Gli inganni della carriera junior, in un senso e nell'altro: i casi di Quinzi e Berrettini

Focus

Gli inganni della carriera junior, in un senso e nell’altro: i casi di Quinzi e Berrettini

Uno vinceva Wimbledon junior mentre l’altro non aveva la classifica per giocarlo. A distanza di sette anni, la situazione si è completamente rovesciata: Quinzi è fuori dalla top 400, Berrettini è in top 10

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Nel precedente articolo abbiamo trattato l’incidenza che può avere una vittoria Slam junior nella carriera di un giocatore. Probabilmente il paragone più consono in merito a questo argomento è proprio tra due giocatori italiani: Gianluigi Quinzi e Matteo Berrettini. Confrontare due carriere è sempre molto complesso – ogni obiettivo può essere raggiunto attraverso strade diverse – ma questo confronto fornisce spunti interessanti. Questi due ragazzi, entrambi classe 1996, hanno avuto percorsi da under diametralmente opposti. Se Quinzi ha collezionato vittorie su vittorie inanellando titoli importantissimi (Wimbledon, Bonfiglio, Coppa Davis) eraggiungendo i vertici del ranking junior, Berrettini è sempre stato una (se non addirittura due) categoria sotto, concentrando il grosso della sua attività internazionale solo nell’ultimo anno prima dei diciotto.

La differenza di livello tra i due allora sembrava netta: uno negli Slam gareggiava per il titolo, l’altro non aveva ranking per entrare direttamente in tabellone e doveva passare dalle qualificazioni. Diventa quindi interessante analizzare a fondo le differenze tra le scelte dei due ragazzi e le conseguenze che queste scelte hanno comportato nel bene e nel male.

GIANLUIGI – L’avvio di Quinzi nei primi tornei tra i pro fu tutt’altro che scoraggiante: il ragazzo infatti stupì subito nei primi Futures, raggiungendo un’inaspettata semifinale in Sud America qualche mese dopo aver vinto Wimbledon. Le cose iniziarono a peggiorare quando con l’arrivo delle prime sconfitte, a dir la verità più che prevedibili: il ragazzo iniziò a cambiare allenatori su allenatori (ne licenziò cinque in pochi mesi, nel 2015) andando cosi a interrompere quel processo di formazione cruciale durante l’età dello sviluppo fisico, tecnico e tattico. Questo, unito anche a diversi infortuni, tra cui uno alla spalla piuttosto serio, fece entrare il ragazzo in un vortice di alti e bassi da cui ancora oggi non riesce a tirarsi fuori. Sia chiaro, due titoli e una finale challenger con un best ranking di 142 ATP non sono numeri da cestinare, ma viste quali erano le premesse, è innegabile che tutti ci saremmo aspettati qualcosina in più.

Gianluigi Quinzi – Roma 2018 (foto Roberto Dell’Olivo)

MATTEO – Dall’altra parte invece c’è un ragazzo che, appartenendo a una categoria almeno in partenza (e col senno di poi anche in apparenza) inferiore, non ha sicuramente avuto i riflettori puntati addosso. Aiutato e ben consigliato dal suo team, non ha mai preso scelte frettolose che potessero compromettere la sua crescita e questo ha dato i suoi frutti quando si è affacciato nel circuito maggiore. Se dovessimo sintetizzare la carriera di Matteo con un tracciato in una tabella, ci troveremmo ad ammirare una linea continua verso l’alto dai 19 anni in poi, proprio perché la sua crescita non è stata repentina, ma costante al punto da rivelarsi inarrestabile.

Molti dei meriti vanno a Vincenzo Santopadre, storico coach di Berrettini, che lo ha seguito fin da ragazzo aiutandolo molto a formarsi sia in campo che fuori. Le scelte tecnico-tattiche e quelle di programmazione sono sempre state fatte in funzione dell’obiettivo a lungo termine, mai alla ricerca ossessiva del risultato. Inoltre Santopadre nei momenti difficili ha sempre avuto il merito di far capire a Matteo che avrebbe dovuto trarre il meglio dal peggio e che anche un episodio negativo come ad esempio può essere un grave infortunio, può invece rivelarsi un’occasione per lavorare e crescere su altri aspetti non meno importanti. Proprio Santopadre, in un’intervista dell’aprile 2019, ci aveva raccontato che un vecchio infortunio al polso aveva aiutato Matteo a migliorare il back di rovescio perché in quelle settimane non poteva colpire con due mani.

 

Berrettini non ha quasi mai bruciato le tappe. Le basi per costruire un gran 2017, l’anno della sua esplosione, vennero gettate l’anno precedente quando un serio infortunio al ginocchio sinistro lo costrinse ai box da febbraio fino ad inizio ottobre, periodo che Matteo utilizzò per passare molto tempo con il mental coach, per lavorare con il preparatore sul proprio fisico al fine di prevenire ulteriori infortuni e per staccare la spina passando più tempo con la propria famiglia. Al rientro da quell’infortunio la carriera del tennista romano è decollata.

Matteo Berrettini – Stoccarda 2019 (foto via Twitter, @ATP_Tour)

CONCLUSIONI – Ad oggi i numeri ci dicono che tra i due non c’è paragone: Berrettini è numero 8 ATP e semifinalista in carica dello US Open, Quinzi è fuori dai 300. Il tennis ci ha però insegnato che nulla è scritto; abbiamo infatti visto negli anni giocatori che non sembravano fenomeni dare una svolta alla loro carriera con un solo torneo. Tutto questo per dire che il percorso perfetto non esiste, ognuno deve costruirsi il proprio: se da piccolo vinci molto e sei ai vertici è giusto fare programmazioni di un certo tipo, altrimenti è corretto fare un percorso più graduale. Quello che in primis allenatore e giocatore non devono perdere mai di vista è l’obiettivo a lungo termine, perché in fondo l’attività junior è solo una piccola parte del viaggio.

Carlo Piaggio – Maestro FIT

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Doha: la giornata degli sgambetti. Fuori Rybakina, Wang e Bencic

Siegemund vince in due tie break una dura lotta con la kazaka, la cinese e Belinda travolte da Pegula e Keys. Avanti anche Jabeur e Pavlyuchenkova

Pubblicato

il

Scossoni un po’ più sonori nella seconda giornata di gare a Doha. Merito delle partecipanti giunte dalle qualificazioni, in buona parte: Laura Siegemund e Jessica Pegula, uscite dal setaccio del pre-torneo, hanno battuto contro classifica Elena Rybakina e Qiang Wang. Fa particolarmente scalpore la precoce eliminazione della kazaka, la quale, giusto un paio d’anni fa, si era prodotta in una performance d’eccezione in Medio Oriente. Due tie-break e due ore e mezza di gioco hanno invece spedito al secondo round contro Vika Azarenka la riccioluta fantasista di Filderstadt, alla quale il punteggio finale va persino un po’ stretto. Al solito molto intelligente nel scegliere dall’arsenale le variazioni più nocive per i potenti cannoni delle avversarie, Laura ha mandato a lungo fuori giri la collega lucidando il drop shot e imponendo continui cambi di ritmo, che le hanno garantito un break di vantaggio tanto nel primo quanto nel secondo set.

Comunque decisa a giocarsi le proprie chance al meglio, Elena ha rimontato in entrami i casi, arrivando addirittura a set point nel tie break della prima frazione, prima che il rovescio l’abbandonasse nei due punti che l’hanno invece consegnata all’avversaria. Nella seconda, ancor più tortuosa, la numero ventitré WTA ha annullato un match point sul cinque-tre e un altro sul cinque quattro forzando un nuovo decider, stavolta perdendolo con poche attenuanti. Lo sgambetto inflitto da Siegemund è stato il secondo di giornata, preceduto di pochi minuti dallo scherzo, in realtà piuttosto atteso, fatto da Jessica Pegula a Qiang Wang. La classifica diceva Cina, ma se upset è stato, lo è stato solo sulla carta. La cinese è in crisi, nel 2021 la bilancia dice 2-6 laddove sei non sono le vittorie, mentre Pegula è una giocatrice tra le più in forma del circuito, per giunta corroborata dal clamoroso quarto di finale strappato all’Australian Open. I bookies, che difficilmente sbagliano, davano Jessica nettamente favorita, e Jessica ha rispettato tali favori, cedendo quattro game in una passeggiata durata meno di un’ora: vedremo se la nuova potenziale diva del circuito avrà vita altrettanto facile con l’insondabile Aliona Ostapenko nel prossimo turno.

Detto che l’avversaria di Karolina Pliskova, attesa domani all’esordio nel torneo, sarà la scintillante Ons Jabeur che ha spianato la malcapitata Anna Blinkova, il match più atteso era quello tra Bencic e Keys, le quali, non si sa se più per demeriti di Belinda o per meriti di Madison, hanno finito per deludere alquanto le speranze suddette. Forse ancora condizionata dal jet-lag australe e dalla finale di Adelaide ceduta a Iga Swiatek, la svizzera ha ceduto in poco più di un’ora raccogliendo la miserie di cinque giochi. La ventiseienne da Rock Island, alla prima partita dopo il Roland Garros autunnale, ha mostrato invece una forma che non le sospettavamo: probabile l’abbia aiutata un’avversaria in versione fantasma, ma ha spinto bene e convinto alquanto: chissà che questo non possa essere anche il suo anno, dopo un periodo complicato così lungo.

 

Risultati:
[Q] L. Siegemund b. E. Rybakina 7-6(7) 7-6(5)
[Q] J. Pegula b. Q. Wang 6-3 6-1
O. Jabeur b. A. Blinkova 6-2 6-2
A. Pavlyuchenkova b. Kr. Pliskova 6-2 6-3
M. Keys b. [6] B. Bencic 6-4 6-1
S. Zheng vs [LL] M. Do

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Rotterdam: avanti Rublev e de Minaur, Khachanov elimina Wawrinka

Rublev non brilla contro il qualificato Giron ma vince in due set, il suo connazionale rischia poco contro Stan. L’australiano e Chardy vincono due derby

Pubblicato

il

Il martedì di Rotterdam si apre con il derby australiano tra Alex de Minaur e John Millman che rispetta il pronostico. Come nell’unico precedente, la vittoria di de Minaur arriva in due set, questa volta per 6-1 6-4, con dieci game consecutivi conquistati dal ventitreenne di Sydney fino a 4-0 del secondo set, quando Millman inizia la rincorsa che lo porta in pareggio nel parziale, prima di cedere definitivamente. A John non ha particolarmente giovato quel 45% di prime in campo, peraltro trasformandone meno della metà, a fronte di una prima avversaria ben più efficace. Ma, in generale, è complicato battere uno che contrattacca e corre meglio di te se non hai le armi per variare o per sfondarlo. Non solo complicato, ma sembra quasi che tu sia lì per fargli fare bella figura, come nel punto da 44 colpi, chiuso sì da Demon in un modo che avrebbe meritato la folla sugli spalti, però con grosso merito di John che, con l’altro per tre volte consecutive a scodellare recuperi in spaccata, non schioda i piedi dalla linea di fondo per andare a chiudere con una volée facile anche per… Ma non tiriamo in ballo gli assenti.

Dopo un primo set equilibrato, Andrey Rublev dilaga nel tie-break e fa suo anche il secondo parziale contro il qualificato statunitense Marcos Giron. È la sedicesima vittoria consecutiva per Rublev a livello di ATP 500: nella seconda parte della scorsa stagione, infatti, il ventitreenne moscovita ha alzato i trofei ad Amburgo, San Pietroburgo e Vienna. Non che questa stagione sia iniziata male, con una sola sconfitta, ai quarti dell’Australian Open, dopo l’en plein in ATP Cup. Al prossimo turno lo aspetta Andy Murray che, pur in grado di girare il match contro un ottimo Haase lunedì, avrà bisogno di più continuità e attenzione per avere possibilità di giocarsela.

 

È un brutto Stan Wawrinka quello che viene sconfitto in due set da Karen Khachanov. Una prima su due in campo per Stan, che sbaglia tanto all’inizio e, se salva il servizio di apertura, capitola al turno successivo. Karen annulla due opportunità consecutive del rientro al sesto gioco, ma Wawrinka continua a essere impreciso, cosa evidente soprattutto nei punti pesanti o quando sta comandando lo scambio, e il set va in archivio per 6-4.
Khachanov gioca un buon match e sfrutta molto meglio la risposta sulla seconda, ma, se vince dei punti remando in difesa, c’è qualcosa che non va dall’altra parte della rete. Se ne va con uno smash sbagliato l’occasione svizzera per il 15-40 in quel secondo gioco dove arriva comunque a un’inutile palla break, l’unica del set. È ancora 15-30 quando affossa una risposta di dritto sulla seconda russa. Nessuna sorpresa all’undicesimo gioco quando sbaglia tutto mandando l’altro a servire per il match, missione oggi fin troppo possibile per Khachanov. Per lui, al prossimo turno, la sfida inedita contro il qualificato Cameron Norrie, mancino britannico dallo stile “personale” e dalla mite velocità di palla, ma che difficilmente commetterà i 30 non forzati odierni di uno Stan ancora alle prese con gli strascichi del Covid-19. Chardy salva due match nel terzo set nel derby contro Humbert prima di chiudere al tie-break decisivo.

In serata, non prima delle 19.30, esordirà il secondo favorito del tabellone Stefanos Tsitsipas contro Egor Gerasimov, esentato speciale in virtù della semifinale raggiunta la settimana scorsa a Montpellier, dimostrando di essersi rialzato senza conseguenze dopo che a Melbourne gli era passato sopra un Karatsev.

Risultati:

A. de Minaur b. Millman 6-1 6-4
[4] A. Rublev b. [Q] M. Giron 7-6(1) 6-3
K. Khachanov b. [8] S. Wawrinka 6-4 7-5
[SE] E. Gerasimov vs [2] S. Tsitsipas
B. Coric vs [WC] B. Van de Zandschulp
H. Hurkacz b. A. Mannarino 6-3 7-6(6)
[Q] J. Chardy b. U. Humbert 4-6 7-6(5) 7-6(4)

Continua a leggere

ATP

ATP Buenos Aires, a Mager il derby contro Caruso: “Giocare a livello ATP è bellissimo”

Due set lottati vinti da Gianluca contro Salvatore in Argentina, tra caldo e umidità. “Fare come a Rio? Mi piacerebbe tanto!” dice il sanremese. “Non ho giocato molto a livello ATP e ma la godo al massimo”

Pubblicato

il

Gianluca Mager - Buenos Aires 2021 (courtesy of Argentina Open 2021)

Subito in campo il derby azzurro a Buenos Aires per dare spazio sul Centrale intitolato a Guillermo Vilas ai quattro incontri che vedono impegnati sei tennisti argentini. È il primo confronto a livello ATP tra Salvatore Caruso e Gianluca Mager, ma l’ottava considerando i circuiti minori, con Gianluca vincitore solo della prima e dell’ultima. Ed è proprio Mager a uscire vittorioso in due set da un match complicato da affrontare per entrambi, tipico quando si sfidano due connazionali.

Rispetto ad altre partite si è un pochino più tesi” confermato il vincitore, Gianluca, raggiunto in conferenza da Ubitennis poco dopo l’incontro. Poi qui c’è un’umidità davvero incredibile, oltre al sole che picchia fortissimo. Anche questo non ci ha aiutato a giocare bene“. In Argentina è pur sempre estate e si toccano i trenta gradi.

Le difficoltà iniziali sono tutte dal lato sanremese (‘lui ha cominciato bene, giocava ‘giusto’, dice Gianluca) delle rete con il break in apertura. Quando l’altro è capace di maggiore solidità e tu possiedi più penetrazione nei colpi, è elementare intuire cosa fare in campo. Così Mager affretta soluzioni, anche in uscita dal servizio, che si risolvono in errori e Sabbo mantiene il vantaggio con facilità davvero eccessiva, arrivando anche a incrementarlo fino al 5-2 pesante. Poi ti viene il dubbio di aver fondato quell’elementare intuizione su situazioni e conoscenze vere in generale e anche già sperimentate in campo, ma che non necessariamente valgono per il qui e adesso ed è allora una buona idea evitare di essere responsabili dell’avversarsi dei propri timori. Insomma, Gianluca comincia a tenere in campo qualche palla in più prima di tentare l’accelerazione, di cui spesso non ha bisogno perché incassa l’errore del ventottenne di Avola e lo raggiunge sul 5 pari.

 

Lui sul 5-4 mi ha un po’ aiutato, non ha giocato un buon game, e da lì la partita è entrata in lotta” analizza il sanremese. Il tie-break, a questo punto giusta conclusione, ripropone la situazione di punteggio di 5-2 del set con il doppio (in questo caso mini) break di vantaggio, però per Mager. Si fa anch’egli agguantare, ma poi prende a due mani coraggio e racchetta per un rovescio lungolinea che gli spalanca il campo e approfitta dell’errore di Caruso per chiudere 7-5.

Salvatore Caruso – Buenos Aires 2021 (courtesy of Argentina Open 2021)

Carte scoperte in un secondo set decisamente più lineare, con “Giangi” che si affida al servizio nei momenti di bisogno e il siciliano che, non sfruttato lo 0-40 in risposta nel secondo gioco, a sua volta esce bene dalle difficoltà, ma solo fino al 4 pari, quando cede a zero la battuta. “Nei momenti decisivi del secondo set ho servito sempre bene, anche quando ero sotto 0-40. Lui è uno che risponde molto bene” è la coda dell’analisi di Mager, che ottenuto il break non esita e chiude senza problemi, tornando alla vittoria dopo le due sconfitte all’esordio della trasferta australiana e quella di Cordoba.

Al secondo turno affronterà Pablo Andujar, fin troppo facile vincitore di Londero, ma non certo nel periodo migliore della carriera a dispetto di quel 57° posto nel ranking. Chiediamo a Gianluca se sono già scattate le ‘Rio vibes‘, i ricordi sudamericani relativi alla finale raggiunta a Rio lo scorso anno poco prima che iniziasse la pandemia. “Eh, mi piacerebbe tanto riuscirci di nuovo! A Rio avevo giocato più partite, perché avevo passato le quali, e venivo da un anno ottimo a livello challenger, mentre dopo il lockdown non ho giocato benissimo. Pablo lo conosco, giochiamo insieme la Serie A a Genova e l’ho affrontato un paio di volte. Per me giocare a livello ATP è una cosa bellissima, perché non ci ho giocato tanto ed è ancora una cosa nuova, quindi me la godo al massimo“.

Dopo la vittoria a Melbourne 1 contro Seppi, arriva invece un secondo derby sfortunato per Caruso, che veniva direttamente dal bel confronto Slam con Fognini. “Ho fatto fatica a ritrovare il mio tennis dal 5-2. Poi lui, che stava facendo molti errori, è salito un attimo e la partita si è rimessa in equilibrio. Sono partite particolari perché giochiamo con degli amici: ceniamo assieme e giochiamo a carte assieme, ma in campo diventano avversari e devi pensare a batterli“. Del resto, poter giocare più derby a livello ATP è solo positivo: “Vuol dire che nel circuito siamo in tanti, adesso“.

Tornando ai padroni di casa, a chiudere l’invasione albiceleste del programma di martedì, precisamente (per modo di dire) non prima della mezzanotte italiana, la sfida mancina ma soprattutto arrotina tra Fede Delbonis e il fenomeno della scorsa settimana, il nuovo idolo di casa, il diciannovenne “dalle quali al trofeo senza passare dal via”, Juanma Cerundolo. Nel novembre 2019, a Montevideo, fu il trentenne di Azul a imporsi per 6-2 7-6 contro l’allora n. 483.

Risultati:

G. Mager b. S. Caruso 7-6(5) 6-4
[WC] F. Diaz Acosta vs [Q] J. Munar
[Q] F. Cerundolo vs F. Coria
[SE] F. Bagnis vs [8] F. Tiafoe
F. Delbonis vs [SE] J.M. Cerundolo
[Q] L Klein b. A. Martin 6-4 6-3
[Q] S. Nagal b. J. Sousa 6-2 6-0

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement