Coppa Davis, Barazzutti: "Ci danno favoriti ma dobbiamo essere perfetti"

Flash

Coppa Davis, Barazzutti: “Ci danno favoriti ma dobbiamo essere perfetti”

Nella conferenza stampa della vigilia, Fish e Dancevic (capitani di USA e Canada) tessono le lodi degli azzurri. Le prime impressioni su logistica e organizzazione

Pubblicato

il

Corrado Barazzutti - Coppa Davis 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

da Madrid, il nostro inviato

La macchina organizzativa delle Finals di Coppa Davis si sta mettendo velocemente in moto alla Caja Magica di Madrid. Ieri pomeriggio è stata la volta della conferenza stampa dei capitani delle 18 squadre impegnate nella fase finale della manifestazione. È stato quindi anche il turno del gruppo F, quello dell’Italia, con Corrado Barazzutti, Mardy Fish e Frank Dancevic tutti insieme pronti a rispondere alle domande dei giornalisti.

Mardy Fish e Frank Dancevic hanno indicato i nostri tennisti come favoriti per il primato nel girone e quindi per il passaggio del turno ai quarti. Barazzutti non si nasconde ma mette in guardia i suoi ragazzi e gli addetti ai lavori italiani: Se teniamo conto dei valori della classifica è così, ma dovremmo essere perfetti e non sbagliare nulla. La nuova formula mi incuriosisce, sarà tutto molto più veloce e quindi cambieranno anche le dinamiche da gestire. Certo, a me piaceva molto di più la vecchia formula, ma queste oggi sono le regole e ci dobbiamo adeguare”.

Nella prima sfida l’Italia affronterà oggi nello Stadio numero 2 il Canada di Shapovalov e Auger-Aliassime, con i probabili quattro singolaristi tutti compresi tra i primi 25 giocatori del ranking ATP. Come inizio niente male da un punto di vista tecnico. Oltre a Italia-Canada (ore 16), oggi in programma allo stesso orario anche Croazia-Russia (Gruppo B) e Belgio Colombia (gruppo D).

NON SOLO CAMPO – La giornata di ieri alla Caja Magica era al pubblico, con molti stand già in funzione. Il tutto sotto gli occhi attenti del calciatore Gerard Piqué, vera mente di Kosmos, società fautrice del nuovo format. Dal punto di visto organizzativo, qualche piccola lacuna da colmare c’è, soprattutto a livello logistico. Poche indicazioni fuori dalla Metro su come raggiungere il complesso (lontano 15 minuti a piedi), qualche indicazione maggiore su come arrivare al Media Centre nel labirinto della Caja Magica sarebbe opportuno, visto oltretutto che gli spazi dedicati ai giornalisti sono su più livelli. Ma diamo il giusto tempo agli organizzatori per mettersi al passo prima di esprimere un giudizio complessivo. Piqué & Co. si giocano molto del futuro di questa manifestazione in questa prima edizione, i nostalgici della vecchia Davis sono ancora tanti.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Cocciaretto: “Una finale tutta italiana? Sarebbe un sogno”

La tennista marchigiana, fresca di quarti di finale a Palermo, ha commentato la vittoria contro Vekic e il suo nuovo best ranking

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Come sottolineato da più parti, la vittoria di Elisabetta Cocciaretto per 6-2 6-4 contro Donna Vekic è stata la sua prima contro una Top 30, significativa soprattutto per la resilienza mostrata contro un’avversaria molto più potente e quotata.

Un anno fa (o meglio, la scorsa stagione, visto che questa edizione del Ladies Open è scalata indietro), la classe 2001 si era già fatta notare qualificandosi per il torneo e dando battaglia a Kuzmova al primo turno, ma l’exploit dei giorni scorsi l’ha portata su un nuovo plateau. Lei stessa, parlando con i cronisti dopo il match, ha parlato della propria evoluzione: “Da Palermo dell’anno scorso a Palermo di quest’anno sono cambiata molto. Ho acquisito più consapevolezza, ho capito quello che devo fare per diventare un’atleta. La prima cosa che mi ha detto Fausto [Scolari, ndr], il mio allenatore, quando tre anni fa abbiamo iniziato questo percorso, è che prima di diventare una tennista devo diventare un’atleta e cercare di dare il massimo tutti i giorni e poi le cose vanno sempre come devono andare. Diciamo che questa mentalità sto cercando di portarla sempre con me e di farla mia.

Andando a commentare il match nel dettaglio, si è detta convinta che le folate improvvise di vento non abbiano influenzato il risultato finale: “Io ho cercato di gestirlo bene, di capire dove tirava, dove era meglio giocare. Non ha inciso tanto perché alla fine non ce n’è stato moltissimo, solo a tratti”.

 

Un fattore sicuramente importante è stato l’elemento della sorpresa. Vekic, infatti, aveva affermato prima del match di non conoscere le caratteristiche di Cocciaretto, e ha infatti cambiato molto l’approccio tattico alla partita, passando da un primo match in cui ha cercato di sfondare presto con il dritto a un secondo in cui ha cercato di costringere l’avversaria a spingere su palle senza peso per poi accelerare. L’azzurra ha commentato così: “Sì, è normale che abbia detto di non conoscermi. Sono da poco nel circuito e da poco gioco i WTA. Piano piano, giocando inizieranno a conoscermi meglio e io conoscerò meglio loro”.

Cocciaretto ha sicuramente dato prova di maturità vincendo la guerra psicologica nei primi minuti, con i due giochi d’apertura in cui si sono giocati ben 30 punti: “Sì, sono partita un po’ tesa, come è normale che fosse. Piano piano mi sono sciolta un po’, pensando a quello che dovevo fare e agli obiettivi che avevo. Piano piano ho migliorato il mio tennis”. Parte della tensione poteva derivare dal fatto che questa fosse la sua prima partita sul centrale a Palermo, ma, stando alle sue parole, il pubblico (ancorché contingentato) l’ha sostenuta lungo tutto l’arco del match: “Sicuramente mi hanno aiutato molto, sono stati molto calorosi e infatti li ho ringraziati. È stata la mia prima partita in serale qui, è un bellissimo campo e non vedevo l’ora di giocarci”.

Ai quarti attenderà la vincitrice di Kontaveit-Siegemund. Come approccerà il match? “Entrerò in campo cercando di perseguire i miei obiettivi, indipendentemente dall’avversaria, dal risultato finale ecc… entrerò in campo, cercherò di fare il massimo e poi la partita andrà come deve andare. Se sarà stata più brava lei le dirà brava, se invece la porterò a casa io sarò contenta”. Con la vittoria di ieri, Cocciaretto si è assicurata un best ranking provvisorio al 144 del mondo, ma sembra non accontentarsi, e vuole vederlo come una tappa transitoria della sua scalata: “È un buon punto di partenza, sono contenta del risultato e del ranking che è una conseguenza dei miglioramenti che ho fatto in allenamento e fuori dal campo”.

Infine, ha detto che una finale tutta italiana “sarebbe un sogno”, anche perché, essendo l’unica rimasta nella parte alta del tabellone, questo significherebbe che una delle due finaliste sarebbe proprio lei. In ogni caso, come riconosciuto durante l’intervista, ogni partita che verrà sarà solo un bonus su un torneo in cui è già andata ampiamente oltre alle aspettative della vigilia.

Continua a leggere

Flash

Nadal: “Non so se giocherò a Roma”

Il maiorchino ha commentato la rinuncia allo US Open e parlato della sua programmazione ora che Madrid è stato cancellato: “Aspetto il nuovo calendario”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Roma 2019

Il grande tennis è ripartito a Palermo, e lo swing newyorchese (con tappa femminile a Lexington) è alle porte. Eppure, il clima è ancora di grande incertezza, come si evince dalle parole di Rafa Nadal, che ha rilasciato una video-intervista da Maiorca per commentare l’avvenuta rinuncia a Flushing Meadows e per discutere dei suoi piani a breve termine.

Se da un lato la decisione era attesa, dall’altro la coincidenza con la cancellazione di Madrid ha gettato delle ombre sulla stagione della terra europea, e quasi certamente avrà influenzato i piani di Rafa in termini di programmazione. In proposito ha detto: Non so ancora se giocherò a Roma, aspetto il nuovo calendario dopo la cancellazione di Madrid. Mi preparerò per la terra europea, e al momento del dunque prenderò una decisione finale. Bisognerà valutare la situazione fra un mese, al momento non saprei dire quale sia il mio programma”.

Il N.2 ATP non si è dunque sbilanciato. La logica porterebbe a pensare che, in vista del Roland Garros, deciderà sicuramente di giocare quello che è rimasto l’unico 1000 di preparazione allo Slam parigino, ma durante l’intervista Nadal ha più volte sottolineato come sia difficile prendere delle decisioni riguardo a una situazione del tutto senza precedenti.

In particolare, questa attitudine è emersa parlando dello US Open, dove era il campione uscente: “Ammiro il lavoro dell’ATP e della USTA, credo che i giocatori dovrebbero essere grati per l’opportunità di tornare a giocare. Nel mio caso, dovevo prendere una posizione, e spero che sia quella giusta, anche se in questo momento nessuno sa cosa stia succedendo, perciò per come la vedo io ogni decisione potrebbe essere corretta. Tutti sanno quanto ami giocare a New York, è difficile descrivere come mi sento, ma dopo aver parlato con il mio team e con la famiglia ho dovuto prendere questa decisione – non è il momento di fare lunghi viaggi, perché non sappiamo cosa potrebbe succedere. Chiaramente non sono felice di non giocare uno dei più grandi tornei al mondo, ma ora come ora il cuore mi sta dicendo di non pensare alla competizione.

 

Alla domanda sulla legittimità di questa edizione del torneo americano come Slam non ha avuto dubbi: Lo US Open sarà comunque uno Slam, non sono tanto arrogante da dire che se non ci sono io allora non è un grande torneo! Sarà uno Slam, e il vincitore lo percepirà come tale”.

Sulla cancellazione del torneo di casa ha detto: “La speranza era di giocare a Madrid, ma ora dovremo vedere come si evolve la situazione del calendario. Comunque andranno le cose, bisognerà accettarle cercando di muoversi con la massima cautela e con tutte le precauzioni del caso. Un grande torneo non si organizza dall’oggi al domani. E capisco anche che dal punto di vista finanziario, senza pubblico e con un delicatissimo protocollo da rispettare, le cose possano essere molto difficili“.

Infine, è arrivato anche un commento sull’Adria Tour, circostanza per la quale Nadal non vuole giudicare i suoi colleghi: “Credo che gli sportivi debbano essere un esempio, perciò bisogna essere responsabili. L’Adria Tour è stato un errore, ma è normale sbagliare quando si ha a che fare con una situazione mai affrontata prima. Come dicevo prima, in un momento di imprevisti come questo ogni decisione potrebbe essere giusta o sbagliata, è difficile saperlo”.

Continua a leggere

Flash

Ladies Open Palermo, il programma di giovedì 6 agosto: in campo Camila Giorgi

L’azzurra sfiderà la qualificata Juvan nel terzo match di giornata. Si parte alle 16 con Kontaveit-Siegemund, poi Martic. In chiusura tocca a Yastremska

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Quarta giornata di gioco al WTA di Palermo che vedrà scendere in campo i restanti incontri di secondo turno. In apertura di programma (ore 16) il match tra Anett Kontaveit e Laura Siegemund, che stabilirà l’avversaria di Elisabetta Cocciaretto nei quarti di finale. A seguire scenderà in campo la prima favorita del seeding Petra Martic, opposta alla qualificata russa Liudmila Samsonova. Nel terzo incontro di giornata (alle 20 circa) si sfideranno invece in un match inedito Camila Giorgi e la qualificata Kaja Juvan. Chiuderanno il programma di giovedì la testa di serie numero 7 Dayana Yastremska e la lucky loser francese Oceane Dodin.

IL PROGRAMMA DI OGGI

Campo centraledalle ore 16.00
[4] A. Kontaveit vs L. Siegemund
[1] P. Martic vs [Q] L. Samsonova
C. Giorgi vs [Q] K. Juvan
[7] D. Yastremska vs [LL] O. Dodin

Campo n. 6 – dalle ore 16.00
G. Gatto-Monticone/J. Paolini vs A. Rus/T. Zidansek
[1] G. Garcia Perez/S. Sorribes Tormo vs E. Cocciaretto/M. Trevisan

IL TABELLONE AGGIORNATO

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement