Tra studio e arte, Opelka attacca i vertici ATP: "Difficile fare di peggio"

Interviste

Tra studio e arte, Opelka attacca i vertici ATP: “Difficile fare di peggio”

Reilly chiacchiera del tempo trascorso lontano dal tour. Intense sedute per migliorare la risposta, full immersion di pittura… e demolizione dell’operato del governo tennistico maschile

Pubblicato

il

Reilly Opelka - New York 2019 (via Twitter, @NewYorkOpen)

Dieci giorni fa sono riapparse dopo oltre due mesi di nebbia un paio di racchette e una pallina gialla: in una sorta di torneo, per giunta. Non diciamo che il tennis sia tornato, perché quello andato in scena a West Palm Beach, seppur sbranato da migliaia di spettatori famelici, non è proprio quello che di solito siamo abituati ad assaporare. Non davanti alla TV, perlomeno. Miomir Kecmanovic, Reilly Opelka, Tommy Paul e Hubert Hurkacz si sono prodotti in un quadrangolare d’allenamento agonistico di fronte alle telecamere, e tanto è bastato per muovere alla commozione innumerevoli appassionati astinenti, ma lo scenario ricordava, più che un consesso di stimati professionisti, la vostra partitella della domenica presso il circolo di fiducia. I due giocatori, l’arbitro di sedia, fine. Nessuno spettatore, nessun raccattapalle, nessuna stretta di mano, ma il periodo è quello che è.

Da solido top 40 qual è da qualche tempo, Reilly Opelka non è più tenuto a scendere dai suoi duecentoundici centimetri per raccogliersi le palline durante un incontro, e va bene che di esibizione trattavasi, ma dev’esser stato strano, o forse nemmeno troppo? In un’intervista concessa a “Racquet Magazine Opelka ha non è sembrato particolarmente a disagio circa la novità occorsagli: “Mi alleno tutto l’anno in quel modo, e allo stesso modo si allenano i miei colleghi. Mi sono comportato come mi comporto in una normalissima seduta condivisa con un altro professionista, solo ci ho messo un po’ di agonismo extra. Non è stato male tornare a competere su un campo da tennis, tutto sommato“.

Non dev’esserlo stato, in effetti: dopo un inizio di stagione parecchio travagliato (brutti KO nei primi turni di Adelaide e Melbourne al cospetto di Cuevas e Fabio Fognini), Opelka aveva trovato la quadratura del cerchio all’improvviso a Delray Beach, dove aveva vinto il secondo torneo della sua giovane carriera battendo in finale il redivivo Yoshihito Nishioka. Costretto ad assistere al blocco del circuito giusto alla vigilia di Indian Wells proprio quando la stagione stava prendendo una piega interessante, anziché stramaledire il destino beffardo Opelka ha approfittato del bonus di un tempo normalmente assente per sistemare alcune cosucce nella sua vita, professionale e non. “Ho dedicato molto tempo agi amici, cosa che non posso fare spesso quando il lavoro è a pieno regime, la mia casa non è mai stata così pulita e ho curato alla perfezione la mia forma fisica. Molti amici e colleghi vi diranno l’esatto contrario, ma in questa pausa forzata io mi sono allenato molto duramente, tanto duramente che nelle prossime settimane avrei in programma un periodo di pausa“.

 

Dure sessioni al sole della Florida mentre gran parte della concorrenza attendeva lumi dal divano, altro sintomo di un cervello pensante e non necessariamente allineato. E le ore dedicate al tennis durante il confinamento non sono trascorse unicamente in campo, poiché la teoria reclamava la propria parte, e qualche difettuccio da correggere con l’ausilio del video il buon Reilly l’avrebbe anche avuto. “Da tempo mi sto concentrando fino al parossismo sulla risposta, e i risultati credo si siano già visti nel nuovo anno. Ho approfittato della pausa per guardare tonnellate di filmati in slow motion, ho studiato Djokovic, il suo split step è qualcosa di paradisiaco. Ho notato come il mio fosse troppo anticipato e perdesse di efficacia quando avrei dovuto esprimere il massimo di potenza e di elasticità, ma sto provando a correggermi e in effetti adesso lo eseguo più compatto, più tardi, quando serve. Nole è il migliore nel fondamentale e nel gioco di piedi in genere, può rispondere al colpo più angolato, più potente, più penetrante, e riesce a essere in qualsiasi caso perfettamente bilanciato, in equilibrio, con gli appoggi giusti. Per questo è il migliore“.

Reilly Opelka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

C’è da sospettare che, split step e migliorie nei movimenti da coltivare a parte, quello non sia necessariamente il gioco di Opelka. “Potrei scambiare anche di più di quanto non mi vediate farlo nei momenti standard, ma rendo al massimo se riesco a chiudere lo scambio il prima possibile. Gli obiettivi che mi pongo devono essere coerenti e proporzionati alle mie caratteristiche: se dovessi riuscire a giocarmi il break nel quindici per cento dei casi in risposta e continuare a vincere il 90% dei game in battuta potrei competere per i titoli davvero importanti“.

Quando la pandemia si placherà, e i dirigenti della pallina di feltro renderanno note le loro decisioni su ciò che resta della disgraziatissima stagione 2020. Un governo che dovrà cambiare registro, se non vorrà incorrere nelle ire già piuttosto sviluppate di Opelka. “L’ATP non avrebbe potuto gestire peggio l’emergenza. Nessuno di noi è a conoscenza delle loro decisioni, dei loro programmi, delle loro prospettive. Siamo tenuti al buio in balia degli eventi. Non è stato costituito un fondo di emergenza affidabile per i giocatori rimasti privi di introiti, e gran parte della responsabilità è stata delegata alla coscienza dei colleghi e al loro senso di solidarietà, ma volete che sia onesto? Non dovrebbero essere i giocatori a pagare gli stipendi. Mi chiedo quale sia la funzione dell’associazione dei professionisti, a questo punto. I grandi capi dell’ATP non hanno nemmeno avuto la decenza di tagliarsi i cospicui emolumenti che percepiscono, in un momento in cui gran parte degli associati, che sono quelli che li mantengono, non hanno lavoro. I dirigenti della WTA, dell’ITF e dell’USTA lo hanno fatto, com’è giusto che sia“.

Un fiume in piena, che non ha ancora finito di esondare. “Per non farsi mancare nulla, i vertici distribuiscono i pochi soldi messi a disposizione in maniera allucinante, ma senza voler mancare di rispetto a nessuno i giocatori oltre la quattrocento ATP in questo momento stanno risparmiando, perché non viaggiano e normalmente non hanno un intero team a cui provvedere. I più bisognosi, quelli a cui dovrebbe essere destinato gran parte del fondo, sono quelli compresi tra la centoventi e la quattrocento, che hanno una squadra professionale alle loro dipendenze e in questo momento non guadagnano nulla, perché non si gioca. Un ragionamento sensato consiglierebbe di provvedere a loro, ma di sensato nelle mosse di chi decide c’è ben poco. In compenso non permettono di esibire tutti i marchi degli sponsor che un giocatore volesse cucire sul completo da gara e storcono il naso di fronte alle agenzie di scommesse, che generano bei soldi in favore di tutto il movimento. Sembra un triste disegno per mettere in ginocchio i protagonisti unici dello show“.

Sperando in migliori novelle, prima di competere per qualcosa che non assomigli a un’esibizione occorrerà pazientare ancora un po’. Opelka, dopo aver corso e studiato tennis fino allo sfinimento, opterà per una vacanza attiva. “Mi dedicherò all’arte, una grande passione fin da quando sono ragazzino. Ci sono alcune mostre a Los Angeles che voglio assolutamente andare a vedere, e presumendo che il Tour non ripartirà prima dell’autunno, a settembre voglio andare ad Anversa, dove ci sono alcune gallerie che ho in programma di visitare da un po’ di tempo. Di solito l’unico mese a disposizione è dicembre, ma dopo un’intera stagione passata a viaggiare a dicembre non hai voglia di fare nulla. Quest’anno è diverso: non è vacanza ma non è nemmeno lavoro, quindi approfitterò dei mesi a disposizione per dedicarmi a qualcosa di culturalmente allettante“. Prego Reilly, i maestri fiamminghi ti aspettano.

Reilly Opelka visits the Los Angeles studio of the visual artist Friedrich Kunath in March (Friedrich Kunath)

Continua a leggere
Commenti

Flash

L’ex capitano di Davis Barazzutti è convinto: “Berrettini e Sinner possono vincere uno Slam”

Poche ora prima del suo avvicendamento con Volandri, Barazzutti fa il punto sul momento d’oro del tennis azzurro parlando alla ‘Gazzetta dello Sport’: “Matteo top player, Jannik consapevole e maturo, Fognini ha ancora tanto da dare”. La Davis a Torino? “Grande emozione”

Pubblicato

il

Corrado Barazzutti - Italia-Corea del Sud, Coppa Davis 2020 (foto Felice Calabrò)

Quasi beffardamente, l’ultima – entusiastica – intervista da capitano di Coppa Davis di Corrado Barazzutti è arrivata poche ore prima della sua sostituzione: nella serata di sabato, infatti, l’incarico è stato affidato a Filippo Volandri. Restano comunque le sue parole al miele nei confronti dei due principali alfieri della squadra azzurra che a novembre tenterà l’assalto alla Coppa Davis a Madrid: Berrettini e Sinner.

Dopo aver passato anni aggrappato agli ottimi ma non eccellenti risultati di Andreas Seppi e alla discontinuità di Fabio Fognini, che però con i colori azzurri ha sempre dato il 100%, oggi il team italiano di Coppa Davis può contare su un gruppo di tennisti molto numeroso e di grande prospettiva. Al momento sono infatti ben otto gli italiani all’interno della Top 100, la metà dei quali sono dentro i primi 50. La truppa è guidata da Matteo Berrettini, n.10 del mondo, che a 24 anni può già vantare una semifinale Slam, proprio agli US Open, eguagliando il risultato dello stesso Barazzutti nel 1977. Anche se l’attenzione di media e pubblico si concentra ancora di più sul classe 2001 Jannik Sinner, considerato da molti un predestinato in grado di raggiungere il gotha del tennis mondiale. 

Insomma, un momento d’oro quello del tennis maschile azzurro, per la gioia di Barazzutti. E non c’è ragione per pensare che non prosegua anche nel 2021. Anzi che diventi ancora più brillante. C’è un però. Ogni previsione è per forza legata a ciò che succederà con il calendario. Si viene da una stagione in cui si è giocato poco, tanti protagonisti hanno faticato a trovare il ritmo o addirittura non ci sono mai riusciti. È evidente che se la situazione non si normalizza, i valori potrebbero cambiare. Lo vedremo già in Australia, dove tra quarantene, isolamento e allenamenti obbligati bisognerà essere forti soprattutto di testa”, premette il nostro Capitano di Davis alla Gazzetta dello Sport. In effetti, a rigor di logica, questa situazione caotica aggiunge un pizzico di imprevedibilità alla situazione. Poi se si va a vedere quello che è successo nel 2020 si scopre che Nadal ha vinto per la 13esima volta il Roland Garros e che, una volta uscito di scena Djokovic, è stato Thiem, uno dei giocatori in vetta al ranking da anni, a trionfare a Flushing Meadows. Segno che i migliori sono tali anche grazie alla loro testa. 

 

Fatta questa premessa, per l’appunto le prospettive per l’anno appena cominciato sono assolutamente rosee. Dopo un 2020 difficile, passato non sempre in condizioni fisiche ottimali e con il contraccolpo di essere stato sbalzato improvvisamente in Top 10, Berrettini è motivato a farci vedere di nuovo il gioco dominante che ha stupito tutti nell’estate del 2019. Matteo ha già fatto il grande salto, ormai è un top player. È importante che finalmente abbia potuto svolgere la preparazione senza intoppi fisici, lui è uno di quelli che ha bisogno di giocare per trovare la condizione e la fiducia in sé stesso, quindi spero che il calendario gli dia una mano. E poi è relativamente “nuovo” per il vertice, significa che ha ancora margini di miglioramento”, spiega l’ex n.7 al mondo. 

Se il 2021 di Berrettini potrebbe essere di riassestamento, quello di Fognini, dopo un anno passato ai box tra operazioni alle caviglie e successiva riabilitazione, sarà un nuovo inizio, tra gli inevitabili dubbi e incertezze legate agli anni che passano e la voglia di dimostrare di poter dire ancora la propria sul tour. “In pratica Fabio deve ripartire da zero, la doppia operazione non è stata una passeggiata e poi, quando stava mettendo finalmente insieme qualche partita, ha preso il virus. Fino a ottobre si è allenato con me, vedevo che mordeva il freno e soffriva perché il dolore non era ancora scomparso. Intanto, deve ritrovare la piena salute e poi considerare che i primi mesi saranno complicati: ma sono sicuro che lo rivedremo ai suoi livelli sulla terra battuta. Ha ancora tanto da dare, ha detto ottimista Barazzutti, che lo conosce come pochi, essendo stato anche suo coach per diversi anni. 

Bisogna poi parlare di Sinner. Perché ne parlano tutti. Perché l’anno scorso al Roland Garros, per più di un set, ha fatto partita pari contro sua maestà Rafa Nadal. E in quel match ha destato talmente una bella impressione che lo stesso fenomeno di Manacor l’ha scelto come suo compagno per la preparazione degli Australian Open, portandoselo dietro ad Adelaide. “Intanto per lui sarà un’esperienza straordinaria da cui potrà solo imparare. L’anno scorso Jannik doveva gestire la pressione di una nuova dimensione da giocatore, adesso gli si chiedono risultati immediati. Ci saranno alti e bassi, ovviamente, ma ha le spalle larghe. Soprattutto, è molto consapevole dei suoi mezzi, però non è presuntuoso: questo significa che è disposto ad ascoltare e a lavorare per crescere e migliorare”, ha commentato Barazzutti.

Con una serie di talenti di questo tipo, sognare in grande è un dovere. E il sogno più grande per il tennis italiano è quello di un secondo titolo Slam, dopo quello conquistato da Adriano Panatta nel 1976 agli Open di Francia. Missione possibile? “Ne sono convinto”, dice il capitano di Davis. “Berrettini ha già giocato una semifinale agli Us Open, che è lo Slam più competitivo, Sinner ha fatto quarti a Parigi mettendo in difficoltà Nadal per due set. Certo, in uno Slam conta anche la capacità di gestire le due settimane e serve un po’ di fortuna nei sorteggi, ma entrambi sono da corsa. E poi comunque il tempo è dalla loro parte: prima o poi i fenomeni della generazione dorata molleranno la presa. E loro saranno lì per approfittarne”.

Ma ci saranno anche altri giocatori in grado di far esaltare i tifosi italiani. Il movimento per l’appunto è molto profondo e ricco di risorse, tra tennisti solidi in grado di mettere in difficoltà tutti e talenti da ritrovare. “Sonego sarà testa di serie in Australia ed ha ancora ampi margini di miglioramento, Travaglia, Mager e Caruso sono seri e giocano bene. Ma se dovessi scommettere un euro, lo punterei su Cecchinato: è di nuovo tonico, anche di testa, sulla terra battuta tornerà ad essere uno dei migliori del mondo perché una semifinale a Parigi non si dimentica in tre anni”, spiega Barazzutti. Come dimenticare che poi, poco al di fuori della Top 20, c’è un certo Lorenzo Musetti, tennista dalle doti straordinarie, che quest’anno compirà solo 19 anni?

Anche grazie ai risultati sempre migliori dei nostri tennisti, l’Italia sta assumendo un ruolo di primo piano nel panorama del tennis internazionale. La dimostrazione arriva dal fatto che le ATP Finals si giocheranno a Torino. Il capoluogo piemontese però potrebbe raddoppiare, diventando una delle città in cui si giocherà la nuova Coppa Davis in stile mondiale, inaugurata nel 2019 e saltata causa Covid nel 2020. Gli organizzatori del nuovo format mi hanno chiesto un parere, ed io ho risposto che portare la Davis in tre città fa recuperare un po’ dello spirito originario, sperando che possa esserci il pubblico. Sarà una grande emozione, ma anche una grande responsabilità. Abbiamo una squadra molto forte e compatta, partecipare non sarà l’unica cosa che conta”. Insomma, al bando ogni decoubertinismo. Ora l’Italia del tennis gioca per vincere. 

Continua a leggere

Australian Open

Il coach di Andy Murray: “La quarantena forzata è un disastro per i giocatori”

Secondo Matt Little, i tennisti che per due settimane non metteranno il naso fuori dalla loro stanza correranno dei rischi. “Il servizio è un colpo rischioso. Dovranno lavorare sull’agilità anche in camera d’albergo”

Pubblicato

il

Andy Murray - Finali Coppa Davis 2019 (via Twitter, @DavisCupFinals)

L’esperienza della quarantena ha toccato milioni di persone da un anno a questa parte. Il tema è il centro di un dibattito che riguarda i 72 giocatori costretti, una volta arrivati in Australia con tampone negativo, a stare in isolamento perché ritenuti tra i “contatti stretti” di persone con cui hanno volato, poi risultate positive al coronavirus.

Come detto, i tennisti devono fare (e stanno facendo) la loro parte nella lotta al virus, come ogni altro cittadino del mondo. Ciò che fa discutere è il rischio che i 72 sfortunati dovranno correre: arriveranno fisicamente impreparati a un torneo probante com’è l’Australian Open e si esporranno a infortuni (anche seri). Nei 7-10 giorni che precedono lo Slam, riprenderanno gli allenamenti sul campo e giocheranno un torneo di preparazione (sempre a Melbourne), ma potrebbe non bastare.

La situazione preoccupa anche il coach del team di Andy Murray, Matt Little, che da tredici anni si occupa del lavoro di potenziamento fisico del campione scozzese. Murray purtroppo è risultato positivo al tampone prima di salire sull’aereo per Melbourne e non potrà raggiungere la città in tempo per giocare l’Australian Open. “Il fisico dei giocatori di tennis d’élite funziona al contrario rispetto a tutti noi” ha detto nel corso di una chiacchierata con Metro.com. “Noi abbiamo dolori ai muscoli e ci irrigidiamo quando iniziamo a fare un po’ di esercizio, mentre loro hanno rigidità e dolore ai muscoli quando smettono di fare esercizio. È un po’ come il caso di un’auto sportiva che non si usa. Inizia a ingolfarsi. Questo accade perché i loro corpi sono così finemente regolati e si sono allenati così tanto per questi eventi, che in realtà se smettono di muoversi e interrompono la routine, allora possono sorgere tanti problemi. Questo scenario per loro è un disastro“.

 

Che tipo di problemi, nello specifico? “Recupereranno la maggior parte dei meccanismi tattici e di gioco, ma ciò che è pericoloso è l’esposizione del corpo a un’attività così esplosiva dopo due settimane di stop. Se non lo provi per alcune settimane, il servizio è un colpo rischioso. Spero di sbagliarmi, ma mi aspetterei molte spalle doloranti. Anche se lo fanno da posizione inginocchiata, è importante provarlo ed esporre la spalla a quella velocità di movimento. La maggior parte dei giocatori scaglierà 30-40 servizi in un set, che significano circa 150 servizi in un match maschile che dura 5 set. Tutti movimenti ad alta velocità che fanno lavorare molto la spalla. Vedendo tennisti che tornano in campo dopo una sola settimana di riposo, le spalle impiegano un’eternità per riabituarsi a quell’azione. Tutto ciò è causato dalla decelerazione del braccio: dopo aver colpito la palla, con un movimento molto rapido, bisogna rallentare il braccio e questo è il compito dei piccoli muscoli dietro l’articolazione della spalla. Devono tirare forte per farlo e perciò si irritano e causano problemi se non è un movimento abituale“.

Nelle stanze d’albergo (in alcuni casi spaziose, in altri molto meno) i tennisti che non possono andare in palestra o ai campi stanno provando a usare l’ingegno per tenersi in forma. C’è chi ha piazzato il materasso contro il muro per tirare qualche rovescio, chi sul pavimento architetta dei piccoli percorsi e chi usa l’arredamento per fare gli esercizi. Il torneo ha anche fornito loro l’attrezzatura necessaria per allenarsi, ma secondo Little, questo potrebbe non bastare: “Ci si deve muovere il più possibile. È importante fare un po’ di spazio e lavorare sull’agilità, anche su due tre metri, ma ad alta velocità. In un match la maggior parte degli spostamenti sono dai tre ai cinque metri, dunque lo spazio dovrebbe bastare per questo lavoro”.

Non è affatto da sottovalutare anche il rientro in campo dopo le due settimane di quarantena: Per due-tre giorni dovranno aumentare gradualmente i carichi di lavoro, per poi diminuire man mano che il torneo si avvicina. L’ultima cosa da fare è stare in campo a colpire per 4-5 ore. Dovranno entrare nel torneo freschi e pronti fisicamente, ma non troppo doloranti”. Infine, secondo Little “quaranta o cinquanta anni fa questo non sarebbe stato un problema, perché i giocatori erano molto meno atletici e non si muovevano come lo fanno ora. La probabilità che un giocatore che si è allenato in queste settimane si infortuni è notevolmente più bassa rispetto a chi ha dovuto restare in hotel”.

Continua a leggere

Interviste

Thiem da Adelaide: “Se anche non vincessi più un match in carriera, sarei comunque felice”

In un’intervista a Sportschau, Il N.3 ATP ha parlato della sua prima vittoria Slam, della quarantena (non molto in realtà), e della gestione della sconfitta: “Quella dello scorso anno mi ha tormentato per mesi”

Pubblicato

il

Dominic Thiem - ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

Dopo aver sfiorato la vittoria all’Australian Open nel 2020, Dominic Thiem si sta preparando per riprovare a vincere l’Happy Slam dalla quarantena di Adelaide. Con l’intervista rilasciata a Jorg Strohschein del sito tedesco Sportschau, l’austriaco ha sì risposto alla critica di Guido Pella che ne contestava il silenzio stampa, ma in realtà non ha toccato quasi per nulla il tema delle condizioni della quarantena dei top player ad Adelaide.

Piuttosto, relativamente al tema Australian Open, ha parlato della sconfitta in finale contro Djokovic nel 2020 e di come abbia imparato ad assimilare delusioni del genere: “Ho imparato a gestire meglio le sconfitte col tempo, ma alcune fanno veramente male: quella dello scorso anno qui in Australia mi ha tormentato per due, tre, quattro mesi; e anche la sconfitta in finale all’ultimo Master mi ha fatto male, perché era un titolo importante. Ma è sicuramente più facile accettare una sconfitta in una partita meno importante, soprattutto se ho giocato bene ma il mio avversario è stato semplicemente più bravo. La gestisco con me stesso. Forse una volta era un po’ diverso, ma se ho dato tutto devo accettare la sconfitta. Questo è il tennis: solo un giocatore non perde nel corso della settimana“.

Quest’anno l’austriaco è determinato a completare l’opera: “Voglio vincere questo torneo. Vincere il titolo è il mio obiettivo in ogni evento, tranne forse a Wimbledon. Non sono più rilassato ora che ho vinto uno Slam, durante le partite provo lo stesso nervosismo di prima – credo che questa cosa non cambierà prima della fine della mia carriera. Però sono consapevole del fatto che, se mi preparo bene e gioco bene, allora posso arrivare in fondo qui a Melbourne e negli altri Slam. L’obiettivo della preparazione è di mettermi in condizione di farlo“.

 

IL PRIMO SLAM E L’APPROCCIO ALLA PARTITA

Non va dimenticato, infatti, che nel 2020 Thiem è riuscito a sbloccarsi a livello Slam vincendo una finale agonica contro Zverev a New York, un successo che per lui sa di coronamento: “In generale mi sento molto sollevato. Quando hai avuto una carriera come la mia, con tante vittorie ma nessuno Slam, ti senti come se non vincerne uno ti lascerà quel peso sullo stomaco, almeno nella parte della tua vita che ha a che fare con lo sport. […] Come ho già detto, se anche non vincessi più un match per il resto della mia carriera, sarei comunque felice di quanto ho ottenuto, mentre prima non era così“.

Questo non significa che adesso Thiem scenda in campo rilassato: “I fantasmi ci sono sempre. Non so se sia lo stesso per gli altri giocatori, non posso entrare nelle loro teste, ma per me sono sempre lì, in ogni match. Le partite in cui va tutto alla perfezione sono poche, ed è per questo che il tennis è così duro dal punto di vista mentale: fai tanti errori, sei completamente solo sul campo, e non tutto è sotto il tuo controllo – dipendi molto dal tuo avversario. Questa combinazione di fattori rende tutto complicato. Una volta che hai imparato a gestire i fantasmi diventa più semplice, e devo dire che le cose sono andate sempre meglio per me negli ultimi due anni“.

LE POLEMICHE DELLA BOLLA E LA PREPARAZIONE

Oltre a dare a Thiem il più grande titolo della sua carriera, Flushing Meadows ha dato al Dominator e ai suoi colleghi un primo assaggio della quarantena, preparandoli a ciò che stanno affrontando nuovamente in Australia: “La bolla era un grosso cambiamento allo US Open, perché era la prima volta, ma da allora l’ho fatta a Parigi, Vienna e Londra, e la situazione qui in Australia non è peggiore di molto. Ormai sono abituato, quindi, e so cosa aspettarmi, il che ha reso tutto più semplice”. Detto questo, però, giocare a porte chiuse non è facile: “Ci sono stati dei momenti difficili, soprattutto a New York e Londra, dove il livello di gioco è stato molto alto. A volte giochi un grande scambio o un colpo sensazionale e ti aspetti di sentire l’ovazione di 15.000 persone, e invece non succede niente. In quelle circostanze ti senti piuttosto solo, perché c’è solo il tuo box ad applaudire“.

L’argomento bolla non è stato discusso a lungo durante l’intervista, anche perché al momento Thiem è fra i giocatori tacciati di aver ricevuto dei favoritismi da parte dei colleghi, e molti (a torto o ragione) sarebbero critici di un eventuale paragone fra le condizioni in cui stanno vivendo i primi rispetto a tutti gli altri. Sulla quarantena dura a cui sono sottoposti 72 tennisti, il finalista dello scorso anno taglia quindi corto: “Credo sia ingiusto in termini di opportunità, perché siamo tutti al top della forma dopo la pre-season, ma se sei costretto a stare chiuso in camera per 14 giorni quella forma se ne va. Detto questo, però, è il rischio che ci siamo assunti. […] Per fortuna anche chi sta facendo la quarantena dura avrà nove giorni per allenarsi prima dell’Australian Open“.

Quest’anno, peraltro, il numero tre del mondo si è dovuto allenare indoor in Austria invece che a Tenerife o a Miami come al solito, ma non pensa che sarà un problema adattarsi alle condizioni australiane: “La preparazione è andata molto bene, abbiamo lavorato tanto sulla mia condizione atletica, solo che invece di farlo all’aperto l’abbiamo fatto al chiuso. E poi devo dire che passare Natale e Capodanno a casa è stato bello, negli ultimi 10 anni avevo passato solo tre Natali e un Capodanno in Austria. Stare con la mia famiglia è stato un vantaggio“.

IL GRANDE SOGNO

Pur essendo diventato ultra-competitivo anche sul cemento (soprattutto con l’arrivo nel box di Nicolas Massù, che non è potuto andare a Melbourne), Thiem ha un solo torneo in mente quando si parla di Slam: “Il mio grande obiettivo è il Roland Garros, è così da qualche anno, è il torneo che mi piace di più e quello dove le condizioni sono più adatte al mio gioco. Ho sempre voluto vincerlo da quando vi ho fatto la finale juniores nel 2011“.

Il problema, però, è che sulla strada della vittoria nel torneo francese c’è un ostacolo mesomorfico e pressoché insormontabile: “Rafa è in una classe a parte, e non so se sono in grado di batterlo a Parigi, finora non ci sono mai riuscito. Quando lo affronto da altre parti mi sento sicuro di me perché ci sono già riuscito, ma batterlo sullo Chatrier è probabilmente una delle sfide più dure di tutti gli sport. Due sole sconfitte in 16 edizioni è una statistica allucinante”. Nadal sarà l’uomo da battere anche a 35 anni appena compiuti? “Credo che sarà il chiaro favorito a Parigi ancora per uno o due anni, ma vincere il Roland Garros rimane il mio grande obiettivo e ci proverò di nuovo nel 2021“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement