2019 già di per sé esaltante in maniera addirittura trionfale davanti al pubblico amico. Ma Barty ha già dato un apporto incredibile per il raggiungimento di questa finale, avendo dato ben sei punti alla sua nazionale nei due match precedenti, entrambi vinti dall’Australia 3-2, contro USA e Bielorussia. Un cammino perfetto che chiaramente cercherà di proseguire nel prossimo week-end. Se dovesse vincere sia i due singolari che il doppio sarebbe la prima giocatrice a portare nove punti alla sua squadra da quando il World Group ha questo format.

Al fianco di Ashleigh Barty la capitana australiana Alicia Molik ha convocato l’esperta Sam Stosur (record di vittorie in singolare nella storia della Fed Cup australiana, 29, e ancora imbattuta in doppio), Ajla Tomljanovic (fidanzata di Matteo Berrettini), Astra Sharma e la giovanissima Priscilla Hon. Piccola curiosità, per la Tomljanovic si tratta dell’esordio con l’Australia, avendo già giocato in Fed Cup ma per la Croazia.

FRANCIA

Più completo dall’altra parte della barricata forse il team francese, che quest’anno ha visto l’esordio in panchina di Julien Benneteau, bravo a ricompattare il gruppo (e a riunire Garcia e Mladenovic) sfruttando probabilmente l’enorme esperienza maturata con la squadra maschile in Davis. La Francia ha vinto due titoli, uno nel 1997 e l’altro nel 2003 mentre ha giocato l’ultima finale nel 2016 perdendo in casa contro la Repubblica Ceca a Strasburgo al termine di una sfida stupenda ed equilibrata.

Proprio dopo quel match si ruppe l’armonia nel gruppo transalpino, con Caroline Garcia che decise di dare priorità alla sua carriera da singolarista e che interruppe anche il sodalizio in doppio con Kiki Mladenovic. Entrambe sono state convocate per l’atto finale della manifestazione insieme alla solita (e arcigna) Alizé Cornet, all’esperta Pauline Parmentier e al “pulcino” del gruppo Fiona Ferro.

 
Finale Fed Cup 2019, la squadra francese (foto via Twitter, @FedCup)

PRECEDENTI TRA LE NAZIONALI

Sono sei: l’Australia ha vinto i primi cinque, la Francia l’ultimo, ma si è sempre giocato con la formula del raggruppamento in sede neutra (anche se per due volte in Australia). Quindi è questa la prima sfida tra le due nazionali con l’attuale formula del World Group.

AUSTRALIA-FRANCIA 5-1

4 settembre 1964, Philadelphia, grass, World Group Semifinal
Australia-Francia 3-0
Smith-Durr 6-4 6-1
Turner-Liefrigg 6-1 6-2
Smith/Turner-Durr/Liefrigg 6-3 9-7

4 gennaio 1965, Melbourne, grass, World Group Semifinal
Australia-Francia 3-0
Smith-Durr 6-2 6-2
Turner-Liefrigg 6-1 7-5
Smith/Tegart-Durr/Liefrigg 6-1 6-4

9 giugno 1967, Berlino, clay, World Group Quarterfinal
Australia-Francia 2-1
Melville-Salvati 4-6 6-4 9-7
Durr-Turner 9-7 6-1
Tegart/Turner-Durr/Liefrigg 6-3 6-3

23 maggio 1969, Atene, clay, World Group Quarterfinal
Australia-Francia 3-0
Melville-Chanfreau 6-2 8-6
Court-Darmon 6-1 6-1
Court/Tegart-Chanfreau/Darmon 6-1 6-2

28 dicembre 1970, Perth, grass, World Group Quarterfinal
Australia-Francia 3-0
Court-Chanfreau 6-1 6-1
Goolagong-Durr 6-3 3-6 6-0
Court/Goolagong-Chanfreau/Durr 6-2 6-3

28 aprile 2000, Mosca, carpet, World Group Round Robin
Francia-Australia 2-1
Dechy-Pratt 6-4 5-7 6-2
Dokic-Testud 6-7(4) 7-5 6-3
Halard Decugis/Tauziat-Molik/Stubbs 6-0 7-6(3)

PRECEDENTI TRA LE CONVOCATE

Precedenti in buona parte a favore delle tenniste di casa. Occhio a Tomljanovic che non ha mai incontrato Garcia ma che è in vantaggio 2-0 su Mladenovic (la loro sfida aprirà la finale) ed è 1-1 contro Cornet.

Barty-Garcia 2-1
2019, Wuhan, hard, R32, Barty 4-6 6-4 6-1
2018 Zhuhai, hard, R1, Barty 6-3 6-4
2017 Wuhan, hard, F, Garcia 6-7(3) 7-6(4) 6-2

Barty-Mladenovic 1-1
2019 Roma, clay, R16, Mladenovic 6-2 6-3
2018 Eastbourne, grass, R32, Barty 6-3 6-2

Barty-Cornet 1-1
2018 Montreal, hard, R16, Barty 6-3 6-4
2014 Roland Garros, clay, R128, Cornet 6-2 6-1

Barty-Parmentier 1-0
2018 Strasburgo, clay, R16, Barty 6-1 6-4

Tomljanovic-Mladenovic 2-0
2014 Strasburgo, clay, R32, Tomljanovic 6-4 6-0
2014 Miami, hard, R128, Tomljanovic 7-6(4) 6-4

Tomljanovic-Cornet 1-1
2019 Indian Wells, hard, R128, Tomljanovic 7-5 6-3
2013 US Open, hard, R64, Cornet 6-2 6-2

Tomljanovic-Ferro 3-0
2019 Rabat, clay, R32, Tomljanovic 6-4 6-4
2018 Hiroshima, hard, R32, Tomljanovic 6-4 6-1
2017 Dubai, hard, R32, Tomljanovic 6-0 6-0

Stosur-Garcia 0-1
2016 Zhuahi, hard, R1, Garcia 6-4 6-3

Stosur-Mladenovic 4-1
2018 Indian Wells, hard, R64, Mladenovic 7-5 7-5
2015 Washington, hard, R32, Stosur 6-2 6-2
2015 Strasburgo, clay, F, Stosur 3-6 6-2 6-3
2014 Hobart, hard, R16, Stosur 6-4 2-6 7-6(7)
2013 Roland Garros, clay, R64, Stosur 6-4 6-3

Stosur-Cornet 5-3
2018 Gstaad, clay, Q, Cornet 6-4 7-6(2)
2014 Pechino, hard, R16, Stosur 6-4 6-2
2013 Mosca, hard, R16, Stosur 6-4 6-1
2013 Tokyo, hard, R64, Stosur 2-6 6-4 6-1
2012 Mosca, hard, R16, Stosur 7-6(6) 7-5
2009 Pechino, hard, R64, Cornet 6-4 4-6 6-3
2009 New Haven, hard, R32, Stosur 6-7(8) 6-2 6-4
2007 Us Open, hard, R128, Cornet 6-3 6-2

Stosur-Parmentier 1-2
2019 Bronx, hard, R64, Parmentier 6-2 6-3
2015 Miami, hard, R64, Stosur 6-1 3-6 6-0
2008 Zurigo, hard, R32, Parmentier 6-4 2-6 7-6(1)

Stosur-Ferro 0-1
2019 Losanna, clay, Q, Ferro 6-4 6-2

Sharma-Mladenovic 0-1
2019 Nottingham, grass, R16, Mladenovic 6-1 7-5

IL CAMMINO VERSO LA FINALE DELL’AUSTRALIA

L’Australia torna in finale dopo ben 26 anni e lo fa dopo un cammino tortuoso con due sfide vinte solo al doppio decisivo, la prima contro gli Stati Uniti e la seconda con la possente Bielorussia. Vera trascinatrice nell’anno Barty, sempre vincente.

9-10 febbraio 2019, Ashleville, hard, World Group, Quarterfinal
USA-Australia 2-3

Barty-Kenin 6-1 7-6(2)
Keys-Birrel 6-2 6-2
Barty-Keys 6-4 6-1
Collins-Gavrilova 6-1 3-6 6-2
Barty/Hon-Collins/Melichar 6-4 7-5

20-21 aprile 2019, Brisbane, hard, World Group Semifinal
Australia-Bielorussia 3-2

Sabalenka-Stosur 7-5 5-7 6-3
Barty-Azarenka 7-6(2) 6-3
Barty-Sabalenka 6-2 6-2
Azarenka-Stosur 6-1 6-1
Barty/Stosur-Azalenka/Sabalenka 7-5 3-6 6-2

Finale Fed Cup 2019, la squadra australiana (foto via Twitter, @FedCup)

IL CAMMINO VERSO LA FINALE DELLA FRANCIA

Se la sfida di primo turno contro il Belgio è stata una pura formalità, la semifinale con la Romania di Simona Halep è stata un vero e proprio thrilling, con la vittoria arrivata nel doppio decisivo ed in rimonta. La ritrovata compattezza del duo Garcia/Mladenovic è stata la chiave di volta della sfida e si punterà su di loro anche a Perth per provare il colpaccio.

9-10 febbraio, Liegi, hard, World Group Quarterfinal
Belgio-Francia 1-3

Garcia-Van Uytvanck 7-6(2) 4-6 6-2
Cornet-Mertens 7-6(6) 6-2
Garcia-Mertens 6-2 6-3
Bonaventure/Flipkens-Ferro/Parmentier 6-3 3-6 10-6

20-21 aprile 2019, Rouen, clay, World Group Semifinal
Francia-Romania 3-2

Halep-Mladenovic 6-3 6-1
Garcia-Buzarnescu 6-3 6-3
Halep-Garcia 6-7(6) 6-3 6-4
Parmentier-Begu 6-3 2-6 6-2
Garcia/Mladenovic-Halep/Niculescu 5-7 6-3 6-4

PRONOSTICO

Il ruolo chiave sarà quello della seconda singolarista australiana, Ajla Tomljanovic. Molik ha scelto lei come seconda singolarista e si riserva Sam Stosur per il doppio (ed eventualmente per la seconda giornata), vista l’esperienza e la classifica dell’ex campionessa degli US Open nel ranking di doppio (numero 12, oltre alla recente semifinale nel Masters di Shenzhen nella specialità e alla vittoria agli Australian Open quest’anno). Oltretutto come abbiamo visto Tomljanovic ha precedenti positivi con le francesi, anche se quest’anno non ha particolarmente brillato nel circuito (finalista a Hua Hin, semifinalista a Rabat e Zhengzhou, attualmente n.51 WTA).

Dall’altra parte è chiaro che le se Barty è quella vista durante la stagione (e durante la Fed Cup 2019) le francesi la corsa la dovranno fare proprio sulla numero due locale per poi puntare al doppio che sarebbe molto equilibrato e anche spettacolare. Garcia in Fed ha dato spesso il meglio di sé, viene da un anno alquanto anonimo nel circuito (vittoria a Nottingham e finale a Strasburgo i risultati migliori) ed è precipitata alla posizione n.45 in singolare, sopravanzata da Mladenovic (attualmente n. 40, semifinalista a Zhengzhou e Mosca quest’anno) che ha raccolto i migliori risultati in doppio (recente vittoria al Masters in coppia con l’ungherese Babos e titolo anche a Istanbul e al Roland Garros).

Il problema per le francesi è che nella prima giornata si aprirà con Tomljanovic-Mladenovic e poi Barty-Garcia e quindi Mladenovic, forse caratterialmente la più debole delle ospiti, dovrà garantire se i pronostici saranno rispettati il punto dell’1-1 ed oltretutto sarà la prima a scendere in campo. È chiaro che vale anche il ragionamento al contrario: Barty sentirà la pressione di essere la favorita e di dover portare almeno i due punti del singolare al suo paese?

Come sappiamo le competizioni a squadre riservano sorprese inaspettate e la Fed Cup non è da meno della Davis (almeno con questa formula). Concludendo, l’impressione è che le padrone di casa australiane siano nettamente favorite ma che le francesi non devono essere sottovalutate perché soprattutto Garcia (in campo) e Benneteau in panchina (senza dimenticare la carta a sorpresa dell’ostica e arcigna Cornet) daranno sicuramente tutto per rovesciare il pronostico.

Australia 65% – Francia 35%

SORTEGGIO

Sabato (dalle ore 4 italiane, diretta su Supertennis)
A. Tomljanovic vs K. Mladenovic
A. Barty vs C. Garcia

Domenica (dalle ore 4 italiane, diretta su Supertennis)
A. Barty vs K. Mladenovic
A. Tomljanovic vs C. Garcia
A. Barty/S.Stosur vs C. Garcia/K. Mladenovic

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

La Fed Cup cambia nome in onore di Billie Jean King

Per la prima volta una competizione internazionale a squadre porterà il nome di una donna

Pubblicato

il

Nel corso di una conferenza stampa in diretta su Youtube, l’ITF ha annunciato un’importante novità che riguarda la Fed Cup. La competizione cambierà nome e si chiamerà Billie Jean King Cup by BNP Paribas, in onore della campionessa statunitense, icona di questo sport e molto impegnata nella lotta in difesa dei diritti civili e dell’uguaglianza sociale. Per la prima volta una competizione mondiale a squadre porterà dunque il nome di una donna. Un altro cambiamento dopo la riforma del format, sull’onda della Coppa Davis.

Molto soddisfatto il presidente dell’ITF David Haggerty che ha detto: ′′Dal giocare la prima Fed Cup come membro della vittoriosa squadra statunitense nel 1963, dal fondare la WTA e divenirne il suo primo presidente, ad essere la prima atleta femminile premiata con la Medaglia Presidenziale della Libertà americana, Billie Jean King non ha mai smesso di superare ogni barriera. Oggi aggiunge un’altra ′′prima volta′′ a quella lista. Il nuovo nome è un tributo adatto a tutto ciò che ha ottenuto e fornirà un’eredità duratura che ispirerà le future generazioni di giocatori e tifosi.”

Giustamente orgogliosa Billie Jean King che ha lanciato ancora una volta un messaggio alle nuove leve: ′′Non c’è niente come la sensazione di rappresentare il tuo paese e di far parte di una squadra, per questo motivo questa competizione è così speciale e importante per me. È un onore che la coppa del mondo femminile di tennis porti il mio nome e una responsabilità che non prenderò alla leggera. Il nostro lavoro è condividere questa visione con le future generazioni di ragazzine, perché se riesci a immaginarla, puoi esserla.

 

Continua a leggere

Fed Cup

Coronavirus: l’ITF posticipa le finali di Fed Cup

Le misure prese dal Governo ungherese e il successivo annuncio di pandemia mettono in ginocchio anche il tennis

Pubblicato

il

Fed Cup 2020 (via Twitter, @FedCup)

Anche le finali di Fed Cup, in programma dal 14 al 19 aprile 2020 alla Laszlo Papp Arena di Budapest devono arrendersi per l’emergenza Coronavirus. L’ITF ha deciso, assieme al Comitato Organizzativo Locale, di posticipare a data da destinarsi lo svolgersi delle Finals. Anche i play-off di Fed Cup, che si sarebbero dovuti svolgere in tutto il mondo il 17 e il 18 aprile, saranno rinviati.

Una decisione naturale dopo che oggi l’Ungheria aveva annunciato il blocco dei viaggi da e per Cina, Corea del Sud, Italia e Iran. La vera condanna per la Fed Cup è stata il divieto di riunirsi in pubblico con più di 100 persone all’interno e 500 all’esterno. Attualmente in Ungheria ci sono 13 casi di COVID-19, senza persone decedute.

Il presidente dell’ITF David Haggerty si è detto “rattristato di dover prendere questa decisione, ma non possiamo mettere a rischio la salute di spettatori, staff e giocatori”. Lo stesso Haggerty ha annunciato che “verranno cercate nuove date per lo svolgimento delle Finals […] Nel frattempo il gruppo consultivo sul COVID-19 dell’ITF continuerà a monitorare la situazione e ulteriori decisioni verranno prese sulla base di dati ufficiali e consigli degli esperti”.

 

Continua a leggere

Fed Cup

Fed Cup, World Group: Bielorussia, che rimonta. Spagna e Germania sul velluto

Sabalenka e Sasnovich piegano le olandesi 3-2. Iberiche e tedesche passeggiano con Giappone e Brasile. Bene anche Belgio, Slovacchia, Russia e Svizzera

Pubblicato

il

Si avvia alla conclusione il weekend di Fed Cup, il primo della manifestazione con la nuova formula delle Finals, quest’anno in programma dal 14 al 19 aprile a Budapest (che sarà sede anche delle prossime due edizioni).

Oltre ai raggruppamenti zonali, nei quali la nostra nazionale a Tallinn si è guadagnata l’accesso ai play-off per il World Group 2021, si sono anche svolte le sfide del tabellone principale che hanno determinato le nazionali che parteciperanno per l’appunto all’evento conclusivo di Budapest.

Hanno chiuso agevolmente i loro match sia la Spagna che la Germania. Le iberiche hanno avuto ragione del Giappone, orfano nella giornata di Naomi Osaka, ieri travolta da Sara Sorribes Tormo. Nulla ha potuto Kurumi Nara che ne ha preso il posto. Carla Suarez Navarro, all’ultima stagione da professionista, le ha impartito una severa lezione di tennis su terra, infliggendole un perentorio 6-1 6-2 che ha qualificato la Spagna. Occhio alle iberiche che se ad aprile avranno la Muguruza saranno davvero temibili tenendo conto che si giocherà sulla terra.

 

Nessun problema nemmeno per la Germania a Florianopolis, in Brasile. Laura Siegemund si è sbarazzata in due rapidi set di Gabriela Ce per il 3-0 definitivo. Considerando che le tedesche hanno schierato praticamente la seconda squadra, e ipotizzando la partecipazione di Goerges, Kerber e Lisicki alle Finals, anche la presenza della Germania non va sottovalutata.

Sotto 2-0, il Canada senza Andreescu e Bouchard (presente con un tutore al polso sinistro) ha provato ad affidarsi alla giovane Fernandez per riaprire la sfida con la Svizzera. La giovane canadese ha giocato una delle migliori partite della sua breve carriera e si è presa il lusso di battere Belinda Bencic in due set. Ma ci ha pensato Jill Teichmann ha chiudere la pratica liquidando con un doppio 6-3 Gabriela Dabrowski.

Anche la Gran Bretagna ha provato la rimonta in Slovacchia dallo 0-2. Watson ci ha provato battendo Sramkova, ma una tenace Schmiedlova è venuta a capo della grinta di Darriet Hart, superata in due set e qualificando così il suo team per le Finals.

Si partiva dall’1-1 invece nella sfida di Kortrijk tra Belgio e Kazakistan. Nella sfida tra le due numero 1 grandissima prova di Elise Mertens che ha battuto in due set Yulia Putintseva con il punteggio di 6-1 7-6. Primo set davvero perfetto della belga che ha fatto più volte esplodere le tribune occupate dai suoi fan. Nel secondo singolare mossa indovinata del capitano locale Van Herck che sostituisce la giovane Bonaventure con la veterana Flipkens che fa valere tutta la propria esperienza e supera in due set Zarina Diyas per il 3-1 definitivo.

Infine ecco la sintesi delle due sfide più equilibrate ed emozionanti . A Cluj-Napoca la Romania orfana delle sue migliori giocatrici (Halep inclusa) ha ceduto solo nel doppio alla Russia, nelle cui fila comunque mancavano le “big”. Ekaterina Alexandrova ha battuto in 3 durissimi set la nr.1 locale Bogdan, ma il capitano rumeno Segarceanu ha schierato la sconosciuta Cristian (nr.197 Wta) nel secondo singolare contro Kudermetova. La russa ha servito per il primo set sul 5-4 prima di finire completamente nel pallone, sorpresa dalla meno quotata avversaria. Cristian ha infilato tre game consecutivi, portato a casa il primo set 7-5 e poi vinto anche il secondo 6-3 per il provvisorio 2-2. Pubblico letteralmente impazzito sugli spalti, ma nel doppio le più esperte Blinova e Kalinskaya hanno avuto la meglio sulla stessa Cristian in coppia con Ruse. Russe alle Finals quindi.

La sfida tecnicamente più bella e anche più avvincente è stata invece sicuramente quella di The Haague, dove sulla terra indoor le bielorusse hanno battuto le padrone di casa olandesi per 3-2. Nella giornata conclusiva gran bella vittoria di Kiki Bertens su Aryna Sabalenka nel primo singolare, ma nel secondo Rus non è riuscita a chiudere la contesa facendosi rimontare da Sasnovich che aveva perso il primo parziale 6-0. Sul 2-2 si giocava il doppio decisivo con Bertens e Schuurs (nr.14 nella classifica di specialità) da una parte e Sabalenka e Sasnovich dall’altra. Match tecnicamente valido e ben giocato da entrambe le coppie. Primo set alle padrone di casa, secondo alle bielorusse, finale thrilling nel parziale decisivo. Le olandesi salgono 3-1, le bielorusse rimontano sul 4-3 e servizio, poi altro controbreak locale. Si arriva al tie break dove succede davvero di tutto, risulta alla fine decisivo un doppio fallo di Bertens sull’8-8. Sul terzo match point a loro favore le bielorusse chiudono con una voleé anche un po’ fortunosa di Sabalenka. Bertens disperata lascia il campo in lacrime senza nemmeno avere la forza di salutare le avversarie.

Non ha avuto troppo da invidiare anche la seconda giornata di USA-Lettonia, nella quale per poco la nazionale baltica non ha ribaltato il 2-0 maturato dopo la prima giornata. Una sorprendente Jelena Ostapenko ha infatti sconfitto la recente campionessa dell’Australian Open, Sofia Kenin, e Sevastova ha fatto lo stesso al tie-break del terzo set con sua maestà Serena Williams. Sul 2-2, il doppio è diventato decisivo ma la coppia Kenin-Mattek-Sands non ha tremato lasciando solo tre game alle stesse due ragazze lettoni che erano scese in campo per il singolare. Gli Stati Uniti tirano un sospiro di sollievo e volano a Budapest, mentre la Lettonia dovrà conquistarsi sul campo la permanenza nel World Group: non è certamente il sorteggio che ci auguriamo per l’Italia.

Ecco quindi le 12 squadre qualificate per le Finals di Budapest: Francia, Australia, R.Ceca, Ungheria, Bielorussia, Spagna, Germania, Belgio, Slovacchia, Russia, Svizzera e Stati Uniti. Ipotizzando queste squadre al completo con le migliori il parterre dei team sembrerebbe davvero di prima qualità. Il sorteggio dei gironi (4 da tre squadre, le prime di ogni raggruppamento direttamente qualificate alle semifinali) si terrà martedì prossimo proprio a Budapest alle 18.30 alla presenza di Billie Jean King.

Di seguito i risultati delle sfide del World Group

Fed Cup, Qualificazioni Finals 2020

Sportcampus Zuiderpark, The Hague, indoor clay
OLANDA-BIELORUSSIA 2-3

Bertens-Sabalenka 6-4 6-4
Sasnovich-Rus 0-6 7-5 6-3
Sabalenka/Sasnovich-Bertens/Schuurs 4-6 6-3 7-6(8)

Sala Polivalenta, Cluj-Napoca, hard indoor
ROMANIA-RUSSIA 2-3

Alexandrova-Bogdan 7-5 3-6 7-5
Cristian-Kudermetova 7-5 6-3
Blinkova/Kalinskaya-Cristian/Ruse 6-3 6-3

Costao do Santinho Resort, Florianopolis, outdoor clay
BRASILE-GERMANIA 0-3

Siegemund-Ce 6-1 6-2

TC La Manga Club, Murcia, outdoor clay
SPAGNA-GIAPPONE 3-0

Suarez Navarro-Nara 6-1 6-2

Swiss Tennis Arena, Biel, hard indoor
SVIZZERA-CANADA 3-1

Fernandez-Bencic 6-2 7-6(3)
Teichmann-Dabrowski 6-3 6-4

SC Lange Munte, Kortrijk, hard indoor
BELGIO-KAZAKISTAN 3-1

Mertens-Putintseva 6-1 7-6(1)
Flipkens-Diyas 6-3 6-4

AXA Arena NTC, Bratislava, clay indoor
SLOVACCHIA-GRAN BRETAGNA 3-1

Watson-Sramkova 6-0 7-5
Schmiedlova-Dart 7-5 6-3

(Angel of the winds Arena, Everett, hard indoor)
USA-LETTONIA 3-2

Ostapenko b. Kenin 6-3 2-6 6-2
Sevastova b. S. Williams 7-6(5) 3-6 7-6(4)
Kenin/Mattek-Sands b. Ostapenko/Sevastova 6-4 6-0

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement