Sei giovani da tenere d’occhio nel 2021

Focus

Sei giovani da tenere d’occhio nel 2021

Si sono fatti notare in questa stagione. E sembrano pronti per fare il salto di qualità. Chi ci riuscirà? Gli Under 21 più interessanti fuori dalla Top 100, incluso Musetti

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - ATP Challenger Forlì 2020 (foto Felice Calabrò)

Comincia davvero a soffiare il vento del cambiamento sul circuito ATP. A Flushing Meadows, Dominic Thiem ha spezzato finalmente spezzato un monopolio del triumvirato Federer-Nadal-Djokovic sui tornei dello Slam che durava da quattro anni. L’austriaco è stato inoltre il primo tennista nato negli anni Novanta, la “generazione nera” del tennis maschile, schiacciata dai fenomeni del decennio precedente e che tanti talenti ha perso per strada, a raggiungere questo traguardo. Dopo l’exploit nel 2019, il 23enne Daniil Medvedev ha confermato di essere un tennista formidabile, vincendo le ATP Finals in una finale su lo stesso Thiem. Da notare come i due abbiano sconfitto proprio Nadal e Djokovic nelle rispettive semifinali a Londra. 

Un altro russo, il classe 1997 Andrey Rublev, è stato il tennista che ha vinto più partite quest’anno, guadagnandosi l’ingresso nella Top 10. In cui peraltro sono ancora presenti altri due under 23, Alexander Zverev e Stefanos Tsitsipas. È stato anche, fortunatamente per noi, l’anno di Jannik Sinner, che a Parigi è stato capace di centrare i suoi primi quarti di finale in carriera e che ha persino conquistato il suo primo titolo a Sofia. Ma potrebbe non essere finita qua. Sì, perché ci sono altri tennisti giovani che nel 2021, in una stagione in cui si potrebbe tornare almeno ad una parziale normalità, potrebbero irrompere nella Top 100 e contribuire alla rivoluzione in atto. E trasformare questo vento in una bufera. 

Thiago Seyboth Wild, classe 2000, n.115 

Il brasiliano, campione junior agli US Open del 2018, ha stabilito un record notevole e di sicuro imbattibile. Quello del primo tennista nato negli anni 2000 a vincere un torneo ATP. Ci è riuscito a Santiago del Cile, nella ronda sudamericana che è terminata prima della interruzione del circuito a causa del Coronavirus, battendo in finale Casper Ruud, che sulla terra è un osso duro per tutti. Prima di quel torneo, aveva vinto una sola partita a livello ATP, la settimana precedente a San Paolo. È stato anche il primo tennista di un certo rilievo ad essere risultato positivo al Covid. Che chissà non abbia lasciato qualche scoria visto che nel post-lockdown non ha vinto nemmeno un match. Insomma, una stagione movimentata quella di Wild, che ha comunque “il pacchetto completo” per fare il salto di qualità. A partire da una struttura fisica molto ben sviluppata rispetto ai coetanei, che gli permette di generare grande potenza sia al servizio che con il dritto. La grinta è pure quella giusta. 

 
Thiago Seyboth Wild – Santiago 2020 (via Twitter, @chile_open)

Sebastian Korda, classe 2000, n.117

Un cognome che pesa quello dell’americano. Ma da papà Petr, Sebastian, vincitore degli Australian Open junior nel 2018, non ha ereditato solo quello, i capelli biondi e un fisico slanciato. Ha ereditato anche un bel talento. Un talento sicuramente più contemporaneo tuttavia. Lo statunitense è il prototipo di quello che deve essere un tennista di successo nel 2020: colpi pesanti, buon equilibrio tra dritto e rovescio, servizio solido, capacità di anticipare e non perdere campo. La sua scorsa stagione era stata di transizione. E sembrava che le cose dovessero andare così anche quest’anno prima della pausa. Poi, un po’ d’improvviso, sono arrivati gli ottavi al Roland Garros, Slam non proprio fortunato per i tennisti a stelle e strisce di solito, partendo dalle qualificazioni e battendo tra gli altri Isner e il nostro Andreas Seppi. Korda ha poi confermato di essere sulla strada giusta e di non soffrire i cambi di superficie, vincendo il suo primo Challenger a Eckental, sul cemento indoor. E chissà che gli Stati Uniti, resisi già conto che i vari Fritz, Tiafoe ed Opelka non sono proprio destinati all’olimpo del tennis mondiale, non abbiano trovato in lui una nuova speranza. 

Sebastian Korda – Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Lorenzo Musetti, classe 2002, n.127

“Per certi aspetti è più forte lui di me”. Questo ha detto Sinner di Musetti, più giovane di lui un anno. Ed è abbastanza chiaro a cosa si riferisse. I due non potrebbero essere più diversamente talentuosi, lo yin e yang del futuro del tennis azzurro. L’altoatesino è pulizia tecnica, geometria, compostezza, potenza che cerca sempre un equilibrio con il controllo. Il toscano è puro talento, imprevedibilità, esplosività, capacità di accendersi (e accendere chi lo segue) come un fuoco. E proprio considerato questo suo essere un giocatore “naif”, un’esteta della racchetta, colpisce quanto in fretta sia riuscito a progredire in questa sua stagione, in fondo la prima a tempo pieno sul circuito da professionista. 31 vittorie e 16 sconfitte. Un bilancio di 7 successi e quattro sconfitte contro i Top 100, su cui spiccano le due affermazioni consecutive su Wawrinka e Nishikori al Foro Italico. La semifinale al Sardinia Open, con il rammarico per un infortunio che lo ha costretto al ritiro. Insomma, per quanto completamente diverso da Sinner, Musetti con lui ha dimostrato di condividere carattere, determinazione e voglia di migliorarsi. Oltre a quella bandierina tricolore di fianco al nome naturalmente. 

Carlos Alcaraz, classe 2003, n.140

Il nuovo Nadal. È il fardello pesante che ogni nuovo talento del tennis spagnolo si dovrà portare addosso. Ma la schiena di Carlos Alcaraz Garfia sembra di quelle belle solide, nonostante abbia solo 17 anni. A tenerlo ulteriormente con i piedi per terra e farlo lavorare sodo ci pensa Juan Carlos Ferrero, il suo allenatore. E già il fatto che un ex campione Slam si dedichi ad un teenager dice tanto di quanto prometta bene il ragazzino di Murcia. In questo 2020, Alcaraz ha dimostrato di poterle in realtà già mantenere le sue promesse. Battesimo nel circuito ATP a Rio e subito successo contro il connazionale Albert Ramos-Vinolas. Dopo la pausa, primo titolo nel circuito Challenger a Trieste, con una vittoria in semifinale proprio sul nostro Musetti. Bis a Barcellona, battendo in finale Dzumuhr. Tris addirittura ad Alicante. In totale fanno quasi 39 vittorie nel 2020 a fronte di 7 sconfitte. Ed è proprio la capacità di trovare sempre la vittoria che colpisce di Alcaraz. Nonostante un servizio ancora inadeguato per gli standard ATP e un gioco abbastanza basilare. Immaginiamo quindi quante altre partite possa conquistare se riuscirà a colmare le sue lacune, normalissime vista l’età. Potrebbe perfino diventare un nuovo Nadal. 

Carlos Alcaraz – Challenger Alicante 2020 (via Twitter, @ATPchallenger)

Hugo Gaston, classe 2000, n.161

Il 20enne Hugo Gaston è stato capace di esaltare il poco pubblico francese presente sugli spalti del Roland Garros come nessun altro partecipante al torneo. Da wild card, ha sconfitto niente di meno che Wawrinka, vincitore a Parigi nel 2015, e trascinato al quinto set Thiem, due volte finalista. Ma è il come lo ha fatto che ha galvanizzato i transalpini. A suon di palle corte, variazioni di gioco, colpi anticipati. Gaston, dal suo metro e settanta e poco più, che gli impedisce di demolire gli avversari con la forza, gioca un tennis tutto suo, ordinatamente variopinto e lucidamente folle. Un tennis che più francese non si può. Tornato nella sua dimensione dei Challenger, il folletto di Tolosa non ha poi raccolto moltissimo. Ma la discontinuità potrebbe persino diventare un suo marchio di fabbrica, con quelle caratteristiche tecniche e fisiche. Piccoli Santoro crescono per fare ammattire piccoli Hewitt.

Hugo Gaston – Roland Garros 2020

Brandon Nakashima, classe 2001, n.166

Korda è anche fortunato perché potrà condividere l’attenzione dei tifosi USA con un tennista che è più giovane di lui di un solo anno, Brandon Nakashima. Di lui si è cominciato a parlare alla fine dell’anno scorso, grazie ad un bel bottino di vittorie nei Challenger americani. E quest’anno Nakashima, nonostante la lunga pausa per Covid, è riuscito a riprendere il filo del discorso da dove lo aveva interrotto, conquistando la prima vittoria in un torneo ATP a Delray Beach e il primo successo in uno Slam agli US Open contro il nostro Lorenzi. Proprio la scorsa settimana ha ottenuto il primo successo Challenger in carriera ad Orlando. Dotato forse di meno forza rispetto al connazionale Korda, il californiano, seguito da niente di meno che da Pat Cash, compensa con completezza di gioco e varietà di soluzioni. Lo abbiamo anche intervistato in esclusiva e il ragazzo sembra avere la testa sulle spalle e ben chiari gli obiettivi da raggiungere. Ha tutto per bruciare le tappe molto in fretta nel 2021. 

Brandon Nakashima – US Open 2020 (courtesy of USTA)

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Anversa: Sinner spazza via Rinderknech e vola in semifinale

Sinner si trova ancora bene in questo torneo e supera nettamente Rinderknech. Harris il prossimo ostacolo

Pubblicato

il

[1] J. Sinner b. A. Rinderknech 6-4 6-2

Ancora un’ottima vittoria per Jannik Sinner, che si libera facilmente in due set di Arthur Rinderknech e si prende il posto nella semifinale contro il sudafricano Lloyd Harris. Una partita ben giocata dal tennista italiano, che ha tenuto botta in un primo set dall’alta intensità ed ha sommerso l’avversario con il suo ritmo insostenbile nel secondo, commettendo pochissimi errori. Non una partita scontata, visto anche l’ultimo precedente da molti ricordato già nel post partita contro Musetti. Rinderknech è un tennista dall’ottimo servizio e aveva già messo in difficoltà Sinner, battuto in tre set durante la stagione su terra a Lione.

La partita inizia con uno spartito tattico chiaro, il francese prova a mettere pressione a Sinner salendo a rete ad ogni occasione possibile. Questa soluzione gli evita molti scambi ma in questa prima fase di partita Jannik trova tanti ottimi passanti. Il primo ad avere palle break è proprio il tennista italiano, che trova un fantastico dritto sulla riga per portarsi sullo 0-40. Sulle prime due palle break è molto bravo il francese a trovare due ottime prime, ma sulla terza si deve arrendere ad uno splendido dritto in diagonale, in teoria difensivo ma reso offensivo dalla maestria di Sinner, che consegna il primo break della partita a Sinner.

 

Rinderknech non ci sta e si rifà sotto approfittando delle solite incertezze al servizio dell’italiano, che concede il controbreak con un errore di rovescio. Le emozioni non si fermano e in risposta Sinner continua a fare male. Un errore di rovescio del francese concede la chance di un’altra palla break, salvata dal servizio vincente di Rinderknech. Le seconde però non aiutano il francese, che non riesce a salvare la seconda palla break concessa e subisce il secondo break consecutivo.

Sinner sfiora ancora una volta il break nel settimo game, ma Rinderknech alza il livello della sua battuta e scaccia via il pericolo. Il francese prova a rimettersi dentro la partita quando è spalle al muro, con Sinner a servire per il primo set. Rinderknech conferma la sua costante pericolosità in risposta guadagnandosi due palle break con un bel dritto lungolinea. Sinner è bravo a reagire e con quattro fantastici punti consecutivi chiude un primo set giocato ottimamente da entrambi, ma con l’italiano più cinico nei punti importanti.

In avvio di secondo iniziano ancora una volta i problemi per Rinderknech, che concede due palle break anche per una palla sporcata dal nastro. Il francese ritenta il serve & volley ma Jannik riesce a passare ed è già break nel secondo set. Poco da segnalare nel finale di secondo, se non un bel contropiede di dritto di Sinner che gli regala palla break, convertito con un doppio fallo di Rinderknech. Pochi problemi per l’italiano nel chiudere il lavoro e regalarsi una semifinale contro Lloyd Harris, la sesta stagionale per Sinner. Il sudafricano sarà un ostacolo di livello e un test importante nella corsa verso le Nitto ATP Finals di Sinner, che con la vittoria del titolo qui tornerebbe molto più alla portata. Non ci sono precedenti fra Harris e Sinner che, nelle classifiche virtuali oggi sarebbe n.12…ma sono appunto classifiche virtuali finchè il torneo di Anversa è ancora in corso.

Continua a leggere

ATP

ATP Anversa: Schwartzman piega Murray in due set. Redivivo Malisse in semifinale di doppio

Sir Andy spreca un vantaggio di 4-1 nel primo, lotta fino all’ultimo, ma prevale l’argentino. Convince Lloyd Harris, nei quarti in singolo e in ‘semi’ in doppio col suo coach 41enne

Pubblicato

il

Diego Schwartzman - Anversa 2021 (foto Instagram @europeantennisopen)

Due giorni dopo aver giocato il match più lungo in assoluto di tutta la stagione 2021, Andy Murray è tornato in campo per il match di ottavi di finale all’ATP di Anversa, il torneo in cui tornò al successo nel 2019 a seguito dell’operazione all’anca. Si è trovato di fronte uno degli avversari peggiori da affrontare quando non si è fisicamente pronti a giocare un continuo braccio di ferro da fondo: Diego Schwartzman. L’argentino ha lavorato ai fianchi Murray per 2 ore e un quarto e ha raggiunto i quarti di finale vincendo per 6-4 7-6(6): anche lui ha un ottimo rapporto con il torneo, avendo raggiunto la finale in due occasioni (2016 e 2017).

Murray ha iniziato meglio la partita, portandosi in vantaggio 4-1 grazie alle ottime verticalizzazioni che non hanno permesso a Schwartzman di tessere la sua tela sin dalle prime battute. Il servizio però non ha aiutato lo scozzese e nel settimo game ha dovuto subire il controbreak, perdendo l’intensità necessaria per tenere Dieguito con la testa sott’acqua. Un game abbastanza confusionario da parte di Andy (condito con un doppio fallo sulla parità) ha dato a Schwartzman l’opportunità di servire per il set sul 5-4, sfruttata prontamente dall’argentino.

La profondità dei colpi di Diego ha continuato a far male a Murray anche a inizio secondo parziale. Stavolta il break in favore di Schwartzman è arrivato sul 2-2, ma con il solito orgoglio Andy l’ha riacciuffato, allungando il match al tie-break. Annullato un primo match point, non è riuscito a prolungare l’incontro, perdendo 8-6 il gioco decisivo. Le fatiche del match precedente senza dubbio hanno influito sull’esplosività e sulla continuità di Murray, ma va riconosciuta a Schwartzman la buonissima prova sul campo, a pochi giorni di distanza dalla pesante sconfitta (6-0 6-2) contro Norrie nei quarti di Indian Wells. Ora affronterà Nakashima (7-6 6-7 6-3 a Laaksonen), una buona opportunità per arrivare in fondo.

 

Nella parte di tabellone presieduta da Jannik Sinner, ha perso Roberto Bautista Agut (sventato l’ennesimo incrocio stagionale con Jannik), rimontato da Fucsovics dopo aver portato a casa un dispendioso primo set. Incrocerà Lloyd Harris che all’inizio del programma di giovedì ha smaltito molto velocemente il suo impegno in singolare – battendo 6-2 6-3 Struff in 70 minuti – per poi dedicarsi al doppio. I riflettori sono tutti puntati sulla coppia formata da lui e dal suo coach, Xavier Malisse. A 41 anni il belga è tornato in gioco in un evento ufficiale otto anni dopo l’ultima volta e sembra averci preso gusto: Harris e Malisse hanno superato al debutto Arneodo e Reid 6-4 7-6(4) e nei quarti di finale sono riusciti a battere la coppia numero 1 del tabellone formata da Ivan Dodig e Marcelo Melo, 6-4 3-6 10-7. La loro corsa verso quello che sarebbe un clamoroso e insperato titolo continuerà contro Koolhof e Rojer in semifinale.

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Italiani

WTA Tenerife: Giorgi ai quarti in scioltezza

Camila gioca una partita quasi perfetta e vola ai quarti, dove aspetta Minnen o Rus. Zheng e Begu vincono alla distanza contro Tauson e Vekic

Pubblicato

il

[4] C. Giorgi b. D. Kovinic 6-1 6-2

Dopo la rocambolesca vittoria al primo turno contro Bolsova, Camila Giorgi ha disputato un match pressoché perfetto liquidando Danka Kovinic con un sonoro 6-1 6-2 e guadagnandosi l’accesso ai quarti di finale. L’azzurra è apparsa lontana parente della Camila estremamente nervosa e fallosa vista all’esordio nel torneo ed è riuscita a ridurre ai minimi termini l’avversaria nello scambio con una prova balistica davvero di prim’ordine.

Camila fronteggia e salva una palla break nel primissimo game dell’incontro, poi cambia marcia in maniera repentina. Il ritmo imposto dall’italiana è insostenibile per Kovinic, che molto spesso si ritrova a dover osservare impotente i vincenti che le scorrono accanto. Dopo 19 minuti Camila è già avanti 4-0 e poco dopo sale 5-0. Un moto d’orgoglio evita a Kovinic l’onta del bagel, ma non la perdita del primo set che si chiude 6-1 in mezz’ora circa di gioco. Anche nel secondo set Giorgi parte alla grande e si invola sul 3-0. Qui si registra l’unico momento di incertezza dell’azzurra che commette tre doppi falli nello stesso game e restituisce uno dei due break. Camila ha l’occasione di riprendersi subito il doppio vantaggio, ma non converte una palla break e Kovinic ne approfitta per avvicinarsi sul 3-2. Giorgi però non incappa in nessun cedimento nervoso e si scrolla subito di dosso quanto successo. Un parziale di dodici punti a due le spalanca le porte dei quarti di finale, dove troverà la vincente tra Greet Minnen e Arantxa Rus.

 

ISCRIVITI A WARNING

* indicates required

Una mail alla settimana, di venerdì, con un po’ di rassegna (non solo nostra), qualche link, qualche considerazione seria per quanto si può essere seri col tennis. Dateci una chance

Ubisporting srl userà e conserverà il tuo indirizzo email solamente per spedirti la newsletter. Puoi cambiare idea e cancellarti dalla newsletter quando vorrai, ogni volta che la riceverai ci sarà in fondo un link per cancellarti. Ma vedrai che ti convinceremo a rimanere.

Come provider di gestione utilizziamo Mailchimp, qui la pagina che spiega i termini d’uso. Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a prodotti e/o servizi propri e/o di terzi e per lo svolgimento di ricerche di mercato.

GLI ALTRI MATCH – Decisamente più lottati gli altri incontri di giornata. Saisai Zheng ha impiegato quasi tre ore per avere la meglio su Clara Tauson con il punteggio di 7-6(4) 2-6 6-4, in un match nel quale si sono visti ben tredici break. Brutta sconfitta per Donna Vekic contro Irina Camelia Begu. Dopo aver vinto il primo set 6-4, la croata è sparita dal campo nel secondo, perso con un netto 6-2, e finendo sotto 2-0 nel terzo. Vekic è subito rientrata in partita, ma è apparsa in grande difficoltà per tutto il corso del set. Begu infatti ha servito due volte per il match (nel decimo e dodicesimo game) subendo però sempre il controbreak. Nel tiebreak la romena è finalmente riuscita a trovare lo strappo decisivo sul 4-4, chiudendo l’incontro dopo 3 ore e 11 minuti.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement