Murray esalta il pubblico di Wimbledon: "Ci siamo nutriti a vicenda"

Flash

Murray esalta il pubblico di Wimbledon: “Ci siamo nutriti a vicenda”

Maratona di quasi 4 ore per lo scozzese che non ha dimenticato come si lotta: “Quello che sto facendo ora è più difficile delle cose che facevo a 20 anni”

Pubblicato

il

Andy Murray - Wimbledon 2021 (via Twitter, @wimbledon)

Un match di secondo turno può entusiasmare il pubblico – da casa e sugli spalti – tanto quanto una semifinale o una finale? Se in campo c’è un giocatore carismatico e combattivo che due anni e mezzo fa aveva annunciato il ritiro e ora è tornato a mostrare un tennis di qualità e sostanza, la risposta è sì. Andy Murray ha impiegato 3 ore e 51 minuti per superare Oscar Otte e come si evince dal punteggio, 6-3 4-6 4-6 6-4 6-2, non sono mancati ribaltamenti di fronte e momenti in cui lo scozzese sembrava quasi spacciato. “Parecchio di quello che sto facendo ora è più difficile di molte delle cose che facevo quando avevo 20 anni a causa dei problemi fisici che ho avuto” ha confermato l’ex n. 1 del mondo in conferenza. “È difficile ovviamente scendere in campo e giocare partite di questa lunghezza quando sai che non ne hai giocate molte e non hai avuto un sacco di preparazione. Non ho giocato molto sull’erba in quattro anni. Quindi sì, è stata dura. Ma insomma questo è uno dei motivi per cui gioco ancora, è per momenti del genere.

Perché dovresti rinunciare a tutto questo? ha confessato sorridendo. “L’atmosfera è stata bella per l’intera partita, ma soprattutto l’ultima ora e mezza è stata fantastica. Mi sto divertendo ancora adesso”. Murray si era ritrovato sotto due set a uno e il suo serbatoio sembrava quasi vuoto quando il pubblico del centrale di Wimbledon ha ingranato la marcia per lui e c’è stata la svolta della partita. Un piccolo, involontario, aiuto gli è arrivato anche dagli organizzatori che sul 2-2 nel set decisivo hanno deciso di chiudere il tetto e dunque il gioco è stato sospeso per una ventina di minuti.

Andy Murray – Wimbledon 2021 (via Twitter, @wimbledon)

“Quando siamo tornati in campo sentivo di aver bisogno di più energia e ho provato a coinvolgere di più la folla. Ho scelto alcune persone tra il pubblico e in pratica le fissavo dopo ogni punto e cercavo di interagire con loro. Sai, la folla ha creato un’atmosfera fantastica, ma penso che li stessi anche coinvolgendo e alla fine ci siamo nutriti l’uno dell’altro. Quando una cosa del genere accade ne sono consapevole in quel momento. Ovviamente quando l’atmosfera è così e le cose vanno per il verso giusto, è una bella sensazione”.

 

Lo scozzese li ha ripagati non solo con una prestazione da grande campione (non sono mancati alcuni colpi spettacolari, inclusi i due pallonetti che hanno messo fine al match) ma a fine partita ha anche regalato a due ragazzi in prima fila una sua maglietta e un ombrello targato Wimbledon. “Interagire col pubblico è qualcosa che ho fatto parecchie volte negli anni in alcune partite. Spero che ai fan piaccia e non pensino che sia un po’ strano che io li guardi e gli gridi per un’ora, ma sembra che anche a loro faccia piacere”.

Tralasciando un momento le sensazioni e parlando di tennis giocato, Murray si è esibito in una prestazione di sostanza contro un avversario ostico che sapeva prendere la rete con puntualità e grazie alla sua altezza (1.93cm) era difficile da passare. I tanti errori gratuiti però inevitabilmente spingono il diretto interessato ad una riflessione. “Guardando alla partita nel suo insieme potrei suddividerla in tre o quattro parti. Ci sono un paio di quelle parti che sono state davvero, davvero buone, la parte iniziale, il primo quarto e il quarto quarto, è quello c’era nel mezzo ad essere scadente. Mentre nella partita dell’altro giorno con Basilashvili è stato un po’ come se avessi fatto bene per tre quarti su quattro”.

Andy comunque non ne attribuisce la causa all’età o a carenze fisiche, bensì alla semplice mancanza di allenamento. “Non è facile, quando non hai giocato partite e non ti stai allenando, mantenere la concentrazione per due ore e mezzo, tre ore alla volta. Non so se voi ragazzi vi trovate così in difficoltà a volte anche in quello che fate. Sono sicuro che se ti allontani quattro o cinque mesi dallo scrivere una storia e poi devi inventarne una sul posto, non è così facile. Penso che una volta che inizi a giocare di nuovo più partite e ti abitui a quel ritmo e ti abitui a vincere di nuovo e cose del genere, diventa un po’ più istintivo, un po’ più naturale. Insomma è stata solo un po’ dura finora”.

Durante la sfida con il tedesco, Murray è incappato un paio di volte in due pericolosi scivoloni – uno dei quali ha fatto temere qualche grave problema all’inguine – e la cosa ha effettivamente spaventato il due volte campione di Wimbledon. “Non ricordavo che fosse proprio così. Lo so che i tennisti cadono spesso all’inizio del Queen’s e succede anche a Wimbledon. Questa è la natura del tennis su erba. Ma è proprio il modo in cui i giocatori stanno cadendo che è strano. Ad esempio, ce n’è stata uno in cui stavo correndo indietro per un pallonetto e c’è mancato poco che fosse piuttosto brutta. Ho visto Isner cadere e io ho fatto una cosa simile oggi mentre mi muovevo in avanti“.

Non vuoi che sia così. Speriamo che si asciughi un po’ nei prossimi giorni. Un po’ di condizioni meteo più caldo penso che aiuterebbero. Ma sono stati giorni difficili: alcuni giocatori si sono ovviamente fatti male durante le partite e alcuni sono stati fortunati, io sono uno di loro questa sera”. Intanto la giornata di riposo prima della sfida di terzo turno contro Shapovalov aiuterà lui a recuperare fisicamente e i campi possibilmente ad asciugarsi un po’.

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Cluj-Napoca 2: Halep avanti in scioltezza

Simona domina 6-1 6-2 il derby con Ruse e sfiderà Gracheva. Esordio agevole anche per Kontaveit contro Krunic

Pubblicato

il

Simona Halep - Cluj Napoca 2021 (foto Twitter @Transylvaniaopn)

Tutti incontri abbastanza a senso unico in questo mercoledì al Transylvania Open. Spicca la vittoria all’esordio di Simona Halep che si è aggiudicata il derby contro Elena Gabriela Ruse con un inequivocabile 6-1 6-2. Troppa la differenza nello scambio tra le due giocatrici con la più blasonata delle due che ha fatto suo il match in un’ora e 15 di gioco. Al secondo turno sfiderà Varvara Gracheva. Avanti senza problemi anche Anett Kontaveit, fresca vincitrice della Kremlin Cup di Mosca. L’estone ha superato Aleksandra Krunic 6-3 7-5, accusando un singolo passaggio a vuoto a metà del secondo set quando si è lasciata riprendere sul 4-4 con un controbreak a zero. Anett ha comunque prontamente ripreso in mano le operazioni e chiuso la partita senza ulteriori patemi. La sua prossima avversaria sarà Alison Van Uytvanck.

Si sono invece già qualificate per i quarti di finale Anhelina Kalinina e Lesia Tsurenko. La prima ha rifilato un doppio 6-2 a Ana-Lena Friedsam, mentre l’ucraina ha domato in due set le resistenze di Anastasia Gasanova (6-2 7-5).

Continua a leggere

Flash

ATP Vienna, il programma di giovedì 28 ottobre: Sonego e Sinner in campo nel pomeriggio

Jannik Sinner secondo match sul centrale (ore 16 circa) contro Dennis Novak. Lorenzo Sonego cercherà di fermare Casper Ruud (ore 15 circa) sul #glaubendich

Pubblicato

il

Gael Monfils (FRA) - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Christian Hofer).

Si completano gli ottavi di finale all’Erste Bank Open di Vienna, con tre dei pretendenti agli ultimi posti per le Nitto ATP Finals di Torino ancora in corsa. Inizierà Cameron Norrie alle 13 sul campo #glaubendich contro il canadese Felix Auger Aliassime, poi a seguire ci sarà Casper Ruud che se la vedrà con il nostro Lorenzo Sonego.

Sonego potrebbe “fare gioco di squadra” vincendo il suo match perchè in quel modo aiuterebbe Jannik Sinner a raggiungere il norvegese in graduatoria. Sinner sarà sul campo centrale contro la wild card austriaca Dennis Novak, vincitrice al primo turno del nostro Gianluca Mager.

Le prime due teste di serie, Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev, saranno impegnate nella sessione serale non prima delle 17.30.

 

Questo il programma completo (cliccare l’icona in alto a destra per ingrandire l’immagine)

Continua a leggere

Flash

WTA Courmayeur: Gatto-Monticone eliminata da Tauson

L’azzurra se la gioca per un set, ma cede 6-4 6-1 alla danese. Sesta vittoria di fila per Ann Li

Pubblicato

il

Si conclude agli ottavi l’avventura di Giulia Gatto-Monticone nel Courmayeur Ladies Open. Contro Clara Tauson l’azzurra ha tenuto botta nel primo set anche grazie alla bassa percentuale di prime dell’avversaria, ma nel secondo si è dovuta arrendere alla crescita al servizio di Tauson e alle sue prepotenti accelerazioni.

Il match si apre con quattro break consecutivi che fissano il punteggio sul 2-2. Nonostante la parità risulta comunque evidente che Tauson abbia un lieve predominio sul gioco: Gatto-Monticone infatti ha perso il servizio nonostante il 77% di prime in campo, mentre la danese a stento arriva al 45% e da fondo ha spesso in mano lo scambio, incappando però altrettanto spesso in errori al momento di chiudere. L’italiana è bravissima a cercare di esacerbare questa tendenza al gratuito con frequenti cambi di ritmo e riesce a rimanere in scia fino al 4-4, annullando anche due palle break nell’ottavo game. A questo punto però Tauson trova un paio di accelerazioni delle sue e si prende di forza il set col punteggio di 6-4. Nel secondo parziale la danese riprende a viaggiare su ritmi che Gatto-Monticone non è in grado di gestire. I colpi le filano che è un piacere, con il lungolinea fa danni enormi da entrambi i lati e anche il servizio gira molto meglio (chiuderà il set con il 55% di prime e zero punti persi con la prima). In appena 28 minuti si concretizza il 6-1 che pone fine al match.

ALTRI INCONTRI – Sesta vittoria di fila per Ann Li, forte del primo titolo in carriera conquistato la scorsa settimana a Tenerife. La statunitense ha rimontato un set a Kamilla Rakhimova, portando a casa il match in poco più di due ore con il punteggio di 4-6 6-3 6-4. Sono serviti tre set anche a Dayana Yastremska per avere la meglio su Kateryna Kozlova: l’ucraina si è imposta per 6-1 3-6 7-5 prima che scoccassero le due ore di gioco.

 

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement