Gilles Simon: "Un errore considerare Federer l'ABC del tennis. Per me non esiste un tennis brutto"

Interviste

Gilles Simon: “Un errore considerare Federer l’ABC del tennis. Per me non esiste un tennis brutto”

Il francese intervistato da L’Equipe. “In Francia Federer è il tennis supremo ma così ci tarpiamo le ali. Spero che tutti i Fab 3 pareggino a 20 Slam. Anche un difensore può essere vincente. Coppa Davis? Devi piacere al capitano. Mai avuta la fiducia di Forget”

Pubblicato

il

 

Gilles Simon fuori dagli schemi. L’ex n. 6 del mondo (oggi attuale 63 ATP) dimostra, ancora una volta, una franchezza e una perspicacia fuori dal comune nell’analizzare (e spesso criticare) il modus operandi “alla francese”, dalla formazione dei giovani tennisti, alla gestione dei giocatori in Coppa Davis e la selezione della squadra, fino alla pressione imposta ai giocatori perché diventino campioni e vincano Slam.

Il 35enne di Nizza ne parla a L’Equipe, in una lunga intervista per commentare e spiegare alcuni passi del suo libro uscito alcune settimane fa, Ce sport qui rend fou (Questo sport che rende pazzi), del quale pubblicheremo su Ubitennis una recensione completa. Con l’equilibrio e la calma che lo contraddistinguono, Simon affronta temi scottanti come il suo rapporto con gli ex capitani di Coppa Davis o come smettere di essere schiavi del “bel gioco alla Federer”.

Sono diverse le perle di saggezza che Gillou snocciola nell’intervista al celebre quotidiano francese. Si può essere d’accordo o meno con lui, ma vale comunque la pena ascoltarlo, se non altro per il coraggio di spingere sempre oltre la riflessione nel tentativo di capire perché le cose a volte funzionano e a volte no. E perché è necessario avere il coraggio di cambiare idea e direzione. Consigli preziosi per i giovani che intendono avvicinarsi al tennis e tentare una carriera agonistica, da un tennista estremamente acuto, che ha basato la sua carriera sull’intelligenza di gioco, la strategia, le geometrie e il sapersi, lui per primo, mettere in discussione.

 

Il primo consiglio tra tutti? Uscire dagli schemi sui quali, da sempre, si basa il sistema francese: “Nonostante l’assenza di risultati, la parola d’ordine è non cambiare nulla. Il nostro progetto di formazione è sconnesso dalla realtà del campo” afferma Gilles. “I nostri giovani vengono allenati tutti allo stesso modo. Certo, c’è una struttura, ma non ti spinge a distinguerti, a farti trovare la tua propria identità di giocatore, con il tuo stile o le tue ambizioni. Sappiamo che Novak Djokovic si è ispirato solo a Novak Djokovic. Non gli è stato detto: “Ti ispirerai a Tizio o a Caio”. Rafael Nadal, era prevedibile che con tutta la sua famiglia concentrata su di lui, avrebbe giocato come nessun altro. Alla fine, il nostro sistema vorrebbe imporsi su tutti gli altri. Ciò funziona quando l’obiettivo è far entrare il maggior numero di giovani nella top 100. Ma coloro che volessero puntare alla top 10 o andare avanti negli Slam, dovrebbero contare sul loro talento e la loro forza mentale, cioè su loro stessi“.

Ma lo stesso Simon è il prodotto della formazione alla francese, con un bilancio negli Slam che non va oltre i quarti di finale...

Nessuno potrà mai dire che non abbia voluto vincere uno Slam o i grossi tornei. Soddisfatto dei miei risultati? Sì, perché non avrei potuto fare di più. Con il mio stile di gioco, spendevo troppe energie nei primi turni, questo era il mio vero difetto. Mentalmente non avevo abbastanza convinzione, il mio secondo grande limite. […]. Il tennista francese cresce con l’idea che un vincitore slam non debba “tremare”. Ai bambini, quando cominciano a giocare e si fanno prendere dalla paura e perdono, viene detto: “Non ci riuscirai mai”. Io direi loro: “Accetta la tua paura, parliamone, cerchiamo di capirne la causa, poi cercheremo di forgiare le tue armi per crescere in campo“.

Gilles Simon – Queen’s 2019 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Secondo Simon, tutti hanno paura, anche ai livelli più alti, perfino Federer…

In Federer forse si vede meno che negli altri. Ma perché Djokovic fa yoga? E Rafa, il fatto che si colpisca sempre la coscia urlando “vamos” significa che ha il killer instinct? Mi spiace, ma conosco vincitori Slam che non hanno la stessa “rabbia”. Alcuni giorni fa ho parlato con Marin Cilic che mi ha detto: ‘essere competitivo, non fa per me’. Vi ricordo che Marin ha vinto lo US Open (2014) e ha disputato altre due finali major (Wimbledon 2017 e Australian Open 2018) e ci ha battuto spesso in Coppa Davis. Perché non sarebbe un esempio da seguire?”

Secondo Gilles, il mantra del tennis francese sarebbe seguire il modello Federer…

“Non dico esattamente questo. Dico che in Francia si punta da sempre su un tennis offensivo e si associa il tennis d’attacco a uno stato d’animo. Si dice ai giovani che devono aggredire, andare avanti, fare serve&volley… quando il serve&volley è praticamente scomparso […]. Ai ragazzi viene insegnato che o fai come Federer o niente. Io dico: smettetela con questi discorsi, smettetela di esaltare un attaccante supremo su cui dovrebbero forgiarsi tutti. Ci sono tanti altri modi di esprimersi e di vincere. E poi, per me, non esiste un tennis brutto“.

Con questa idea di considerare Roger Federer l’ABC del tennis, ci chiudiamo delle porte. Perché non considerare che un difensore vincente possa fare bene al tennis? Djokovic è un conquistatore, Nadal è un conquistatore. Non vedo l’ora che tutti e tre i grandi siano alla pari con 20 Slam, così una volta sorpassato Roger, forse la smetteranno di dire: “Il tennis supremo è Federer”.

E poi la Coppa Davis. In un capitolo del libro, Gilles parla di “Ricatto di bandiera” (Chantage au drapeau).

La Coppa Davis fa parte della nostra cultura. La si vuole giocare ad ogni costo. Per questo, bisogna piacere al capo. Nel mio caso, il mio capo, il mio capitano, è stato a lungo Guy Forget. Ma a forza di sentirlo dire che Tizio giocava sempre meglio di me sull’una o un’altra superficie, mi persuadevo che tutti gli altri fossero migliori di me, anche i giocatori al di fuori della top 30. Così tornavo a casa totalmente depresso. Arnaud Clément ha creduto che potessi essere solo il quinto uomo della squadra. Poi, Yannick, si lasciava guidare dal suo feeling, mentre io cercavo di avere un approccio razionale in gara. Con Clément, – che pensava io avessi un problema con la Coppa Davis – sono riuscito a conquistare la sua fiducia alla fine del suo mandato. Per quanto riguarda Guy Forget, non ho mai avuto la sua fiducia e non l’ho mai conquistata. Con Yannick non ho mai perso una partita quando era capitano ma il suo fare istintivo mi destabilizzava. In Coppa Davis, avevo la sensazione che ad ogni allenamento ci fosse la mia vita “in gioco”. Per alcuni funziona. Nel mio caso, ciò non fa che provocare stress”.

E a Gilles Simon, in futuro, piacerebbe essere capitano di Davis?

“Mi piacerebbe moltissimo perché per me sarebbe l’occasione di fare diversamente. Fino ad ora, l’idea comune dei capitani era quella di appoggiarsi a un leader – Jo Tsonga la maggior parte delle volte, a cui capitava perfino di giocare infortunato . Potevi essere più forte o battere il leader in allenamento, non avevi nessuna possibilità di essere il n. 1 della squadra. Se fossi capitano, terrei conto piuttosto degli avversari che di questa gerachia predefinita. E mi appoggerei esclusivamente ai giocatori di singolare. In Francia si ha l’idea che bisogna per forza vincere il doppio. Ma il doppio è un punto su cinque, eppure, per i miei capitani, era quasi sempre il punto più importante del tie. La loro spiegazione: ” Abbiamo sempre fatto così, perché dovremmo cambiare?“.  

Gilles Simon – Marsiglia 2020 (foto Cristina Criswald)

Continua a leggere
Commenti

ATP

Giancarlo Antognoni, un campione del mondo che ama più il tennis del padel [VIDEO]

Lo storico n.10 viola va in controtendenza rispetto a tanti ex calciatori, Maldini, Totti, Albertini, Costacurta, Barzagli pazzi per il padel

Pubblicato

il

Giancarlo Antognoni alla presentazione dell'Unicredit Firenze Open 2022

Dopo il sindaco di Firenze Nardella, il direttore Ubaldo Scanagatta ha intervistato anche l’ex calciatore della Fiorentina Giancarlo Antognoni, il quale ha parlato della sua passione per il tennis e delle similitudini tra questo sport e il calcio. Infine non poteva mancare un commento sulla squadra viola.

LEGGI ANCHE ATP Firenze: US Polo Assn. fa il suo ingresso nel mondo del tennis [VIDEO]

0:20 – “In questo momento gioco sicuramente meglio a tennis che a padel. Preferisco giocare a tennis che a padel, è come giocare a calcio nel campo normale o a calcetto nel campo più piccolo, le similitudini sono uguali”

 

EDITORIALE ATP Firenze: Berrettini, Musetti e Sonego ci sono, Sinner purtroppo no

1:00 – “Berrettini e Sinner sono tutti e due bravissimi sia a livello internazionale che nazionale. Musetti anche l’ho visto giocare ed è molto forte; ci sono tanti ragazzi interessanti e dimostrazione che la federazione ha investito e ha buoni coach”

2:30 – “Il tennis è uno sport abbastanza vicino al calcio anche se si gioca da soli a volte, però anche quando giochi in una squadra di calcio pensa molto a sé stesso, per sé stesso. E quindi il tennis bene o male, visto che giochi da solo, è più di testa che di abilità e quindi si assomigliano molto”

4:00 – “Penso che sia difficile che Batistuta possa entrare in Fiorentina visto che c’ero stato un anno fa io. Quindi non credo che la proprietà sia molto propensa a prendere Batistuta, ma se dovesse venire sarei molto contento per lui. Per quanto riguarda la mia posizione sulla Fiorentina, quest’anno sicuramente qualcosa di sbagliato è stato fatto e oggi ne paghi le conseguenze. L’allenatore secondo me è bravo, propositivo – l’anno scorso ha fatto benissimo – quest’anno si ritrova una squadra sempre competitiva però non riesce ad ottenere i risultati che si è prefissa. Se non si fa gol in questo gioco è difficile vincere le partite”

Continua a leggere

ATP

ATP Firenze: U.S. Polo Assn. fa il suo ingresso nel mondo del tennis [VIDEO]

Lorenzo Nencini, A.D. di Incom spa, azienda licenziataria del brand U.S. Polo Assn., spiega i motivi della scelta. “Siamo accomunati dal fair play che contraddistingue le partite di polo e il gioco del tennis”

Pubblicato

il

EDITORIALE ATP Firenze: Berrettini, Musetti e Sonego ci sono, Sinner purtroppo no

LEGGI ANCHE Il sindaco Dario Nardella: “Sono pronto a fare da guida turistica a Berrettini e agli altri tennisti per far loro scoprire Firenze” [VIDEO]

 

0:50 – “Il tennis e U.S. Polo Assn. sono accomunati da tante cose, ma su tutte il fair play che contraddistingue le partite di polo e allo stesso tempo il gioco del tennis. Io sono un appassionato, amatoriale tennista, ed è un motivo in più per portare il brand nel mondo del tennis, che oggi grazie a tutti questi campioni italiani gode di grandissima visibilità in Italia e non solo. Quindi siamo molto contenti di accostare il nostro brand a questo sport e alla città di Firenze”

2:00 – “Il brand è globale; abbiamo la licenza del brand U.S. Polo Assn. per l’abbigliamento per l’Europa, e la sede dell’azienda è in Toscana a Montecatini, un motivo in più che ci entusiasma. Giochiamo in casa. Siamo uno sponsor tecnico e vestiamo tutto lo staff e l’organizzazione dell’evento

3:00 – “Sponsorizzare altro tennis? Perché no! Speriamo innanzitutto che il torneo a Firenze non sia una tantum ma che sia una prima di una lunga serie”

Continua a leggere

ATP

Il sindaco Dario Nardella: “Sono pronto a fare da guida turistica a Berrettini e agli altri tennisti per far loro scoprire Firenze” [VIDEO]

A Berrettini tifoso Viola, il sindaco consegnerà le chiavi della città

Pubblicato

il

Dario Nardella, sindaco Firenze. 2022

Il direttore Ubaldo Scanagatta intervista Nardella alla presentazione dell’UniCredit Firenze Open (Qui l’editoriale del direttore).

0:30 – “Abbiamo condiviso tanti progetti e traguardi e ora sono contento di questo traguardo. A darmi più soddisfazione è il fatto che Firenze riprenda la sua grande storia col tennis – qui infatti è nata la Federazione Italiana -, il fatto che possiamo mostrare l’utilità di un nuovo impianto, il Pala Wanny”

 

1:20 – “Siamo riusciti a portare a casa un evento ATP 250 che per il livello dei partecipanti sembra un 500 in pochissimi mesi, dimostrando che se si crede in qualcosa e si lavora la si ottiene in pochissimi mesi”

2:00 – “Credo che Firenze possa mantenere questo tornei per gli anni prossimi. Questo tornei Open dimostra di cosa siamo capaci, ad essere credibili. e con questa credibilità possiamo trovare sponsorizzazioni private trovando il supporto della Federazione e del Governo”

3:20 – “Vorremmo fare qualcosa di speciale per coinvolgere i giocatori con la città. Abbinare la bellezza di Firenze unica al mondo con il fascino di questo sport che sta rinascendo. Ci inventeremo qualcosa che possa fare il giro del mondo. Intanto a Berrettini consegneremo le chiavi della città lunedì sera”

Il direttore Scanagatta ha chiesto al sindaco di Firenze cosa intende fare per far conoscere la città d’arte ai tennisti. E a Paolo Lorenzi direttore del torneo, le condizioni di Jannik Sinner… ma la risposta non c’e’ stata.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement