“The History of Tennis” di Richard Evans è un viaggio irripetibile da Tilden a Federer

Focus

“The History of Tennis” di Richard Evans è un viaggio irripetibile da Tilden a Federer

Lo storico e giornalista britannico si è espresso su molti grandi dibattiti: su tutti, secondo lui bisogna parlare di un “Big Four” con Murray insieme allo svizzero, a Nadal e a Djokovic

Pubblicato

il

Bjorn Borg e John McEnroe (foto via Twitter, @Wimbledon)
 

Lo stimato storico del tennis britannico Richard Evans ha scritto non meno di 22 libri nel corso della sua straordinaria vita. È uno dei decani del giornalismo tennistico, nonché un’autorità ineccepibile riguardo l’evoluzione del gioco e riguardo tutti i grandi giocatori che hanno colpito nella maniera più vivida la fantasia del pubblico. Evans è stato un eccezionale giornalista per più di sei decenni, scrivendo per quotidiani e riviste sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti, oltre ad essere stato autore di diverse pubblicazioni. Ha inoltre ricoperto dei ruoli a livello politico, lavorando per l’ATP in differenti frangenti negli anni ’70 e ’90. In molti modi, attraverso così tante epoche piene di talenti, Evans è stato sinonimo di tennis, vivendolo e respirandolo dalla sua giovinezza fino agli ottant’anni, assistendo a tutti i cambiamenti radicali che si sono susseguiti e raccontando il tennis con esuberanza e sagacia. Evans ha viaggiato più di chiunque altro nel suo campo e, con educazione e raffinatezza, ha avuto un ruolo nell’aumentare la popolarità del tennis con il suo astuto reporting e l’entusiasmo sfrenato per quello che era il ruolo del tennis nel tessuto sociale.

Considerando la sua levatura in qualità di giornalista, è giusto che Evans abbia pubblicato un nuovo libro intitolato “The History of Tennis”. Questo deve essere considerato il suo lavoro più importante fino ad ora. A dire il vero, ci sono stati altri autori che hanno copiosamente scritto essenzialmente sullo stesso argomento e hanno fortemente contribuito alla letteratura del tennis: Gianni Clerici ha pubblicato un libro molto apprezzato e forse il più autorevole sulla storia del tennis negli anni ’70; Bud Collins ha scritto la sua prima enciclopedia più di quarant’anni fa, “The Bud Collins History of Tennis” – l’ultima edizione è uscita dopo la morte di Collins nel 2016. Altri si sono cimentati sul tema della storia del tennis con simili pubblicazioni di livello accademico.

Evans fa un ottimo lavoro nel suo libro combinando l’analisi statistica con un’ampia panoramica sui campioni e sulle personalità più importanti, oltre ad isolare gli sviluppi fondamentali nell’evoluzione del tennis, quali, tra gli altri, l’inizio dell’era Open nel 1968, la formazione delle “Original Nine” nel 1970, essenziale per il tennis femminile e il boicottaggio di Wimbledon da parte dell’ATP nel 1973. È nel chiarire gli aspetti principali del tennis che Evans dà il meglio di sé. Avendo seguito alcune campagne e convention presidenziali negli Stati Uniti negli anni ’60 e ’70, ha sempre avuto una mente agile, un occhio acuto e un buon orecchio per la politica sia in generale che nell’universo del tennis.

 

Questo viaggio nel cuore della storia del tennis è davvero coinvolgente. Evans sceglie saggiamente di dedicare uno spazio limitato all’evoluzione del tennis nelle sua fase embrionali. Nonostante ciò, la sua capacità di cogliere ciò che conta è indiscutibile. Evans racconta le origini di questo sport, tracciandone l’evoluzione dal sedicesimo secolo fino al 1874, anno della nascita ufficiale del gioco inventato dal maggiore Walter Clopton Wingfield. Ci sono molti motivi per cui Wingfield voleva che il suo lavoro venisse riconosciuto, ma, come scrive Evans, “non c’è dubbio che fosse principalmente interessato ai profitti – la sua famiglia era caduta in rovina ed era ansioso di ottenere il brevetto per quanto fatto. Questo gli venne finalmente riconosciuto nel febbraio 1874, nonostante alcune persone avessero affermato di aver praticato qualcosa di simile per anni”.

Evans prosegue parlando della nascita del gioco in Inghilterra e negli Stati Uniti; la prima edizione di Wimbledon nel 1877 vide al via 22 giocatori solo per il tabellone maschile, seguita dagli US Championships quattro anni dopo. Descrive magistralmente anche l’inizio della Coppa Davis nel 1900 e come la prestigiosa competizione internazionale a squadre decollò, ampliando l’interesse per il tennis a livello mondiale. Ma ci è voluto del tempo. Descrivendo la prima partita di Coppa Davis tra le isole britanniche e gli USA al Longwood Cricket Club in Massachusetts, iniziata il 7 agosto 1900, Evans racconta: “Tutto sommato, non è stato un inizio di buon auspicio. I conflitti in Sud Africa, dove la guerra boera era al culmine, e Cuba, dove Teddy Roosevelt ei suoi Rough Riders erano stati impegnati duramente, impoverirono entrambe le squadre. I due migliori americani, William Larned e Robert Wrenn, erano entrambi impegnati a Cuba, mentre il britannico Dottor W.V. Eves era coinvolto nella guerra boera. E, sebbene i fratelli britannici Reggie e Laurie Doherty non fossero nell’esercito, entrambi trovarono una scusa per declinare l’invito [per la Davis]”.

La storia di questo sport eccezionale continua ad essere esposta in modo spettacolare attraverso gli occhi di Evans in quella che si può definire una visione di ampio respiro. Il modo in cui ha strutturato il libro lo ha reso facile da seguire e comprendere. Dopo aver esaminato in modo completo gli inizi del tennis e i decenni successivi, Evans dedica dei capitoli ad ogni differente epoca storica: il periodo successivo alla Prima guerra mondiale e gli anni Venti; i Trenta; i Quaranta e Cinquanta; i Sessanta; i Settanta; gli Ottanta; i Novanta; e infine il ventunesimo secolo. Determinato a mettere le donne sullo stesso piano degli uomini, dedica un capitolo alla nascita del circuito femminile e della WTA. Questo tipo di suddivisione è una formula di grande successo per spaziare senza problemi attraverso i decenni e rendere tutto semplice da digerire. Non lascia nulla di intentato. Il doppio è presente. Le Olimpiadi ci sono. Gli accattivanti riquadri laterali sono un bonus.

Nonostante tutto, Evans ha ben chiare le proprie priorità. Scrivendo in relazione al periodo successivo alla Prima guerra mondiale, che è stato così critico nell’evoluzione del tennis e nell’affermazione di superstar che hanno trasformato il mondo dello sport, Evans sottolinea: “Il decennio successivo alla Prima guerra mondiale è stato dominato da sette campioni straordinari, cinque dei quali erano francesi. Bill Tilden, noto per la sua personalità imponente tanto quanto il suo gioco brillante, era l’eccezione americana tra gli uomini, e Helen Wills, una bellezza oltre che una grande tennista, lo era tra le donne. Due dei sette giocatori sono diventati le prime star di livello mondiale di questo sport: Tilden e Suzanne Lenglen, che ha spazzato via tutte le giocatrici arrivate prima di lei con uno stile di tennis leggiadro che si è rivelato invincibile. L’elegante Wills dal volto indecifrabile è stata l’unica giocatrice degna di essere menzionata insieme a Lenglen”.

Evans poi parla dei Moschettieri (René Lacoste, Henri Cochet, Jean Borotra e Jacques “Toto” Brugnon) per completare quel cast scintillante di sette giocatori che ha individuato per rappresentare quell’era così importante per il gioco. Passando agli anni ’30 e all’importanza di Don Budge (il primo giocatore ad essersi assicurato il Grande Slam nel 1938), Fred Perry (il miglior giocatore britannico di tutti i tempi), Wills (vincitrice di 19 Major in singolo), Helen Jacobs (vincitrice per quattro volte degli U.S. Championship) e la a tratti misteriosa Alice Marble (cinque volte campionessa Major in singolo), Evans è assorto completamente nel racconto della storia, come quando parla di Marble alla fine degli anni ’30, “A quel punto, la vita di Marble aveva preso molte strade. Era sempre la benvenuta nella villa californiana di William Randolph Hearst, dove divenne buona amica di Clark Gable e Carole Lombard. In breve tempo ebbe amanti di entrambi i sessi. Il dramma non è mai stato lontano dalla sua vita. Come si direbbe a Hollywood, Alice Marble era una tosta”.

Passando al capitolo sugli anni Quaranta e Cinquanta, Evans porta in primo piano gente come Jack Kramer e Lew Hoad. L’autore è stato a lungo nel campo degli osservatori eruditi che riveriscono Hoad. Evans racconta che Lew era vicino a conquistare il Grande Slam nel 1956 prima di inchinarsi contro il suo amico Ken Rosewall nella finale di Forest Hills. In merito a quel match, l’autore scrive: “Hoad sembrava sulla buona strada per il Grande Slam quando vinse il primo set per 6-4. Se Lew non si fosse rilassato o se non avesse perso un po’ di concentrazione, il suo nome sarebbe rimasto impresso per sempre nel pantheon di questo sport come uno dei tre più grandi giocatori di tutti i tempi”. Evans non chiarisce chi si sarebbe unito a Hoad in quel territorio d’élite qualora Hoad si fosse davvero assicurato il Grande Slam, ma si sospetta che la sua scelta potrebbe ricadere su Rod Laver e Roger Federer.  Evans, nel ricordare gli anni ’60, prende in considerazione il tentativo fallito per pochi voti durante l’assemblea generale dell’ITF di inaugurare l’Open Tennis già all’inizio di quel decennio piuttosto che nel 1968, quando il progetto finalmente si realizzò.

La votazione in quella riunione non andò a buon fine perché tre delegati non votarono e quindi non fu garantita la maggioranza di due terzi necessaria per l’approvazione. Evans scrive: “I tre colpevoli avrebbero forse agito diversamente se si fossero resi conto che, impedendo il progresso del mondo tennistico per ben otto lunghi anni, hanno privato Pancho Gonzales e Ken Rosewall delle loro migliori possibilità di vincere Wimbledon, cosa che nessuno dei due ha fatto. Si può solo supporre quanti altri titoli del Grande Slam avrebbero vinto Lew Hoad e Rod Laver, ma una cosa è chiara: i record stabiliti nella storia del tennis sono distorti a causa della negligenza e della stupidità di alcuni”.

A pagina 2, Richard Evans dice la sua sulle rivalità più importanti degli ultimi 30 anni: Graf-Seles, Agassi-Sampras e i Big Three (o Big Four)?

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti

Circoli in vista

Serie A1 femminile: pareggio tra TC Rungg e Canottieri Casale nell’andata dei playoff

Nell’altra semifinale di andata vittoria per il TC Parioli. Nei play-out successi per il TC Italia e TC Genova

Pubblicato

il

Giulia Gatto Monticone e Giulia Pairone - Tennis Beinasco (Credit: Elena Vetere)

Entra nelle fasi finali la Serie A1 femminile 2022 con il weekend del 26 e 27 novembre dedicato alle gare di andata dei play off scudetto e dei play out. Le sfide di ritorno andranno in scena il prossimo weekend (sabato 3 e domenica 4 dicembre) e decideranno quali saranno le due squadre finaliste che si giocheranno il titolo di Campione d’Italia nella finale di Torino e quali saranno i team che eviteranno la retrocessione in Serie A2.

PLAY OFF

Si è chiusa con un pareggio la prima sfida del weekend, giocata sabato ad Appiano, tra TC Rungg e Canottieri Casale. Risultato finale di 2-2 nella gara di andata delle semifinali che lascia aperto qualsiasi scenario per il match di ritorno, con il team altoatesino che andrà alla caccia della seconda finale consecutiva.

 

Al termine dei tre singolari in programma aveva chiuso in vantaggio per 2-1 la squadra piemontese. Il primo punto era stato conquistato dalla giovane Lisa Pigato, che imponendosi per 6-3 6-4 su Martina Spigarelli aveva portato in vantaggio Casale. Pareggio immediato per il TC Rungg grazie all’ottima prestazione della mancina olandese Quirine Lemoine. Due ottimi tie-break giocati hanno permesso all’olandese di portare a casa una sfida tirata contro la finlandese Anastasia Kulikova, numero 274 del ranking mondiale. Nel terzo singolare 68 minuti sono stati sufficienti a Jessica Pieri per imporsi con un netto 6-1 6-3 su Verena Meliss. Pronto riscatto per Meliss, nel doppio insieme a Lemoine, nella sfida che le vedeva opposte a Pigato e Deborah Chiesa. Sfida decisa da pochi dettagli, vinta dal Rungg per 7-5, 6-4.

Nella seconda semifinale le campionesse in carica nel TC Parioli hanno sconfitto per 3-1 l’US Tennis Beinasco. Sfida che rimane aperta grazie al successo in doppio delle piemontesi dopo che i primi tre singolari avevano visto trionfare le ragazze del TC Parioli. Beinasco ha pagato l’assenza delle proprie straniere con Giulia Gatto Monticone, schierata da numero 1, che ha ceduto per 6-3 6-2 contro Martina Di Giuseppe. In contemporanea è arrivato il successo di Beatrice Lombardo per 6-3 6-2 su Giulia Pairone. Terzo punto per il circolo romano firmato Nastassia Burnett che ha concesso un solo game ad Anna Turco (6-1 6-0).  Giulia Gatto Monticone e Giulia Pairone continuano il loro percorso da imbattute in doppio in questa serie A1 sconfiggendo per 6-2 7-6(4) la coppia Lombardo/Di Giuseppe, recuperando nel secondo set uno svantaggio di 2-5.

Risultati dell’andata dei playoff:

TC Rungg Sudtirol – Società Canottieri Casale 2-2

Lisa Pigato (C) b. Martina Spigarelli (R) 6-4 6-3

Quirine Yannicke Lemoine (R) b. Anastasia Kulikova (C) 7-6(4) 7-6(6)

Jessica Pieri (C) b. Verena Meliss (R) 6-1 6-3

Quirine Yannicke Lemoine/Verena Meliss (R) c. Lisa Pigato/Deborah Chiesa (C) 7-5 6-4

Tc Parioli – Tennis Beinasco 3-1

Martina Di Giuseppe (P) b. Giulia Gatto-Monticone (B) 6-3 6-2

Beatrice Lombardo (P) b. Giulia Pairone (B) 6-3 6-1

Nastassja Burnett (P) b. Anna Turco (B) 6-1 6-0

Giulia Gatto-Monticone/Giulia Pairone (B) b. Martina Di Giuseppe/Beatrice Lombardo (P) 6-2 7-6(4)

PLAY OUT

Dopo una fase a gironi con poche luci e molte ombre chiusa con un solo successo e l’ultimo posto nel Girone 2 arriva il pronto riscatto del TC Genova che ha regolato per 3-1 nella gara di andata dei play-out la matricola AT Falconeri Verona, che era stata condannata a disputare i playout nonostante sia stata capace di conquistare 10 punti nella fase a gironi.

Trascinatrici della squadra ligure Lucia Bronzetti e Denise Valente, vincitrici sia in singolo che in doppio. Bronzetti ha archiviato la pratica Grammatikopolou con un facile 6-4 6-2, prendendosi la rivincita dopo che la greca aveva impedito alla tennista italiana di festeggiare a Vancouver il suo primo titolo WTA125. Denise Valente dal canto suo ha rifilato un doppio bagel alla malcapitata Angelica Raggi. A tenere vive le speranze di Verona è stata Angelica Moratelli che sconfitto 6-0 7-5 Martina Caregaro. Il definitivo 3-1 è stato fissato come detto dal duo Bronzetti/Valente che in due set ha sconfitto il tandem Grammatikopoulou/Moratelli.

Continua la complicata stagione di Serie A1 per il BAL Lumezzane. Fase a gironi chiusa con zero punti e anche il match di andata dei play-out si rivela un calvario. Vittoria per 4-0 del TC Italia che espugna Lumezzane e si mette quasi al sicuro. Al club toscano basterà vincere un solo match nella sfida di ritorno per assicurarsi la salvezza. Successo per il TC Italia Forte dei Marmi arrivato senza cedere un solo set. Jasmine Paolini regola Chiara Catini con un doppio 6-1 e poi si aggiudica anche il doppio in coppia con Anastasia Bertacchi contro Catini e De Ponti. Gli altri due punti in singolare sono arrivati per mano di Bertacchi e Giovine.

Risultati dell’andata dei playout:

Tc Genova – AT Verona Falconeri 3-1

Lucia Bronzetti (G) b. Valentini Grammatikopoulou (V) 6-4 6-2

Angelica Moratelli (V) b. Martina Caregaro (G) 6-0 7-5

Denise Valente (G) b. Angelica Raggi (V) 6-0 6-0

Lucia Bronzetti/ Denise Valente (G) b. Valentini Grammatikopoulou/Angelica Moratelli (V) 6-3 7-5

BAL Lumezzane – TC Italia 0-4

Jasmine Paolini (I) b. Chiara Catini (L) 6-1 6-1

Anastasia Bertacchi (I) b. Anastasia Piangerelli (L) 7-6(4) 7-6(10) 

Claudia Giovine (I) b. Rubina Marta De Ponti (L) 6-2 6-4

Anastasia Bertacchi/Jasmine Paolini (I) b. Chiara Catini/Rubina Marta De Ponti (L) 6-2 6-2

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 maschile: sconfitte per TC Rungg e Park Genova nell’andata dei playoff

Successi per le matricole Sinalunga e Palermo nelle gare di andata. Nei playout sconfitta per il TC Prato. Quasi retrocessi i campioni in carica del New Tennis

Pubblicato

il

Gianluca Mager- Park Tennis Club Genova

Continuano a stupire le matricole terribili TC Sinalunga e CT Palermo che, dopo aver sorpreso tutti nella fase a gironi della Serie A1 Maschile 2022, sulle ali dell’entusiasmo sfoderano due solide prestazioni nel weekend dedicato alle sfide di andata dei playoff. Tra sabato 26 e domenica 27 novembre si sono, infatti, disputati gli incontri di andata dei playoff e dei playout di serie A1 Maschile. Le sfide di ritorno sono previste tra sabato 3 e domenica 4 dicembre. Al termine di questi incontri si scoprirà quali saranno le due squadre che si giocheranno lo scudetto nella finale di Torino e le quattro squadre condannate alla retrocessione in Serie A2.

PLAYOFF

Non inizia nel migliore dei modi la seconda apparizione consecutiva nelle semifinali scudetto per il TC Rungg. Il team altoatesimo, guidato da Manuel Gasbarri, ha ceduto per 4-2 nella sfida di andata con il CT Palermo.

 

Il primo punto per i siciliani è stato conquistato dallo spagnolo Carlos Gomez Herrera che ha regolato con un doppio 6-1 il giovane Figl. Il pareggio degli altoatesini è stato firmato dal tedesco Ejupovic, che nella sfida più lunga di giornata (2 ore e 44 minuti) ha sconfitto 6-4 al terzo Gabriele Piraino. Siciliani che hanno preso il largo negli altri due singolari: Giacalone ha sconfitto Winkler in due facili set, Caruso ha domato a distanza Federico Gaio nel match più atteso di giornata chiudendo per 6-2 al terzo dopo due ore di gioco. Il TC Rungg ha riaperto la sfida grazie al 6-3 6-0 con cui Bortolotti e Figl hanno regolato Giacalone e Piraino. La firma sul successo dei siciliani arriva per mano di Caruso e Gomez Herrera che hanno disposto in due set del tandem Gaio/Brzezinski.

Vittoria in trasferta anche per il TC Sinalunga Siena che ha espugnato con il punteggio di 4-2 il campo del Park Tennis Genova, orfano dei tre davisman italiani (Musetti, Fognini e Bolelli) e dei due stranieri (Andujar, fresco di esordio come direttore del torneo di Valencia, e Coppejans). Equilibrato e ricchi di spettacolo i 4 singolari, chiusi con il punteggio di 2-2. I due punti dei liguri sono arrivati per mano di Alessandro Giannessi, vincitore in rimonta contro lo spagnolo Roca Batalla, e di Gianluca Mager, che soffre contro Matteo Gigante ma vince 6-4 al terzo, dopo aver annullato un matchpoint al suo giovane avversario nel tie-break del secondo. Più semplici i successi dei toscani arrivati grazie a Serafini, che regola il giovane Sorrentino penalizzato anche da un problema al ginocchio nel secondo set, e Miceli che supera Ceppellini.

Decisivi per la sfida sono stati i doppi che hanno fatto pendere l’ago della bilancia per Sinalunga. Vanni e Gigante hanno avuto la meglio per 6-3 6-4 il duo Mager/Giannessi mentre Roca Batalla e Serafini hanno impiegato 58 minuti per sconfiggere 6-3 6-2 il tandem Cortimiglia/Ceppellini.

Risultati dell’andata dei playoff:

TC Rungg Sudtirol – CT Palermo 2-4

Carlos Gomez Herrera (P) b. Maximilian Figl (R) 6-1 6-1

Elmar Ejupovic (R) b. Gabriele Piraino (P) 7-6(4) 4-6 6-4

Omar Giacalone (P) b. Georg Winkler (R) 6-3 6-2

Salvatore Caruso (P) b. Federico Gaio (R) 4-6 6-3 6-2

Marco Bortolotti/Maximilian Figl (R) b. Omar Giacalone/Gabriele Piraino (P) 6-3 6-0

Salvatore Caruso/Carlos Gomez Herrera (P) b. Federico Gaio/Sebastian Krzysztof Brzezinski (R) 7-6(5) 6-4

Park Tennis Genova – TC Sinalunga Siena 2-4

Marcello Serafini (S) b. Luigi Sorrentino (G) 7-6(2) 6-0

Alessandro Giannessi (G) b. Oriol Roca Batalla (S) 3-6 6-3 6-1

Marco Miceli (S) b. Alessandro Ceppellini (G) 6-3 6-1

Gianluca Mager (G) b. Matteo Gigante (S) 5-7 7-6(11) 6-4

Luca Vanni/Matteo Gigante (S) b. Gianluca Mager/Alessandro Giannessi (G) 6-3 6-4

Oriol Roca Batalla/Marcello Serafini (S) b. Davide Cortimiglia/Alessandro Ceppellini (G) 6-3 6-2

PLAYOUT

Continua la stagione complicata per il TC Prato. Ancora a caccia di un successo in questa stagione (1 pareggio e 5 sconfitte nella fase a gironi) il club toscano si arrende per 4-2 al TC Crema nella sfida di andata dei playout. Singolari che avevano visto la sfida chiudersi in parità con due successi a testa. Prato era andato in vantaggio due a zero grazie ai successi di Baroni e Iannaccone.  Vincent Ruggeri e Golubev rimettono la sfida in equilibrio vincendo gli altri due singolari. Doppi senza storia con due netti successi per le coppie Golubev/Vincent Ruggeri e Ungur/Bresciani, che spianano la strada al TC Crema in vista della sfida di ritorno.

Stagione da incubo per i campioni in carica del New Tennis Torre del Greco. Dopo essere stati condannati ai playout per la sconfitta a tavolino subita contro il TC Pistoia nell’ultima giornata a causa dell’impraticabilità del campo, il team campano ha subito una pesante sconfitta nell’andata dei play-out contro lo Junior Perugia. 6-0 il risultato finale che vede Torre del Greco con un piede e mezzo in A2.

Netto successo anche per lo Sporting Club Sassuolo che esce vincitore in maniera netta dalla trasferta genovese. 5-1 il risultato a favore del club emiliano contro il TC Genova. Bondioli, Della Valle e Masur i trascinatori del Sassuolo, vittoriosi sia in singolo sia in doppio. L’unico punto che tiene in vita Genova è siglato da Francesco Picco.

Equilibrio che regna sovrano a Casale Monferrato nella sfida tra Società Canottieri e TC Italia Forte dei Marmi. 3-3 finale che lascia possibile qualsiasi scenario in vista della sfida di ritorno prevista in Toscana. Equilibrio che è stato il filo conduttore di tutto il match, con i singolari che hanno registrato due successi per parte. Per Casale ottime prestazioni del francese Denolly e di Alessio Demichelis. Forte dei Marmi ha risposto grazie al contributo di Stefano Travaglia e Lorenzo Carboni. Nei doppi il duo Denolly/Bella ha sconfitto Carboni/Furlanetto per 10-5 al super tie-break portando in vantaggio Casale, ma qualche minuto dopo Trusendi e Travaglia hanno riportato il match in equilibrio grazie al successo in due set su Demichelis/Biondolillo.

Risultati dell’andata dei playout – domenica 27 novembre:

Società Canottieri Casale – TC Italia Forte dei Marmi 3-3

Lorenzo Carboni (I) b. Gregorio Biondolillo (C) 7-6(5) 6-3

Corentin Denolly (C) b. Walter Trusendi (I) 7-6(3) 6-1

Stefano Travaglia (I) b. Facundo Juarez (C) 6-2 6-4

Alessio Demichelis (C) b. Marco Furlanetto (I) 3-6 6-3 7-6(1)

Corentin Denolly/Marco Bella (C) c. Lorenzo Carboni/Marco Furlanetto (I) 6-7(8) 6-2 10-5

Stefano Travaglia/Walter Trusendi (I) b. Alessio Demichelis/Gregorio Biondolillo (C) 7-6(8) 6-3

TC Prato – TC Crema 2-4 (giocata sabato 26 novembre)

Niccolò Baroni (P) b. Lorenzo Bresciani (C) 6-1 3-6 7-5

Federico Iannaccone (P) b. Adrian Ungur (C) 6-2 6-3

Samuel Vincent Ruggeri (C) b. Nicolas Edgar Carlo Parrizia (P) 6-3 7-6(5)

Andrey Golubev (C) b. Leone De Marzi (P) 6-0 6-0

Adrian Ungur/Lorenzo Bresciani (C) b. Niccolò Baroni/Leone De Marzi (P) 6-0 6-2

Samuel Vincent Ruggeri/Andrey Golubev (C) b. Federico Iannaccone/Nicolas Edgar Carlo Parrizia (P) 6-2 6-4

TC Genova – Sporting Club Sassuolo 1-5

Federico Bondioli (S) b. Gianluca Cadenasso (G) 6-1 6-3

Francesco Picco (G) b. Mattia Ricci (S) 6-1 6-3

Enrico Dalla Valle (S) b. Antoine Julien Escoffier (G) 2-6 6-2 6-4

Daniel Masur (S) b. Matteo Arnaldi (G) 6-3 7-6(4)

Giulio Mazzoli/Daniel Masur (S) b. Francesco Picco/Gianluca Cadenasso (G) 6-4 6-4

Federico Bondioli/Enrico Dalla Valle (S) b. Matteo Arnaldi/Antoine Julien Escoffier (G) 7-5 3-6 10-8

Junior Perugia – New Tennis Torre del Greco 6-0

Tomas Gerini (P) b. Giovanni Cozzolino (N) 6-0 6-1

Tomislav Brkic (P) b. Raffaele Barba (N) 6-1 6-2

Gilberto Casucci (P) b. Filippo Palumbo (N) 6-2 6-0

Francesco Passaro (P) b. Antonio Marigliano (N) 6-3 6-2

Francesco Passaro/Gilberto Casucci (P) b. Filippo Palumbo/Giovanni Cozzolino (N) 3-0 rit.

Tomislav Brkic/Andrea Ribaldi Militi (P) b. Raffaele Barba/Antonio Marigliano (N) 6-3 6-1

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis 2022: il trionfo del Canada e i tanti rimpianti della spedizione azzurra

Una squadra di giocatori giovanissimi e multietnica premia gli sforzi di Tennis Canada e alza l’insalatiera per la prima volta in 109 anni. Qualche rimpianto per i nostri ma capitan Volandri può sorridere e guardare positivamente al futuro

Pubblicato

il

Nella prima finale di Coppa Davis senza una nazione europea dal lontano 1990, trionfa il Canada guidato da Denis Shapovalov e Felix Auger-Aliassime. Dall’eliminazione nella fase a gironi, al ripescaggio fortuito a causa del conflitto bellico che ha escluso la squadra campione nel 2021, al trionfo. In questa nuova Coppa Davis, succede anche questo.

Il mancino, 23 anni e con un potenziale da Top 10, ha origini russo-ucraine ed è nato in terra d’Israele, a Tel-Aviv. La mamma Tessa è stata una tennista per l’Unione Sovietica.

Il vero trascinatore della spedizione canadese, infallibile in queste Finals spagnole è Felix Auger-Aliassime. In questo finale di stagione, ha saputo finalmente sbloccarsi e vincere 4 titoli consecutivi dopo le 9 finali perse tra il 2019 e il febbraio scorso. Alle Finals di Torino ha deluso le aspettative mancando la qualificazione alle semifinali ma al termine di una lunga stagione contro i giocatori più forti del circuito, si può anche sbagliare.

 

Non ha sbagliato invece nei tre singolari contro la Germania di Otte, l’Italia di Musetti e l’Australia di De Minaur, e sebbene non fosse troppo a suo agio nel doppio, il punto della vittoria nella semifinale contro l’Italia è anche merito suo. Anche lui, nato da padre togolese e madre franco-canadese.

Il capitano Frank Dancevic ha origini nella Serbia di Novak Djokovic; Vasek Pospisil, l’unico vero doppista della squadra, è ceco. Un trionfo multietnico e multiculturale che ben rappresenta la modernità e la lungimiranza di un paese come il Canada.

Succede anche che, la finale, l’atto conclusivo dell’evento a squadre più importante nel mondo della racchetta, si concluda dopo soli due singolari, terminati entrambi in due set. Enric Rojas, CEO di Kosmos Tennis, ha ribadito anche ieri al nostro direttore Ubaldo Scanagatta che “questo format funziona e deve rimanere questo” con buona pace degli amanti del tennis e dei nostalgici della vecchia Coppa Davis.

La spedizione azzurra, sconfitta al doppio decisivo dal team poi vincitore, ha certo più di un rimpianto. Sono pesate le assenze dei singolaristi più forti, Sinner e Berrettini, ma soprattutto l’infortunio di Simone Bolelli è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. In questi giorni, Filippo Volandri ha difeso i suoi giocatori e il suo progetto per questa squadra.

Tra gli appassionati, sono stati sollevati dubbi riguardo il reale infortunio di Simone e la discutibile decisione di Volandri di schierare un Berrettini a metà. Il capitano ha prontamente risposto confermando l’infortunio del compagno di Fognini: Nemmeno sotto tortura mi sarei privato di chi contro gli Usa era stato il migliore in campo nel doppio. Qualcuno ha parlato di una insistenza di Berrettini: follia pura. La verità è che Sonego non scendeva dal lettino per la stanchezza e Musetti era troppo giù per giocare. È stata una scelta obbligata. […] Non riduciamo tutto a una vittoria o a una sconfitta, serve più cultura sportiva”.

Su questo, capitan Volandri, ha ragione. L’Italia in Coppa Davis non raggiungeva una semifinale dal 2014; nel tie contro gli Stati Uniti, da sfavoriti, un Lorenzo Sonego eroico ha regalato il primo fondamentale punto, con i Chicchi a mettere il sigillo finale. In fondo, ci siamo arresi al doppio decisivo contro i futuri campioni con una squadra decimata dagli infortuni. Si può guardare al futuro con sereno ottimismo. Capitan Volandri è già al lavoro per il 2023. Salteremo la fase eliminatoria di febbraio per vederci direttamente alla fase a gironi di settembre, a Bologna (sede confermata) grazie alla wild card assegnata da Kosmos Tennis e ITF. Una notizia, da un lato positiva perché i nostri potranno riposare subito dopo la fine degli Australian Open – sperando che qualcuno possa arrivare nelle fasi finali del torneo-, dall’altro è un’occasione in meno di stare insieme e fare gruppo” secondo Volandri.

Non sono mancate nemmeno critiche rivolte a Jannik Sinner per non aver accompagnato la squadra in quel di Malaga, nonostante l’infortunio. Volandri difende a spada a tratta l’altoatesino: “Jannik si è messo a disposizione a febbraio nel preliminare nonostante stesse vivendo un periodo molto difficile. […] A Bologna si è unito subito dopo la dolorosa sconfitta con Alcaraz a New York”.

Paolo Bertolucci, uno che di match di Coppa Davis ne ha giocati parecchi e l’ha anche vinta, vede il bicchiere mezzo pieno e guarda con fiducia al prossimo futuro. “Abbiamo un ottimo gruppo. Abbiamo 4 singolaristi di livello e, accanto a Fognini, oltre a Bolelli, anche altre due opzioni di doppio con Berrettini e Sonego. Ce la giochiamo con tutti. Siamo fra le 4 più forti e l’anno prossimo con un pizzico di fortuna e meno infortuni possiamo rivincere la Coppa. Che non dobbiamo chiamare più Davis, però. Questa si vive in un giorno solo, tutta di un fiato, è un’altra cosa dall’altra, quella con 5 partite al meglio di 5 set”.

La Coppa Davis 2022 dell’Italia si conclude con un ottimo terzo posto e tanti spunti tecnici su cui lavorare. Con questo nuovo format, il 33% del punteggio di ogni sfida è affidato al doppio, un settore sul quale il nostro capitano e la Federazione devono investire se l’obiettivo è quello di alzare ancora una volta l’insalatiera.

Lascia un po’ perplessi l’idea di Volandri: “Nel futuro si potrebbe pensare anche a un duo Sinner-Berrettini quando c’è a disposizione anche la coppia piemontese Sonego-Vavassori, ma il capitano assicura che “stiamo lavorando anche sul ricambio, sul circuito prendiamo wild card anche in doppio per far fare esperienza ai più giovani. Questo percorso alla rincorsa della Davis è un progetto a lungo termine, abbiamo appena cominciato”. Con Sinner, Berrettini, Musetti e Sonego come singolaristi e le coppie Bolelli-Fognini e Vavassori-Sonego, il tennis italiano sorride. E nei prossimi anni speriamo di sorridere sollevando la Coppa Davis.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement