La top 10 delle migliori performance nella storia di Wimbledon

Focus

La top 10 delle migliori performance nella storia di Wimbledon

Da Djokovic 2015 a Federer 2017, passando per Becker, Borg e Sampras. Abbiamo provato a classificare i migliori di sempre nello Slam londinese in base al rendimento su edizione singola

Pubblicato

il

Roger Federer con il trofeo di Wimbledon 2017

Si può determinare chi ha vinto “meglio” di altri? Ovviamente no. Troppi fattori incalcolabili, l’impossibilità di pesare le assenze, e un certo lassismo statistico nel tennis che sfavorisce gli albori dello sport (come si vedrà in seguito) rendono il compito esageratamente aleatorio – senza considerare che la comparazione di ere diverse non ha mai avuto senso, in particolare dall’inizio dell’evoluzione tecnologica del tennis dalla metà degli anni Ottanta. Seppur largamente insufficienti, dei mezzi oggettivi esistono, e possono consentire di approssimare delle idee, se non altro nel limite dell’estensione dei parametri stessi.

Questo è ciò che si è fatto per determinare chi siano stati i vincitori più assertivi nel singolare maschile Wimbledon durante l’Era Open, in omaggio al torneo che si sarebbe dovuto disputare in questi giorni. Mesi fa, un pezzo simile era stato scritto sulle prestazioni dei vincitori Slam in generale, ma l’unico criterio era il ranking medio degli avversari, dato facilmente falsato se si incontra il N.323 al primo turno e il 112 al secondo. Stavolta, visto anche la quantità inferiore di campioni, sono stati aggiunti altri fattori, alcuni vicini, altri apparentemente antitetici.

Al ranking medio degli avversari (si suggerisce la lettura dell’articolo sopracitato per i caveat del caso) è stata appaiata una statistica ribattezzata “top player battuti, che in scala decrescente attribuisce un valore numerico ai giocatori affrontati, in ossequio alla struttura dei tabelloni Slam – 7 per i Top 2, 6 per i Top 4, 5 per i Top 8, 4 per i Top 16, 3 per i Top 32, 2 per i Top 64, 1 per i Top 128, 0 per tutti gli altri. In questo modo i valori degli avversari dal ranking più basso è calmierato, dando più valore agli avversari incontrati nelle fasi calde dei tornei.

 

Le altre due categorie considerate sono molto simili fra loro, e.g. set persi e game persi. Sono due dati per certi versi arbitrari, perché se qui si è premiata la manifesta superiorità di chi ha concesso poco, qualcun altro potrebbe opinare che forse è chi fatica di più a meritare gli onori delle cifre – opinione condivisibile, che avrebbe il merito di includere le finali più leggendarie, ma quando si parla dei migliori raramente si parla di gente che sarebbe potuta uscire da ogni sliding door. Una volta calcolati i parametri, i primi venticinque di ogni categoria sono stati messi in fila, con punteggi decrescenti (25 al primo, 24 al secondo, ecc) – i valori finali scaturiscono dalla somma dei quattro rendimenti.

Come già detto, purtroppo i dati sul ranking sfavoriscono le prime edizioni Open, visto che dal 1971 al 1973 non esisteva ancora la classifica computerizzata, mentre fino alla metà degli anni Ottanta abbiamo a disposizione quasi sempre solo la Top 100, e questo non consente di avere dati completi sulle edizioni del 1978 e su quelle comprese fra l’81 e l’83 – addirittura c’è un caso di ranking desaparecido, quello della prima settimana di Wimbledon ’76, ma fortunatamente è disponibile la classifica immediatamente precedente. Il corollario è che per i poveri Laver, Newcombe e Smith non c’è troppa gloria, ma è probabile che stanotte dormiranno bene comunque.

In realtà, ci sarebbe stato un parametro in grado di riequilibrare lo studio, ovvero quello relativo ai minuti spesi in campo. Infatti, è fatto abbastanza noto che il passaggio al lolium perenne 100% nel 2001 e soprattutto l’introduzione delle palline Type 3 l’anno successivo abbiano dilatato i tempi di gioco sull’erba dando più tempo di reazione in risposta.

Due dati esemplificativi: la media dei minuti in campo del vincitore è passata da 865 minuti nel periodo 1991-2000 (laddove i dati sono disponibili) a 1002 nel periodo 2008-2019 (il periodo intermedio ha un glitch del videogame estremamente fotogenico e con quattro figli), e che la durata media di un set dal terzo turno in poi è sempre stata sotto i 39 minuti fino al 2001, mentre da allora si è scesi sotto quella soglia in tre circostanze su diciotto – la durata media dei set è aumentata di oltre tre minuti laddove quella dei tie-break e dei set a oltranza è aumentata solo di 0,21 minuti all’anno, cioè di 0,007 a partita.

Di conseguenza, è ragionevole pensare che i vincitori delle ere passate, specialmente nell’era delle racchette di legno, procedessero più rapidamente nel tabellone di quanto si faccia oggi, ma sfortunatamente per loro mancano i riscontri, e pertanto le cifre di questa categoria sono state tralasciate – il tempo di gioco è stato usato in una sola circostanza per spezzare un ex-aequo.

Una critica che si potrebbe muovere ai parametri scelti è che si possono tranquillamente suddividere in due coppie all’interno delle quali un valore è in qualche modo superfluo rispetto all’altro. Vero ma non totalmente, per due motivi: innanzitutto ci sono alcuni casi di valori scollati, che cioè performano bene in un dato e non nel fratello minore e viceversa; e poi perché i dati migliori sono quelli che figurano in tutte e quattro le graduatorie, permettendo così di distinguere fra un buon dato isolato (esempio, per numero di top player sconfitti Michael Stich nel 1991 risulta essere il migliore, ma non avendo altri grossi exploit non arriva fra i primi dieci).

Anche dei bonus erano stati presi in considerazione, per Slam o altri tornei su erba vinti nella medesima stagione, ma si è deciso di escluderli per privilegiare la prestazione nel torneo singolo. Inoltre, c’è un ultimo vantaggio dell’avere due categorie paronomastiche, vale a dire la possibilità di utilizzare i valori dell’una per risolvere i parimeriti dell’altra – in parole povere, a parità di set persi arriva davanti chi ha perso meno giochi e viceversa.

Finito il panegirico, di seguito potete vedere la Top 10 dei migliori performer di Wimbledon in base a questi quattro parametri arbitrari, con un chiaro vincitore:

10. Novak Djokovic, 2015

Novak Djokovic – Wimbledon 2015

Score: 48 punti. N.23 per set persi, N.2 per ranking medio degli avversari, N.5 per top players battuti.

Nel bel mezzo della sua stagione più dominante (anche se forse il Djokovic della prima metà del 2011 aveva uno strapotere superiore da fondo, perché appiattiva molto più naturalmente con il dritto), questa performance di Nole è al secondo posto per ranking medio degli avversari, curiosamente alle spalle di quella dell’anno precedente, che però rimane fuori dal gotha.

La finale contro Federer fu la meno bella delle tre (non per demerito, le altre due sono fra gli azimut del gioco e probabilmente dell’umanità), e forse anche la meno giustificabile da parte del pubblico britannico, partigiano ai limiti della decenza e forse anche un po’ oltre, soprattutto nel tie-break del secondo. Al di là di questo, il percorso di Djokovic si ricorda soprattutto per la due giorni contro Kevin Anderson con annessa rimonta fra buio e pioggia, e per essere stata l’inizio del Grande Slam sghembo che sembrò segnare la fine della sua traiettoria, a cui però mancava la discesa agli inferi per qualificarsi come vera e propria epopea. Missione compiuta, verrebbe da dire.

9. Roger Federer, 2003

Federer e Philippoussis, Wimbledon 2003

Score: 48 punti. N.9 per game persi, N.8 per set persi, N.13 per ranking medio degli avversari.

Cosmogonia. La prima vittoria di Federer fu un evento particolare, perché scaldò il cuore di tanti boomer disillusi dalla finale fondista dell’anno precedente (Hewitt-Nalbandian), e al contempo consacrò un ragazzo la cui temperanza nei grandi tornei era stata messa in dubbio da più parti – per molti fu una riedizione del celebre “se questo ragazzo non vince Wimbledon entro cinque anni smetto di scrivere di tennis” di tommasiana memoria (lui si riferiva a Stefan Edberg), visto che lo svizzero aveva portato a casa il trofeo juniores nel 1998.

Quella finale con Philippoussis non è granché discussa oggi, perché sembra quasi che il quindicennio successivo fosse già scritto, ma non è assolutamente così, visto che la continuità non sembrava essere la qualità migliore del virgulto. L’unica cosa certa è che il suo tennis sia stato immediatamente adottato dal pubblico, inizialmente preso da un talento da imbottigliare nella sua effimerità. Qualche mese dopo, a Houston, si iniziò a intuire che le coincidenze erano solo apparenti, e il resto lo conosciamo.

Piccolo caveat: questa è l’unica circostanza in cui il tempo passato in campo è stato un fattore per determinare il piazzamento finale (960 minuti per Nole, 745 per Roger).

8. Bjorn Borg, 1976

Bjorn Borg – Wimbledon 1976

Score: 53 punti. N.3 per game persi, N.1 per set persi, N.21 per top players battuti.

Sebbene il successo più famoso dell’Orso sia l’ultimo, per via della leggendaria finale con McEnroe, il più enfatico fu senza dubbio il primo, caratterizzato come una grande sorpresa, sia perché Borg era considerato uno specialista, nonostante sulle superfici più rapide qualcosa avesse combinato (aveva vinto Wimbledon Juniores nel 1973 e raggiunto tre finali consecutive alle WCT Finals più una al Master del 1975, peraltro persa male contro il suo avversario a Wimbledon, Ilie Nastase), sia per il modo in cui zittì gli scettici, diventando il primo uomo a vincere i Championships senza perdere set durante l’Era Open.

Il novero degli scalpi è tutt’altro che disprezzabile, visto che negli ultimi quattro match gli si pararono davanti Brian Gottfried, Guillermo Vilas (non un erbivoro ma vincitore dell’unico Master giocato sulla superficie e di due Australian Open verdi ancorché farlocchi), Roscoe Tanner, e il sopracitato Ilie Nastase, suo vero e proprio antipode sul campo – fuori nemmeno così tanto, almeno post-ritiro.

Le vittorie di Bjorn a Wimbledon, però, furono soprattutto degli eventi culturali, in quanto forieri della novella Beatle-mania ribatezzata “strawberries and screams” (laddove gli strilli provenivano da adolescenti in preda a tempeste ormonali da arca di Noè, fondamentali per rendere il tennis lo sport di massa che è oggi), ma anche degli eventi tecnici, perché le vittorie sue e di Connors mostrarono un modo nuovo di adattarsi al tennis su erba, un modo che esaltava il fulgore balistico dei loro passanti bimani.

6 (ex-aequo). Boris Becker, 1986

Score: 59 punti. N.13 per game persi, N.14 per set persi, N.9 per ranking medio degli avversari, N.9 per top players battuti.

A proposito di giovani sorprese. Boris Becker aveva scioccato il mondo nel 1985, vincendo Wimbledon a neanche 18 anni (più giovane campione Slam fino all’avvento di Michael Chang quattro anni dopo), ma nessuno si aspettava che potesse ripetersi.

E invece il teutonico non solo si impose di nuovo, ma lo fece con insindacabile autorità, mettendo in fila nell’ordine Mecir, Leconte e il miglior Lendl di sempre, di fatto cementificando il proprio status di “padrone di casa” su Centre Court, consolidato attraverso la trilogia (quasi tetralogia) con Edberg e rimesso solamente in seguito alla sconfitta nella finale del 1995 contro Sampras.

6 (ex-aequo). John McEnroe, 1984

John McEnroe a Wimbledon nel 1980

Score: 59 punti. N.1 per game persi, N.3 per set persi, N.15 per ranking medio degli avversari.

Mac non poteva mancare, e la sua voce poteva solo essere legata alla stagione più dominante della carriera, e forse di sempre. Assimilata la botta tremenda di Parigi, dove un microfono e i lob di Lendl stralciarono una conclusione già scritta, Genius veleggiò per il Queen’s senza perdere set, e per poco non concesse il bis la settimana dopo, quando perse un tie-break al primo turno per poi concedere 48 giochi nei 19 set successivi – una notte d’amore fra una macchina perfetta e il più dionisiaco dei tennisti.

Wimbledon ’84 è ricordato con particolare piacere dallo statunitense, un po’ perché arrivò la quasi pleonastica doppietta singolare-doppio (casualmente lui e Fleming batterono in finale Paul McNamee, lo stesso che gli aveva tolto all’inizio della quindicinale), un po’ perché non gli sono mai interessate le partite leggendarie, almeno non quanto la perfezione del gioco.

McEnroe era talmente superomistico nel suo approccio al tennis (e ne aveva ben donde) da ritenere che se avesse giocato al massimo del proprio potenziale non ci sarebbe stata storia con nessuno, ed è precisamente ciò che dimostrò in finale contro Jimbo Connors, che due anni prima gli aveva soffiato il titolo dopo che era stato a due punti dal match: 6-1 6-1 6-2 con tre (tre) errori non forzati. Epica? E chi ne ha bisogno?

A pagina due, i cinque migliori successi della storia di Wimbledon

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti

Focus

Le mille bolle di tutti gli sport: tra poco ci sarà anche il tennis con lo US Open

“Bolla” è ormai la parola più in voga di questo periodo nel mondo sportivo. Ma di cosa si tratta concretamete? I dettagli delle norme sanitarie per lo US Open

Pubblicato

il

In questa situazione che si sta lentamente trasformando da emergenza distopica a nuova normalità, il tennis si appresta a mandare in scena uno dei suoi eventi più importanti in quella che fino a pochi mesi fa era uno degli epicentri della pandemia di COVID-19.

Un’impennata di casi in Spagna ha appena costretto ATP e WTA a cancellare uno dei loro tornei cardine, ovvero il Mutua Madrid Open, ma dall’altra parte dell’oceano, al Billie Jean King National Tennis Center di Flushing Meadows, i preparativi continuano febbrilmente per ospitare un inedito “double header” composto dal Western&Southern Open, solitamente ospitato al Lindner Family Center di Mason, Ohio, e il tradizionale US Open.

Sotto la guida del Dottor Brian Hainline, Chief Medical Officer della NCAA e membro del Board della USTA, è stato approntato un protocollo sanitario per limitare al massimo le possibilità di contagio tra i partecipanti al torneo e tutte le migliaia di persone che servono per far funzionare l’imponente macchina organizzativa dello Slam newyorkese.

 

Alla base del protocollo della USTA c’è il concetto di “bolla”, in inglese “bubble”, che racchiude l’idea di un ambiente più o meno sterile, isolato dal mondo circostante, nel quale gli abitanti sono frequentemente testati e seguono comportamenti per eliminare o fortemente limitare i contatti che potrebbero potenzialmente diffondere il contagio. Ciò vale sia per quel che riguarda le interazioni con individui al di fuori della bolla, sia per quanto concerne i contatti tra membri della bolla.

Si tratta di un concetto messo in pratica da diverse leghe professionistiche sportive, alcune delle quali sono riuscite a riprendere l’attività anche in aree geografiche particolarmente problematiche dal punto di vista del livello dei contagi. La NBA ha ricominciato la propria regular season nella “bolla” approntata all’ESPN Wide World of Sports Complex di Orlando in Florida, un gigantesco resort di 89 ettari che comprende alberghi, palestre, campi da golf, ristoranti, piscine e altre amenità, all’interno del quale i giocatori della lega rimarranno fino a che la loro squadra non avrà terminato il campionato. La MLS, Major League Soccer, è ospite della stessa bolla e gioca su due campi da calcio allestiti appositamente per le riprese televisive.

La “bolla” è ormai sulla bocca di tutti nel mondo sportivo, anche se l’utilizzo dello stesso termine generico può far pensare che la struttura sia simile in tutte le sue configurazioni, quando in realtà ognuna delle “bolle” intorno al mondo ha caratteristiche diverse ed è stata adattata alle necessità e alle caratteristiche del singolo sport.

LE DIVERSE BOLLE

La “bolla” più pura, più rigorosa, è quella che è stata costruita dalla UFC, la Ultimate Fighting Champions, l’organizzazione che gestisce il circuito di arti marziali miste, particolarmente popolare negli Stati Uniti. La UFC ha creato la cosiddetta “Fight Island”, un’isola nel Mare d’Arabia a circa 30 chilometri da Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, dove si è ricreato un microcosmo autosufficiente per disputare le riunioni ogni weekend. Atleti, tecnici, personale della produzione, giornalisti e tutto il personale di servizio è stato rinchiuso in uno spazio predefinito, con procedure rigorosissime all’ingresso. A tutti i membri della bolla, con esclusione degli atleti, è stato richiesto un periodo di quarantena di 14 giorni all’interno degli alberghi di Yas Island (la stessa isola che ospita il Gran Premio di Formula 1 a novembre), con test negativo all’inizio e alla fine del periodo. Tutti gli atleti sono stati trasportati con voli dedicati dal luogo di raccolta a Las Vegas e hanno dovuto superare test prima del decollo, all’arrivo negli Emirati, 48 ore dopo l’arrivo e prima di tutti gli incontri. Ogni domenica mattina alle 6 ora locale (corrispondente alle 22 di sabato sera sulla costa Est degli USA, per favorire la trasmissione in diretta da parte della ESPN) viene disputata una riunione con vari incontri.

Le bolle messe in piedi in Nord America per le leghe professionistiche come la NBA, MLS ed NHL prevedono un livello di flessibilità superiore: buona parte del personale di servizio, ovvero pulizia, manutenzione ordinaria, cucina, non risiede nella bolla ma normalmente alloggia nella propria residenza quando non è in servizio. Per permettere questo tipo di organizzazione, però, sono stati costituiti diversi livelli di sicurezza all’interno della bolla, che sanciscono il tipo di interazione che i vari individui possono avere tra loro a seconda dei vari livelli. Chi non risiede nella bolla solitamente appartiene al livello più esterno (di solito chiamato “Tier 3” o “Tier 4”) , che anche se viene sottoposto allo stesso livello di test di tutti gli altri membri della bolla, non può avere contatti con i membri del livello più interno (“Tier 1”), quello dove stanno gli atleti e i membri della squadra.

ESPN’s Wide World of Sports (AP Photo/John Raoux)

La NHL ha costituito due bolle, entrambe in Canada, a Toronto ed Edmonton, che sono regolate da un manuale di 75 pagine estremamente dettagliato che prevede protocolli per qualunque fase della vita delle squadre, dalle partite agli allenamenti, comprei anche i viaggi in ascensore.

L’unica lega che non ha costruito una bolla è stata la MLB, il campionato professionistico di baseball, che ha mantenuto la propria struttura itinerante, pur producendo un manuale di oltre 100 pagine che regimenta tutti gli aspetti del gioco e della vita delle squadre (compreso anche dove si può sputare), ma non pone le pesanti restrizioni della bolla per quel che riguarda l’alloggio permanente dei giocatori. Questa scelta però, forzata dall’associazione giocatori che non ha accettato la soluzione della bolla, non sta dando buoni risultati, in quanto ci sono state parecchie partite (disputate comunque a porte chiuse) che sono state rimandate a causa della simultanea positività di vari giocatori di una stessa squadra.

Non è comunque detto che il modello itinerante sia necessariamente da scartare: la MLB ha deciso di giocare il proprio campionato senza co-locare le squadre nelle zone degli USA più colpite dalla pandemia. La Formula 1, invece, che ha iniziato il proprio campionato in luglio in Austria e sta programmando di portare a termine una stagione con 13-16 gran premi (anch’essi a porte chiuse), sta avendo un discreto successo, nonostante un caso positivo registrato da parte del pilota Carlos Sainz di Point Racing prima del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone pochi giorni fa.

Come nel caso delle altre bolle, ogni volta che viene rilevata una positività da parte di un individuo, questi viene isolato per 10-14 giorni (a seconda del protocollo) e viene aumentata la frequenza dei test per tutti i membri della sua microbolla più vicina. Nel protocollo della Formula 1, infatti, sono state predisposte sotto-bolle all’interno della bolla: una per team, una per pilota, e così via. Le interazioni tra bolle devono essere limitate e non ci possono essere interazioni con chi proviene da fuori la bolla durante il weekend di gara, mentre è possibile lasciare la bolla tra un Gran Premio e l’altro a patto di non fare contatto con persone al di fuori della propria bolla sociale (stretto gruppo familiare). Naturalmente al rientro della bolla vengono predisposti una serie di test ravvicinati con isolamento tra un test e l’altro.

LA BOLLA DEL TENNIS

E il tennis? Come si comporta? Il tennis si posiziona a metà tra lo scenario NBA e quello della Formula 1: a ogni torneo si crea una bolla simile a quella di Orlando, anche se l’alloggio dei giocatori non è co-locato rispetto alla sede di gioco, per cui è necessario avere un sistema di trasporti sicuro. Tuttavia il problema si pone quando si tratta di passare da una bolla all’altra, ovvero da un torneo all’altro. Anche perché in questo caso bisogna fare i conti con le restrizioni alla mobilità internazionale che non rappresentano un problema per le leghe professionistiche nazionali (dalla NBA alla Serie A alla Bundesliga).

Le organizzazioni che gestiscono il tennis pro stanno cercando di trovare un modo per consentire ai giocatori di poter viaggiare da un Paese all’altro evitando di dover osservare periodi di quarantena ogni volta che si attraversa un confine: per fare ciò è molto probabile che si faccia leva sul fatto che atleti provenienti da altre “bolle” nelle quali sono regolarmente testati ogni qualche giorno e vivano in un ambiente pensato per evitare contagi (con sotto-bolle e i vari “Tier”) già soddisfino i criteri per i quali la quarantena viene richiesta. Tuttavia, per soddisfare questi prerequisiti, è possibile che non sia permesso agli atleti di uscire dalla bolla di un torneo prima di entrare nella bolla di un altro, ovvero di “tornare a casa” una volta sconfitti in un torneo prima di spostarsi nella sede del prossimo evento.

Novak Djokovic – US Open 2018 (credit USTA/Garrett Ellwood)

Durante il torneo di Palermo, dove ai test d’ingresso una giocatrice è stata esclusa per essere risultata positiva al test ed è stata isolata in una struttura apposita, ci sono state parecchie critiche perché l’albergo ufficiale non è riservato alle giocatrici, ma ci sono anche altri ospiti che ovviamente non sono sottoposti a nessun controllo della bolla. In questo caso è necessario trattare gli “estranei” dell’albergo come appartenenti al livello più esterno della bolla ed evitare ogni contatto con loro. L’efficacia del concetto in questo caso dipende, come è il caso almeno in parte anche per le bolle NBA e NHL, dalla disciplina degli atleti e del loro entourage nei loro comportamenti al di fuori della propria stanza e della sede di gara.

Per quanto concerne lo US Open, sono state rese note alcune delle norme di sicurezza cui saranno sottoposti gli accreditati al torneo, e sembra che la USTA abbia deciso di fare sul serio. Come era già stato anticipato, si potrà alloggiare nei due hotel ufficiali (Long Island Marriott o Garden City) oppure si potrà affittare una casa privata. Ma per chi dovesse optare per la casa privata (disponibile ad un costo indicativo di 40.000 dollari per due settimane) sarà anche necessario pagare un costo supplementare per avere l’agenzia privata di sicurezza della USTA che sorveglia l’abitazione 24 ore al giorno (onde controllare gli spostamenti degli occupanti della casa), e si dovrà disporre di trasporto privato da e per il torneo.

Ogni giocatore avrà a disposizione al massimo tre ospiti nella propria abitazione (o nelle due stanze a disposizione negli alberghi ufficiali) con accesso all’impianto, ma solamente uno di questi ospiti potrà accompagnare il giocatore al campo da gioco, al campo d’allenamento, negli spogliatoi o al ristorante giocatori. Nessun’altra persona potrà visitare gli alloggi dei giocatori e ogni accreditato verrà testato almeno una volta ogni quattro giorni.

Nel caso in cui un giocatore dovesse risultare positivo a un test oppure lasciare la bolla senza autorizzazione, costui verrà automaticamente squalificato dal torneo e dovrà essere isolato per 10 giorni. La persona eventualmente nella stanza con il positivo verrà isolata in quarantena per 14 giorni. Di conseguenza, nel caso in cui il compagno di stanza di un giocatore dovesse risultare positivo, anche qui il giocatore in questione verrebbe squalificato dal torneo e messo in quarantena. Se un qualunque ospite del giocatore dovesse lasciare la bolla senza autorizzazione, questa persona dovrà lasciare la bolla entro 24 ore, le sarà ritirato l’accredito, non potrà essere accreditata allo US Open 2021 e il giocatore verrà multato.

I giocatori di doppio fungeranno da “alternate per i giocatori di singolare, dal momento che non ci sono le qualificazioni e non si può accedere a quella risorsa per riempire i posti lasciati vuoti in tabellone da eventuali giocatori risultati positivi prima dell’inizio del torneo.

Nell’ultimo documento fatto avere dalla USTA ai giocatori martedì scorso è stata garantita l’esenzione alla quarantena per tutti i partecipanti al torneo in arrivo a New York. Siccome questa quarantena è imposta non a livello federale ma a livello dello Stato di New York, essendosi il Governatore Cuomo impegnatosi personalmente per la disputa dello US Open, era abbastanza scontato che l’esenzione sarebbe arrivata. Al momento, tuttavia, non c’è ancora la sicurezza di un’esenzione simile per chi si recherà in Europa dopo lo US Open, ma il fatto che ci sia ancora abbastanza tempo per ottenere il semaforo verde dalle autorità del Vecchio Continente, e il relativo ottimismo che traspare dai giocatori che si stanno preparando a partire per gli Stati Uniti sembra far pensare che questo nulla osta dovrebbe arrivare.

Si tratta sicuramente di un mosaico molto complesso in cui ci sono parecchi elementi non ancora del tutto definiti e dove diverse cose possono creare problemi non indifferenti. Ma se c’è qualcuno che può far funzionare tutto questo probabilmente è proprio la USTA, che da mesi sta cercando di mettere in piedi un torneo che solo 6-8 settimane fa sembrava impossibile da disputare.

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: imprese di Cocciaretto ed Errani, male Paolini

Giornata piena di gioia per i colori italiani a Palermo, Cocciaretto ed Errani volano ai quarti di finale

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

PAOLINI KO – È Jasmine Paolini la prima italiana a scendere in campo a Palermo, contro la numero 116 del mondo Aliaksandra Sasnovich. Nonostante la differenza di classifica Sasnovich si presentava alla partita dopo la grandissima vittoria contro Mertens e non si può dire che la partita non abbia rispettato le aspettative. Paolini viene dominata completamente nel primo set, dove vince solo 6 punti su 19 al servizio e subisce un pesante 6-0 senza appello. Non migliora molto la situazione nel secondo set, dove subisce subito il break e ha un sussulto solamente nel sesto game, dove non sfrutta 5 palle break per tornare dentro la partita. Sasnovich scampa il pericolo e chiude comodamente con 6-2.

Molto lucida Paolini nella sua analisi post-partita Paolini: “In queste situazioni è molto difficile. Ho provato a incitarmi, a rimanere vicina nel punteggio ma quando parti male e l’altra parte molto bene è difficile. L’atteggiamento però è quello giusto, oggi purtroppo non è andata: lei mi è salita subito sopra“. Sasnovich sfiderà la vincente tra la numero 1 del seeding Petra Martic e Samsonova per un posto in semifinale.

ERRANI IN RIMONTA – Sfida inedita quella tra Sara Errani e Krystina Pliskova ed è la tennista italiana a volare nei quarti del Palermo Ladies Open. La tennista ceca, reduce da una grandissima vittoria contro Maria Sakkari, non rispetta le previsioni della vigilia e cede ad una Sara Errani che parte male ma che carbura col passare dei game.

 

L’inizio non è appunto dei migliori. La Pliskova vince ben 13 punti di fila ad inizio partita portandosi abbastanza comodamente sul 3-0. Sembra una partita dall’esito scontato, sulla falsariga di quella di Jasmine Paolini, ma Errani ha il merito di rimanere dentro la partita. Paradossalmente Errani non sembra soffrire tanto al servizio quanto in risposta, dove non riesce mai a mettersi in posizione di comando nello scambio e subisce perennemente l’iniziativa di Pliskova.

Nonostante la situazione pesante di punteggio sembra essere scattato qualcosa in Sara, che dopo il quarto game salvato aumenta i giri del motore in risposta e rende sempre la vita difficile a Pliskova sin dal primo colpo dopo il servizio. E il break arriva per l’italiana, dopo aver salvato tre set point. Ma bastano due seconde attaccabili di Errani per portarsi a due palle break e un rovescio affondato a rete vale il set per la ceca.

Lo spartito del match cambia completamente nel secondo set. Errani non sbaglia praticamente niente da fondocampo e Pliskova non riesce più a dominare lo scambio con il suo dritto. In un attimo la tennista ceca si ritrova sotto 0-2 e rischia anche il doppio break, ma una bellissima demi-volée di dritto la tiene a galla. Una riga profonda salva Pliskova da un pericoloso set point ma non basta, Errani va a servire per il set sul 5-4 e chiude con autorità un secondo set pienamente meritato. Un set in cui Sarita non ha mai perso il servizio.

Il momentum della tennista bolognese continua nel terzo set, con Errani che continua a dominare da fondocampo e a tenere medie accettabili al servizio. Chiuderà la partita con il 78% di prime in campo e il 59% di punti vinti con la prima. L’italiana trova il break nel quinto game e non si guarda più indietro. Tiene la concentrazione nonostante il rain delay sul 5-3 e chiude il match con l’ennesimo break. Troverà una Fiona Ferro in grandissima forma nei quarti, ma visto il livello tenuto in questo inizio di torneo tutto è possibile. “Ho cercato di rimanere concentrata durante la pausa per la pioggia – ha detto Errani a fine match -. Sono più tranquilla rispetto allo scorso anno, sono sempre dentro la partita. Ferro prossima avversaria? Questa mattina ci siamo allenate insieme. È giovane e molto potente”.

SORPRESA COCCIARETTO – Elisabetta Cocciaretto si conferma il nostro miglior prospetto femminile e sconfessa i pronostici della vigilia battendo Donna Vekic dopo un’ora e mezzo di battaglia. È la prima vittoria contro una top30 e la seconda contro una top100 nell’arco di due giorni. La tennista italiana ha fatto valere la sua maggiore solidità da fondocampo e soprattutto al servizio, dove nonostante non abbia brillato particolarmente per potenza è stata molto più costante dell’avversaria.

La partita è dura sin da subito. Cocciaretto deve salvare due palle break in un game di dieci minuti e la stessa Vekic soffre parecchio al servizio in altri due game interminabili. È Cocciaretto però a spuntarla grazie al suo dritto. L’italiana si porta a palla break con un bellissimo dritto in corsa e si prende il 4-2 grazie ad un errore non forzato della croata. Vekic non trova mai il ritmo da fondocampo e soprattutto ha un servizio troppo poco incisivo per creare problemi a Cocciaretto. L’italiana è estremamente aggressiva sulle seconde della numero 24 del mondo e non ha problemi a sfruttare il servizio timoroso della Vekic, portandosi a casa break e set per il 6-2.

Le distrazioni della tennista croata non si fermano nel secondo set, dove viene breakkata subito e mostra un linguaggio del corpo che non lascia presagire niente di buono. Nonostante ciò ha un sussulto e tanto basta per riaprire il set, approfittando di un passaggio a vuoto di Cocciaretto al servizio. L’italiana non si perde d’animo e tiene senza problemi i suoi turni di battuta, per poi trovare il break decisivo nel decimo game e lanciare la racchetta al cielo per quella che è la più grande vittoria della sua carriera finora. Saranno i primi quarti a livello WTA per Elisabetta Cocciaretto, che troverà la vincente tra Kontaveit e Siegemund.

Risultati:

[Q] A. Sasnovich b. J. Paolini 6-0 6-2
[WC] S. Errani b. Kr. Pliskova 3-6 6-4 6-3
[WC] E. Cocciaretto b. [6] D. Vekic 6-2 6-4
F. Ferro b. [8] E. Alexandrova 7-5 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: Camila Giorgi completa il poker azzurro

Convincente esordio per Camila Giorgi a Palermo contro Rebecca Peterson. Prossimo impegno contro Juvan. Fuori la n. 2 Vondrousova

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Ritorno vincente per la n.1 italiana Camila Giorgi (n. 89 del ranking) che ha fatto il suo rientro sul circuito WTA aggiudicandosi il suo in contro di primo turno al Palermo Ladies Open contro la svedese Rebecca Peterson (n. 44 WTA) con il punteggio di 7-5 6-4. Nel suo primo match sulla terra battuta da più di due anni a questa parte, la marchigiana ha fatto un po’ fatica all’inizio del match a trovare il ritmo partita e ha dovuto recuperare da 1-3 e servire per rimanere nel set sul 4-5. Da lì però ha infilato ben sette giochi consecutivi che hanno segnato il destino del match. “Mi sono allenata qualche settimana sulla terra, mi sono trovata molto bene – ha spiegato Giorgi -. I primi punti sono stati un po’ difficili per il ritmo, poi ho iniziato a muovermi meglio. Il pubblico è stato fantastico”.

La vittoria di Camila completa l’en-plein azzurro al primo turno della competizione palermitana, raggiungendo Errani, Cocciaretto e Paolini che avevano superato il loro primo impegno nella giornata di lunedì. Il prossimo turno per Giorgi sarà contro la slovena qualificata Kaja Juvan (n. 121 WTA) che nel primo incontro della giornata sul campo centrale aveva eliminato la testa di serie n.2 Marketa Vondrousova (n. 18 WTA), finalista lo scorso anno al Roland Garros.

Negli altri incontri di martedì da segnalare il facile ingresso del torneo della testa di serie n.1 Petra Martic, che ha lasciato solamente tre giochi alla belga Van Uytvanck, e l’affermazione di altre tre giocatrici provenienti dalle qualificazioni: la russa Samsonova, che ha superato Flipkens, la bielorussa Sasnovic che ha eliminato la n. 5 del seeding Elise Mertens e la lucky loser Dodin che ha avuto la meglio di Zidansek.

 

I risultati:

[1] P. Martic b. A. Van Uytvanck 6-0 6-3
[Q] L. Samsonova b. K. Flipkens 6-4 6-2
[Q] A. Sasnovich b. [5] E. Mertens 6-4 6-1
F. Ferro b. [Q] N. Podoroska 6-2 6-1
[LL] O. Dodin b. T. Zidansek 2-6 6-4 6-4
C. Giorgi b. R. Peterson 7-5 6-4
[Q] K Juvan b. [2] M. Vondrousova 1-6 7-5 6-4

Il tabellone aggiornato

Il programma di mercoledì 5 agosto

Campo centraleore 16
[8] E. Alexandrova vs F. Ferro
J. Paolini vs [Q] A. Sasnovich
[WC] S. Errani vs Kr. Pliskova
[WC] E. Cocciaretto vs [6] D. Vekic

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement