Australian Open, solo Carreño e Khachanov tra Nadal e Kyrgios

ATP

Australian Open, solo Carreño e Khachanov tra Nadal e Kyrgios

Lo spagnolo deve sudare per chiudere in 3 set su Delbonis. Convincente l’australiano in 4 set su Simon. Si avvicina l’attesa sfida

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

[1] R. Nadal b. F. Delbonis 6-3 7-6(4) 6-1

La miglior prestazione di Federico Delbonis contro Rafael Nadal si conclude a favore dello spagnolo nei tre set largamente previsti, ma il n. 76 ATP ha impegnato oltre ogni aspettativa il numero 1 del mondo, regalandoci almeno un secondo set decisamente godibile. Nulla di preoccupante per il campione spagnolo che, nei tre precedenti, gli aveva inflitto la lezione meno severa a Viña del Mar nel 2013 (un perentorio 6-3 6-2), ma nella serata di Melbourne l’argentino è riuscito a mettere in campo scampoli del suo tennis migliore. Un punteggio equilibrato dei primi due parziali, giova precisarlo, chiaramente influenzato da quelle 17 palle break su 18 non trasformate da Rafa.

Nadal si fa subito ammirare per dei dritti vincenti praticamente in mezza volata sugli incrociati pesanti e profondi di Delbonis. “Gordo” non fa della rapidità la sua migliore caratteristica e Nadal ha buon gioco nel rovesciare l’inerzia dello scambio anche quando costretto in difesa da un avversario che, non potendo permettersi di palleggiare con lo spagnolo, cerca di spingere appena ne ha l’occasione – in pratica, solo dopo una buona prima di servizio. Nei suoi giorni migliori, sulla terra, contro avversari del suo livello, il mancino di Azul può diventare per lunghi tratti incontenibile se non gli si tolgono spazio e tempo per scatenare i suoi topponi. Nessuna di queste tre condizioni sembra verificarsi in questo match di secondo turno: lontano da quel n. 33 che è il suo best ranking, tra lui e Rafa c’è più di una categoria di differenza e i tre precedenti ne sono una superflua testimonianza. Salvate sei palle break nel secondo game, Delbonis va sotto al turno di battuta successivo e, sempre in difficoltà quando è in ribattuta (arriva a “40” solo nell’ultimo gioco), cede il set con un onorevole 6-3.

Forse l’umidità che accentua il problema delle “palle che diventano aranci” (cit. Fognini), magari Rafa che pensa di restare in controllo a velocità di crociera, ma Federico trova il modo di tirare i suoi colpi e conservare la battuta, con l’aiuto psicologico di servire per primo. Come nel primo set, Rafa vede l’avversario farsi (relativamente) pericoloso in risposta solo nel finale di partita e affronta un quasi allarmante 15-30, ma va a conquistarsi i al volo i due punti successivi. Anche Delbonis, che si avvicina alla rete con la stessa tranquillità di un pesce, fa vedere una volée vincente per prendersi la sua seconda deuce in risposta di tutto il match, ma il 5 pari arriva come previsto. Allo stesso modo, dopo un doppio fallo e errore con il dritto argentini, arriva anche la solita palla break al game successivo (è la diciottesima), annullata dall’ace, mentre due dritti pesanti gli assicurano almeno il tie-break che giunge puntuale e senza alcun patena spagnolo. Delbonis non spinge a dovere il dritto lungolinea dopo l’ottimo servizio slice esterno, ma il recupero di Rafa è strepitoso quanto il suo pallonetto a superare l’avversario: il classico punto “quasi vinto” che vale invece il 3-1 per Nadal e decide di fatto il set.

L’inevitabile crollo mentale dello sfavorito arriva al quarto game, con tre brutti errori di dritto che condannano Delbo ad affrontare lo 0-40, trasformato da Rafa alla prima opportunità, dopo uno scambio intenso concluso da un tentativo di drop shot argentino, non la specialità della casa. Il match finisce lì: Delbo ha già dato tutto e il diciannove volte campione Slam vola tranquillo verso il 6-1, con l’unico spavento al quinto gioco quando un suo dritto in allungo centra al volto la raccattapalle di fianco alla sedia dell’arbitro. Nessuna conseguenza, all’apparenza, con la ragazzina che reagisce come se nulla fosse, guadagnandosi un bacio da Rafa sulla guancia sana. Al terzo turno, Nadal troverà Pablo Carreño Busta: meno uno verso lo scontro che tutti si augurano, quello con Kyrgios.

[23] N. Kyrgios b. G. Simon 6-2 6-4 4-6 7-5

È come se tenesse ad arrivare a un appuntamento non scontato, Nick Kyrgios, per quanto dosa premura e attenzione contro Gilles Simon sul campo della Melbourne Arena, con una distrazione nella parte finale del terzo set che prolunga l’incontro facendolo temporaneamente scivolare verso la zona di comfort francese. Ma nella testa di Nick c’è un obiettivo chiaro – durante il match, avrà anche modo di rivelare chi occupa i suoi pensieri tennistici – e resta concentrato per andare a prendersi la quarta partita in volata.

Pressoché perfetto per due set e mezzo, Kyrgios domina i numeri sia quando gli scambi restano sotto i cinque colpi sia quando si allungano: non una buona notizia per Simon, che vorrebbe intrappolare l’avversario disegnando il campo con la sua mano delicata. Paga invece nel peggiore dei modi la bassa percentuale di prime e i pochi punti vinti sulla seconda, cedendo la battuta all’inizio dei primi due parziali, mentre in risposta arriva un paio di volte a “30” e nulla più. Vinto uno scambio di 17 colpi costringendo Gilou a tentare il dritto di chiusura, il ventiquattrenne di Camberra si prende un warning per violazione di tempo. Un’infrazione per lui rarissima, quindi la chiamata è ben poco apprezzata dall’australiano che dapprima si giustifica con un “sto servendo” (in realtà, stava facendo oscillare la racchetta, non aveva ancora iniziato il movimento vero e proprio), poi mima polemicamente il rituale pre-battuta di Rafa facendo sorridere anche l’arbitro. “Always in my mind”, verrebbe da canticchiare, anche se, quando a fine incontro gli chiederanno dove pensa di arrivare, risponderà “non guardo avanti”.

Dopo i break in apertura di primo e secondo set, quasi ci si domanda perché costringere il povero Simon a vivere l’inevitabile e non partire direttamente dall’1-0 Kyrgios. Per cattiveria, probabilmente. Tutto pare quindi procedere verso l’inevitabile epilogo, pur dando tempo al trentacinquenne di Nizza di prendersi anch’egli una sanzione per aver ritardato l’inizio del gioco, a cui reagisce chiedendo all’arbitro se abbia un appuntamento (“You got a date?”) e imitando la “smutandata” nadaliana, un gesto che per poco fa venir giù l’Arena, con Nick piegato in due e l’arbitro che nemmeno tenta di restare serio. Poi, quasi dal nulla o, più probabilmente, raccogliendo i frutti di quasi due ore di lavoro, Simon rientra in partita: su quella che è la seconda palla break del set e del match, Kyrgios commette doppio fallo, Gilles tiene la battuta e per la prima volta mette la testa avanti. Altro doppio errore di Nick seguito dalla smorzata che letteralmente non arriva alla rete e si va al quarto.

Il match, fino a pochi minuti prima in completo controllo australiano, si fa equilibrato, con le ragnatele francesi diventate finalmente efficaci; all’undicesimo gioco, però, arriva l’accelerazione di Kyrgios per lo strappo che gli vale il terzo turno contro Karen Khachanov, vincitore di Mikael Ymer solo al match tie-break, con lo svedese che ha servito vanamente per chiudere sul 6-5 al quinto.

 

Il tabellone del torneo maschile (con i risultati aggiornati)

Continua a leggere
Commenti

ATP

A Seppi non riesce l’ultimo passo, a New York trionfa Edmund [AUDIO esclusivo]

Dopo un primo set equilibrato Andreas Seppi cede in due set a Kyle Edmund. È il secondo titolo ATP per il britannico. Niente Delray Beach per Seppi

Pubblicato

il

Andreas Seppi - New York Open 2020 (foto Twitter @NewYorkOpen)

[8] K. Edmund b. A. Seppi 7-5 6-1

Niente da fare per Andreas Seppi nella finale del New York Open di Long Island. Si sapeva che il compito sarebbe stato arduo, Kyle Edmund lo aveva sempre battuto nei quattro precedenti scontri diretti che si erano disputati sul cemento, ed anche questa volta l’esito dell’incontro è stato lo stesso. Seppi ha tenuto con grande autorità il campo per quasi tutto il primo set, ma i due break consecutivi subiti a cavallo dei due parziali gli hanno tagliato le gambe, e c’è stato anche un piccolo problema fisico che lo ha costretto ad uscire temporaneamente dal campo verso la fine del match e che certamente non gli ha permesso di esprimersi al meglio.

Nessuna sorpresa a livello tattico nella partita: Edmund cercava di menare le danze dal fondo con il dirittaccio mettendo sotto pressione l’avversario anche con la prima di servizio, mentre Seppi provava a palleggiare sul rovescio dell’avversario per allungare gli scambi e mettersi nelle condizioni di testare le qualità difensive di Edmund.

 
Kyle Edmund – New York Open 2020 (foto Twitter @NewYorkOpen)

I servizi l’hanno fatta da padrone per gran parte del primo parziale, nessun break e nessuna palla break per i primi 11 giochi del match, fino a quando, poco prima di arrivare a quella che sembrava la logica conclusione del set, il tie-break, era Edmund a prendere il largo. Con due diritti vincenti il britannico si portava a due set point e grazie ad una splendida accelerazione lungolinea di rovescio si aggiudicava il primo set per 7-5 dopo 44 minuti di gioco.

Tra la fine del primo set e l’inizio del secondo Edmund metteva a segno una striscia di cinque giochi consecutivi e un parziale di 20 punti a 5 che gli dava un solido vantaggio di 3-0. Il coach dell’inglese, Franco Davin (ex allenatore di Fabio Fognini) si agitava parecchio in tribuna per sollecitare il suo assistito ad “ammazzare” la partita, ben conoscendo le risorse di fondista di Seppi, e infatti il tennista di Caldaro si salvava da un game molto complicato nel quale annullava ben quattro palle dello 0-4, una delle quali con uno splendido passante di rovescio lungolinea.

Quel game di 18 punti era però il canto del cigno: subito dopo Seppi doveva assentarsi dal campo per un medical time-out (“Mi sono fatto fasciare l’adduttore dopo aver sentito un dolore alla gamba sinistra” ha confermato Seppi dopo il match) e al rientro, nonostante riuscisse a trovare con più continuità il rovescio dell’avversario, i suoi colpi non avevano più spinta, e il match si concludeva poco dopo con Kyle che alzava le braccia al cielo per la conquista del suo secondo titolo ATP in carriera.

La chiave della partita era mettergli pressione sul suo servizio, cosa che non sono riuscito a fare quasi mai – ha dichiarato Seppi al termine della partita – anch’io sono riuscito a servire bene durante il primo set, poi però ho preso il break alla fine del set e tutto è diventato più difficile“.

Con questa vittoria Kyle Edmund conquista il suo secondo titolo nel circuito ATP (su tre finali giocate) e guadagna 17 posizioni assestandosi al n. 45. Andreas Seppi, dal canto suo, sale 18 posizioni arrampicandosi fino al n. 80 prima della pausa che si prenderà per stare accanto alla moglie ora che la primogenita sta per nascere. “Purtroppo mi devo cancellare da Delray Beach – ha confermato Seppi – perché il dolore alla gamba sinistra che ho avvertito durante la partita ora è piuttosto acuto e non è opportuno giocarci sopra. Tornerò quindi da mia moglie e aspetterò la nascita della bambina“.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Rotterdam: doppietta Monfils, dominato Auger-Aliassime

Facile vittoria del francese, che bissa il successo dello scorso anno. Troppo falloso il canadese, crollato alla prima scossa

Pubblicato

il

[3] G. Monfils b. F. Auger-Aliassime 6-2 6-4

Gael Monfils ha conquistato il primo 500 stagionale, quello di Rotterdam, per il secondo anno di fila, coronando due settimane da sogno in cui non ha perso neanche un set fra Montpellier e l’Olanda, stendendo Felix Auger-Aliassime per 6-2 6-4 in 86 minuti. Ennesima delusione per il canadese, sicuro protagonista del futuro ma ancora a bocca asciutta dopo quattro finali in 12 mesi. FAA è diventato il finalista più giovane nella storia del torneo in cui aveva esordito nel circuito maggiore (superando Roger Federer, con cui condivide il compleanno), mentre Monfils è di casa a Rotterdam, avendo vinto il torneo lo scorso anno e raggiunto la finale nel 2016.

Il canadese ha raggiunto la finale per certi versi a sorpresa, avendo vinto solo 9 delle ultime 24 partite giocate prima di Rotterdam, ma questa settimana ha messo in fila avversari competitivi, lasciando per strada un solo set e dando un taglio ai doppi falli (sei nelle ultime tre partite, grande termometro dell’autostima), mentre si è detto della forma di La Monf, nonostante un malanno contratto a torneo in corso. Primo confronto fra i due, che condividono uno straripante atletismo, seppur con attitudini diverse: il Québécois ha un atteggiamento estremamente proattivo, e ama verticalizzare alla prima chance, mentre Monfils ha sempre fatto leva sulla sua straordinaria copertura di campo (alle volte a scapito della sua integrità fisica, verrebbe da dire) per accelerare subitaneamente dopo aver irretito l’avversario nello scambio, come documentato dai quattro chilometri percorsi più dell’avversario durante la settimana.

FAA ha avvertito la pressione all’inizio, mettendo tre dritti lunghi per lo 0-40 nel terzo game, sorpreso da quante prime stessero tornando indietro (solo un ace alla fine), ma ha mostrato subito grande dominio della situazione, salvandole tutte senza mai lasciare l’iniziativa alla terza testa di serie. Monfils ha però continuato a rispondere con continuità, e, annusata l’opportunità creata dal primo doppio fallo del giovane avversario, è passato nel turno successivo leggendone il drop shot. FAA ha continuato ad aggredire la seconda del francese, procurandosi una chance del pareggio, ma ha continuato a pagare la poca pazienza e precisione sul dritto, sprecando e regalando il set con due doppi falli e soluzioni forzate nel game successivo, vedendo il campo restringersi a ogni ulteriore colpo da giocare – e Monfils non si è allora potuto esimere dal chiudere in 40 minuti.

L’inizio del secondo ha seguito il medesimo canovaccio, anzi, ne ha seguita la distopia: quattro errori, anche marchiani, di Aliassime, e sesto (subito upgraded a settimo) game di fila per Monfils, che ha vinto dieci punti di fila a cavallo fra i due parziali. Gli errori hanno continuato a impilarsi, e il campione in carica si è definitivamente sganciato, sgasando quel tanto che basta per l’highlight quotidiano.

Spalle al muro, Aliassime ha provato a dare il tutto per tutto nel settimo gioco (coadiuvato da un oggetto misterioso volato nell’occhio destro del francese sul 5-2 40-15), salvando quattro match point con un paio di grandi risposte in anticipo e recuperando uno dei break al termine di un duello a rete. Too little, too late però, perché Monfils non si è disunito nel turno successivo, vincendo gli ultimi quattro punti per il primo bis olandese dai tempi di Soderling nel 2010 e 2011. Esultanza originale prima del consueto Wakanda Forever, e affetto fra i due.

“Se Felix continuerà così, vincerà sicuramente il torneo”, ha detto il vincitore durante la premiazione. “Sono state due settimane incredibili, e spero di poter continuare così per il resto della stagione”.Sempre simpatico il direttore del torneo, Richard Krajicek, che ha ricordato a Felix che pure Federer perse la sua prima finale qui, e “scusandosi” per la mezza influenza accusata da Monfils durante il suo soggiorno. Se questi sono i risultati, si può supporre che Gael dormirà con la finestra aperta per il resto della sua carriera.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP New York: Seppi vola in finale, affronterà Edmund

Andreas Seppi batte in due set Jason Jung. Ultimo ostacolo tra lui e il titolo sarà il britannico Kyle Edmund

Pubblicato

il

Andreas Seppi - New York Open 2020 (foto Twitter @NewYorkOpen)

A. Seppi b. [Q] J. Jung 6-3 6-2

Poco più di un anno dopo Sydney 2019, Andreas Seppi torna in finale in un torneo ATP conquistando l’accesso al match decisivo nel New York Open di Long Island. In semifinale il tennista italiano ha superato in due set il cinese di Taipei Jason Jung, 30 anni e n. 131 della classifica ATP, che dopo essere passato attraverso le qualificazioni aveva sconfitto l’ex finalista di Wimbledon Kevin Anderson e, nei quarti di finale, il campione uscente del torneo, la testa di serie n. 3 Reilly Opelka.

Seppi ha giocato la sua solita partita di grande solidità contro un avversario che ha provato a imporre il suo tennis fatto di grande ritmo e traiettorie ad aprire il campo, ma ha finito per rischiare troppo e ha commesso una marea di errori non forzati. Più di 50 gli errori gratuiti per l’asiatico, contro meno della metà di colpi vincenti lo hanno condannato alla sconfitta.

 

Seppi ha iniziato alla grande, prendendo subito due break di vantaggio nel primo set e portandosi sul 4-1 pesante. Jung a quel punto ha provato a rallentare i suoi colpi, cambiando le rotazioni ed aprendo maggiormente il campo per chiudere con soluzioni al volo, ed è riuscito a recuperare uno dei due break, riavvicinandosi sul 3-4, ma i danni combinati nel catastrofico inizio di set erano stati troppi per poter essere rimediati: Seppi ha chiuso la pratica del primo set dopo 38 minuti ottenendo il terzo break nel parziale.

L’unico momento si ha avuto la sensazione che il match potesse girare è stato all’inizio del secondo set, quando in ognuno dei primi tre giochi ci sono state palle break. Sullo 0-0 Seppi si è fatto rimontare da 40-15 ed è stato costretto a cancellare una palla break con un bello schema servizio-diritto. Nel gioco successivo è stato Jung a dover soffrire: quattro palle break, 16 punti giocati in totale, e game portato a casa grazie a diverse ottime prime palle. Sull’1-1, poi, nuova occasione per Jung di andare avanti nel punteggio, ma Seppi ancora una volta la annullava con un’ottima prima di servizio.

Persa l’occasione di breakkare Seppi per ben due volte, Jung ha accusato il colpo perdendo la battuta a zero e issando progressivamente bandiera bianca.

Si tratta della decima finale raggiunta in carriera per Andreas Seppi, che ha un record di sei sconfitte e tre vittorie, l’ultima delle quali nel 2012 a Eastbourne sull’erba. Il suo avversario nel match decisivo del New York Open sarà il britannico Kyle Edmund, attualmente n. 62 del ranking mondiale ma già semifinalista all’Australian Open 2018 e capace di entrare nei Top 15 della classifica. La finale verrà trasmessa alle 22 italiane da Supertennis.

I precedenti tra i due vedono Edmund in vantaggio per 4 vittorie a 1, con Seppi che ha vinto l’unico incontro disputato sulla terra battuta ed Edmund imbattuto sul cemento, sia outdoor sia indoor. Edmund si è anche aggiudicato l’ultimo match poche settimane fa ad Auckland, in Nuova Zelanda, con il punteggio di 6-3 7-6(4).

Comunque vada la finale Seppi se ne andrà da New York con un bel gruzzoletto di punti che gli serviranno a rinforzare la classifica nella quale attualmente è relegato al 98° posto. In caso di sconfitta Andreas guadagnerà 18 posizioni arrampicandosi sino al n. 80, mentre in caso di vittoria del torneo avanzerebbe fino al n. 68, piazzandosi subito davanti a Jannik Sinner.

Gli altri risultati:

[8] K. Edmund b. [6] M. Kecmanovic 6-1 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement