Ugo Pigato della Milano Tennis Academy: "Il tennis femminile è cambiato tanto"

Flash

Ugo Pigato della Milano Tennis Academy: “Il tennis femminile è cambiato tanto”

Il direttore tecnico dell’accademia milanese, nonché papà della promettente Lisa Pigato, ci racconta il suo progetto e cosa ne pensa del tennis attuale: “Una volta bastava il talento, ma anche McEnroe era allenato…”

Pubblicato

il

“L’appetito vien mangiando” dice il proverbio ed è ciò che è capitato a noi dopo l’intervista con Massimo Sartori. Abbiamo quindi deciso di realizzare un tour virtuale in Italia per dialogare con i responsabili tecnici di alcune delle più importanti scuole tennis italiane, comprendere qual è la strada che può portare un bambino a diventare un professionista e – tanto per non smentirci – dare spazio alla nostra passione per il tennis per parlarne a tutto tondo.

Di seguito vi proponiamo la videointervista realizzata con Ugo Pigato – best ranking singolare n. 373 e doppio n. 164 –  attuale direttore tecnico della Milano Tennis Academy, un progetto relativamente recente che è nato appena due anni fa con l’obiettivo di diventare una delle eccellenze italiane nell’ambito della formazione tennistica. Ugo Pigato è anche il papà di Lisa, promettente tennista classe 2003 che occupa la posizione 722 del ranking WTA.

I passaggi salienti dell’intervista

 

00:50 – Nascita, struttura operativa ed obiettivi della Milano Tennis Academy (MTA).

04:10 – Come si può conciliare lo sport con lo studio. La partnership tra MTA e i college americani.

07:25 – La giornata tipo di un teenager che decide di provarci.

09:40 – Quando è lecito iniziare a sognare: il punto di svolta nella classifica italiana.

11:13 – I costi del tennis: come ammortizzarli? Gli aiuti federali e degli sponsor e un confronto con il passato.

14:20 – Di nuovo il rovescio: una o due mani?

16:30 – Un parere sul tennis femminile italiano; un ritratto di Lisa Pigato; una panoramica sul tennis femminile di vertice.

25:20 – Per poco battevo il numero 2 del mondo! A seguire un confronto tra i professionisti attuali e quelli della generazione precedente: meno potenza e più tocco.

29:50 – Saluti e appuntamento alla terza puntata

Continua a leggere
Commenti

Flash

Molto bene Pliskova, Halep e Muguruza. Kasatkina fa crack

Nessun problema per le favorite nella giornata femminile di ottavi. All’inizio del tie break contro Azarenka la russa si gira una caviglia e scoppia in lacrime, accudita da una commovente Vika

Pubblicato

il

Forse, anche senza forse, la sfida più scomoda era quella che toccava a Garbine Muguruza, ma l’ex numero uno WTA ha pescato una di quelle giornate in cui è difficile avere a che fare con lei. A Johanna Konta è toccato il ruolo di vittima sacrificale, bersaglio di vincenti e di numeri che dicono molta verità sull’ottavo più regale di oggi. 82% con la prima in campo, 62% con la seconda, venti punti in più per Garbine. La quale, com’è noto, non ha nella continuità il suo punto forte, ma in questa versione è da titolo. A Roma, ma anche a Parigi, dove potrebbe avere le carte in regola per replicare il trionfo di quattro anni fa, o almeno per giocarsela.

Intanto, restando al Foro Italico, nei quarti di finale avrà un ostacolo bello alto da superare, avente le sembianze di Victoria Azarenka, uscita vincitrice con il magone dalla sfida più traumatica e romantica dell’edizione duemilaventi, almeno per il momento. Era in difficoltà Vika, nel match contro Daria Kasatkina; per due volte aveva dovuto mettere una pezza in extremis con l’avversaria impegnata a servire per il primo set, ma era riuscita a trascinarla al tie break. Qui, sul due a zero Bielorussia, Daria si è impuntata nei pressi della linea del servizio, le si è girata in modo molto preoccupante la caviglia destra ed è crollata a terra. Lacrime disperate, match finito.

Azarenka ancora una volta ha dato segnali della meravigliosa persona che sospettiamo essere anche fuori dal rettangolo di gioco: portando alla rivale sfinita il ghiaccio, ripulendola dalla terra battuta con cui si era sporcata, aiutandola a sedersi. Parlandole a lungo finanche strappandole un sorriso, e infine baciandola sulla fronte prima di lasciare il campo. Un bel finale per una storia triste: inutile dire che alla tennista di Togliatti vanno i nostri migliori auguri.

 

Rimanendo nella parte alta del tabellone, nel frattempo Simona Halep aveva rimontato un iniziale svantaggio di zero a tre per rimontare in tromba Dayana Yastremska, ed Elena Rybakina, cui il lungo stop forzato non sembra aver necessariamente giovato, aveva gettato alle ortiche l’ampio vantaggio (6-4, 5-2) accumulato contro la sempre tenacissima Yulia Putintseva, la quale ha finito per dominare il terzo set.

Nella parte bassa, in attesa degli ultimi due match di giornata, hanno risolto piuttosto comodamente le rispettive pratiche Karolina Pliskova ed Elise Mertens, disponibili a cedere rispettivamente sette e otto giochi ad Anna Blinkova e a Danka Kovinic.

Il tabellone completo e aggiornato

Continua a leggere

Flash

Internazionali di Roma, il programma di sabato 19 settembre: Berrettini a mezzogiorno

Sarà insolitamente un sabato di quarti di finale (ricordiamo che le finali si giocano lunedì). Nole all’ora del caffè, Shapovalov-Dimitrov a chiudere sul Pietrangeli

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Resiste solo Matteo Berrettini. Dei quattro italiani giunti agli ottavi di finale, il tennista romano è stato l’unico a trovare un posto tra i primi otto; non ce l’hanno fatta Sinner e Musetti, sconfitti rispettivamente da Dimitrov e Koepfer. Berrettini proverà a guadagnarsi la prima semifinale di fronte al pubblico amico – e ci sarebbe davvero qualcuno a sostenerlo, dopo l’annuncio di Spadafora – alle ore 12 sul campo Pietrangeli, contro quel Ruud che lo aveva battuto a Parigi lo scorso anno ma che Matteo ha sconfitto agevolmente due settimane fa allo US Open.

Sul centrale aprirà la numero uno del mondo Halep, seguita dal capo-classifica maschile Djokovic (Koepfer è chiamato all’impresa). Se Rafael Nadal dovesse qualificarsi per i quarti, giocherebbe non prima delle 20:30 contro uno tra Schwartzman e Hurkacz. Da segnalare anche il match che concluderà il programma del Pietrangeli (Shapovalov-Dimitrov).

Centrale – dalle 12
[1] S. Halep vs Y. Putintseva
non prima delle 14:30
[1] N. Djokovic vs [Q] D. Koepfer
non prima delle 19
[11] E. Mertens vs [2] Ka. Pliskova
non prima delle 20:30
[8] D. Schwartzman o H. Hurkacz vs D. Lajovic o [2] R. Nadal

 

Pietrangeli – dalle 12
[4] M. Berrettini vs C. Ruud
non prima delle 14
[SE] V. Azarenka vs [9] G. Muguruza
P. Hercog o [12] M. Vondrousova vs S. Kuznetsova o [4] E. Svitolina
non prima delle 18
[12] D. Shapovalov vs [15] G. Dimitrov

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Il tabellone femminile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

Flash

Binaghi commenta: “È roba da matti” E ha pure ragione

Il Presidente FIT commenta la decisione di Spadafora di aprire a 1000 spettatori nelle giornate di domenica e lunedì.
Seguirà commento del direttore Scanagatta

Pubblicato

il

Il Presidente della FIT Angelo Binaghi ha ringraziato il Miniìstro dello Sport Vincenzo Spadafora per la decisione presa di sua iniziativa di aprire a 1000 spettatori anche il Foro Italico per le giornate di domenica (semifinali) e lunedì (finali). Non nasconde però la sua amarezza per il ritardo di tale presa di posizione:

Questo conferma ancora di più l’ingiustizia e l’illogicità e viviamo in un Paese nel quale probabilmente ci sono organismi che dovrebbero essere collegati meglio per poter ottenere decisioni per il bene del nostro Paese senza che debba essere un ministro sotto la sua responsabilità a prendere una decisione che ognuno di noi senza mille comitati dietro avrebbe preso perché non è possibile che a Bologna dove l’epidemia è più grossa ci siano 1500 persone al chiuso per la finale di basket, bravo il mio amico Petrucci che ci riesce e qua in uno stadio da 10.000 persone all’aperto non ci possa entrare una persona, ma in che Paese viviamo?

E aggiunge:

“Stiamo facendo questa operazione quasi sicuramente in perdita o comunque con un grosso rischio ma abbiano deciso di farla lo stesso. I primi 1000 che dalle 15 di oggi registreranno la loro mail sul nostro sito tra coloro che avevano i biglietti originali per semifinali o finali sul Centrale entreranno. Per gli altri rimane valido il super voucher. Abbiamo solo un giorno e mezzo per rimettere in sicurezza l’impianto. Se invitassi allo stadio mille miei amici non avrei alcun vincolo burocratica, se voglio far entrare i possessori dei biglietti o degli abbonamenti siamo soggetti a tutta una serie di adempimenti burocratici che ci creano ansia costi e anche la possibilità di sbagliare qui cercheremo di sbagliare il meno possibile”.

 

Insomma la confusione regna sovrana ma almeno le fasi finali degli Internazionali d’Italia non saranno prive di pubblico.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement