I numeri della settimana: grande Italia nella prima "Race" dell'anno

Flash

I numeri della settimana: grande Italia nella prima “Race” dell’anno

Sono 4 gli azzuri nella Top 20 della ATP Race dopo il primo Slam della stagione. Siamo la terza nazione per numero di punti complessivi

Pubblicato

il

Il nostro Ferruccio ha raccolto i tre numeri più interessanti di questo primo spicchio di stagione. Vi proponiamo il primo, a stretto giro pubblicheremo anche gli altri due


4- i tennisti italiani (Berrettini, Fognini, Sinner e Travaglia) presenti nella top 20 della Race successiva al primo Slam dell’anno. Sommando i loro punti, 1473, si ottiene un lusinghiero terzo posto in una classifica per nazioni considerante solo i punti ottenuti dai cinquanta giocatori ad aver fatto meglio da gennaio in poi. Un risultato possibile grazie anche ai 133 raccolti da Lorenzo Musetti nelle due finali a livello Challenger conquistate nelle ultime settimane (sono già tre quelle raggiunte in carriera dal toscano, che tra dieci giorni compie 19 anni e questa settimana è diventato n.115 ATP). 

La classifica descritta è condotta con ampio margine dalla Russia, vincitrice della seconda edizione della ATP Cup portando a casa tutti gli incontri di singolare (nei quali ha smarrito un solo set) grazie alle grandi prove di Medvedev e Rublev. Della stessa nazionalità dei due, entrambi grandi protagonisti anche agli Australian Open (in particolare Daniil, finalista dopo aver superato tra gli altri Andrei nei quarti) è stata la vera sorpresa del primo Slam dell’anno, il 27enne Aslan Karatsev, iscrittosi alle quali con appena tre vittorie complessive nel circuito maggiore e poi giunto fino alle semifinali del Major down under eliminando tennisti del calibro di Schwartzman, Auger-Aliassime e Dimitrov. Ai tre tennisti russi già citati va aggiunto poi Karen Khachanov (semifinale all’ATP 250 di Melbourne e terzo turno nel Major down-under) per un totale di 3195 punti raccolto in questa particolare graduatoria dalla Russia. Al secondo posto troviamo la Serbia, patria del campione degli  Australian Open, Djokovic, e di Krajinovic (l’unico a togliere dei set a Medvedev prima che perdesse in finale) e Lajovic (per lui ottavi a Melbourne, i secondi della carriera in uno Slam): i tre in questo 2021 hanno sommato già 2410 punti. Curioso notare come queste due nazioni dell’est europeo anche nel 2020 erano state le due a far meglio di tutte in un’analoga classifica.

 

Dopo di loro, come detto, c’è l’Italia finalista all’ATP Cup grazie ai suoi primi due giocatori, Berrettini e Fognini. Matteo, che a Melbourne ha raggiunto per la quarta volta gli ottavi in un Major finisce la trasferta australiana con il rimpianto dovuto all’infortunio agli addominali che gli ha impedito di giocare contro Tsitsipas, ma anche portando con sè tanta fiducia per le vittorie ottenute su giocatori come Thiem, Bautista Agut, Monfils e Khachanov: il romano sembra essere tornato sui livelli (molto alti) a cui ci aveva abituato nel 2019. Fabio, invece, appare essersi messo definitivamente alle spalle uno sfortunatissimo – tra operazioni alle caviglie e Covid – 2020. Il ligure sotto la nuova guida tecnica di Alberto Mancini si è tolto la soddisfazione di superare Carreno Busta, dopo averci sempre perso nei precedenti sette scontri diretti, e di raggiungere il quarto turno per la terza volta a Melbourne (e sesta complessiva negli Slam), giocando molto bene contro De Minaur.

Bene anche Sinner e Travaglia, protagonisti nell’ATP 250 di Melbourne della prima finale tutta italiana del circuito ATP a distanza di quasi 33 anni dall’ultima (e in assoluto la prima non giocata sulla terra battuta): purtroppo Jannik ha poi pagato con l’eliminazione al primo turno degli Australian Open lo scotto di un sorteggio sfortunato (è stato abbinato a Shapovalov) e di aver giocato troppe partite in pochi giorni. Tuttavia, terminare la trasferta australiana con 250 punti, altra esperienza accumulata e la consapevolezza di essere il più giovane tennista dai tempi di Nadal nel 2005 a vincere due tornei di fila (sebbene nelle dieci partite vinte dall’azzurro per conquistare i due titoli si contino solo un successo su un top 20 e due su top 50) può essere considerato un buonissimo bilancio. Molto positivo anche l’inizio di 2021 per Stefano Travaglia, che continua la sua rincorsa all’accesso nella top 50 con una partenza di stagione che prima gli ha regalato i primi quarti a livello ATP (Antalya) e poi la finale del ATP 250 australiano, piazzamenti possibili grazie anche a vittorie come quelle ottenute contro top 50 come Hurkacz, Bublik e Kecmanovic.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Mosca, il tabellone: Rublev primo favorito del torneo

Predominio dei giocatori di casa nonostante il forfait di Medvedev: Karatsev e Khachanov saranno infatti secondo e terzo seed

Pubblicato

il

Andrey Rublev - Mosca 2019 (foto via Twitter, @atptour)

In attesa dell’ultimo atto dell’edizione autunnale di Indian Wells, il circuito ATP è pronto a fare tappa in Europa con una serie di appuntamenti sul cemento indoor che porteranno alle Finals di Torino. Dopo un anno di stop, ritorna nuovamente in calendario la VTP Kremlin Cup, torneo 250 (tabellone da 28 giocatori, financial commitment di 779.515 dollari) che si svolgerà sui campi dell’Irina Viner-Usmanova Gymnastics Palace di Mosca.

C’era molta attesa per la partecipazione dell’idolo di casa e vincitore dello US Open Daniil Medvedev, ma il venticinquenne russo ha deciso di dare forfait dopo l’eliminazione ad Indian Wells. Il pubblico potrà comunque godersi la presenza del numero 5 al mondo e campione in carica del torneo, Andrey Rublev, accreditato della prima testa di serie. Nel 2019 il russo si aggiudicò il titolo sconfiggendo in due set il francese Mannarino. Ironia della sorte, proprio Mannarino potrebbe essere l’ostacolo nel match di esordio per Rublev, ammesso e non concesso che il francese esca vincitore dal match contro la wild card locale Safiullin (N.151 ATP). Nello stesso quarto di tabellone anche il vincitore di Winston Salem, il bielorusso Ivashka, tds N.7. Di seguito il tabellone:

Bandiera russa anche per i numeri 2 e 3 del seeding, entrambi sorteggiati nella parte bassa del tabellone: Aslan Karatsev (N.23 ATP) esordirà con il vincente della sfida tra il serbo Kecmanovic (N.63 ATP e vincitore di soli due match degli ultimi dieci disputati) ed un qualificato. In caso di successo possibile avversario il serbo Djere, N.47 al mondo e testa di serie numero otto. Karen Khachanov (N.29 e cognato del sopracitato Ivashka, visto che sono sposati con due sorelle), invece, inizierà il suo torneo contro uno tra l’australiano Duckworth e un qualificato, per poi proiettarsi, in caso di vittoria, verso una sfida nei quarti di finale contro il funambolico Bublik (anche lui russo di nascita ma kazako di passaporto).

 

Ultima testa di serie che beneficerà di un bye al primo turno è il serbo Krajinovic (N.34), recente semifinalista a Sofia dove è stato sconfitto da Jannik Sinner: per lui secondo turno contro il vincente della sfida tra l’argentino Pella e lo spagnolo Martinez, seguito da un ipotetico quarto contro Marin Cilic, semifinalista a Mosca nel 2019.

Qui il tabellone aggiornato dell’ATP di Mosca e degli altri tornei della settimana

Continua a leggere

Flash

WTA Mosca, il tabellone: Aryna Sabalenka torna in campo dopo lo stop per Covid

Tennis di alto livello nella capitale russa: scalpitano le neo-Top 10 Jabeur e Sakkari, ma occhio a Kerber, Halep e Muguruza

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - US Open 2021 (via Twitter, @usopen)

Dopo l’interruzione della passata stagione a causa del COVID-19, il tennis femminile è pronto a tornare nella capitale russa, dove lunedì prenderà il via la ventiquattresima edizione della VTB Kremlin Cup, torneo di categoria 500 con montepremi totale di 565.530 dollari ed un tabellone da 28 giocatrici. A contendersi porzioni di questa cifra ci saranno ben quattro Top 10, affiancate da diverse campionesse Slam.

La testa di serie N.1 sarà Aryna Sabalenka, che dopo aver saltato Indian Wells per la positività al coronavirus ha ricevuto una wild card ed esordirà direttamente al secondo turno contro la vincente di Samsonova-Tomljanovic. La seconda favorita in termini di classifica sarà Garbine Muguruza, che troverà o una qualificata o Tereza Martincova. Di seguito il tabellone:

La neo-Top 10 Ons Jabeur, che a Mosca raggiunse la finale nel 2018, affronterà al primo turno la tennista di casa Ekaterina Alexandrova, mentre un’altra neofita dei piani alti del ranking, la greca Maria Sakkari, giocherà contro una qualificata o contro Dayana Yastremska.

 

Come detto il tabellone è arricchito da numerose campionesse Slam: una di queste è Angelique Kerber, che sarà impegnata in un ostico primo turno contro Katerina Siniakova. L’altra tedesca presente nel main draw è Andrea Petkovic, sorteggiata contro la sua ex-compagna di doppio Jelena Ostapenko, proveniente da una buona prestazione ad Indian Wells (semifinale persa con Azarenka). Un’altra wild card di lusso presente in Russia è Simona Halep, vincitrice del torneo nel 2013. La rumena sta ancora ricercando un po’ di continuità nei risultati dopo un periodo pieno di eventi significativi (infortuni, matrimonio, cambio allenatore) e scenderà in campo contro la russa Anastasia Potapova.

Nel tabellone principale non sono presenti italiane: l’unica azzurra che ha tentato la trasferta moscovita è stata Lucia Bronzetti (22 anni, N.150), sconfitta 6-3 6-1 nel primo turno di qualificazioni dalla bielorussa ex-Top 60 Vera Lapko (23 anni, N.373).

Qui il tabellone aggiornato del WTA di Mosca e degli altri tornei della settimana

Continua a leggere

Flash

ATP Anversa, il tabellone: per Sinner derby agli ottavi con il vincente di Musetti-Mager

Gli italiani di nuovo dalla stessa parte del tabellone, come già successo diverse volte nel 2021. Al via anche Murray, Seppi gioca le qualificazioni

Pubblicato

il

Jannik Sinner a Sofia 2021 (Foto di Ivan Mrankov)

La corsa agli ultimi posti per le ATP Finals di Torino si scalda, e uno degli snodi verso il finale di stagione sarà rappresentato dalla sesta edizione dello European Open, torneo 250 (cemento indoor, tabellone a 28 giocatori, total financial commitment di 584.125 euro) che si svolgerà alla Lotto Arena di Anversa, Belgio. Il numero uno del tabellone sarà Jannik Sinner, che dopo l’eliminazione per mano di Taylor Fritz ad Indian Wells andrà a caccia di punti nel torneo in cui raggiunse la sua prima semifinale ATP nel 2019, quando ancora fuori dalla Top 100 fu omaggiato di una wild card e venne stoppato solo da Stan Wawrinka.

Sinner è certo di esordire contro un suo connazionale: infatti, il sorteggio ha designato come avversario di secondo turno il vincente della sfida tra Lorenzo Musetti (N.62) e Gianluca Mager (N.73). Non è la prima volta che nel 2021 i tabelloni ATP riscontrano una grande densità di italiani dallo stesso lato: al Roland Garros ne capitarono nove nella parte alta e due in quella bassa; allo US Open, dieci su dieci nella parte alta; a Indian Wells, sette nella parte bassa e uno in quella alta.

Se da un lato risultati di questo tipo sono possibili solo grazie ad un movimento in salute, dall’altra rendono complicate sfide fra nostri connazionali nelle fasi finali dei tornei, e Anversa non farà eccezione, visto che i tre azzurri presenti in tabellone si giocheranno “solo” un posto ai quarti. Nello stesso quarto degli italiani anche la testa di serie numero 8 Dusan Lajovic e Richard Gasquet, omaggiato di una wild card dagli organizzatori. Dalla stessa parte di Sinner, anche la tds N.4, lo spagnolo Roberto Bautista Agut, che esordirà contro uno tra l’ungherese Fucsovics e un qualificato, per poi trovare in un ipotetico quarto il sudafricano Harris. Di seguito il tabellone:

 

Testa di serie numero due per Diego Schwartzman, che avrà un esordio tutt’altro che facile. Al secondo turno, infatti, attenderà il vincente della sfida tra lo statunitense Frances Tiafoe e Sir Andy Murray, vincitore dell’edizione 2019 del torneo belga e reduce dalle ottime prestazioni di Indian Wells. Quarto di tabellone scoppiettante completato dalla presenza del sesto favorito e finalista Alex de Minaur (il campione in carica Ugo Humbert ha dato forfait all’ultimo minuto). Parte bassa del tabellone anche per Cristian Garin (tds N.3). Per il cileno secondo turno contro il vincente tra l’australiano Thompson e lo spagnolo Davidovich Fokina. Il possibile avversario del match di quarti di finale potrebbe essere Reilly Opelka, quinto seed.

Tra i nomi impegnati nelle qualificazioni a caccia di un posto nel tabellone principali, oltre ai Next Gen Jenson Brooksby, Brandon Nakashima e Holger Rune, vi sarà il nostro Andreas Seppi, tds N.4 del tabellone cadetto. Per il trentasettenne di Caldaro esordio contro il ventenne belga Onclin, N.524 del ranking e omaggiato di una wild card. In caso di successo, match decisivo con uno tra l’austriaco Dennis Novak e lo slovacco Jozef Kovalik.

Qui il tabellone aggiornato di Anversa e degli altri tornei della settimana

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement