La Piccola Biblioteca di Ubitennis. Manuale fondamentale di preparazione fisica per il tennis

Libreria

La Piccola Biblioteca di Ubitennis. Manuale fondamentale di preparazione fisica per il tennis

Nel suo nuovo libro il famoso preparatore fisico Salvatore Buzzelli sintetizza, con dovizia di particolari, i suoi studi e la sua pluridecennale esperienza pratica nell’ambito della preparazione fisica del tennis

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)
 

S. Buzzelli, Manuale fondamentale di preparazione fisica per il tennis – Principi Essenziali e Tendenze Moderne per Massimizzare la Performance e Vincere, Giacomo Catalani Editore

Dopo “Tennis. La Nuova Scienza della Preparazione Fisica con il rivoluzionario Metodo Coordinabolico®”, scritto a quattro mani con l’allievo Marco Mazzilli e di cui avevamo parlato lo scorso marzo in questa rubrica, Salvatore Buzzelli esce con la sua nuova fatica editoriale “Manuale fondamentale di preparazione fisica per il tennis – Principi Essenziali e Tendenze Moderne per Massimizzare la Performance e Vincere

Proprio sul concetto dell’essenzialità, intesa come caratteristica necessaria e fondamentale, unito a quelli di semplicità e concretezza, si basa il manuale di Buzzelli, uno dei massimi esperti nella metodologia dell’allenamento, ricercatore e preparatore fisico, che nel corso del suo lungo percorso professionale ha collaborato con scienziati di fama mondiale come Kenneth Cooper e Carmelo Bosco ed ha allenato diversi tennisti professionisti, tra i quali spiccano Omar Camporese (ex n. 18 ATP), Massimiliano Narducci (ex n. 77 ATP) e l’attuale capitano di Fed Cup Tathiana Garbin (ex n. 22 WTA). Un testo – come sottolineato da lui stesso nella premessa e come ci ha sottolineato in una piacevole conversazione telefonica – che ha l’obiettivo di essere uno strumento di supporto per gli operatori del settore, affinché adottino modalità corrette ed – appunto –  essenziali nel loro lavoro con gli atleti.

 

La preparazione fisica “essenziale” illustrata da Buzzelli, si basa su tre principali presupposti in ambito tennistico. Ovvero, in partita un “atleta-giocatore” deve:

  • saper reagire in tempi brevi all’azione dell’avversario;
  • spostarsi rapidamente nella posizione in cui poter ricevere e colpire la palla in arrivo con efficacia;
  • essere capaci di reiterare il punto 1 e 2 per tutto il tempo della partita.

Partendo da questi presupposti, Buzzelli guida il lettore attraverso le caratteristiche motorie necessarie nel tennis agonistico e propone le soluzioni per ottenere il massimo risultato personale possibile con l’obiettivo di diventare quell’atleta “resiliente” che deve essere il tennista agonista (ovviamente attraverso la combinazione del lavoro tecnico-mentale-fisico), sempre avendo come filo conduttore i concetti di semplicità ed efficacia.

Partendo inoltre dalla considerazione che nel tennis la periodizzazione dell’allenamento – ovvero l’organizzazione del programma di allenamento in periodi – risulta alquanto complessa, in considerazione del fatto che l’attività agonistica è distribuita nell’arco dell’intero anno. Tanto che per i professionisti si dovrebbe ragionare in termini di “periodizzazione multipla”, prevedendo cioè 5-6 periodi agonistici durante la stagione. Questo comporta la necessità che la programmazione del tennista debba essere, come la definisce Buzzelli, “globale”. Cioè la parte tecnico-tattica non dovrebbe mai risultare isolata dalla preparazione fisica generale e specifica, con una interazione tra allenatore e preparatore atletico che deve essere continua, per evitare dispendiosi sovraccarichi funzionali derivanti dalla duplicazione di attività simili dal punto di vista metabolico.

Il manuale entra poi nel pratico. Eccome se ci entra, illustrando dettagliatamente gli elementi sostanziali dell’allenamento del tennista. A partire dal corretto riscaldamento, al lavoro sulla mobilità articolare (con interessanti riflessioni sullo stretching e la sua corretta integrazione in un piano di allenamento), ai diversi ambiti di potenziamento di arti inferiori, arti superiori e core. Per passare agli esercizi in policoncorrenza con la palla zavorrata – importanti perché permettono al giocatore di comprendere ed allenare gli appoggi per produrre spinte efficaci, essenziali nell’esecuzione dei gesti tecnici nel tennis – , al circuit training e poi agli esercizi con gli strumenti creati dallo stesso Buzzelli (come il TR Buzz, la rivisitazione del TRX realizzata per disporre di uno strumento che fosse più in linea con i movimenti richiesti dalla tecniche di molti sport, tra i quali il tennis), ai lavori sulla coordinazione, sulla accelerazione e sulla velocità, con gli ostacoli e infine sul potenziamento organico.

Aspetto, quest’ultimo, determinante dal punto di vista metodologico, considerando il fatto che una partita di tennis ha una durata indefinita, ma tenendo presente che le azioni di gioco son perlopiù incentrate su azioni rapide e veloci. Non poteva ovviamente mancare un capitolo al SensoBuzz, lo strumento elettronico creato dal professore esaustivo per l’allenamento e la valutazione funzionale da campo che supporta la scelta metodologica dell’allenatore, che a sua discrezione imposta l’allenamento sulla base delle necessità (del singolo atleta o del gruppo di atleti) e degli obiettivi (rapidità, velocità, resistenza, ecc.).

Per chiudere con una serie di esempi di programmi, comprensivi di quelli durante il periodo agonistico. Buzzelli, infatti, sostiene che “durante il torneo ci si allena comunque”, ovviamente adeguando l’allenamento sulla base dell’impegno psicofisico sostenuto in partita e degli impegni successivi.

Insomma, prendendo in prestito le parole di un altro grande preparatore fisico come Marco Panichi, attuale preparatore di Novak Djokovic, questo libro è “una “bibbia” essenziale, per chi vuole lavorare nell’ambito del tennis ma anche per chi è un semplice appassionato, proprio per la chiarezza e l’essenzialità dell’esposizione: concetti espressi in modo semplificato e facilmente fruibili nonostante la loro complessità”.

La piccola biblioteca di Ubitennis – tutti gli articoli

Continua a leggere
Commenti

Flash

Premio “Gianni Mura”: vince Giorgia Mecca con “Serena e Venus Williams, nel nome del padre” come miglior libro sul tennis

Il libro sulle sorelle Williams si aggiudica, alla prima edizione, il premio “Gianni Mura” a Palazzo Madama e riceve la menzione speciale della giuria

Pubblicato

il

Sabato 12 novembre, una settimana prima che anche il direttore Ubaldo Scanagatta varcasse la soglia di Palazzo a Madama per chiudere la rassegna stampa di 8 giorni di ATP Finals, prendeva vita la prima edizione del premio Gianni Mura. Un premio intitolato a uno dei più illustri giornalisti sportivi italiani, storica firma del giornale Repubblica, scomparso a Senigallia nel marzo del 2020.

Giorgia Mecca, nata a Torino nel 1989, scrive per il quotidiano “Il Foglio”, per l’edizione torinese del “Corriere della Sera” e con il suo libro “Serena e Venus Williams, nel nome del padre” edito da 66thand2nd si è aggiudicata il premio con la menzione speciale della giuria come miglior libro sul tennis. Un libro che racconta la storia di due giovani tenniste di colore e del sogno di loro padre: farle diventare le più grandi.

Diciassette capitoli racchiudono in questo libro la forza, la paura, la tenacia e anche la vergogna di credere in un sogno. Un sogno che il padre di Serena e Venus aveva già in serbo per loro ancor prima che nascessero e che ha ispirato la giovane giornalista torinese a farne un libro di successo. Giorgia Mecca nei suoi capitoli ci racconta come queste due tenniste un giorno abbiano dovuto smettere di essere sorelle e siano dovute diventare avversarie. Ripercorre numerose sfide, la prima di tante nel capitolo intitolato “18 gennaio 1998 – Venus 7-6 6-1” dove racconta il giorno in cui Venus e Serena, al secondo turno degli Australian Open, hanno iniziato a giocare una contro l’altra. Ma ripercorre anche un’infanzia a tratti molto difficile e una storia di famiglia, più unica che rara. Questa la citazione più celebre del libro premiato: “Sono state nere in un mondo di bianchi, potenti in uno sport elegante, urlanti in un campo che richiede silenzio. Sempre dalla parte sbagliata. Per provocazione (loro), e per pregiudizio (altrui). Nel nome del padre due figlie sono state le prime afroamericane con la racchetta in mano, per non essere le ultime”.

 

Dopo aver elogiato il famoso giornalista sportivo Gianni Mura, la giornalista torinese, commossa e felice, ha chiuso così il discorso di ringraziamenti per aver ricevuto il premio: “Se anche loro si sono concesse di cadere qualche volta, forse dovremmo imparare a concedercelo tutti ogni tanto”.

Continua a leggere

Flash

Esce oggi “Il Grande Libro di Roger Federer”, 542 pagine con il racconto (e i dati) dei giorni più memorabili del fenomeno svizzero

Stagione per stagione l’autore Remo Borgatti ripercorre tutta la sua straordinaria carriera. Tutti i suoi incontri, curiosità e statistiche, anche in rapporto alle caratteristiche tecniche degli avversari, da Nadal a Djokovic, Murray e Wawrinka, a seconda delle superfici

Pubblicato

il

Roger Federer - Laver Cup 2022, Londra (twitter @LaverCup)

IL GRANDE LIBRO DI ROGER FEDERER

AUTORE: REMO BORGATTI

PAGINE:  542

 

EURO:  24,00

EDITORE:  ULTRA SPORT

Autore del libro è Remo Borgatti, uno dei primissimi collaboratori di Ubitennis. Suo è il racconto ‘Uno contro tutti’ che ripercorre l’avvicendarsi di tutti i numeri 1 della storia del tennis, pubblicato a puntate su Ubitennis. Lo potete trovare a questo link.
Tra le sue rubriche c’è anche ‘Mercoledì da Leoni’, racconti di imprese più o meno grandi compiute da tennisti non particolarmente noti al grande pubblico. La serie la potete trovare a questo link.

Di Roger Federer, nel corso della sua lunga e meravigliosa carriera, si è detto e scritto di tutto. Il ritiro ufficiale, avvenuto durante lo svolgimento della Laver Cup di Londra, ha soltanto messo la parola fine a una vicenda umana e agonistica che ha cambiato per sempre la storia del tennis e più in generale dello sport. Nel volume dal titolo “IL GRANDE LIBRO DI ROGER FEDERER” (Ultra Edizioni, 542 pagine, 24 Euro), Remo Borgatti ha raccolto ed elaborato tutti i risultati e i numeri fatti registrare dal campione elvetico. Il libro è sostanzialmente diviso in due parti. Nella prima, ricca di testo, viene passata in rassegna tutta la carriera di Federer stagione per stagione e nei suoi 150 giorni più significativi. Nella seconda, vengono elencati in ordine cronologico tutti gli incontri disputati nel circuito e negli slam, con tanto di statistiche e percentuali, oltre a una serie di tabelle analitiche che vanno a sviscerare anche gli aspetti più curiosi ed inediti, come ad esempio il bilancio vinte-perse in base alla superficie e alla categoria del torneo, o in base al seeded-player degli avversari o dello stesso Federer, o ancora in base alla mano (destro o mancino) e al rovescio (una o due mani) degli avversari. Poi c’è altro, molto altro. Probabilmente c’è tutto quello che un tifoso o un appassionato vorrebbe sapere su “King Roger” e che forse nemmeno Federer conosce così bene. Certo, nell’era di internet e del web molti di questi dati (ma non tutti) si trovano anche in rete e vien da chiedersi quale sia lo scopo di un lavoro del genere. Ma pensiamo che la risposta sia semplice e venga dalla passione e dalla volontà da parte dell’autore di analizzare e svelare il fenomeno-Federer mediante le sue cifre, data l’evidente impossibilità di spiegarlo attraverso i numeri che ha fatto sui campi di tennis di tutto il mondo.

Continua a leggere

Flash

John Lloyd, intervistato da Scanagatta, presenta l’autobiografia “Dear John” [ESCLUSIVA]

Intervistato in esclusiva per Ubitennis, l’ex-tennista britannico Lloyd si racconta tra aneddoti e ricordi. “Avrei dovuto vincere quel match” a proposito della finale all’Australian Open con Gerulaitis

Pubblicato

il

L’ex tennista britannico John Lloyd, presentando la sua autobiografia “Dear John”, viene intervistato in esclusiva dal direttore Ubaldo Scanagatta e racconta tanti aneddoti relativi alla sua carriera, inclusi i faccia a faccia con l’Italia in Coppa Davis. Le principali fortune di Lloyd arrivarono in Australia dove raggiunse la finale dello Slam nel 1977: “All’epoca era un grande torneo ma non come adesso” ricorda il 67enne Lloyd. “Mancavano molti tennisti perché si disputava a dicembre attorno a Natale, ma ad ogni modo sono arrivato in finale. Avrei dovuto vincerlo quel match– ammette con franchezza e una punta di rammarico –ho perso in cinque set dal mio amico Vitas (Gerulaitis). Fu una grande delusione ma se dovevo perdere da qualcuno, lui era quello giusto. Era una persona fantastica”.

Respirando aria di Wimbledon, era impossibile tralasciare l’argomento. Lo Slam di casa fu tuttavia quello che diede meno soddisfazioni a Lloyd, infatti il miglior risultato è il terzo turno raggiunto tre volte.Sentivo la pressione ma era davvero auto inflitta, da me stesso, perché giocavo bene in Davis e lì la pressione è la stessa che giocare per il tuo paese” ha spiegato l’ex marito di Chris Evert. “Ho vinto in doppio misto (con Wendy Turnbull, nel biennio ’83-’84) ed è fantastico ma sono sempre rimasto deluso dalle mie prestazioni lì. Ho ottenuto qualche bella vittoria: battei Roscoe Tunner (nel 1977) quando era testa di serie n.4 e tutti si aspettavano che avrebbe vinto il torneo. Giocammo sul campo 1. Ma era una caratteristica tipica delle mie prestazioni a Wimbledon, fare un grande exlpoit e poi perdere il giorno dopo. In quell’occasione persi contro un tennista tedesco, Karl Meiler”. In quel match di secondo turno tra i due, Lloyd si trovò due set a zero prima di perdere 2-6 3-6 6-2 6-4 9-7. Insomma cambieranno anche le tecnologie, gli stili di gioco, i nomi dei protagonisti… ma certe dinamiche nel tennis non cambieranno mai.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement