Internazionali di Roma: a una giornata memorabile per gli azzurri, ne seguirà un’altra?

Editoriali del Direttore

Internazionali di Roma: a una giornata memorabile per gli azzurri, ne seguirà un’altra?

Sei italiani si sono aggiunti alle due teste di serie al secondo turno. Non un record, ma quasi. Musetti formidabile con un Wawrinka così così. Ma attenti a non ripetere l’errore di Sinner. Cecchinato e Caruso che guerrieri. Con chi qui scrive… nuova figuraccia FIT!

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)
 

Che meraviglia sarebbe stata per gli spettatori del martedì al Foro Italico… se avessero potuto esserci. Chissà quando mai succederà di nuovo che tre italiani raggiungano i tre che si erano qualificati per il secondo turno lunedì pur avendo, tutti e sei, giocato contro classifica e forse anche contro pronostico.

Di certo nessuno poteva pronosticare Lorenzo Musetti vittorioso contro Stan Wawrinka, anche se si poteva dubitare un po’ sullo stato di forma dello svizzero che aveva preferito evitare la trasferta americana. Ma Lorenzo, uscito dalle qualificazioni dopo una aspra battaglia con l’amico Zeppieri, sembrava alla vigilia un po’ troppo tenero per impensierire un giocatore dal CV (tre Slam) e dalla personalità di Stan The Man. Invece, dopo avergli rifilato un 6-0 al primo set che per i bookmakers non avrebbe avuto quota, Musetti ha dimostrato una freddezza e una tranquillità inaspettata anche nella gestione del secondo set, quando Wawrinka si è rifatto sotto e ha cacciato anche qualche urlo guerriero non appena ha recuperato il break e raggiunto il 3 pari.

Ma non solo quelle sono le qualità espresse dal tennista di Carrara che io vidi vincere il torneo junior di Pasqua alle Cascine di Firenze nel 2018, 20 anni dopo Roger Federer che lo aveva vinto anche lui prima di compiere i 17 anni. Potete rivederlo qua sotto con quel trofeo in mano prima della mia intervista.

Lorenzo, ex campione junior poi all’Australian Open, nel conquistare la prima vittoria di un 2002 in un Masters 1000 sotto gli occhi del suo mentore Simone Tartarini che lo ha seguito ovunque con l’affetto di un secondo padre, ha messo in mostra anche un grande talento: eh sì, la naturalezza con la quale ha duettato contro Wawrinka anche sulla diagonale dei rovesci, a una mano il suo come quello di Stan The Man che gode fama di essere uno dei primissimi al mondo, è stata non solo spesso vincente, ma davvero impressionante. Ha giocato anche un passante di rovescio stretto e incrociato da… spellarsi le mani per gli applausi.

Che peccato che al Foro ci fossero solo quattro gatti ad ammirarlo. Chi stava davanti alla tv come me – al sottoscritto la FIT ha ritenuto di non dare un accredito di presenza al Foro, ma solo uno virtuale, a differenza di 48 colleghi evidentemente… più simpatici a Binaghi e soci – non poteva trasmettergli tutto l’entusiasmo e la partecipazione che certamente avrebbero comunicato gli appassionati italiani.

GUAI A PARLARE ORA DI MUSETTI COME È STATO FATTO PER SINNER

Non illudiamoci ora. Se Piatti ha sempre detto che per Sinner occorreva aver pazienza, anche per Musetti occorre averla. Incontra Nishikori adesso. Il giapponese ha saltato il fake Cincinnati e New York, ma se a Roma ha battuto al primo turno Ramos-Vinolas che sulla terra rossa non è l’ultimo arrivato, beh non sarà un avversario tenero. Quindi non sovraccarichiamo le spalle (pur assai rafforzate: serve sopra i 200 km l’ora! E con mille variazioni di effetti e angoli) del giovanissimo Musetti pretendendo che si ripeta in omaggio alla famosa prova del nove. Speriamo che giochi un’altra bella partita, senza timori reverenziali, questo sì. Non innalziamo per Musetti i cori innalzati troppo presto al pur bravissimo Jannik Sinner, che secondo troppi avrebbe dovuto giocare da top ten già quest’anno per diventare numero 1 l’anno prossimo.

Se Musetti ha fatto il colpo del boom, grande ammirazione si deve agli altri due azzurri protagonisti di giornata. Non so dire chi dei due avesse l’avversario più tosto. Tennys Sandgren, l’abituale giustiziere degli italiani (Cecchinato, due volte Fognini, Berrettini, Sonego) nelle occasioni importanti, oppure Kyle Edmund, il bombardiere del Regno Unito che una volta lottava con Quinzi e poi ha raggiunto le semifinali dell’Australian Open?

Caruso ha lottato con un cuore ammirevole in una giornata caldissima ed è riuscito a battere uno che – a differenza di Paire e tanti altri – non molla un punto che è uno. Sandgren in Australia aveva avuto sette matchpoint con Federer. Non avrebbe certo mollato il matchpoint ieri al Foro, se Salvo non fosse stato bravo a lottare senza paura. Quando al ragazzo di Avola scappava… un doppio fallo, rimediava subito con un servizio vincente. Che grande prova di carattere. Idem dicasi per Cecchinato che, battuto nove volte di fila al primo turno nel suo annus horribilis, non aveva troppi motivi per aver fiducia in se stesso, sebbene per la verità avesse detto il contrario pochi giorni fa, ispirato dalla nascita del primogenito e rasserenato dalla maestria al suo fianco di Max Sartori, un nome che è una garanzia di serietà e professionalità ai massimi livelli.

Cosa sia successo fra Piatti e Sartori perché Max si sia allontanato da Bordighera –magari nulla, so che voleva avvicinarsi all’anziana madre a Vicenza – non lo so, ma diciamo che prendersi cura di un cavallo un po’ imbizzarrito come Cecchinato non era affar semplice e banale, ma il duo ha lavorato sodo ed è arrivato questo risultato importante in un torneo importante… che certo restituirà fiducia a un tennista che era salito addirittura al n.16 del mondo nel 2018 e che se anche non valesse quel livello è certo che vale molto di più del suo ranking attuale. Sulla terra rossa Marco può stare tranquillamente fra i primi 30. E aspirare anche a qualcosa di più. Anche senza battere Djokovic in un altro Slam.

Poichè avevano vinto lunedì altri tre azzurri, ne contiamo adesso sei lì, più i due teste di serie, Berrettini n.4 e Fognini n.7. Non è un record averne 8: anche nel ’69 ne avemmo 8 e nel 1973 addirittura 10. Un gran bel segnale anche agli scettici che dicessero: “L’importante è vedere quanti andranno in fondo”. Ok per calma e gesso, però Sinner ha 19 anni, Musetti 18, Zeppieri tre mesi in più, Berrettini 24 e Sonego 25…vengono quasi trattati come veterani! E Cecchinato a 28, fresco padre, è un nonno, così come Travaglia, anche lui 28?

IL SEGRETO DI PULCINELLA

Ora finalmente sento dire da tutti – con una quindicina di anni di ritardo rispetto a quando invece non era sciocca competizione ma vera guerra aperta – che la collaborazione fra FIT e team privati ha segnato la svolta ed è all’origine di questi progressi del tennis italiano. Ce n’è voluto per capirlo, meglio tardi che mai. Era il segreto di Pulcinella. Probabilmente sono state le vittime del vecchio sistema che, finalmente coinvolte nella più recente gestione federale, hanno fatto in modo che gli errori del passato non si ripetessero.

Ma perché ciò accadesse era necessario che, appunto, i vecchi giocatori d’esperienza internazionale – come aveva sempre fatto la Federtennis francese che sapeva di potersi affidare a giocatori di un certo spessore anche intellettuale e culturale (Dominguez, Moretton, Bedel, Portes, Haillet, Caujolle, Forget) – la mettessero al servizio del loro Paese. Da noi invece perfino per tre componenti su quattro della squadra che ha vinto la nostra unica Coppa Davis si è messa in mostra più ostilità che spirito di collaborazione. E anche i vari Pozzi, Pescosolido, Sanguinetti (i primi che mi vengono in mente) non sono stati ritenuti capaci di apportare contributi validi e interessanti. Forse non erano abbastanza pronti a stendere tappeti rossi.

OGGI PROSEGUIREMO SU QUESTA STRADA?

Ora speriamo soltanto che il torneo prosegua, almeno in parte, sulla strada intrapresa. Chiaramente Berrettini è quello che sembra avere più possibilità di riuscirci. Altrimenti non avrebbe la classifica che ha e non sarebbe testa di serie n.4. Ma la classifica, lo abbiamo visto ieri, conta fino a un certo punto. E il fattore campo avrebbe aiutato, se ci fosse stato. Per Cecchinato c’è Krajinovic, suo coetaneo di vecchia data nei challenger: lo ha battuto tre volte su sette. L’unico duello nel circuito maggiore è avvenuto in Australia a gennaio: aveva vinto i primi due set, ci ha perso al quinto.

Caruso con Djokovic onestamente non può aspirare che a cercare di fare una buna partita, anche se il n.1 del mondo di solito non è incline a far fare bella figura ai suoi avversari. Almeno Salvo giocherà libero. Sono curioso di vedere Sinner con Tsitsipas. Giocarono contro anche un anno fa. Chi ha fatto più progressi dei due? È la risposta che proveremo a darci stasera. Anche se un solo match in realtà non la può dare. Sono pessimista sul conto di Fognini dopo aver seguito la sua prova a Kitzbuhel. E mi è sembrato pessimista anche lui. Travaglia con Coric non può illudersi, ma ci può provare perché Coric non gioca sempre bene. Ci proverà anche Sonego con Ruud, brutto pesce norvegese (non son tutti salmoni). Ma se ieri, oltre agli exploit degli azzurri, Koepfer ha battuto De Minaur e Coria Struff, quasi nessun risultato è davvero scontato. Come dicon tutti: si parte sempre dallo 0 a 0.

UN SOTTOZERO PER L’ULTIMA FIGURACCIA FIT

Sotto zero invece mi sembra, ancora una volta, il comportamento della FIT che mi ha negato un accredito stampa al Foro Italico, commettendo un’altra clamorosa gaffe se non un abuso. Ho un accredito virtuale, cioè posso seguire e partecipare alle conferenze stampa – bontà loro – ma al contrario di 48 colleghi che sono stati… ammessi a corte, io non ne sono stato ritenuto degno. Chissà, forse avrei dovuto scrivere che la Fit aveva fatto proprio bene a non restituire i soldi dei biglietti ai loro creditori. Come hanno fatto tutti gli altri Masters 1000 che non si sono disputati. Buon tennis a tutti dalla tv di casa mia.

P.S. Dimenticavo: recentemente L’ International Hall of Fame mi ha fatto l’onore di nominarmi membro del comitato che seleziona annualmente i campioni da inserire eventualmente nella Hall of Fame. Unico giornalista italiano. La proposta di inserirmi nell’Enshrinement Nominating Committee (di cui fanno parte Martina Navratilova, Pam Shriver, Jan Kodeš, Mark Woodforde, Frew McMillan, Fred Stolle, Arantxa Sanchez e altri vincitori di Slam) e’ venuta da Todd Martin e Stan Smith e sono stato orgoglioso di accettare. Qualcuno lo segnali a chi si occupa di fare gli accrediti FIT.


Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement