Le pagelle dell'Australian Open: lo strappo di Nove Djokovic

Australian Open

Le pagelle dell’Australian Open: lo strappo di Nove Djokovic

Va in archivio lo Slam della quarantena e degli addominali con il diciottesimo trionfo di Djokovic e il quarto di Osaka. La Next Gen ancora rimandata

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Lo sapevamo, lo sospettavamo tutti: questo torneo doveva essere quello delle svolte clamorose, quello dopo il quale nulla sarebbe stato più come prima. C’erano tutte le avvisaglie: la quarantena, le difficoltà psicologiche, la mancanza della routine del campo. Eppure, seppur preparati, non riusciremo a farcene facilmente una ragione e a trovare le parole per commentare la svolta del tennis mondiale. Eh già, Gael Monfils ed Elina Svitolina si sono lasciati e con il loro amore siamo costretti a dire addio ai loro balli e ai loro video su tutti i social possibili e immaginabili.

Dopodiché tutto il resto, come di consueto, è Novak. Novak Djokovic (10) ha dato uno strappo al mondo del tennis. Ha strappato le speranze della nuova generazione di presunti fenomeni, ha fatto lo strappo definitivo verso l’aggancio a quei due là davanti, ancora per poco. Aveva anche chiesto uno strappo alla regola per i suoi colleghi poveri e sfortunati, costretti dal governo australiano (10 e lode) cinico e baro ad una quarantena tra pezze e covoni di paglia, a differenza dei più fortunati suite-muniti.

Non essendoci il Direttore Scanagatta a Melbourne a dargli uno strappo in vespa, ha dovuto percorrere a piedi le distanze tra l’hotel e il campo. Il povero Daniil Medvedev (9), che non perdeva una partita da mesi, si è squagliato in finale vittima del fenomeno serbo e della sua stessa supponenza. Onestamente non possiamo dirvi molto della finale, perché abbiamo preferito andare al mare, ma ne avrete letto in lungo e in largo e comunque, alla fine, ciò che conta è che dopo la partita lo champagne lo abbia strappato Djokovic.

 

Un po’ di delusione in realtà, al momento dell’esultanza, perché ci saremmo aspettati quanto meno uno strappo della maglietta o una dedica strappa-lacrime. Ma sì, ma sì, tifosi di Nole, si scherza, lasciateci almeno la possibilità di prendere in giro l’invincibile alieno, la nostra in fondo è solo invidia: noi che con una minima contrattura non abbiamo nemmeno la forza di tenere in mano lo smartphone, figuriamoci con uno strappo.

Che volete farci, è la vecchiaia. Ma come diceva il sommo Rino, invecchiare non è bello, ma l’alternativa è decisamente peggiore. Se ne dovranno fare una ragione anche Rafa Nadal (7) e Serena Williams (8): il primo, costretto a subire l’onta di una rimonta da due set avanti per la terza volta in carriera, la seconda costretta a piegarsi dinanzi alla nuova dominatrice. Diciamolo chiaramente, a furia di dire che nel tennis femminile uno Slam può vincerlo chiunque, siamo arrivati a dover invocare gli Dei di trovarci una degna rivale di Naomi Osaka (10) per non dover assistere ad una dittatura a lungo termine.

Naomi Osaka – Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

I veri sconfitti di questo torneo sono comunque gli addominali (3): Berrettini, Carreno Busta, Ruud, Dimitrov traditi proprio da quei muscoli lì. Non ci sono più le tartarughe di una volta, per fortuna ci hanno pensato quello di Nole a salvare la categoria, grazie magari ai consigli dell’amico CR7.

Che torneo è stato per l’Italia? Purtroppo Giuseppe Conte ha dovuto dimettersi e non ha fatto in tempo ad emanare un ultimo Dpcm che prevedesse l’obbligo per lo stato amico dell’Australia di concedere un giorno di riposo obbligatorio al vincitore di un torneo ATP 250, soprattutto se altoatesino e predestinato. Come noto Draghi ha soppresso il ministero dello sport e allora per Sinner (6,5) non c’è stato nulla da fare contro Shapovalov e la stanchezza.

Degli addominali di Matteo Berrettini (7,5) si è detto, comunque un gran torneo il suo, mentre se Fabio Fognini (7,5), dopo essere stato oltre quattro ore in campo con Caruso, ha trovato la forza di litigare con Salvo e poi asfaltare De Minaur (come dicono quelli che commentano quelli che commentano il tennis alla tv) e poi tutto sommato non sfigurare con Rafa, vuol dire che è sulla buona strada per tornare al top. Chiarito comunque il motivo dell’acredine a fine partita trai due azzurri. A Fabio non erano andate giù alcune “stecche” fortunate del suo avversario, purtroppo però Fognini ignorava che Salvo è pronipote di Enrico, e non poteva pertanto tollerare l’accostamento della parola stecca con Caruso. Per rimanere in tema, il crescente rossiniano della disputa ha trovato finalmente pace negli spogliatoi al canto di pace “te voglio bene assaje”, per la gioia del neo Ct Volandri.

A proposito, spiace dover constatare le modalità con le quali la FIT ha liquidato il capitano di lungo corso Corrado Barazzutti, il quale ha riferito di aver appreso dai media del suo pensionamento. “Ci sono rimasto male, mi sarei aspettato almeno una telefonata da Max Giusti o Lea Pericoli”.

Lorenzo Sonego (4) è riuscito a perdere con due set di vantaggio contro l’organizzatore del torneo di Madrid, mentre Seppi (4,5) e Cecchinato (4,5) hanno perso al primo turno, dopo aver perso al primo turno anche nel torneo di preparazione e hanno proferito “abbiamo sbagliato a venire in Australia”. Ora, con tutto l’amore, verrebbe da chiedersi: ma Seppi che insomma oramai è agli sgoccioli e Ceck che non vince una partita sul cemento da 18 anni, precisamente, cosa si aspettavano dalla trasferta? Sara Errani (7) è stata la migliore delle azzurre dimostrando gran carattere e capacità vocali come ai vecchi tempi.

Nick Kyrgios (6,5) è tornato a giocare a tennis dopo un anno, ma i suoi ultras ci hanno già fatto rimpiangere il tennis a porte chiuse. È stato in ogni caso il torneo dell’armata russa con Rublev (7) robotico fino al massacro fratricida e Karatsev (9) – chi era costui? – fenomeno tardivo o meteora, ai posteri l’ardua sentenza. Ha deluso inevitabilmente Thiem (4), Stefanos Tsitsipas (8,5) ha compiuto l’impresa ed è finito esausto. La campionessa 2020 Kenin (4) ha finito in lacrime, Mentre per non far innervosire il governo australiano Ashley ha pensato di evitare feste e dunque no-Barty (5). Alla festa finale è invece arrivata Jennifer Brady (9), con Pegula (7,5) e Muchova (7,5) issatesi a vette inimmaginabili.

E adesso, tocchiamo ferro (no, Fiona, non denunciarci per molestie): dopo gli Australian Open 2020 ci pregustavamo una stagione con i fiocchi, quindi un più bel tacer non fu mai scritto.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open 2022, LIVE Day 2: sei italiani in gara, Travaglia e Cecchinato subito, Sinner intorno alle 2.30

Segui con noi la seconda giornata dell’Australian Open 2022

Pubblicato

il

Grand Slam Oval Melbourne Park (foto Twitter @AustralianOpen)

01:00 – Seconda giornata dell’Australian Open 2022. Si completano i primi turni dei tabelloni di singolare maschile e femminile: dei cinque italiani in gara, Stefano Travaglia è il primo a scendere in campo sul campo 6 contro la testa di serie n. 15 Roberto Bautista-Agut, contemporaneamente a Marco Cecchinato opposto al veterano Philip Kohlschreiber. Qui l’ordine di gioco completo per la giornata.

Qui i tabelloni completi dell’Australian Open 2022

 

Gli articoli di oggi

Australian Open, Zverev: “Mi dispiace per come si sta parlando di Djokovic. Almeno il governo francese è stato chiaro”
Australian Open, Nadal su Djokovic: “Non è l’unico ad aver sbagliato”
Chi dei gemelli diversi, Berrettini e Sonego, ha più chances di centrare gli ottavi?
Australian Open: esordio vincente per Osaka e Barty, delusione Gauff
Australian Open uomini: Zverev avanti. Bene Shapovalov, Monfils e Alcaraz, Korda asfalta Norrie. Maratona Karatsev
Australian Open: esordio felice per Lucia Bronzetti. Vittoria netta per Martina Trevisan, niente da fare per Paolini
Australian Open 2022: un convincente Sonego supera Querrey. Pesante ko per Fognini, perde Caruso
Caso Djokovic – Ha prevalso la ragion di Stato. E’ stata una scelta politica ma credo sia giusto così

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Zverev: “Mi dispiace per come si sta parlando di Djokovic. Almeno il governo francese è stato chiaro”

Intervistato dal direttore Scanagatta e da William Weinbaum di ESPN, il N.3 ATP ha parlato di nuovo della vicenda che ha scosso l’opinione pubblica

Pubblicato

il

Dopo la vittoria al primo turno degli Australian Open 2022, un’affermazione in tre set nel derby teutonico contro il connazionale Altmaier con il punteggio di 7-6(3) 6-1 7-6(1) in 2 ore e 41 minuti di match, Alexander Zverev si è presentato davanti ai giornalisti, come da rito, per la conferenza stampa post gara. Primo quesito, invece che sulla partita appena conclusa come avrebbe voluto la prassi, sulla querelle Djokovic; motivando tale scelta con il fatto che fosse la prima volta che Zverev si presentava davanti ai microfoni dopo la sentenza definitiva sul caso Djokovic. E quindi ancora una volta il buco nero del tennis, come ha definito la questione Roberto Ferri, ha prevalso sul tennis giocato sui campi di Melbourne Park, in questo caso sulla Rod Laver Arena.

Questa la risposta del tedesco in merito alla conclusione definitiva della vicenda che ha riguardato il N.1 della classifica Atp:” Penso di aver risposto a questo nella mia prima conferenza stampa. Penso che l’intera situazione non sia stata facile per tutti, ma per lui in particolare. Aveva il visto, poi l’hanno portato via quando è arrivato. Poi ha vinto in tribunale e gli è stato permesso di allenarsi. Infine gli è stato cancellato il visto ancora una volta ed è stato costretto a tornare in Serbia. È molto difficile dire qualcosa, è molto difficile dire le cose giuste. Il mondo intero ne sta parlando. Il mondo intero sta parlando in modo davvero negativo di uno degli atleti più grandi che siano mai esistiti; questa è una cosa che trovo molto difficile accettare”. Poi ha aggiunto: “Quindi penso che ci sarebbe dovuta essere chiarezza fin dall’inizio, e se lo si fa entrare allora deve rimanere nel Paese; altrimenti non si permette l’ingresso fin da subito. Inoltre capisco la prospettiva di coloro che dicono che nessun giocatore non vaccinato dovrebbe entrare in Australia. Da quel punto di vista, allora, non sarebbe dovuto entrare e basta. Infine credo che tutto questo dramma non sarebbe dovuto accadere; perché mi dispiace per Novak, per come le persone nel mondo adesso parlano di lui”. 

Poi è stato chiesto un commento a Sasha in merito alla decisione da parte del governo francese, e più precisamente del ministro dello sport transalpino Roxana Maracineanu, di vietare l’accesso in Francia ai tennisti che non hanno ricevuto la somministrazione delle dosi vaccinali – questa scelta da parte del governo di Macron cambia la prospettiva per Djokovic. Questa la risposta del N.3 del mondo:

 

Almeno sono stati chiari. Prima di tutto non lo sapevo, ma grazie per avermi dato queste informazioni. Dopo questa decisione è chiaro cosa accadrà. Almeno lo stanno dicendo in anticipo, quindi va bene. Adesso lo sappiamo prima che nessun giocatore non vaccinato può giocare l’Open di Francia. Inoltre posso immaginare che non ci saranno esenzioni, e va bene così. Voglio dire, ogni Paese può decidere da solo.” Per quanto riguarda Nole: “Penso che sia giusto che tutti decidano da soli se vogliono vaccinarsi o meno. È una decisione che ti è permesso prendere, ma sono seduto qui e sto giocando il torneo. Ovviamente non c’è bisogno di parlare a tal proposito con me perché sono vaccinato. Ma se ci sono chiarimenti fin dall’inizio, è meglio per tutti. Penso che non ci saranno gli errori che sono accaduti qui con il governo francese”.

Tornando al tennis, quello giocato, che preferiamo alle aule di tribunale, Sascha Zverev affronterà ai trentaduesimi di finale il padrone di casa John Millman. Due i precedenti, tutti in favore del tedesco. L’ultimo all’ATP 250 di Colonia del 2020, che vide la vittoria di Zverev a casa sua in tre set; l’altro più importante a livello Slam, a Parigi nel 2019 con la vittoria di Alexander in cinque parziali.

Articolo a cura di Cipriano Colonna

Continua a leggere

Australian Open

Chi dei gemelli diversi, Berrettini e Sonego, ha più chances di centrare gli ottavi?

Strapiombo Kenin, delusione Gauff, dispiacere Jabeur. Febbrile attesa Brit per Murray contro… chiunque e per Raducanu-Stephens

Pubblicato

il

A un boomerang dall’Australia risponde un boomerang dalla Francia. Novak Djokovic dovrà decidere cosa farà da grande. Cioè a 35 anni. Il pensionato coerente con le sue libere opinioni? Il tennista professionista che rispetta tutte le stesse regole che rispettano i suoi colleghi? Molte alte strade non le vedo. Salvo che il COVID ci faccia la grazie di scomparire dalla terra con la stessa rapidità con cui si affacciato in Cina e poi nel resto del mondo.

Ma su quest’ultima ipotesi perfino coloro che accusano di ipocondria coloro che contano tristemente i 5 milioni e 500.000 morti disseminati nel globo dal Covid, sembrano poco ottimisti, pur tenendosi attaccati quasi morbosamente _ e per questo morbo davvero non pare ci sia vaccino che funzioni – alle proprie convinzioni NoVax.

Il caso Djokovic ha tenuto banco per tutto questo fine2021-inizio2022, e penso che ci terrà compagnia ancora per qualche mese, ci piaccia o no. E certamente ancora l’anno prossimo a gennaio quando si capirà se a) Djokovic vorrebbe giocare il prossimo Open d’Australia mettendo una pietra sopra a quanto successo quest’anno, b) se le autorità australiane gli apriranno uno spiraglio per evitargli i tre anni di semaforo rosso al Paese.

 

Io mi auguro entrambe le cose, a scanso di equivoci.

Ma siccome oggi volevo parlare di tennis e in fondo nella prima giornata dell’open d’Australia non è poi successo granchè, eviterò di asfissiarvi con un editoriale troppo lungo.

Cominciamo da sciovinisti. Gli italiani. Ce n’erano 8 in gara, hanno vinto in 5. Le due sconfitte, Fognini con Griekspor, Caruso con Kecmanovic per me non sono sorprese. Per quella della Paolini con la Ruse, assai peggio classificata della nostra, preferisco non pronunciarmi perché non conosco abbastanza la tennista rumena. So che ha 24 anni e che ha avuto come best ranking il n.87, ma non ricordo di averla vista giocare abbastanza a lungo. Certo che il punteggio è netto. Come sono netti anche i due punteggi patiti da Fognini e Caruso (per l’appunto i due che lo scorso anno si presero a male parole).

E le cinque vittorie? Mi sono svegliato stamattina, erano le 8 e mezzo, con una grande apprensione. Ero andato a letto poco prima delle quattro del mattino, con Berrettini che aveva salvato diverse pallebreak ma non il primo set. Mentre di occasioni ne aveva avute pochissime con Nakashima, dal servizio con una motion simile a quella del grande Pete Sampras.

Grande sollievo quando stamani ho visto che Matteo aveva vinto in 4 set. Non ci avrei giurato, anche perché i commenti che si udivano indirizzati al suo angolo (leggi Santopadre) erano piuttosto negativi “Ehi ma questo non sbaglia mai! Ma che devo fare? Quante righe prende?” e così proseguendo. Bene che approda al secondo turno e bene anche trovarsi di fronte Kozlov piuttosto che Vesely il quale, con il servizio mancino che si ritrova, in giornata di vena contro Matteo che ha nella risposta il punto più debole, era meglio riuscire ad evitare. Penso che l’ostacolo vero sarà Alcaraz. E più Alcaraz che forse in ottavi Carreno Busta o Korda (che ha fatto fuori brutalmente Norrie, n.12, con Harris n.30, una delle due teste di serie eliminate on the first day. Lo spagnolino allievo di Juan Carlos Ferrero ha avuto il Covid ma lo si è visto allenarsi come un assatanato.

Sonego ha regolato con discreta tranquillità Querrey che per nostra fortuna non è più quello che eliminò Djokovic a Wimbledon e tanti altri giocatori in carriera. Lorenzo deve cercare di vendicare la sconfitta patita con l’ostico tedesco Otte a New York.

E’ notevole l’opportunità che ha di raggiungere gli ottavi, approfittando del vuoto lasciato dall’espulsione di Djokovic. Né Otte né il vincitore di Paul-Kecmanovic sono avversari scarsi…ma al terzo turno è difficile che possa capitare di meglio. Testa di serie n.25 Lorenzo è il miglior in classifica rispetto ai tre che ho citato. Qualcosa dovrebbe pur dire, anche se il ranking non è anche un ranking di specialità, cioè di superficie.

Voglio mettere alla prova i lettori – mi serve capire chi legge e chi “posta” commenti eh – chiedendo loro: secondo voi ha più chances di raggiungere gli ottavi Sonego oppure Berrettini? Son curioso di leggere come la pensiate.

Delle ragazze, anche se ho parlato con la mia vicina di casa Martina Trevisan subito dopo la sua vittoria sulla giapponese Obino (sostituta dell’ultimo momento della cinese Zhen…sempre occhi a mandorla erano), non ho visto che Camila Giorgi con la nervosissima Potapova che ricordavo aver visto bambina tredicenne superpromettente al torneo junior pasquale di Firenze.. Talmente nervosa che dopo aver concesso pallabreak sul 4-5 e subito il set è scomparsa di scena nel secondo: 6-0. Di Camila …mi ha fatto piacere vedere che apparentemente non sta male. Il suo forfait ritiro nel torneo precedente mi aveva preoccupato. La Martincova non dovrebbe essere un ostacolo insormontabile come (sulla carta) la Barty al terzo turno.

Non avendo viste le loro partite vi rimando alle cronache dei vittoriosi match della Trevisan (che ha però la Badosa al secondo) e della Bronzetti sulla Gracheva: bravissima Lucia, complimenti perché vincere all’esordio in uno Slam è sempre una piccola grande impresa. Ma anche lei ha l’ostacolo Barty e subito. Si toglierà la soddisfazione di giocare su un grande campo, con tanto pubblico. Quanti pagherebbero? Lei invece con i 154.000 dollari australiani del secondo turno, uscendo dalle qualificazioni, ha già fatto Bingo.

Chiusa la pagina azzurra, accennato all’exploit di Korda ai danni di Norrie (che non penso valga la classifica che ha), sarei stato curioso di guardare dal basso lo scontro fra Opelka e Anderson (2m,11cm contro 2m,03; solo Opelka-Isner avevano raggiunto altezze più elevate) vinto dal primo.

Mentre Nadal che perde solo 7 game con Giron conferma che Rafa, almeno a livello di tornei 250 ATP, sta benino. Non ha nemmeno troppo bisogno di sollecitare il piede malato.

Fra le donne è successo forse qualcosa più importante fuori dal campo, la Jabeur n.9 del seeding che si è ritirata – e davvero dispiace perché oltre a essere la tennista araba più forte di sempre è anche una ragazza deliziosa e che gioca un tennis piacevole come poche – anche se sul campo va registrata la sorprendente netta sconfitta di Coco Gauff  con una delle tante Wang Qiang  (la riconosco a fatica, ammetto, ma so che è la più forte delle omonime) e anche la nuova battuta d’arresto della Kenin, campionessa a Melbourne del 2020, con Madison Keys finalista US Open 2017.

La Kenin perde i 2000 punti che la classifica congelata le aveva lasciato in dotazione, scenderà intorno alla sessantesima posizione …me lo segnala la redazione più informata sulle vicende dei punti congelati che prima o poi dovremo riprendere a discutere perché sono quasi certo che ben poche ne conoscano, o ricordino, tutte le implicazioni e variabili.

Mi appresto stanotte a fare nuovamente le ore piccole. Abbiamo in campo i 6 azzurri del tabellone maschile che non abbiamo visto nella prima giornata.

De Minaur Musetti sarebbe il match più intrigante fra tutti, ma anche uno dei più duri, tranne che per il Travaglia-Bautista Agut e Mager-Rublev. Ma non è che con Cecchinato-Kohlschreiber e Seppi-Majchrzak  si possano fare nottate tranquille e senza caffè. Quanto a Sinner con Joao Sousa beh, non ci faccia scherzi. Se non vince lui allora davvero buona notte.

Se avessi dovuto pagare un biglietto per vedere qualche match della seconda giornata avrei scelto, oltre a Musetti-de Minaur, certamente Murray Basilashvili e Stephens-Raducanu. Si fosse giocato due set su tre anche il maschile avrei puntato su Murray. Tre su cinque forse il georgiano. Se si giocasse su un set su due…non mi perderei mai Kyrgios. Sapendo che già dal secondo set può succedere di tutto. Nel match di cartello femminile…se lo si fosse giocato su un campo periferico avrei avuto il dubbio che la Stephens potesse anche giocare un match distratto, come tanti dei suoi. Ma questo genere di match lei invece lo adora. E allora penso che vincerà. Anzi, lo pensa il Mago Ubaldo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement