WTA Roma, stelle cadenti: fuori Osaka e Kvitova, Muguruza si salva

Flash

WTA Roma, stelle cadenti: fuori Osaka e Kvitova, Muguruza si salva

Brutta prestazione della numero 2 WTA, che spreca tre set point nel primo e poi cede di schianto a Pegula. Lascia il Foro anche Kvitova. Garbine rimonta Pera al terzo, Sabalenka senza problemi

Pubblicato

il

Naomi Osaka - WTA Roma 2021 (ph. Giampiero Sposito)

Naomi Osaka non ama la terra battuta. Lo sa, lo ha ammesso, ma al momento non sembra scorgersi negli occhi e nei risultati della star giapponese la volontà di migliorare. Il percorso di apprendimento è al palo, somiglianti in modo sinistro alle precedenti débâcle i marchiani errori. Errori sempre meno presenti nel gioco della commendevole Jessica Pegula, la quale non ha intenzione di interrompere una stagione grandiosa, e dire che l‘esperienza accumulata a certi livelli su terra dalla ventisettenne di Buffalo fino a quest’anno era ritenuta nulla, a ragion veduta: guarda cosa ti combina la voglia di non smettere mai di studiare.

La numero due WTA ha perso perché ha giocato peggio, e la terra impone logiche che si possono eludere solo se non si ambisce ai bersagli grossi. Il talento da solo non basta: non è bastato a Naomi, subito avanti di un break ma riacciuffata sul tre pari; incapace di sfruttare i tre set point avuti tra il decimo e il dodicesimo game e poi naufragata al tie break. Da quel momento la quattro volte campionessa Slam ha unicamente offerto una frustrazione crescente, e nella seconda partita ha reso l’anima senza resistere. Complimenti a Pegula, alla quale vanno comunque molti meriti: aggressiva, per nulla intimidita e bravissima a salvare sette delle nove palle break offerte, alcune molto scottanti, Jessica si è giustamente assicurata gli ottavi e adesso attende Alexandrova, già tra le ultime sedici per il ritiro annunciato da Jennifer Brady. Per Osaka una nuova bocciatura sul rosso e un misero viatico verso il Roland Garros, dove si presenterà con una sola vittoria on clay in stagione: quella ottenuta nel derby con Misaki Doi nel primo turno di Madrid, non propriamente indicativa.

Ai saluti anche Petra Kvitova, protagonista di un’altra campagna romana parecchio deludente: in otto viaggi nella Capitale Petra-ex-Petrona ha raccolto al massimo due quarti di finale, pochino consideratone il pedigree, l’ultimo addirittura sei anni fa. Oggi la due volte regina di Church Road è stata respinta niente popò di meno che da Vera Zvonareva, ex numero due del mondo convintissima di poter tornare a dire la sua dopo un lunghissimo iato. È ripartita dagli scantinati, la finalista di Wimbledon e US Open 2010, adesso è tra le ultime sedici a Roma: una storia da raccontare. Ha vinto bene il primo set, è stata a lungo tritata nel secondo, finita sotto di un break all’inizio del terzo, ma non per questo si è data per vinta. La rimonta nello sprint finale non si sarebbe realizzata senza il fondamentale contributo di Kvitova, particolarmente incline – le capita spesso – alla corrente alternata. Dal due a zero nella partita decisiva Petra ha perso cinque game consecutivi, rimontato fino al quattro-cinque annullando match point nell’ottavo e nel nono gioco e infine ceduto il decisivo decimo game al servizio. Sarà ancora Repubblica Ceca per Zvonareva, che agli ottavi incrocerà Karolina Pliskova.

 

Mattinata altalenante anche per Garbine Muguruza, la quale ha ripreso a Bernarda Pera una partita gravemente pericolante nel terzo set. Come Kvitova, anche Garbine ha giocato un pessimo primo set e dominato il secondo – vinto addirittura elargendo un bagel – ma nel terzo ha ricominciato a distribuire errori ed è finita sotto quattro a uno, una montagna discretamente ripida viste le propensioni in battuta dell’avversaria. Per sua fortuna, la spagnola di Caracas ha ritrovato in tempo quel minimo di tennis sufficiente a risalire, ma nel prossimo incrocio con Elina Svitolina dovrà mostrare una versione molto migliore di sé. In fin dei conti, l’unica tra le vedette a passare una giornata tranquilla è stata Aryna Sabalenka, forse la più in forma sulla piazza. Campionessa a Madrid giusto qualche giorno fa, la bielorussa ha raccolto con agio i resti di Sara Sorribes-Tormo, i cui muscoli erano certo ancora intossicati dalla bizzarra maratona vinta su Camila Giorgi ieri l’altro.

Il tabellone femminile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP San Pietroburgo, avanzano Bublik e Korda

Giornata di riscaldamento in Russia, in attesa di Rublev, Shapovalov, RBA e Aslan

Pubblicato

il

Sebastian Korda – ATP 250 Delray Beach 2020 (foto via Twitter @DelrayBeachOpen)

Un classico lunedì tranquillo al St. Petersburg Open, con tre soli incontri di singolare del tabellone principale. Sebastian Korda viene impegnato più del previsto da Nino Serdarusic, wild card croata che cede in due set molto tirati, con un solo break in tutto il match. Il primo parziale si decide al tie-break, con Korda che prende subito il largo aiutato dall’imprecisione del n. 248 ATP e mette a referto il 7-2. Nel secondo set, sul 5 pari, un paio di ottime risposte su altrettante seconde di Serdarusic e due gratuiti consentono a Korda di chiudere con la battuta. “Penso che lui abbia assolutamente giocato a un livello molto superiore alla sua classifica” spiega il classe 2000 di Bradenton. “Entrambi abbiamo servito molto bene, con tante prime in campo”. Tre su quattro, infatti, con percentuali di trasformazione più alte per Sebi, ma di tutto rispetto anche quelle di Nino che ha annullato 6 palle break delle 7 concesse. Non è invece mai riuscito a rendersi pericoloso in risposta e avrebbe forse dovuto provare a cambiare la posizione in ribattuta, sempre molto vicina al campo sulla prima statunitense e raramente aggressiva sulla seconda, contrariamente a quanto proposto da Korda, che ora affronterà il vincente fra van de Zandschulp e Nishioka, un duello tra qualificati.

Prima di loro, Jan-Lennard Struff ha fatto suo in due set il confronto inedito con James Duckworth, il ventinovenne di Sydney tormentato da mille infortuni che ha iniziato la stagione fuori dai primi 100 e ora è un solo passo dal varcare per la prima volta la soglia della top 50. Nell’occasione, ha faticato eccessivamente sulla propria seconda e non è riuscito a prendersi il primo parziale pur servendo sul 5-3 anche per merito della reazione tedesca. Struff si scatena anche nel tie-break per poi incamerare 6-3 la seconda partita in virtù dello strappo in un quarto gioco da ventisei punti. Al secondo turno troverà Alexander Bublik che senza alcun problema apparente supera Evgenii Tiurnev con un break per set in poco più di un’ora. Il numero 304, wild card alla seconda apparizione nel Tour, è in realtà coetaneo e concittadino del naturalizzato kazako nativo però di Gatchina, in Russia, e il bell’abbraccio sorridente fra i due a fine match fa intuire che qualcosa li lega: “Non ci volevo giocare” dirà infatti Bublik. “Siamo cresciuti insieme, è stato un incontro difficile e molto emotivo”.

Risultati:

 

J-L. Struff b. J. Duckworth 7-6(3) 6-3
[8] S. Korda b. [WC] N. Serdarusic 7-6(2) 7-5
[7] A. Bublik b. [WC] E. Tiurnev 6-3 6-4

Continua a leggere

Flash

Oggi l’ultimo saluto ad Alessio Ceccarelli, il fisioterapista sorridente del tennis

Aveva frequentato il circuito per molti anni facendo parte anche dello staff medico delle nazionali

Pubblicato

il

Alessio Ceccarelli (foto tratta dal suo profilo Instagram)
Alessio Ceccarelli (foto tratta dal suo profilo Instagram)

Ha frequentato per anni il circuito maschile come fisioterapista di Aleksandr Dolgopolov jr, e quello femminile al seguito di Laura Siegemund e Andrea Petkovic. Non solo: fino al 2011 è stato membro dello staff medico delle nazionali maschili e femminili di tennis. Alessio Ceccarelli, il “fisioterapista sorridente”, è morto a soli 38 anni nella sua Pisa ed oggi è stato il giorno del suo funerale, al cimitero di Calci. A strapparlo all’affetto del padre Alfredo, della madre Daniela, del fratello Daniele e dell’amata Barbora è stato un tumore fulminante, che se l’è portato via nel giro di pochi mesi.

Ceccarelli era un giovane professionista qualificato e molto onesto che ha sempre portato il suo entusiasmo nelle players lounge in giro per il mondo. “Non ci posso credere. Sono profondamente triste nell’apprendere questa notizia – ha commentato Alexander Dolgopolov -. Era mio amico e mi ha sostenuto per molti anni della mia carriera. Alessio aveva un attitudine positiva ed è dura credere ci abbia lasciato”. A piangere Ceccarelli è anche la FIT, che sul suo sito ufficiale ha esternato le condoglianze della federazione e di tutto il movimento tennistico.

Continua a leggere

Coppa Davis

Le convocazioni dell’Italia per la Coppa Davis: prima volta in azzurro per Sinner e Musetti

L’Italia esordirà a Torino il 26 novembre contro gli Stati Uniti, i quali hanno anch’esso reso noti i nomi dei tennisti convocati quest’oggi

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 - BELGA PHOTO LAURIE DIEFFEMBACQ

Jannik Sinner e Lorenzo Musetti per la prima volta in Nazionale. Il capitano Filippo Volandri ha diramato le convocazioni per la Coppa Davis, con la fase a gironi che per gli azzurri si disputerà al Pala Alpitour di Torino (le altre sedi sono Innsbruck e Madrid, sempre sul cemento indoor) dal 25 al 28 novembre contro Stati Uniti e Colombia nel Gruppo E. Volandri ha chiamato Matteo Berrettini (numero 7 ATP), Jannik Sinner (numero 11), Lorenzo Sonego (23), Fabio Fognini (36) e Lorenzo Musetti (67). Per Sinner e Musetti si tratta appunto della prima convocazione di sempre in maglia azzurra.

Gli incontri prevedono due singolari (si scontrano i numeri 2 e i numeri 1 delle nazioni fra loro) e il doppio. L’esordio dell’Italia è fissato per le 16 di venerdì 26 novembre contro gli Stati Uniti: il capitano a stelle e strisce, Mardy Fish, ha diramato anch’egli le convocazioni oggi, chiamando John Isner (oggi numero 26 ATP), Reilly Opelka (27), Taylor Fritz (28), Jack Sock (152) e Rajeev Ram (numero 4 ATP in doppio). L’ultimo incontro tra Italia e Stati Uniti in Coppa Davis risale all’ultima edizione disputata, quella del 2019, quando gli azzurri persero 2-1 con Berrettini sconfitto da Fritz e Fognini vincitore su Opelka (l’eliminazione fu sancita, per gli incroci del tabellone, prima del doppio, che vide Querrey e Sock battere Bolelli e Fognini).

Per quanto riguarda la Colombia del capitano Alejandro Falla, i nominativi sono i seguenti: Daniel Galan (attualmente numero 106 ATP), Nicolas Mejia (274) e i doppisti Robert Farah e Juan Sebastian Cabal (rispettivamente numeri 11 e 14 della classifica ATP di doppio). Il quinto nominativo sarà ufficializzato a ridosso della competizione, che vedrà i sudamericani esordire contro l’Italia il 27 novembre.

 

La vincente del Gruppo E affronterà nei quarti di finale, lunedì 29 novembre, sempre a Torino, la prima classificata del girone D – con Australia, Croazia e Ungheria – anch’esso ospitato al Pala Alpitour.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement