Ricordo di David Dinkins, l'ex sindaco di New York che... "Senza di lui non ci sarebbe lo US Open"

Flash

Ricordo di David Dinkins, l’ex sindaco di New York che… “Senza di lui non ci sarebbe lo US Open”

A 93 anni si è spento l’unico sindaco afroamericano della Grande Mela. Amava il tennis e fu decisivo per la nascita del BJKing Center a Flushing Meadows e la deviazione del traffico aereo

Pubblicato

il

Qui l’articolo originale di Bill Simons per Inside Tennis


Il 23 novembre David Dinkins, sindaco di New York dal 1990 al 1993 e primo (finora, unico) afroamericano a ricoprire tale carica, è morto a 93 anni per non meglio specificate cause naturali. Dinkins è stato un grandissimo appassionato di tennis e una figura di riferimento per lo US Open, che probabilmente senza di lui non sarebbero così come li conosciamo oggi. Mentre infatti il suo operato come sindaco della Grande Mela è stato a più riprese criticato e bollato come eccessivamente morbido (anche se recentemente l’attuale sindaco Bill de Blasio ha guidato una rivalutazione del suo operato), è innegabile il suo contributo a quello che rimane tutt’oggi il più importante torneo statunitense e uno dei quattro eventi più prestigiosi del tennis.

Quando si stava appena affacciando in politica, Dinkins è stato tra i promotori del trasloco dello US Open da Forest Hills a Flushing Meadows nel 1978. “In una città dove i parcheggi sono sacri come i cimiteri indiani, David ha incrementato enormemente lo spazio a disposizione del torneo e ha stabilito un contratto d’affitto della durata di 99 anni“, ha ricordato con gratitudine e commozione Skip Hartman, fondatore del New York Junior Tennis & Learning. “Senza di lui non ci sarebbe lo US Open.

 

Durante il suo mandato da sindaco poi, Dinkins ha negoziato con la USTA un decisivo accordo riguardo al traffico aereo. I voli in partenza dall’aeroporto LaGuardia infatti tormentavano con il loro rombo il torneo, i partecipanti e gli spettatori. Nelle giornate in cui il vento era contrario, gli aerei sorvolavano i campi di Flushing Meadows al ritmo di uno ogni 55 secondi. In quel periodo l’Open era corteggiato da altre città come Atlanta e Chicago, ma Dinkins è riuscito a mantenere l’evento a New York, convincendo la FAA (Federal Aviation Administration) a modificare le rotte dei voli in quelle due settimane.

L’accordo prevedeva che alla città di New York andasse una fetta dei guadagni dello US Open, mentre la USTA avrebbe avuto diritto a 300,000$ dollari per ogni aereo che avrebbe sorvolato la sede del torneo. La Federazione non ha mai visto quei soldi, ma nel frattempo l’evento è cresciuto sempre di più fino a diventare il colosso che è ancora oggi con guadagni che superano quelli delle due squadre di baseball della città, Yankees e Mets.

Dinkins era molto amico di Arthur Ashe e, al pari suo, era universalmente noto per la sua gentilezza e pacatezza. In molti lo hanno ricordato con affetto in questi giorni. In primis Katrina Adams, presidente e CEO della USTA dal 2015 al 2018 e prima donna afroamericana a ricoprire tale ruolo, che ha sempre considerato Dinkins come suo mentore. “Difficile trovare un uomo che potesse dare più motivazione, più ispirazione e che sapesse essere di maggior supporto. Era il mio secondo padre e il mio più grande sostenitore. Ci hai dato tutto te stesso.” Billie Jean King, 39 volte campionessa Slam tra singolo, doppio e doppio misto, lo ha definito “un campione del popolo“, mentre Chanda Rubin, ex numero 6 del mondo e semifinalista all’Australian Open 1996, ha detto di lui che era “un vero guerriero e un gentiluomo“.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Zverev riparte da Montpellier: una wild card dopo la batosta all’Australian Open

Il numero tre del mondo riparte dalla sua comfort zone, un torneo indoor in Europa, dopo la sconfitta contro Shapovalov

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Cup 2022 Sydney (foto Twitter @ATPCup)

Poca voglia di restare a casa, nessuna intenzione di rimanere altri giorni a rimuginare: Alexander Zverev tornerà subito in campo nella settimana successiva all’Open di Australia. Il tedesco numero 3 del mondo ha infatti ricevuto una wild card dagli organizzatori dell’ATP 250 di Montpellier, evento indoor che si giocherà la settimana prossima. Una location non lontanissima da Monaco, dove Zverev ha la residenza, e condizioni di gioco che potrebbero ricordare quelle di Torino, dove pochi mesi fa Sascha ha vinto le ATP Finals, per ritrovarsi subito e ripartire forte dopo il brutto KO negli ottavi di finale degli Australian Open contro Shapovalov. Una batosta che ha confermato ulteriormente il poco feeling del tedesco verso le prove del Grande Slam. Il tabellone dell’ATP di Montpellier dovrebbe vedere protagonisti, a meno di rinunce dell’ultimo momento, anche Gael Monfils e Roberto Bautista Agut.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere

Flash

Australian Open, Vanni Gibertini e Ubaldo Scanagatta parleranno di Berrettini-Nadal a RAI Radio 1 Sport

Vanni interverrà il 27 gennaio alle 17:35, il direttore Scanagatta il 28 gennaio alle 11:30 per parlare del risultato della semifinale

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

Siamo ormai prossimi alla semifinale fra Matteo Berrettini e Rafael Nadal all’Australian Open 2022, in programma il 28 gennaio alle 4:30. Si tratta di una prima assoluta per il tennis maschile italiano, e non è quindi una sorpresa che la performance del N.7 ATP sia finita sulle prime pagine degli organi d’informazione.

Proprio per questo motivo, era naturale che ci si rivolgesse a chi segue il tennis su base un pochino più frequente. RAI Radio 1 Sport si è quindi rivolta alla redazione di Ubitennis per un commento pre- e post-partita, con le seguenti modalità:

  • Il vicedirettore Vanni Gibertini interverrà a “Tempi Supplementari” verso le 17:35 del 27 gennaio
  • Il direttore Ubaldo Scanagatta invece sarà di scena verso le 11:30 a “Palla al Centro” il 28 gennaio

Oltre che via radio, le loro parole si potranno ascoltare anche in streaming, a questo link: Rai Radio1 Sport | Canale | RaiPlay Sound. Vi aspettiamo!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement